SCUOLA

Aimi: «Non usare i voti come punizioni»

Fate le vostre domande a scuola@gazzettadiparma.net

Beatrice Aimi

* Beatrice Aimi

Ricevi gratis le news
0

La settimana scorsa mi trovavo fuori città per un convegno rivolto ai docenti riguardante le metodologie didattiche (innovative e non). Al termine del mio intervento si avvicina una signora per chiedermi un consiglio. Si qualifica subito come una mamma «infiltrata» in un convegno per addetti ai lavori. Stupita della sua presenza, la ascolto con piacere ed attenzione.

La signora in questione, preoccupata per la scarsa fiducia che la figlia ripone in se stessa, mi domanda cosa possa fare lei per incoraggiarla ed esserle d’aiuto. La figlia sta vivendo un quotidiano senso di inadeguatezza circa il contesto scolastico, ha scarsissima fiducia nelle proprie potenzialità e fatica a proseguire negli studi con successo.

Non riferirò qui gli esiti di quella conversazione privata, ma l’argomento mi ha sollecitato una riflessione che voglio condividere in questo spazio: quanto le credenze e le convinzioni di insegnanti e genitori influiscano sugli apprendimenti e sul successo dei discenti. Il tema delle aspettative è un tema importantissimo, troppo spesso sottovalutato in ambito educativo, sia a scuola che in famiglia. C’è un noto effetto che viene descritto in psicologia: l’effetto Pigmalione (anche noto come effetto Rosenthal). In questo esperimento è stato indagato l’esito dell’aspettativa degli insegnanti sul rendimento scolastico degli allievi. Lo riassumo brevemente. Rosenthal e la sua equipe hanno sottoposto al test di intelligenza tutti gli alunni di una classe. Poi, barando sui risultati, hanno diviso la classe in due gruppi ed hanno comunicato all’insegnante che gli alunni del primo gruppo (x) erano quelli il cui test aveva evidenziato un’intelligenza superiore alla norma, mentre quelli del secondo gruppo (y) avevano un intelligenza normale o leggermente inferiore. Dopo un anno gli studiosi sono tornati nella classe ed hanno misurato il rendimento scolastico dei due gruppi. Ebbene nel gruppo x, ritenuto erroneamente costituito dai bimbi più intelligenti, i risultati erano notevolmente migliori rispetto a quelli del gruppo y. Questo effetto può essere attribuito all’influenza benefica che i docenti avevano avuto verso quei particolari allievi stimolandone, in modo inconscio, la passione verso lo studio, la curiosità e l’attenzione. Se crediamo che un alunno sia intelligente e che possa rispondere positivamente ai nostri insegnamenti, saremo portati (inconsciamente) a indirizzare a lui maggiori cure rispetto ad un alunno su cui riteniamo di non avere alcuna possibilità di influenza. Da parte sua, l’alunno che «sente» l’elevata attenzione del docente sarà sicuramente più motivato all’impegno e al raggiungimento del risultato. Ecco spiegati i migliori risultati del gruppo x. Naturalmente l’effetto Pigmalione vale anche in ambito familiare tra genitori e figli. Più recentemente anche un famoso autore, John Hattie («Apprendimento visibile, insegnamento efficace», Erickson, 2016), ha riportato nei suoi numerosi e famosi studi l’importanza delle aspettative dell’insegnante sul rendimento scolastico dei propri alunni. Contrariamente a quanto sarebbe ragionevole pensare, l’insegnamento individualizzato, la classe poco numerosa o addirittura le competenze disciplinari del docente incidono in maniera più superficiale sul successo formativo rispetto alle credenze e alle convinzioni del docente. E’ perciò fondamentale che il docente consideri l’intelligenza come un fattore plasmabile (quale è) e non fisso, e che abbia un grande rispetto per gli studenti dimostrando con passione che tutti possono davvero avere successo. Il modo che l’insegnante usa per trattare gli studenti e interagire con loro, per rispettarli come discenti e come persone e per dimostrare cura e impegno per loro deve essere sempre molto chiaro ed esplicito. La stessa cosa vale per i genitori. Credere nei propri figli, sempre. Incoraggiarli, esplicitare la nostra fiducia nel loro potenziale successo, considerarli in grado di superare tutte le difficoltà, comprese quelle scolastiche. Da queste considerazioni emergono alcuni comportamenti da evitare: non usare i voti come punizioni; non confondere la prestazione scolastica con quella comportamentale; non manifestare basse aspettative; non preferire la perfezione nello svolgimento dei compiti rispetto all’assunzione dei rischi, compreso quello di sbagliare. Per domande all’esperta scrivere a: scuola@gazzettadiparma.net

* Beatrice Aimi
Dirigente scolastico e assegnista di ricerca all’Università degli Studi di Parma nel settore scientifico disciplinare, «Psicologia dello Sviluppo e Psicologia dell'Educazione».
____________

Domani nuovo appuntamento sull'Inserto Scuola della Gazzetta di Parma 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Stallone è morto". Ma era una bufala online

cinema

"Stallone è morto". Ma era una bufala online

David Garrett

David Garrett

TEATRO REGIO

Cancellato il concerto di David Garrett

Filippo Nardi

TELEVISIONE

Isola dei famosi: Filippo Nardi si spoglia davanti a Bianca Atzei Video

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Mago Gigo

libri

Mago Gigo racconta Capitan Braghetta, "il supereroe che è dentro di noi" Video

1commento

Lealtrenotizie

Viale Bottego, fiamme in studio dentistico: evacuazione in corso di tutto il palazzo

incendio

Viale Bottego, fiamme in studio dentistico: evacuazione in corso di tutto il palazzo

Via Buffolara

«Prima mi ha investito e poi picchiato»

3commenti

furti

Svaligiate le sedi delle associazioni per i disabili. E allora, "Caro ladro ti scrivo..."

1commento

salute

Vincere il tumore: la testimonianza di tre parmigiani

IL CASO

Colf estorce 3.000 euro all'ex datore di lavoro. E patteggia 3 anni

Fidenza

Addio a Fabrizio «Fispo» Rivotti

SCIENZA

Renata Tebaldi conservata per l'eternità al Polo Nord

DI NOTTE

Maiatico, razzia dei ladri nelle case

METEO

Ondata di gelo: il Burian siberiano verso l'Italia

CURIOSITA'

Il colore del cartello è sbagliato: Langhirano diventa... provincia (o regione) Foto

Allarme

In dieci anni 166 medici in pensione

CULTURA

Restauri di monumenti: 3,8 milioni per interventi a Parma e nella Bassa

Ecco gli interventi nel Parmense: Parma, Colorno, Busseto, Soragna, Coltaro, Fontanelle e Zibello

tg parma

Presunta tratta di calciatori africani: concessi i domiciliari a Drago Video

elezioni

Salvini a Parma e Traversetolo: "Meno tasse, meno burocrazia e meno clandestini" Video

8commenti

FIDENZA

Non arrivava alla sua festa di compleanno: era morto d'infarto

ANTEPRIMA GAZZETTA

Addio a Dalmazio Besagni: era la memoria storica di Busseto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

VADEMECUM

Elezioni del 4 marzo: come votare correttamente

1commento

LAVORO

64 nuove offerte

ITALIA/MONDO

PIACENZA

Badante sposa l'invalido che accudisce e lo riduce sul lastrico: denunciata 

3commenti

VIOLENZA

Legato mani e piedi e picchiato a sangue il responsabile di Forza Nuova a Palermo

1commento

SPORT

baseball

Un mancino per il Parma Clima: Escalona rinforza il monte

FORMULA 1

Il ritorno del "Biscione": ecco l'Alfa Romeo C37

SOCIETA'

gusto

La ricetta light - Brodo vegetale allo zenzero

GAZZAREPORTER

Balli e divertimento al Newyork di Sissa Foto

MOTORI

PROVA SU STRADA

Il test: Mazda CX-5, feeling immediato

MOTO

I 115 anni di Harley-Davidson, si avvicina l'open day