12°

SCUOLA

Aimi: «Non usare i voti come punizioni»

Fate le vostre domande a scuola@gazzettadiparma.net

Beatrice Aimi

* Beatrice Aimi

Ricevi gratis le news
0

La settimana scorsa mi trovavo fuori città per un convegno rivolto ai docenti riguardante le metodologie didattiche (innovative e non). Al termine del mio intervento si avvicina una signora per chiedermi un consiglio. Si qualifica subito come una mamma «infiltrata» in un convegno per addetti ai lavori. Stupita della sua presenza, la ascolto con piacere ed attenzione.

La signora in questione, preoccupata per la scarsa fiducia che la figlia ripone in se stessa, mi domanda cosa possa fare lei per incoraggiarla ed esserle d’aiuto. La figlia sta vivendo un quotidiano senso di inadeguatezza circa il contesto scolastico, ha scarsissima fiducia nelle proprie potenzialità e fatica a proseguire negli studi con successo.

Non riferirò qui gli esiti di quella conversazione privata, ma l’argomento mi ha sollecitato una riflessione che voglio condividere in questo spazio: quanto le credenze e le convinzioni di insegnanti e genitori influiscano sugli apprendimenti e sul successo dei discenti. Il tema delle aspettative è un tema importantissimo, troppo spesso sottovalutato in ambito educativo, sia a scuola che in famiglia. C’è un noto effetto che viene descritto in psicologia: l’effetto Pigmalione (anche noto come effetto Rosenthal). In questo esperimento è stato indagato l’esito dell’aspettativa degli insegnanti sul rendimento scolastico degli allievi. Lo riassumo brevemente. Rosenthal e la sua equipe hanno sottoposto al test di intelligenza tutti gli alunni di una classe. Poi, barando sui risultati, hanno diviso la classe in due gruppi ed hanno comunicato all’insegnante che gli alunni del primo gruppo (x) erano quelli il cui test aveva evidenziato un’intelligenza superiore alla norma, mentre quelli del secondo gruppo (y) avevano un intelligenza normale o leggermente inferiore. Dopo un anno gli studiosi sono tornati nella classe ed hanno misurato il rendimento scolastico dei due gruppi. Ebbene nel gruppo x, ritenuto erroneamente costituito dai bimbi più intelligenti, i risultati erano notevolmente migliori rispetto a quelli del gruppo y. Questo effetto può essere attribuito all’influenza benefica che i docenti avevano avuto verso quei particolari allievi stimolandone, in modo inconscio, la passione verso lo studio, la curiosità e l’attenzione. Se crediamo che un alunno sia intelligente e che possa rispondere positivamente ai nostri insegnamenti, saremo portati (inconsciamente) a indirizzare a lui maggiori cure rispetto ad un alunno su cui riteniamo di non avere alcuna possibilità di influenza. Da parte sua, l’alunno che «sente» l’elevata attenzione del docente sarà sicuramente più motivato all’impegno e al raggiungimento del risultato. Ecco spiegati i migliori risultati del gruppo x. Naturalmente l’effetto Pigmalione vale anche in ambito familiare tra genitori e figli. Più recentemente anche un famoso autore, John Hattie («Apprendimento visibile, insegnamento efficace», Erickson, 2016), ha riportato nei suoi numerosi e famosi studi l’importanza delle aspettative dell’insegnante sul rendimento scolastico dei propri alunni. Contrariamente a quanto sarebbe ragionevole pensare, l’insegnamento individualizzato, la classe poco numerosa o addirittura le competenze disciplinari del docente incidono in maniera più superficiale sul successo formativo rispetto alle credenze e alle convinzioni del docente. E’ perciò fondamentale che il docente consideri l’intelligenza come un fattore plasmabile (quale è) e non fisso, e che abbia un grande rispetto per gli studenti dimostrando con passione che tutti possono davvero avere successo. Il modo che l’insegnante usa per trattare gli studenti e interagire con loro, per rispettarli come discenti e come persone e per dimostrare cura e impegno per loro deve essere sempre molto chiaro ed esplicito. La stessa cosa vale per i genitori. Credere nei propri figli, sempre. Incoraggiarli, esplicitare la nostra fiducia nel loro potenziale successo, considerarli in grado di superare tutte le difficoltà, comprese quelle scolastiche. Da queste considerazioni emergono alcuni comportamenti da evitare: non usare i voti come punizioni; non confondere la prestazione scolastica con quella comportamentale; non manifestare basse aspettative; non preferire la perfezione nello svolgimento dei compiti rispetto all’assunzione dei rischi, compreso quello di sbagliare. Per domande all’esperta scrivere a: scuola@gazzettadiparma.net

* Beatrice Aimi
Dirigente scolastico e assegnista di ricerca all’Università degli Studi di Parma nel settore scientifico disciplinare, «Psicologia dello Sviluppo e Psicologia dell'Educazione».
____________

Domani nuovo appuntamento sull'Inserto Scuola della Gazzetta di Parma 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Gf vip, eliminata Cecilia, la piccola Belen. Grave lutto per Ignazio Moser

televisione

Gf vip, eliminata Cecilia. Lutto per Ignazio. L'ultimo bacio tra i due Video

1commento

Tutta mia la città! Tieni sempre aggiornata la tua parmigianità

GAZZAFUN

Tutta mia la città! Tieni sempre aggiornata la tua parmigianità

Musica e balli anni '50 a Sorbolo Levante: ecco chi c'era Foto

FESTE

Musica e balli anni '50 a Sorbolo Levante: ecco chi c'era Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Gli autovelox dal 20 al 24 novembre

TRAFFICO

La mappa degli autovelox dal 20 al 24 novembre

Lealtrenotizie

I ladri entrano dal balcone, raffica di furti in città: otto in tre ore. Ecco l'elenco

polizia

I ladri entrano dal balcone, raffica di furti in città: otto in tre ore. Ecco l'elenco

10commenti

La storia

Ragazza mette in fuga a schiaffi i suoi aggressori

34commenti

mafia

Riina arriverà a Corleone in nottata: subito dopo la tumulazione. E c'è chi gli rende omaggio

1commento

Anteprima

Riina, intervista alla figlia di Ciaccio Montalto: "34 anni di di dolore" Video

Tg Parma

Colpo in una carpenteria, bottino 40 mila euro

2commenti

Tg Parma

Centri vaccini in provincia, la Regione: "Riapriranno" Video

Appennino

Piccola scossa di terremoto a Terenzo: 2.0

Tg Parma

La regista Archibugi presenta all'Astra "Gli sdraiati" Video

Ambiente

Rifiuti, è Fontevivo il paese più "riciclone"

Sono 21 i Comuni del Parmense "premiati" dalla Regione

SEMBRA IERI

L'olimpionico Tomba atterra al "Verdi" (1996)

calcio

Parma-Ascoli, le pagelle in dialetto Video

Polfer

Ruba il cellulare ad una giovane in stazione (non è il primo reato): arrestato, è libero

21commenti

soccorso alpino

Scivola sul ghiaccio e l'amico resta intrappolato: soccorsi sul Monte Bragalata

Tg Parma

Pm10, è ancora allarme smog Video

Tg Parma

Piano neve, il comune stanzia un milione e 200 mila euro Video

Tg Parma

Borgotaro, ancora polemiche sulla Laminam Video

3commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Pd, la partita non è nelle regioni rosse

di Luca Tentoni

LETTERE AL DIRETTORE

Il primo posto è di Mattia

1commento

ITALIA/MONDO

Molestie

Travolto anche Lasseter, il direttore creativo della Pixar

usa

Trump, come tradizione, grazia due tacchini per Thanksgiving Foto

SPORT

CHAMPIONS

Il Napoli travolge lo Shakhtar e spera ancora

L'ACCUSA

"Tavecchio mi molestò'". Lui: "Ho dato mandato ai legali"

SOCIETA'

archeologia

Piramide di Cheope, trovata una camera segreta, potrebbe custodire il trono

video

Spettacolare inseguimento in moto della polizia Video

MOTORI

IL NOSTRO TEST

Meglio ibrida o plug-in? La risposta è Hyundai Ioniq

Motori

Tesla Roadster 2, da 0 a 100 km/h in 1,9 secondi Gallery