16°

intervista

Metropolitan e Scala ecco il loro geniale padre

Metropolitan e Scala ecco il loro geniale padre
0

 

Sono in pochi a sapere che all’origine della fama mondiale del Teatro alla Scala di Milano e del Metropolitan di New York c'è un grande italiano, Giulio Gatti Casazza, il primo dei grandi sovrintendenti moderni (Udine, 1869 - Milano, 1940). Ingegnere navale, gettò alle ortiche la laurea per dedicarsi alla musica.
Dopo cinque anni di gavetta al Teatro comunale di Ferrara, a soli a trent'anni era Direttore generale alla Scala a guidarne le sorti all’alba del '900, insieme ad Arturo Toscanini. Trasferitosi a New York nel 1908 con lo stesso Toscanini, fu il «general manager» del Metropolitan fino al 1935. A lui il «New York Times» e il «New York Tribune» dedicheranno più di cinquecento articoli e «Time» due copertine.
Sotto il titolo «Una vita per l’Opera», escono per la prima volta in traduzione italiana «Memories of the opera», l’autobiografia che Giulio Gatti Casazza pubblicò in origine a puntate, nel 1933, sul «Saturady Evening Post» di Filadelfia. Suggestivo affresco della vita dell’opera nei suoi anni d’oro, il volume rievoca, accanto a storiche serate come quella della «prima» di Madama Butterfly a Milano, memorabili incontri privati con Verdi, Toscanini, Boito, Puccini, Caruso, Debussy, Richard Strauss (Zecchini editore, pp. 528, euro 33). Ne parlo con Alberto Triola, direttore del Maggio musicale fiorentino, che, oltre a tradurre le «Memories», ha redatto il vasto studio introduttivo che al volume dà il titolo.

Maestro, quale era l’idea di teatro di Giulio Gatti Casazza?
Era quella di una istituzione di prioritario interesse pubblico, un servizio necessario per tutti e non un privilegio per pochi. Questa convinzione aveva in lui radici ideali ed era sorretta da una straordinaria tensione etica, che sempre animò la sua attività di organizzatore teatrale. Questa formidabile «intuizione», totalmente inedita nel mondo teatrale del tempo, riusciva a convivere, e in modo mirabile, con una concezione imprenditoriale dell’azienda teatro, che - a Milano prima, e in forma perfettamente compiuta al Metropolitan poi -, si concretizza in una gestione autenticamente manageriale del teatro, della sua attività e dei complessi aspetti economici e finanziari che essa comporta. Tutto ciò senza un solo dollaro di sussidio pubblico. L’elemento straordinariamente attuale dell’esperienza di Gatti Casazza sta tutto nella convivenza armoniosa di queste due componenti.

A lui debbono la loro carriera interpreti quali Fëdor Saljapin, Beniamino Gigli e soprattutto Enrico Caruso. Quali furono i rapporti col grande tenore napoletano e quale il ritratto che di lui emerge?
Gatti Casazza ammira e loda sempre di Caruso lo straordinario talento, la serietà, la generosità, l’abnegazione. A lui dedica molte pagine delle sue Memorie, tra le più belle del libro. Lo definì, nonostante i suoi cachet (ma Caruso non pretese mai di aumentarli, una volta raggiunti i 2.500 Dollari a recita), «il mio artista più economico», sottolineando in ciò l’evidente convenienza economica dell’investimento. La presenza di Caruso nella compagnia garantiva incassi e resa artistica. Il grande tenore arrivava a cantare anche cinque ruoli diversi a settimana! L’insorgere della malattia, il drammatico epilogo della sua carriera, la sua prematura scomparsa, sono narrati da Gatti Casazza attraverso pagine dolorose e sinceramente ispirate. Dopo la morte di Caruso, Gatti lo rimpiazza con Gigli. Ma nessun cantante riuscì a sostituire Caruso nel suo cuore, tanto meno Gigli, che si rivelò uomo di tutt'altra pasta rispetto al grandissimo tenore napoletano.

Quali consigli Gatti ricevette da Verdi?
«Si ricordi: il teatro è fatto per essere pieno, non vuoto!». Queste parole si scolpirono nella mente del giovane Gatti, appena nominato direttore generale della Scala, con una forza indelebile. Il grande Verdi gli insegnò a non perdere mai di vista l’aspetto concreto del «fare teatro». Potrebbe sembrare un punto di vista crudamente commerciale, ma, in realtà, esso traduce in un linguaggio semplice e quotidiano una concezione altamente programmatica, e conferma la missione pubblica del teatro, che deve essere luogo di aggregazione vitale e partecipata, di civiltà e passione, non di proposte cervellotiche e narcisistiche o diatribe di addetti ai lavori.

Sulla morte di Verdi, Gatti Casazza riferisce una eccezionale, toccante testimonianza, pressoché ignota.
E' una delle pagine più emozionanti e commoventi del libro. Mi sembra più opportuno riportare le parole di Gatti. «Nei sei lunghi giorni d’agonia, il gigante prostrato sembrò riacquistare conoscenza soltanto una volta. Ho appreso questi dettagli (che non credo fossero già stati resi noti) dalle labbra del Professor Grocco, l’illustre clinico che curò Verdi fino all’ultimo giorno, dopo esserne stato il medico personale per molti anni. ''Il Maestro'', mi disse una volta il Professor Grocco, ''è rimasto disteso a letto per quasi due giorni, in un sonno profondo, gli occhi chiusi, stretti stretti, con qualche raro, quasi impercettibile tremore di muscolo. Ogni tentativo di destarlo con dei sali o degli stimolanti si rivelò inutile. Non vi era più nulla da sperare - nulla da fare, se non aspettare la fine''. A un certo punto, mentre ero chino sopra la testa del moribondo, mi cadde l’occhio sull'orologio-sveglia del Maestro, che usava portare nel taschino, posato sul comodino accanto al letto. Ebbi un’idea. Presi l’orologio, premetti la molla della suoneria e lo tenni vicino all’orecchio del Maestro, che immediatamente aprì gli occhi, sorrise leggermente, e con la mano prese la mia con l’orologio e mi fece capire che me ne stava facendo dono. Il prezioso strumento aveva suscitato l’ultima reazione in quel cervello meraviglioso - l’ultima, dico, perché da quel momento Verdi non diede più segni di coscienza».

Una vita per l'Opera
   Zecchini, pag. 528, € 33,00

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Belen tra bacio passionale e vestito d'oro: il web impazzisce

social

Belen tra bacio passionale e vestito (sexy) d'oro: il web impazzisce Gallery

Alessia sposa Michele, prima trans a dire 'sì'

CASERTA

Alessia sposa Michele, prima trans a dire sì

Giovanni Lindo Ferretti

Giovanni Lindo Ferretti

Parma

Rimandato il concerto di Giovanni Lindo Ferretti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Senza colori: la vita in bianco e nero dei daltonici

SALUTE

Senza colori: la vita in bianco e nero dei daltonici

di Patrizia Celi

Lealtrenotizie

La vittima di una bulla: «Non voglio più andare a scuola»

Bullismo

La vittima di una bulla: «Non voglio più andare a scuola»

8commenti

bologna

Aemilia, via al processo d'appello. Bernini non è in aula

1commento

elezioni 2017

Pellacini si ritira dalla corsa a sindaco: "Sosterrò Scarpa"

5commenti

Raggiri

L'ombra della truffa dietro quei rilevatori di gas

1commento

meteo

Tra pioggia e arcobaleno in città, neve al Lago Santo Video

lega pro

D'Aversa carica il Parma: "Giocherà chi sta meglio" Video

sorbolo

Danni alla parete del nuovo edificio: il sindaco sequestra i palloni

3commenti

wopa

I candidati sindaci "interrogati" dagli studenti Foto

ordinanza

Niente alcol in lattine o bottiglie durante lo Street Food Festival

gazzareporter

Quando il buongiorno è uno spettacolo: l'arcobaleno "in posa" Foto

Inviate anche le vostre foto

gazzareporter

Rottura a un tombino: cortile della Pilotta allagato Video

3commenti

Collecchio

Tesoreria accentrata Parmalat-Lactalis, i consulenti del cda: "Nessun danno per il gruppo"

Il 29 maggio si valuterà l'azione di responsabilità verso il vecchio cda. Oggi assemblea su bilancio e collegio sindacale

IL CASO

Ponte Verdi, i sindaci pronti alla disobbedienza civile

1commento

LEGA PRO

Parma, adesso si cambia

Noceto

L'appello: «Salviamo l'oratorio di San Lazzaro»

PARMA

Bocconi avvelenati: caccia ai killer dei cani

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Vale di più un morto o 100 morti?

EDITORIALE

Alitalia, perché sono tutti colpevoli

di Aldo Tagliaferro

2commenti

ITALIA/MONDO

Suvereto

Lupo ucciso e scuoiato appeso a un cartello in strada

1commento

terremoto

Le Marche tornano a tremare: tre scosse in mezz'ora

SOCIETA'

nepal

Himalaya, intrappolato in un burrone, trovato vivo dopo 47 giorni

trump-macri

Melania e Juliana: le first lady (bellissime) rubano la scena ai presidenti Foto

SPORT

F1

A Imola "Ayrton Day": il 1° maggio nel ricordo di Senna

Ciclismo

Michele Scarponi, murales sulle strade del Giro

MOTORI

MOTO

500 Miles: da Parma la 24 ore delle Harley

GOLF E UP!

Volkswagen, niente Iva sulle elettriche