18°

33°

Polemica

Pizzarotti: "Asili, la qualità pedagogica non cambierà"

Lettera aperta del sindaco, che assicura investimenti, qualità e occupazione nonostante i tagli

Pizzarotti: "Asili, la qualità pedagogica non cambierà"

Foto d'archivio

Ricevi gratis le news
5

Continuano le polemiche sugli asili. Il comitato "AttivarSi per l'infanzia" ha annunciato una "notte bianca" di protesta per avere risposte dal sindaco Federico Pizzarotti sulla riorganizzazione prevista dal Comune e sulla possibilità di un referendum consultivo. Nel pomeriggio una risposta è arrivata: una lettera aperta del sindaco, che spiega le intenzioni del Comune e respinge le accuse di "smantellamento dei servizi". Nella sua lettera aperta, Pizzarotti spiega che sul servizio "abbiamo investito 400 mila euro in più rispetto al 2014" ma sui conti pesano i tagli del governo. Il sindaco assicura che i genitori possono stare tranquilli su un punto: la qualità dell'offerta pedagogica non cambierà.
"Riassumendo - si legge nella lettera - la riorganizzazione è sì dovuta ad una razionalizzazione generata da meno risorse che ci arriveranno dallo Stato, ma in sostanza prevede nuovi investimenti - seppur modesti -, la stessa qualità pedagogica, l’occupazione". 



Ecco il testo integrale della lettera aperta del sindaco: 

Caro direttore,
nell’ultimo periodo, sui giornali si è molto parlato della riorganizzazione dei servizi educativi. Credo che in larga parte alcuni toni siano dovuti ad una mala comprensione della riforma. Ovviamente rispetto le idee di tutti, ma adesso è doveroso ristabilire un giusto grado di verità, al di là della drammatica rappresentazione di chi, con estremo semplicismo, parla di “smantellamento” dei servizi. E a onore del vero, ogni volta che in questo Paese si propone un cambiamento, c’è sempre una parte che grida allo “smantellamento” o alla “macelleria sociale”, richiamando un passato ormai novecentesco. Negli ultimi due anni questa retorica l’abbiamo sentita più volte, quale che fosse l’argomento, ma sempre disattesa nei fatti. Allora la verità sulla riorganizzazione.
Anzitutto sul servizio abbiamo investito 400 mila euro in più rispetto al 2014. Certo, se ci fossero maggiori risorse a disposizione, e se si chiudesse la stagione dei tagli ai Comuni, avremmo investito più fondi. Per alcune strutture la gestione diventa indiretta. Credo che il maggior timore per alcuni sia la paura di perdere la qualità del progetto pedagogico. Non è così. La qualità sarà la stessa, perché verrà garantito ai bambini lo stesso percorso educativo. Questo è nei fatti, ma stiamo facendo di più. Stiamo accelerando i tempi per portare ParmaInfanzia a maggioranza pubblica, dal 49% al 51%, quindi con un maggior controllo del pubblico sulla gestione. Detto questo, ricordo che ParmaInfanzia ha già un gradimento da parte dei genitori del 98%. Sulla qualità, sul servizio e sul percorso educativo, dunque, non può esserci nessun timore.
Riguardo alla disponibilità nelle strutture, sono calati i posti, ma anche il numero delle domande. Ma attenzione. I dati del Comune ci dicono che con l’attuale riorganizzazione, rispetto all’anno passato, non ci saranno sostanziali cambiamenti nel soddisfacimento delle risposte alle famiglie delle liste d’attesa.
Questione occupazione per gli educatori. Anche l’anno prossimo si prefigura la possibilità di garantire la sostanziale continuità occupazionale dei precari, in vista anche del continuo ricambio del personale dovuto a pensionamenti.
Riassumendo, la riorganizzazione è sì dovuta ad una razionalizzazione generata da meno risorse che ci arriveranno dallo Stato, ma in sostanza prevede nuovi investimenti - seppur modesti -, la stessa qualità pedagogica, l’occupazione.
Ora, non ci siamo fissati con le nostre idee tirando dritto e ignorando chi dice no. Abbiamo ascoltato le parti in più incontri, per più settimane; abbiamo parlato con il gruppo di genitori che non si dice d’accordo. Abbiamo dato loro tutte le informazioni e i dati necessari. Abbiamo ascoltato e parlato con i sindacati. Abbiamo fatto Commissioni su Commissioni.
A un certo punto, poi, bisogna decidere, perché la democrazia è decisione, è presa di posizione e non un continuo rimandare. Cosa accadrebbe se ad ogni azione amministrativa, anche la più piccola, corrispondesse un comitato atto a bloccare per mesi ogni proposta?
Sia chiaro, ben venga la scelta di alcuni genitori di proporre un referendum, nessuno ha intenzione di vietare una consultazione popolare. Perciò a quel gruppo di genitori dico di andare avanti. Ma bloccare tutto ora si ripercuoterebbe anche sull’approvazione del Bilancio previsionale 2015, con tutte le conseguenze derivanti. La città, questo, non può proprio permetterselo.
A un certo punto le decisioni non possono appiattirsi sulla retorica di chi è sempre contro, o di chi è critico contro tutto e tutti, o di chi dice ogni volta no. La politica ha il compito di ascoltare, confrontarsi, prendere una decisione. Questo è il nostro senso di responsabilità. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • eugenio

    08 Maggio @ 20.47

    C'è solo da vergognarsi di questo paese. Lo stato raccatta una montagna di soldi da capogiro, basterebbe gestirli con più onesta, altro che tagli ai servizi fondamentali. Vergogna.

    Rispondi

  • mum

    08 Maggio @ 16.42

    Ma come lo fa a dire se il bando non è stato ancora pubblicato e, teoricamente, dovrebbe essere aperto e non a chiamata diretta? Se non sbaglio, non dovrebbe essere scontato quale sarà il socio privato del comune nella nuova partecipata ParmaInfanzia. Come si fa a dire che la qualità pedagogica sarà la stessa se i posti della 'scuola materna vera' sono stati dirottati presso in nidi creando delle classi miste con bambini dai 18 mesi ai 6 anni? Chiunque abbia figli sa benissimo che tra un bimbo di un anno e mezzo e uno di 4-5 anni c'è una abbisso. Già ora le educatrici hanno difficoltà a dedicarsi ai più grandi seguendo un percorso formativo appropriato quando ci sono bimbi anticipatari (e quindi di poco meno di 3 anni) che fanno più fatica ad inserirsi, piangono e stanno appiccicati alla tata quasi tutto il tempo. Io continuo a credere che si stia smantellando un sistema che a Parma funzionava benissimo e senza una vera ragione. Sindaco, mi scusi se glielo faccio notare, ma le iniziative (a mio avviso più inutili delle scuole delle infanzia) come il nuovo alert system, o come il nuovo software, acquistato in occasione delle elezioni dei comitati di quartiere e che 'presumibilmente' ci consentirà una maggiore democrazia partecipata (anche se ancora non riesco a capire in quale modo), non sono da comune che sta facendo la fame ed è costretto ad esternalizzare e chiudere asili perchè non ci sono soldi!

    Rispondi

  • MauB

    08 Maggio @ 16.04

    "...a onore del vero, ogni volta che in questo Paese si propone un cambiamento, c’è sempre una parte che grida allo “smantellamento” o alla “macelleria sociale” " Specie se 2 anni prima hai proposto un programma elettorale, che ti ha permesso di vincere le elezioni (ingannando migliaia di cittadini), che proponeva l' esatto CONTRARIO di quello che stai facendo ora. I tuoi stessi consiglieri comunali scappano (nuzzo) e "si vergognano" (savani); il tuo capogruppo (bosi) rincorre i genitori dei disabili per le scale del Comune, pregandoli di tornare indietro. La tua vicesindaco (che si vanta di aver sperperato oltre 56.000 € per le elezioni dei CCV, in cui ha votato meno del 2% degli aventi diritto.....), durante gli incontri pubblici su questo tema, quando non sapeva più cosa dire ha "spento il microfono in faccia" ai genitori infuriati ed è scappata ! Il tuo Assessore al bilancio Ferretti, quando "se la vede brutta" si smarca dall'impaccio con frasi del tipo: "io non sono dei 5 stelle prendetevela con loro che hanno proposto un programma elettorale che ora non stanno rispettando....". Parma si merita tutto questo ?

    Rispondi

    • Gio

      08 Maggio @ 16.57

      Giorgio R.

      E' vero ma purtroppo la realtà non cambia. Si vuole dare tutto a tutti quelli che arrivano per interessi di alcuni soggetti ? Poi che Pizzarotti e i 5 stelle a Parma abbiano anche marciato sul no inceneritore è altrettanto vero. Mi ripeto fino a quando IN TANTI HANNO DIRITTI E NON PAGANO NON ANDIAMO LONTANI E IL DEGRADO ITALIANO E' APPENA AGLI INIZI.

      Rispondi

  • Gio

    08 Maggio @ 15.54

    Giorgio R.

    La verità è che se continuano ad arrivare persone senza nulla e senza lavoro CON DIRITTO A TUTTO GRATIS NON NE VENIAMO FUORI MA NON SOLO A PARMA IN TUTTA ITALIA ! Non difendo Pizzarotti ma in Italia strapaghiamo TASSE E BALZELLI PER NON AVERE PIU' NULLA. SE I SERVIZI VENGONO UTILIZZATI DA MIGLIAIA DI INDIVIDUI CHE NON HANNO PAGATO TASSE O NE PAGANO POCHISSIME E HANNO DIRITTI a servizi LA SITUAZIONE NON PUO' CHE PEGGIORARE. Basta razzismo amministrativo oppure NON ci sarà più nulla per nessuno.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Telefono hackerato: on line la Vonn e Woods nudi

Il caso

Telefono hackerato: on line la Vonn e Woods nudi

Paura per Minghi: ricoverato per un'intossicazione. Tour sospeso

Lecce

Paura per Minghi: ricoverato per un'intossicazione. Tour sospeso

Hydro jet

estate

Fa il "figo" con l'hydrojet, ma finisce male

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Osteria dl’Andrea

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

Lealtrenotizie

Ladri ancora in azione all'ospedale

ospedale

Ladri ancora in azione: rubati dei computer al Rasori Video

Il furto è stato compiuto nella notte al Day hospital pneumologico

1commento

polizia

Blitz nella notte nelle zone calde a Parma: 82 grammi di droga sequestrati, 5 espulsioni

7commenti

COLORNO

"E' morto assiderato", il piranha del canale Galasso diventa un caso giudiziario

14commenti

Anteprima Gazzetta

Emergenza terrorismo a Parma: il punto con l'assessore Casa

calcio

Antiterrorismo e viabilità, cambia la zona-Tardini (venerdì il "debutto") - La mappa

Posizionate le fioriere anti intrusione in centro - Video

mercato

Matri, è il giorno della firma? Ma il Parma non molla per Ceravolo Video

opening day

Sport, italianità e lealtà: venerdì taglio del nastro della B al Tardini

Prima del match Parma-Cremonese cerimonia con giuramento dei capitani e inno nazionale

1commento

serie B

Sondaggio: vi piace il tris di maglie del Parma?

6commenti

IL CASO

Il laghetto di Scurano potrebbe sparire

Vignali: "I boschi dell'Appennino stanno seccando" Video

Governo

Politiche sull’acqua: Berselli nominato alla guida del nuovo distretto padano

Accorpate le vecchie autorità di bacino, la sede del nuovo distretto resterà a Parma

LA STORIA

Traversetolese salva un uomo che sta annegando e lo rianima

2commenti

Fontevivo

Tre rottweiler liberi: paura in paese

1commento

via Spezia

Scoppia la gomma del bus: paura e...ritardo

4commenti

Fontevivo

Arrivano i nomadi: sgombero lampo

11commenti

tardini

Il Parma si presenta: sotto la Nord cori e festa per la squadra e le nuove maglie

Faggiano: "Matri, abbiamo il sì del giocatore ma il Sassuolo se lo vuole tenere"

stadio tardini

Una "passione" lunga 40 anni: i Boys e i ricordi in mostra Gallery

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

La nuova mafia che occupa Parma

di Francesco Bandini

13commenti

ITALIA/MONDO

SVIZZERA

Maxi frana al confine con Valchiavenna, 100 evacuati

TRAGEDIA

Avvistati tre alpinisti morti sul Monte Bianco

SPORT

basket nba

Clamoroso scambio: Irving a Boston, Isaiah Thomas a Cleveland

Ciclismo

Vuelta, ancora un italiano: Trentin

SOCIETA'

Usa

Lo squalo attacca, panico in spiaggia

hi-tech

Twitter: l'hashtag ha 10 anni, se ne usano 125 mln al giorno

MOTORI

AUTO

Ferrari: ecco la nuova Gran Turismo V8, un omaggio a Portofino

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente