-2°

il caso

Minacce di morte, Pizzarotti: "Ancor più determinato"

Digos in Comune. Le reazioni: unanime solidarietà

Federico Pizzarotti

Federico Pizzarotti

Ricevi gratis le news
30

«Tranquilli, sono ancora vivo e vegeto». Scherza così su facebook il sindaco di Parma Federico Pizzarotti, ma la macchina delle indagini è già partita per la serie di lettere minatorie arrivate sulla sua scrivania nei giorni scorsi. Una serie di missive contenenti esplicite minacce di morte che ora sono nelle mani degli uomini della Digos di Parma che questa mattina hanno effettuato una prima ispezione in Municipio, effettuando anche alcune verifiche telefoniche.
«E' vero, ho ricevuto minacce di morte», ammette sempre Pizzarotti ma «vado avanti e continuo a lavorare come ho sempre fatto. Anzi, oggi con maggior determinazione. Aggiungo solo una cosa: chi usa violenza verbale mascherata da critica, chi aggredisce con toni aspri l’avversario, chi comunica attraverso odio e non attraverso uno spirito costruttivo fa solo il male della politica. Oggi dobbiamo ragionarci tutti sopra». Sconosciuto per ora il mittente, tantomeno le motivazioni che avrebbero spinto una o più persone ad inviare le lettere. Per ora non sarebbe comunque in programma alcun programma di protezione speciale per Federico Pizzarotti che, come detto, si dice «tranquillo e sereno».
Al fianco del sindaco parmigiano si sono schierati in queste ore rappresentanti politici, amministratori ma anche semplici associazioni o cittadini. «Amministrare una città non è semplice, soprattutto se ci si trova a fare scelte difficili, ma nulla può giustificare un atto di violenza come quello occorso a Federico», scrivono in una nota congiunta i gruppi parlamentari di M5S della Camera e del Senato a cui fanno eco i rappresentanti del movimento nel consiglio regionale dell’Emilia-Romagna: «Siamo con Federico e vogliamo esprimergli tutta la nostra vicinanza in questo delicato momento. Siamo convinti che saprà andare avanti con la stessa determinazione di sempre». Da Bologna è arrivato anche il messaggio del presidente della regione Stefano Bonaccini che ha sottolineato come «le minacce sono ignobili e vili, fuori da ogni logica democratica». Condanna anche dal Pd parmigiano, primo avversario di Pizzarotti in consiglio comunale. «Molto spesso - dice il segretario provinciale Antonio Serpagli - non siamo d’accordo con le azioni portate avanti dal primo cittadino ma quando accadono fatti di questo tipo, dobbiamo tutti essere vicini alle nostre istituzioni che, al di là dello schieramento politico, rappresentano l’intera città». Vicina al primo cittadina anche l’Anci, l’Associazione nazionale dei comuni italiani, di cui Pizzarotti è vicepresidente. «Questi episodi intimidatori - hanno affermato il presidente e il segretario generale, Piero Fassino e Veronica Nicotra - devono essere condannati in maniera incondizionata. E'inconcepibile che un Sindaco, che lavora per la propria comunità, riceva minacce di questo tipo. Un atto gravissimo e inqualificabile, che non va sottovalutato. Auspichiamo che gli autori possano essere individuati quanto prima e siamo altresì certi - hanno sottolineato Fassino e Nicotra - che quanto accaduto non intaccherà minimamente l’impegno e la passione che da sempre hanno contraddistinto l’operato del Sindaco Pizzarotti, come Amministratore e Vicepresidente della nostra Associazione».
Stesso tono anche da una delle associazioni che più volte si è scontrata, anche in Tribunale, con i provvedimenti presi dall’amministrazione Pizzarotti: «La battaglia con il Comune è sempre stata spigolosa e dura, senza esclusione di colpi e senza sconti - scrive in una nota Filippo Greci del Movimento Nuovi Consumatori - ma un fatto di questo genere è di una gravità inaudita».

Le reazioni

«Voglio che giunga al sindaco Pizzarotti tutta la mia vicinanza e solidarietà. Siamo di fronte a un gesto vile, grave, che non deve essere assolutamente sottovalutato. Mi auguro che le istituzioni competenti possano individuare in fretta gli autori di queste minacce, che colpiscono il primo cittadino di Parma e di conseguenza l’intera comunità da lui guidata. Minacce fortemente lesive per la nostra democrazia, che vanno respinte e condannate con forza». Queste le parole del presidente della Regione Stefano Bonaccini in merito alle minacce di morte ricevute nei giorni scorsi via posta da Federico Pizzarotti, sindaco di Parma e vicepresidente Anci.

La solidarietà dell'Anci

Piena e completa solidarietà a Federico Pizzarotti, Sindaco di Parma e vicepresidente Anci». Così Piero Fassino e Veronica Nicotra, rispettivamente Presidente e Segretario generale dell’Associazione dei Comuni italiani, esprimono la loro vicinanza al sindaco Pizzarotti al quale, nei giorni scorsi, sono state recapitate alcune lettere contenenti minacce di morte.
«Tali episodi intimidatori - aggiungono Fassino e Nicotra - devono essere condannati in maniera incondizionata. E' inconcepibile che un Sindaco, che lavora per la propria comunità, riceva minacce di questo tipo. Un atto gravissimo e inqualificabile, che non va sottovalutato. Auspichiamo che gli autori possano essere individuati quanto prima e siamo altresì certi - concludono - che quanto accaduto non intaccherà minimamente l’impegno e la passione che da sempre hanno contraddistinto l’operato del Sindaco Pizzarotti, come Amministratore e Vicepresidente della nostra Associazione»

La solidarietà del Pd

"Lo scontro politico può essere aspro e duro ma le minacce arrivate a Federico Pizzarotti sono ignobili e vili, fuori da ogni logica democratica che condanniamo apertamente”. Il segretario provinciale del Partito democratico Gianpaolo Serpagli, a nome di tutto il Pd di Parma, esprime solidarietà al sindaco che nei giorni scorsi ha ricevuto delle lettere minatorie contenenti minacce di morte.
“Molto spesso – dice Serpagli – non siamo d’accordo con le azioni portate avanti dal primo cittadino ma quando accadono fatti di questo tipo, dobbiamo tutti essere vicini alle nostre istituzioni che, al di là dello schieramento politico, rappresentano l’intera città”.

Il Gruppo Consiliare del PD, insieme al PD cittadino, esprimono la piena solidarietà al Sindaco Pizzarotti in relazione alle minacce di morte ricevute quest’oggi. Il Sindaco ha giustamente richiamato l’attenzione sulla necessità che la discussione politica, per quanto aspra ed accesa, rimanga nell’alveo del rispetto delle persone e della dignità delle istituzioni, appello che condividiamo e sottoscriviamo. La nostra città, Medaglia d’Oro della Resistenza, resterà un esempio di democrazia.

Appresa la notizia delle minacce ricevute dal Sindaco di Parma esprimiamo la nostra doverosa solidarietà (Sen. Giorgio Pagliari, On. Patrizia Maestri e On. Giuseppe Romanini)

La solidarietà di Civiltà Parmigiana

Franco Cattabiani, capogruppo di Civiltà Parmigiana in Consiglio Comunale, "esprime la propria solidarietà e quella del proprio Gruppo al primo cittadino di Parma, vittima di un ingiusto e grave gesto che nulla ha a che fare con le regole democratiche e la normale critica politica. Il gesto subito da Pizzarotti è uno dei più vili che si possa mettere in atto e, allo stesso tempo, ingiustificabile sotto ogni punto di vista. Sul punto si auspica che le nostre Forze dell'Ordine individuino il colpevole in modo tale che anche il Consiglio Comunale si costituisca parte civile: colpire il Sindaco di Parma, indipendentemente dallo schieramento a cui appartiene, è un attentato a tutta la Città".

La solidarietà dalla Lega Nord


A nome di tutta la Lega Nord Parma desideriamo esprimere piena solidarietà al Sindaco Pizzarotti per le intimidazioni ricevute.
Minacce e violenza non possono far parte della vita politica di una Paese civile, certi episodi sono inaccettabili e delinquenziali.
Per una volta siamo veramente vicini a Pizzarotti.

La solidarietà del M5S

Il gruppo regionale del M5S esprime piena solidarietà a Federico Pizzarotti, il sindaco di Parma che nei giorni scorsi ha ricevuto delle lettere contenenti minacce di morte. “Siamo con Federico e vogliamo esprimergli tutta la nostra vicinanza in questo delicato momento – spiega Gianluca Sassi, capogruppo regionale del M5S – Nonostante le minacce ricevute siamo convinti che saprà andare avanti con la stessa determinazione di sempre”.

«Piena solidarietà di deputati e senatori del MoVimento 5 Stelle al sindaco di Parma, Federico Pizzarotti, raggiunto da ignobili minacce di morte nei giorni scorsi. Amministrare una città non è semplice, soprattutto se ci si trova a fare scelte difficili, ma nulla può giustificare un atto di violenza come quello occorso a Federico». Lo scrivono, in una nota congiunta, i gruppi parlamentari di M5S della Camera e del Senato a proposito delle intimidazioni subite dal sindaco di Parma Federico Pizzarotti.
Alla solidarietà si è aggiunto anche il gruppo dei cinque stelle al consiglio regionale. «Siamo con Federico e vogliamo esprimergli tutta la nostra vicinanza in questo delicato momento - hanno detto i consiglieri - nonostante le minacce ricevute siamo convinti che saprà andare avanti con la stessa determinazione di sempre».

Roberto Ghiretti (Parma Unita)

La violenza è da respingere sempre con fermezza, che sia verbale o fisica o che maturi in ambito sociale o politico. Solidarietà piena Sindaco di Parma Federico Pizzarotti da parte mia e di Parma Unita. E' vero purtroppo che il dibattito politico spesso non offre un bello spettacolo; in questo senso è giusto raccogliere l'invito ad abbassare i toni, confidando nella consapevolezza che gli eccessi in questi anni sono arrivati da ogni parte politica, senza distinzione alcuna. Siamo tutti stati eletti dal popolo per un compito fondamentale: fare il bene di questa città e le nostre divergenze mai possono fare da paravento ad atti che, come in questo caso, nulla hanno a che fare con la passione civile che, sono certo, anima tutti noi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • navolta

    16 Marzo @ 20.55

    E se l'autore delle minaccie fosse lo stesso che voleva ammazzare bel pietro?

    Rispondi

  • silviococconi

    16 Marzo @ 20.14

    Sarà stato uno seppellito dal rudo di Folli !? ....

    Rispondi

  • Luciano

    16 Marzo @ 20.09

    Vorrei ricordare ai cittadini che osano manifestare critiche al sindaco, che forse a Parma si è passati dalla incapacità della sinistra che anni fa si fece eliminare da una destra così intraprendente che ci portò i conti in un debito inverosimile e oggi grazie all'impegno del sindaco Pizzarotti quei debiti si sono più che dimezzati. Quei cittadini che criticano il sindaco invece che dimostrargli solidarietà si vede che soffrono di nostalgie che nel passato hanno rovinato la città e di queste esperienze Parma ne ha già avuto abbastanza. Grazie.

    Rispondi

    • Filippo

      17 Marzo @ 19.24

      Tu osa firmarti per esteso, o hai paura che la gente rida quando passi per strada, visto che credi ai debiti dimezzati...?! Lincoln, Gandhi, Kennedy e Pizzarotti: sarebbe l'unico modo per accostarlo ad uno statista...

      Rispondi

  • Filippo

    16 Marzo @ 18.53

    Quanta ipocrisia negli attestati di solidarietà... Un bel chissenefrega seppellirà sindaco e cortigiani.

    Rispondi

  • Vercingetorige

    16 Marzo @ 17.31

    ADNKRONOS , 16/3/2016 ore 13,14 "L' EX GRILLINO BARBANTI PASSA AL PD, MINACCE SU FB :"TI AMMAZZO COME UN MAIALE" E' in procinto di passare al Pd, dopo aver lasciato il M5S e tentato la strada di Alternativa Libera prima di approdare al Misto. Sebastiano Barbanti ha confermato la decisione presa all'Adnkronos, con tanto di endorsement per il premier Matteo Renzi. Che, a detta dell'ex grillino, "ha inciso e ha radicalmente rivoluzionato il Pd" portando "un vento di cambiamento nel Paese. Un vero rivoluzionario", a differenza di Grillo che "è solo demagogico, tutto chiacchiere e per giunta strumentali". Parole, le sue, che rimbalzano sulle bacheche Facebook degli attivisti, generando insulti e minacce. "Lei è l'ennesima prova di quanta falsità e poca coerenza ci sia nel DNA dei calabresi - scrive un attivista sulla pagina Fb di Barbanti - Mi auguro che il tempo sappia vendicarsi su di lei. Lei mi fa veramente schifo come persona!". Rincara la dose tale Ivan: "il mio più caro augurio a te di poterti vedere malato, di vedere i tuoi familiari in chemioterapia, di poterti incontrare per strada ed ammazzarti come un maiale, lurido infame, fai solo venire voglia di scannarti mentre sei appeso a testa in giù, ma tranquillo, se ti vedo per strada non la scampi, vado in galera ma ti strappo il cuore e te lo ficco in c...". I post con insulti e minacce sono poi stati rimossi. Attacchi anche sulla pagina privata del deputato, dove qualche giorno fa annunciava la nascita del figlio Paolo. "Non spergiurare mai su tuo figlio - scrive Carmelo - non lo merita e non merita un padre incoerente come te. Auguri alla nuova vita. Vergogna a te". "Povero figlio - gli fa eco Gianni - certo che stai contribuendo a fargli trovare un bel paese. Vergognati".

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Nadia Toffa

Nadia Toffa

TELEVISIONE

Nadia Toffa racconta i momenti del malore. Stasera in onda alle "Iene"

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

14commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Torta di stelline

LA PEPPA

La ricetta natalizia - Torta di stelline

Lealtrenotizie

Un uomo cl 54, tratto in arresto per il reato di atti persecutori

salsomaggiore

Perseguita l'ex convivente e le incendia l'auto: arrestato 63enne

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

INCIDENTI

Frontale sulla provinciale per Medesano: due feriti, uno è grave

Aveva 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

Cordoglio in città e nella Valtaro per l'improvvisa scomparsa

1commento

dopo l'alluvione

Don Evandro: "A Lentigione la luce ha vinto sulle tenebre: grazie volontari!"

Il dopo alluvione

Colorno, in via Roma sarà un Natale al freddo

WEEKEND

La domenica ha il sapore dei mercatini. Natalizi, ovviamente L'agenda

carabinieri

Altre 37 dosi fiutate dal cane antidroga nei cespugli di viale dei Mille

8commenti

salute

Oculistica, premiata la ricerca targata Parma

Gara

La grande sfida degli anolini

2commenti

San Polo d'Enza

Spaccate a tempo di record: altri 4 colpi "intestati" alla banda, uno a Montechiarugolo

Centro storico

Giardini di San Paolo tra chiusure e rifiuti

3commenti

calcio

Contro il Cesena il Parma deve accontentarsi

Al Tardini il primo 0-0 dell'anno

MAGGIORE

Ematologia, nuovi laboratori per la ricerca sulle staminali

FIDENZA

Città in lacrime per Andrea Amadè

LUTTO

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

correggio

Intervenne per sedare una lite e venne "pestato": 6 denunciati

il caso

La salma di Vittorio Emanuele III è arrivata a Vicoforte Foto

SPORT

nuoto

Europei, bis d'oro dell'Italia: prima Dotto e poi Orsi

FORMULA 1

Gunther Steiner: «Dallara Haas, piccoli progressi»

SOCIETA'

STATI UNITI

Ultimo volo del Boeing 747: tramonta l'era del jumbo

IL DISCO

Guerre stellari tra solennità e disco music

MOTORI

NOVITA'

Alpine A110 Premiere Edition, risorge un marchio storico

DUE RUOTE

La prova: Ducati Multistrada 1260