-5°

blogger

Si ferma in Mongolia la pedalata di Alex

Si ferma in Mongolia la pedalata di Alex
0
 

«Niente Pechino. La corsa finisce qui». Si è conclusa ad Ulan Bator la lunghissima pedalata che ha portato il blogger di Ramiola Alex Goldstein, all’anagrafe Gianluca Proietto, da piazza Garibaldi fino al cuore della Mongolia.

Un viaggio, ma più che altro una sfida con se stesso, iniziato il 19 giugno scorso in sella a «Beatrice», la bicicletta che, stando ai programmi, avrebbe dovuto accompagnarlo fino a Pechino. Già a Treviso il primo guaio: Beatrice non sopporta i ritmi a cui è sottoposta e quindi viene acquistata una seconda bici: la «Poderosa».

Da lì il viaggio prosegue spedito: Slovenia, Austria, Slovacchia, Repubblica Ceca, Polonia, Bielorussia, Russia, Kazakistan, Mongolia sono i Paesi che Alex ha attraversato durante questa avventura prima di doversi «arrendere» ad un ostacolo burocratico che non ha potuto essere superato o aggirato.

«Sono ad Ulan Bator, capitale della Mongolia, da quasi un mese - scrive Alex sulla sua pagina Facebook -. La sosta così lunga mi è servita: avevo bisogno di riposarmi e riorganizzarmi, ma soprattutto dovevo ottenere il mio secondo visto turistico per la Cina. Ebbene, l’ambasciata cinese di Ulan Bator, che da anni emette visti turistici per la Cina senza troppi problemi, ha ufficialmente interrotto il servizio il 31 agosto. Inizialmente nulla era chiaro: io ed altri viaggiatori abbiamo tentato di ottenere il visto, salvo essere respinti senza motivazioni. Dopo due settimane a brancolare nel buio, un segretario ci ha confidato che l’emissione visti per i non residenti mongoli è bloccata dal 31 agosto: inutile tentare. Non c’è nessuna comunicazione ufficiale, ma è così. La Cina è sempre misteriosa: non solo l’amministrazione cinese modifica le regole in corso, senza preavviso e senza motivo, ma soprattutto non lo fa sapere, finché qualcuno all’interno del sistema ti spiega come stanno le cose veramente. Morale della favola: a Pechino senza visto non posso andarci, quindi la mia corsa in bici si conclude qui, in Mongolia, ad un passo dalla meta».

Alex non rientrerà però subito a Ramiola: nonostante la delusione per il mancato raggiungimento dell’obiettivo, approfitterà per scoprire meglio la Mongolia. «Dopo aver raggiunto il nord della Mongolia nella mia pedalata tra le steppe ghiacciate, tornerò ad Ulan Bator, prenderò un volo il 30 settembre per Busan e passerò i prossimi 3 mesi in Sud Corea. Dopodiché nel periodo natalizio quasi certamente volerò ad Hong Kong e da lì non dovrebbero esserci problemi ad ottenere finalmente un visto cinese. In seguito probabilmente mi dirigerò a sud, in Vietnam. Ma questo è ancora tutto da vedere. Le uniche certezze, per ora, sono che non posso andare a Pechino, che il viaggio della mia cara Pod termina qui e che il 30 settembre sarò in Corea. Il resto è tutto in divenire».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

White Lion: i latini a Pilastro

Pgn Feste

White Lion: i latini a Pilastro Foto

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy

Australian Open

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy Foto

Acquisto auto nuova: le 6 soluzioni più efficaci

CONSIGLI

Acquistare un'auto nuova: le 6 soluzioni più efficaci

Notiziepiùlette

Incidente Cascinapiano
Incidente Cascinapiano

Filippo, addio con la maglia numero 8

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Filippo, le lacrime e il colore dei ricordi sulla bara bianca

Langhirano

Filippo, le lacrime e il colore dei ricordi sulla bara bianca

1commento

commemorazione

Il liceo Bertolucci si prende per mano: "Ciao Filippo"

Polemica

«Sulla legionella ci hanno preso in giro»

3commenti

Tg Parma

Tenta di truffare un anziano e gli strappa i soldi dal portafogli: denunciato

Weekend

Feste di Sant'Antonio, musica e fuoristrada: l'agenda

IL CASO

«Ci hanno tolto il figlio per uno schiaffo»

2commenti

Langhirano

Antonella, quel sorriso si è spento troppo presto

primarie pd

Dall'Olio-Scarpa: c'è l'accordo

1commento

centro italia

Parma, un'altra partenza degli angeli del soccorso Foto

lega pro

D'Aversa: "In campo anche alcuni dei nuovi arrivati" Video

lirica

Roberto Abbado direttore del Festival Verdi dal 2018

E nasce a Parma il comitato scientifico per un 2017 più filologico 

Parlano gli studenti

«La Maturità 2018? Premia chi non studia»

Il caso

Anziana disabile derubata in viale Fratti

2commenti

Lutto

Albino Rinaldi, il signore dei «Baci»

Tg Parma

Alfieri: "Parma deve tornare ad essere la nostra casa"

tg parma

Trentenne parmigiano aggredito e rapinato da una baby gang in centro

10commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

EDITORIALE

Trump, il presidente del «Prima l'America»

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

soccorsi

Altri 4 estratti dalle macerie del Rigopiano, ma c'è una quarta vittima

I Parete

"Viva anche Ludovica": Giampiero riabbraccia la famiglia

WEEKEND

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

IL DISCO

Avalon, un sound sofisticato e una copertina leggendaria

1commento

SPORT

sport

Il Coni premia i suoi campioni parmigiani: le foto

Sport Invernali

Il cielo è azzurro a Kitzbühel: Paris fa l'impresa

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto