11°

ECONOMIA

Quote latte, addio: l'Ue chiude un'era

Quote latte, addio: l'Ue chiude un'era
Ricevi gratis le news
5

Dal primo aprile i produttori europei potranno produrre tutto il latte che vorranno. Una vera e propria rivoluzione, che segna la fine del regime delle 'quote lattè che ha tenuto banco per oltre 30 anni, a partire dal 1984.
Un’epoca lontana, quando si decise di contingentare la produzione per contenere le eccedenze di burro e di latte in polvere dei Paesi del Nord Europa. Oggi la sfida invece è la conquista di frontiere emergenti del mercato globale. Nord e Sud Europa in questa partita viaggiano su due binari separati: Paesi come Irlanda e Olanda, al pari di un big come la Germania, vedono la fine delle quote come una grande opportunità, mentre in Francia e Italia, memori della grande crisi del 2009, si teme un crollo dei prezzi e le difficoltà dei produttori delle aree svantaggiate, come quelle di montagna.
La fine delle quote latte, decisa nel 2003 «non è certo una sorpresa» ha detto il commissario europeo all’agricoltura, Phil Hogan, secondo cui questa tappa costituisce «una sfida e un’opportunità». Rispetto al passato «adesso il settore è molto più legato al mercato: siamo capaci di esportare l’11% del nostro latte senza nessun tipo di sussidi» ha sottolineato il commissario europeo all’agricoltura. Le recenti grida d’allarme sulla discesa dei prezzi, in concomitanza con l’embargo russo e dopo l’aumento di produzione nel 2014 di oltre il 5% a livello europeo in vista della fine delle quote, non smuovono Bruxelles.
«L'industria deve trovare il modo di adattarsi alla realtà, noi monitoreremo la situazione» ha assicurato Hogan, secondo cui "non c'è nessun collasso del settore». Eventuali contromosse sono nelle mani degli Stati membri, tramite le misure già messe a punto nel 'pacchetto lattè e nell’ambito dello sviluppo rurale. «Non reintrodurremo misure» ha affermato il commissario europeo all’agricoltura, che dopo la crescita di produzione del 2014 non prevede «grandi aumenti nel 2015».
Per l’Italia le 'quote lattè sono il sinonimo di un’odissea, non ancora conclusa: quella delle multe, con un gruppo di irriducibili che non solo non hanno rispettato le regole, ma non hanno mai pagato. Di conseguenza a fronteggiare la spesa con il bilancio pubblico è stata l’Italia, che per il mancato recupero di circa 1,3 miliardi di euro finirà davanti alla Corte di giustizia europea. Negli anni infatti il Belpaese è riuscito ad ottenere dall’Ue aumenti della propria quota di produzione, ma nel periodo tra il 1995 e il 2009 ad accumularsi sono state le multe. Una misura che verrà seppellita dall’apertura dell’Ue al libero mercato, a partire dal primo aprile. Alcuni allevatori però non sono ancora convinti di potercela fare da soli e per questo il 31 marzo a Bruxelles a segnare la fine di un’epoca non mancherà una manifestazione, promossa dallo European Milk Board, davanti al Parlamento europeo. (

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • salamandra

    29 Marzo @ 15.15

    I nostri allevatori che protestavano tanto contro le regole europee adesso sbatteranno il muso con altre regole ben piú ferree: quelle del mercato. Come credete sia possibile che il nostro latte possa competere -senza andar troppo lontano- con quello tedesco e austriaco? Senza poi sottovalutare che la pianura padana è uno dei luoghi piú inquinati d'Europa.

    Rispondi

  • Marco

    28 Marzo @ 16.54

    Mi sembra giusto, per trent'anni obbligano gli allevatori ad un sistema iniquo ed antiliberale, quando ormai si sono abituati al nuovo regime e a stento riescono a sopravvivere, lo tolgono facendo ripiombare il caos e dando il colpo di grazia alle piccole aziende ed avvantaggiando a dismisura la produzione industriale. ancora un enorme successo per l'unione europea! applausi!

    Rispondi

  • davide

    28 Marzo @ 13.47

    il problema non è per l'industria . il vero problema sarà per gli allevatori!!! come sempre!!

    Rispondi

    • antonio

      28 Marzo @ 16.43

      Però non dovremo più NOI pagare le multe, chiaro che ritengo ingiuste, che gli allevatori spalleggiati dalla Lega non hanno pagato.

      Rispondi

      • davide

        28 Marzo @ 22.14

        condivido pienamente!!! le multe se le devono pagare gli allevatori disonesti, quei pochi, molto pochi che non hanno rispettato la legge. non capisco neanche perché la politica (LEGA NORD) e l'opinione pubblica abbia dato tanto spazio ad un gruppo cosi piccolo di allevatori. che ancora oggi prendono in giro chi ha fatto mutui per rateizzare le multe e per acquistare le quote per essere in regola

        Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

L'annuncio di Ilary Blasi: "Nadia Toffa è tornata a casa"

Nadia Toffa

LE IENE

L'annuncio di Ilary Blasi: "Nadia Toffa è tornata a casa"

"Video troppo osè": pop star egiziana condannata a 5 anni di carcere

MUSICA

"Video troppo osé": popstar egiziana condannata a 2 anni di carcere

Seredova su Buffon: "Sto meglio da cornuta"

Gossip Sportivo

Seredova su Buffon: "Sto meglio da cornuta"

Notiziepiùlette

E-commerce: quando il cliente si sente solo

"SILICON ALLEY"

E-commerce, da Apple a Amazon: quando il cliente si sente solo

di Paolo Ferrandi

Lealtrenotizie

Giulia, 15 anni e tanta voglia di vivere

LUTTO

Giulia, 15 anni e tanta voglia di vivere

ALLUVIONE

Ruspe al lavoro sull'Enza: via al ripristino dell'argine

REPORTAGE

A Lentigione, dove si lotta con il fango

Colorno

Il libraio Panciroli: «Mai vista tanta acqua in Reggia»

SALSOMAGGIORE

Il rottweiler abbaia e scaccia i ladri

AVEVA 52 ANNI

Langhirano piange Tarasconi, per anni gestore del bar Aurora

BANCAROTTA

Crac Spip: in 4 pronti a patteggiare, per altri 3 rito abbreviato

MALTEMPO

Allerta per vento forte in Emilia-Romagna

Meteo: le previsioni comune per comune

MALTEMPO

Corniglio, staffetta solidale nelle stalle

PARMA

Non ce l'ha fatta Giulia, la 15enne investita da un'auto a Corcagnano

I genitori hanno autorizzato la donazione degli organi

3commenti

violenza sessuale

Arrestato insegnante di musica parmigiano: i due anni da incubo di un'allieva

2commenti

BASSA

Colorno, diverse famiglie evacuate. Due ponti restano chiusi Video

Aperto un ufficio per le pratiche sulla stima dei danni. L'intervista del TgParma al sindaco Michela Canova

FATTO DEL GIORNO

Acqua e fango a Colorno e Lentigione: milioni di euro di danni

Udienza preliminare per il fallimento della Spip: 4 patteggiano, altri scelgono il rito abbreviato

Colorno

Il maresciallo si getta nel torrente e salva un 35enne

La storia a lieto fine nella frazione di Copermio

2commenti

MALTEMPO

Superati i massimi storici dei fiumi emiliani

dopo l'alluvione

Lentigione, 100 carabinieri per evitare sciacallaggi. Risveglio nel fango: il video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

L'ESPERTO

Imu e Tasi, entro lunedì il saldo. Tutto quello che c'è da sapere

di Daniele Rubini*

ITALIA/MONDO

Sicilia

Perquisizioni nelle case dei fiancheggiatori di Messina Denaro: impegnati 200 agenti

SVIZZERA

Scontro auto-camion: due morti nel tunnel del San Gottardo

SPORT

COPPA ITALIA

Milan, tutto facile: ai quarti derby con l'Inter. Contestato Donnarumma

VIDEO

La Cittadella del Rugby ospita Reggio. Parla il coach Manghi

SOCIETA'

social network

Il selfie della ragazza con cancro alla pelle: la campagna di prevenzione è virale

ospedale

A casa dopo 57 giorni il 15enne in arresto cardiaco salvato al Maggiore

4commenti

MOTORI

SICUREZZA

Crash test EuroNCAP, alla cara vecchia Fiat Punto zero stelle

MOTO

La prova: Kawasaki Z900RS