22°

ECONOMIA

Quote latte, addio: l'Ue chiude un'era

Quote latte, addio: l'Ue chiude un'era
Ricevi gratis le news
5

Dal primo aprile i produttori europei potranno produrre tutto il latte che vorranno. Una vera e propria rivoluzione, che segna la fine del regime delle 'quote lattè che ha tenuto banco per oltre 30 anni, a partire dal 1984.
Un’epoca lontana, quando si decise di contingentare la produzione per contenere le eccedenze di burro e di latte in polvere dei Paesi del Nord Europa. Oggi la sfida invece è la conquista di frontiere emergenti del mercato globale. Nord e Sud Europa in questa partita viaggiano su due binari separati: Paesi come Irlanda e Olanda, al pari di un big come la Germania, vedono la fine delle quote come una grande opportunità, mentre in Francia e Italia, memori della grande crisi del 2009, si teme un crollo dei prezzi e le difficoltà dei produttori delle aree svantaggiate, come quelle di montagna.
La fine delle quote latte, decisa nel 2003 «non è certo una sorpresa» ha detto il commissario europeo all’agricoltura, Phil Hogan, secondo cui questa tappa costituisce «una sfida e un’opportunità». Rispetto al passato «adesso il settore è molto più legato al mercato: siamo capaci di esportare l’11% del nostro latte senza nessun tipo di sussidi» ha sottolineato il commissario europeo all’agricoltura. Le recenti grida d’allarme sulla discesa dei prezzi, in concomitanza con l’embargo russo e dopo l’aumento di produzione nel 2014 di oltre il 5% a livello europeo in vista della fine delle quote, non smuovono Bruxelles.
«L'industria deve trovare il modo di adattarsi alla realtà, noi monitoreremo la situazione» ha assicurato Hogan, secondo cui "non c'è nessun collasso del settore». Eventuali contromosse sono nelle mani degli Stati membri, tramite le misure già messe a punto nel 'pacchetto lattè e nell’ambito dello sviluppo rurale. «Non reintrodurremo misure» ha affermato il commissario europeo all’agricoltura, che dopo la crescita di produzione del 2014 non prevede «grandi aumenti nel 2015».
Per l’Italia le 'quote lattè sono il sinonimo di un’odissea, non ancora conclusa: quella delle multe, con un gruppo di irriducibili che non solo non hanno rispettato le regole, ma non hanno mai pagato. Di conseguenza a fronteggiare la spesa con il bilancio pubblico è stata l’Italia, che per il mancato recupero di circa 1,3 miliardi di euro finirà davanti alla Corte di giustizia europea. Negli anni infatti il Belpaese è riuscito ad ottenere dall’Ue aumenti della propria quota di produzione, ma nel periodo tra il 1995 e il 2009 ad accumularsi sono state le multe. Una misura che verrà seppellita dall’apertura dell’Ue al libero mercato, a partire dal primo aprile. Alcuni allevatori però non sono ancora convinti di potercela fare da soli e per questo il 31 marzo a Bruxelles a segnare la fine di un’epoca non mancherà una manifestazione, promossa dallo European Milk Board, davanti al Parlamento europeo. (

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • salamandra

    29 Marzo @ 15.15

    I nostri allevatori che protestavano tanto contro le regole europee adesso sbatteranno il muso con altre regole ben piú ferree: quelle del mercato. Come credete sia possibile che il nostro latte possa competere -senza andar troppo lontano- con quello tedesco e austriaco? Senza poi sottovalutare che la pianura padana è uno dei luoghi piú inquinati d'Europa.

    Rispondi

  • Marco

    28 Marzo @ 16.54

    Mi sembra giusto, per trent'anni obbligano gli allevatori ad un sistema iniquo ed antiliberale, quando ormai si sono abituati al nuovo regime e a stento riescono a sopravvivere, lo tolgono facendo ripiombare il caos e dando il colpo di grazia alle piccole aziende ed avvantaggiando a dismisura la produzione industriale. ancora un enorme successo per l'unione europea! applausi!

    Rispondi

  • davide

    28 Marzo @ 13.47

    il problema non è per l'industria . il vero problema sarà per gli allevatori!!! come sempre!!

    Rispondi

    • antonio

      28 Marzo @ 16.43

      Però non dovremo più NOI pagare le multe, chiaro che ritengo ingiuste, che gli allevatori spalleggiati dalla Lega non hanno pagato.

      Rispondi

      • davide

        28 Marzo @ 22.14

        condivido pienamente!!! le multe se le devono pagare gli allevatori disonesti, quei pochi, molto pochi che non hanno rispettato la legge. non capisco neanche perché la politica (LEGA NORD) e l'opinione pubblica abbia dato tanto spazio ad un gruppo cosi piccolo di allevatori. che ancora oggi prendono in giro chi ha fatto mutui per rateizzare le multe e per acquistare le quote per essere in regola

        Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: in passerella anche "lui", il bello di Parma (1996)

Asia Argento lascia l'Italia dopo la bufera sul caso Weinstein

Spettacoli

Asia Argento lascia l'Italia dopo la bufera sul caso Weinstein Video

Ari Berlin volo radente

Düsseldorf

Ultimo volo: il pilota sfiora la torre di controllo

Notiziepiùlette

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

L'ESPERTO

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

Lealtrenotizie

via repubblica

CRONACA NERA

Derubato un rappresentante di gioielli

Furto su un'auto in via Repubblica

Lutto

E' morto Marino Perani, allenò il Parma Video

In panchina negli anni Ottanta

3commenti

Carabinieri

Tentato furto alle cantine Ceci: un arresto

Nello stabilimento di Torrile

PARMA

Via Muzzi, anziana scippata cade e si ferisce

Borgotaro

Auto ribaltata sulla fondovalle a Ostia Parmense: un ferito

E' intervenuto anche l'elicottero del 118

PARMA

Tagliati gli alberi sul Lungoparma, protestano i residenti

20commenti

Regione

Punti nascita, bagarre in Aula: salta il numero legale

Le opposizioni: "Ripensare la decisione su Borgotaro"

LUTTO

Addio a Angelo Tedeschi, l'ingegnere gentiluomo

Guastalla

Sequestrati 3 quintali di dolci mal conservati: erano destinati anche al Parmense

La Municipale ha sequestrato un autocarro di un cittadino indiano che lavora per una ditta mantovana

Il caso

L'avvocato Mezzadri: «Quella volta che sparai a un ladro»

tg parma

Nessuna squalifica per d'Aversa. Closing societario il 3 novembre? Video

GAZZAFUN

Il gatto più bello della città: guarda le gallery dei finalisti

4commenti

Carabinieri

In manette la primula rossa dell'eroina

1commento

BORGOTARO

«Troppi ragazzi ubriachi, è emergenza»

Giardino

Parco Ducale: giù il muro su viale Piacenza

Stanziati 1.281.000 euro

5commenti

TRASPORTI

Bus, il Tar invia la sentenza in procura e alla Corte dei conti 

«Aspetti singolari e conflitto d'interessi»

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le scuse scomparse in un mondo incivile

di Roberto Longoni

VELLUTO ROSSO

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

di Mara Pedrabissi

ITALIA/MONDO

FRANCIA

Vola con la tuta alare e si schianta: morta una donna

MILANO

Arrestato il geometra "re dei trans"

SPORT

IL SONDAGGIO

Parma, "nebbia" in campionato. Nel mirino dei tifosi lo staff tecnico

1commento

Moto

Marquez vuole tornare a vincere

SOCIETA'

SPAZIO

AstroPaolo fotografa nube marrone sulla Pianura Padana

fotografia

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

MOTORI

ANTEPRIMA

Seat Arona: il nuovo Suv compatto in 5 mosse Fotogallery

LA NOVITA'

Kia Stonic, debutta il nuovo «urban crossover»