20°

33°

chiusura

Cgil: preoccupazione per il Billa

Cgil: preoccupazione per il Billa
Ricevi gratis le news
1

La segreteria territoriale Filcams Cgil e le rappresentanze dei lavoratori manifestano la loro preoccupazione per lo stato di incertezza nel quale versano i 37 Lavoratori del punto vendita Billa di Parma ubicato nell'Oltretorrente.

L'Azienda ha infatti comunicato la decisione del Gruppo Rewe di abbandonare il mercato italiano per quanto riguarda il segmento supermercati dopo aver ceduto numerosi punti vendita ad altri operatori, motivando tale scelta come una mera strategia commerciale stante la dichiarata impossibilità, secondo le stime interne, di raggiungere una posizione di rilievo sul mercato.

L'apertura della Procedura di Mobilità per i dipendenti dei punti vendita dello scorso 19 febbraio, ha sancito definitivamente l'irrevocabilità della scelta del Gruppo Rewe, che però contrariamente alle dichiarazioni profuse negli ultime mesi, intende continuare ad investire nei punti vendita a marchio Penny Market, anch'essi del Gruppo Rewe, perseguendo pertanto, nei fatti, una politica del Gruppo Rewe di investimento nel mercato italiano del discount.

Nell'ultimo incontro del 2 aprile scorso tra l'Azienda e le OO.SS. nazionali sono emerse dichiarate manifestazioni di interesse di almeno due potenziali acquirenti che ad oggi tuttavia hanno ripensato alla loro posizione, secondo quanto riferito negli ultimi incontri sindacali, a causa del rifiuto dei proprietari dell'immobile di discutere un affitto ad oggi strabiliante: 270mila euro annui solo per lo spazio supermercato.

La parola fine quindi per i 37 lavoratori ed anche per parte del commercio dell'Oltretorrente la scrivono i proprietari dell'immobile, sancendo la forse inevitabile disdetta dei locali da parte dell'Azienda.

La segreteria territoriale Filcams Cgil, pertanto, auspica un incontro urgente tra le parti con il coinvolgimento anche della Istituzioni al fine di individuare le possibili soluzioni per il futuro dei lavoratori.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Angelo

    17 Aprile @ 17.29

    Gli unici che fanno affari in questa zona dell'Oltretorrente sono i Kebabbari e i locali che aprono di notte. E' qui che gira il commercio dell'alcol e altre cose.Questi locali hanno infestato questa parte dell'Oltretorrente e continuano a nascere come funghi allontanando progressivamente molti residenti a partire dalle Famiglie con bambini. Come si può vivere con gente che urla tutta la notte, che urina per strada ecc....Considerando che molti piccoli locali non hanno spese di gestione a partire dalla tassa sui rifiuti viste le microscopiche dimensioni mentre gli è consentito di scaricare sulla pubblica via tutti i problemi,chi deve operare con una struttura organizzata come era il Billa fa molta più fatica a gestire il conto economico venendo a mancare progressivamente i cittadini e le loro famiglie.Trasformare una zona della città in un divertimentificio alla lunga viene a costare sopratutto per le attività tradizionali e oggi si cominciano a vedere i risultati .Il costo dell'affitto richiesto è sicuramente una cifra di tutto rispetto,ma se si considera che molti buchi pagano affitti superiori ai 1000€ al mese forse in proporzione non so se sia molto più alta. Quello che è certo è che i margini di guadango sono nettamente inferiori.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Salvador Dalì, a 28 anni dalla morte i celebri baffi intatti

Spagna

A 28 anni dalla morte i baffi di Salvador Dalì sono intatti

Vinicio Capossela insieme alla Filarmonica Toscanini: le foto della serata a Parma

Parma

Capossela insieme alla Filarmonica Toscanini: le foto

Barbara Weldens

Barbara Weldens

FRANCIA

La cantante Barbara Weldens muore folgorata durante un concerto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ecco la Summer Promo: la Gazzatta a soli 45cent al giorno!

ABBONAMENTO DIGITALE

Ecco la Summer Promo: la Gazzetta a soli 45 cent al giorno!

Lealtrenotizie

Mangiano pollo avariato, studenti intossicati

VARANO

Mangiano pollo avariato, studenti intossicati

Inchiesta sulle bollette

Luce, acqua e gas: storie di ordinaria vessazione

MASSACRO

Solomon, decine di colpi sui corpi anche dopo la morte

weekend

Feste campestri, cavalli e silent party: l'agenda del sabato

Testimonianze

Notte di paura per i parmigiani a Kos

Soragna

I residenti contrari all'arrivo dei profughi

Auguri capitano

Parma, il Parma, la famiglia: i 40 di Lucarelli

Fortuna

Fidentino gratta e vince 100 mila euro

Noceto

Quella croce che protegge la valle di Cella

via milano

Lite al parco: magrebino ferisce italiano con le forbici Video

2commenti

IL CASO

Ramiola, taglia i cavi per far tacere le campane

6commenti

incidente

Scontro fra una moto, due auto e un camion in via Traversetolo: un ferito grave

carabinieri

Pusher in viale Vittoria: un parmigiano fotografa il blitz La sequenza

3commenti

COMUNE

Un caso di dengue a Parma: disinfestazione in via Imbriani e al Barilla Center

Tecnici in azione per tre notti

1commento

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

ANTEPRIMA GAZZETTA

Bollette anomale e strani anticipi da pagare: le storie sulla Gazzetta di Parma

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL CASO

La lezione di papà Fred Video-editoriale

1commento

EDITORIALE

Borsellino e la giustizia che dobbiamo ai giovani

di Filiberto Molossi

1commento

ITALIA/MONDO

il caso

E il Comune di Sesto riceve la fattura per la salma di Amri: 2.160 euro

Terremoto

Scossa di magnitudo 3.6 fra Veneto e Lombardia

SPORT

parma calcio

I 40 anni di capitan Lucarelli: speciale Gazzetta Video

parma calcio

Qui Pinzolo: la foto-cronaca del primo giorno di allenamenti

SOCIETA'

IL DISCO

Deep Purple, dal Giappone con furore

MANTOVA

Amiche muoiono per un incidente in scooter. Quell'ultimo video su Fb

MOTORI

MERCEDES

Classe X, la Stella attacca il segmento dei pick-up

EMISSIONI

Anche Audi gioca d'anticipo: interventi su 850mila diesel