-2°

Vienna

Opec, accordo per tagli alla produzione: in aumento il prezzo del petrolio

Dove finiremo? Forse ce lo dirà il petrolio

Foto d'archivio

Ricevi gratis le news
0

L’Opec vara il taglio della produzione di greggio, il primo da otto anni a questa parte, per riequilibrare il mercato e far risalire le quotazioni del petrolio dopo due anni di prezzi in caduta libera.
Ci sono voluti mesi di trattative (sempre tesissime), incontri formali e informali, ma al vertice di Vienna i ministri dei 14 Paesi aderenti all’Organizzazione sono riusciti ad accantonare le divergenze e scongiurare l’ennesima rottura chiudendo un’intesa che prevede la riduzione dei livelli produttivi di 1,2 milioni di barili al giorno portando il totale giornaliero a 32,5 milioni di barili.
Il nuovo corso scatterà a gennaio e nel frattempo si lavora per trovare un’intesa anche con i Paesi non-Opec.
Sui mercati, le quotazioni del greggio ieri hanno preso il volo e il rialzo dei titoli del settore ha sostenuto le piazze finanziarie con Milano che ha archiviato la prestazione migliore.
Anche questa mattina il petrolio consolida i rialzi: il greggio Wti viene scambiato così sopra i 50 dollari al barile (50,12 dollari) mentre il Brent sale dell’1,4% a 52,56 dollari al barile.

La decisione presa ieri a Vienna è un primo passo che prelude ad altri accordi con i Paesi non-Opec, Russia in primis, e già sarebbe in cantiere un incontro la prossima settimana. Stando alle indiscrezioni, l’Opec sta cercando di organizzare i colloqui il 9 dicembre a Doha, in Qatar, per chiedere ai produttori che non fanno parte del cartello di ridurre la produzione complessiva di 600mila barili al giorno. L’Oman si sarebbe già impegnato a tagliare fino a un massimo del 10%, mentre la Russia si è detta disposta ad abbassare di 300mila barili giornalieri la propria produzione che ora supera i 10 milioni di barili al giorno.
A far cadere i paletti che bloccavano i negoziati su come spartirsi i tagli produttivi, le "concessioni" fatte da Arabia Saudita, Iraq e Iran. Arrivati ieri ai ferri corti, sono scesi oggi a più miti consigli probabilmente nella consapevolezza che un nuovo buco nell’acqua avrebbe bruciato la credibilità dell’Organizzazione e soprattutto il ruolo di ago della bilancia nella fissazione dei prezzi. Punto di snodo, la disponibilità dell’Arabia Saudita verso le richieste dell’Iran che, dopo la fine delle sanzioni economiche, ha sempre vincolato un congelamento della propria quota al raggiungimento dei 4 milioni di barili al giorno, il livello pre-embargo. I Sauditi, alla fine, hanno riconosciuto all’Iran un trattamento speciale accordando di mantenere l’output a 3,8 milioni di barili al giorno. Altro "caso speciale" è l’Indonesia che è stata nuovamente sospesa dall’Organizzazione e - hanno spiegato i delegati - ora la sua quota produttiva (oltre 700.000 barili/giorno il mese scorso) deve ancora essere determinata. A sua volta, l’Arabia Saudita - maggiore produttore Opec - ha accettato il taglio di 486mila barili/giorno e l’Iraq di 210mila.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Filippo Nardi

TELEVISIONE

Isola dei famosi: Filippo Nardi si spoglia davanti a Bianca Atzei Video

David Garrett

David Garrett

TEATRO REGIO

Cancellato il concerto di David Garrett

Olimpiadi, pattinatrice resta a seno nudo durante la gara

"incidente"

Olimpiadi, pattinatrice resta a seno nudo durante la gara

Notiziepiùlette

"La Buca dei diavoli"

CHICHIBIO

"La Buca dei diavoli": non solo pizza secondo tradizione

Lealtrenotizie

Notturni in Musica. I successi del jazz e del musical

CULTURA

Restauri di monumenti: 3,8 milioni per interventi a Parma e nella Bassa

Ecco gli interventi nel Parmense: Parma, Colorno, Busseto, Soragna, Coltaro, Fontanelle e Zibello

tg parma

Presunta tratta di calciatori africani: concessi i domiciliari a Drago Video

elezioni

Salvini a Parma e Traversetolo: "Meno tasse, meno burocrazia e meno clandestini" Video

3commenti

ANTEPRIMA GAZZETTA

Addio a Dalmazio Besagni: era la memoria storica di Busseto

noceto

Provano con due "copioni" a truffare una 76enne: lei li fa arrestare

1commento

FIDENZA

Non arrivava alla sua festa di compleanno: era morto d'infarto

tg parma

Piazzale della Pace, stanziati i fondi per il secondo stralcio di lavori. Come sarà Video

3commenti

Montanara

Spettatore diplomato in primo soccorso salva calciatore durante la partita

1commento

COMITATO

Manifesto per San Leonardo chiede più sicurezza: "Non installate le telecamere promesse"

Lettera aperta alla giunta comunale: "Bene essere capitale della cultura ma vorremmo che Parma fosse città sicura 2018"

2commenti

Parma

Carabiniere blocca un ladro: «In divisa o no, prima viene il dovere»

1commento

San Polo d’Enza

Il “Grande fratello” incastra la banda dei salumi: denunciati in sei

1commento

parma calcio

La società: "D'Aversa resta: ha tutto per poter uscire dalla crisi. Compreso il sostegno dei giocatori"

Malmesi a Bar Sport: "Abbiamo fatto la nostra offerta per il Centro sportivo di Collecchio".

3commenti

60 anni di legge Merlin

Le ragazze salvate dalla tratta

PARMENSE

L'Inail acquista la nuova sede dell'istituto Solari di Fidenza

Indagine

Caro cimiteri: stessi servizi, prezzi (molto) diversi

1commento

Tuttaparma

La tradizione del brodo fatto in casa

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

VADEMECUM

Elezioni del 4 marzo: come votare correttamente

LAVORO

64 nuove offerte

ITALIA/MONDO

PIACENZA

Badante sposa l'invalido che accudisce e lo riduce sul lastrico: denunciata 

VIOLENZA

Legato mani e piedi e picchiato a sangue il responsabile di Forza Nuova a Palermo

SPORT

FORMULA 1

Il ritorno del "Biscione": ecco l'Alfa Romeo C37

Calciomercato

Pirlo lascia il calcio e annuncia il suo match di addio

SOCIETA'

GAZZAREPORTER

Balli e divertimento al Newyork di Sissa Foto

libri

Mago Gigo racconta Capitan Braghetta, "il supereroe che è dentro di noi" Video

MOTORI

NOVITA'

Mercedes Classe B Tech, quando la tecnologia è alla portata

IL CASO

Il pubblico ha scelto: si chiamerà Tarraco il terzo Suv di Seat