-2°

IL CASO

Sfrattato chi vive negli ex caselli: preoccupazione a Solignano

Domenico De Napoli è inquilino da 28 anni. «Qui la storia di tutta la nostra famiglia»

Il casello di Solignano

Il casello di Solignano

Ricevi gratis le news
0

 

SOLIGNANO - Dopo 28 anni rischiano di dover lasciare l’abitazione per l’introduzione di nuove norme applicate ai caselli ferroviari. Il problema è stato sollevato lo scorso anno da Ferservizi società partecipata al 100 per cento da Ferrovie dello Stato che si occupa del patrimonio immobiliare del gruppo Fs.

Federservizi ha stabilito di sfrattare, per ragioni di sicurezza, gli occupanti dei caselli ferroviari situati a distanze inferiori a quattro metri e mezzo dalle rotaie. Il provvedimento riguarda centinaia di famiglie, 432 in tutta Italia, con gli inquilini che minacciano le barricate.

Lungo la linea Parma–La Spezia, fra le stazioni di Vicofertile e di Solignano sono almeno sette le strutture interessate dal provvedimento. A Solignano, nel casello situato nei pressi della stazione ferroviaria, abitano 4 persone, che stanno vivendo con apprensione la possibile «disdetta del contratto di locazione».
Il conto alla rovescia è iniziato il 31 dicembre e, dopo la lettera di preavviso, il timore della famiglia di Domenico De Napoli è che possa arrivare, già dai prossimi giorni la lettera definitiva di sfratto.
Le ferrovie avevano dato in affitto gli immobili a uso civile, in gran parte negli anni ’80 del secolo scorso, ai propri dipendenti.

A partire da quegli anni, capistazione, macchinisti e capitreno entrarono nelle abitazioni ristrutturandole per renderle abitabili, oltre a versare l’affitto ad equo canone regolarmente versato. E, nel corso degli anni, in alcuni casi, addirittura, il contratto di locazione è passato agli eredi che ancora abitano i caselli ferroviari.
In questi 28 anni, spiega De Napoli, abbiamo speso risorse per sistemare il casello, costruito oltre un secolo fa e documentato da foto ingiallite dal tempo e altre in bianco e nero, già dal 1915.
Si tratta di un edificio vetusto, ma che, grazie alla manutenzione e alle migliorie apportate in questi anni, è stato trasformato in una confortevole abitazione.

La casa, assegnata dalle Ferrovie dello Stato alla famiglia De Napoli, sarebbe oggetto dell’applicazione di norme di sicurezza, emanate a seguito del disastro di Viareggio, avvenuto nel 2009.
«In quella casa - spiega Domenico De Napoli - sono stati festeggiati i battesimi e i momenti felici della famiglia, e di lasciare l’immobile per una questione di distanza dai binari «non ne vogliamo sapere».
A Solignano la famiglia De Napoli ha costruito un solido rapporto, dove sono bene inseriti nel tessuto delle relazioni sociali e di reciproca stima con i compaesani.
La notizia della disdetta del contratto di locazione è rimbalzata in paese suscitando stupore fra la gente.
La dismissione del casello ferroviario, infatti, porterebbe al mancato presidio della stazione ferroviaria con il rischio di occupazioni abusive dell’edificio, e ad una condizione di degrado dell’immobile.

A difesa degli occupanti dei caselli sono scesi in campo i sindacati e in Toscana sono in corso iniziative per evitare l’ultimazione dello sfratto e la demolizione degli edifici, ma anche per tutelare molti occupanti ormai anziani o in pensione.

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

10commenti

Sanremo: cantanti e titoli delle canzoni in gara

musica

Sanremo 2018: Elio e le Storie tese e Mario Biondi fra i 20 "big"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

VIABILITA'

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

di David Vezzali

Lealtrenotizie

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

INCIDENTI

Frontale sulla provinciale per Medesano: due feriti, uno è grave

Il dopo alluvione

Colorno, in via Roma sarà un Natale al freddo

dopo l'alluvione

Don Evandro: "A Lentigione la luce ha vinto sulle tenebre: grazie volontari!"

Aveva 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

WEEKEND

La domenica ha il sapore dei mercatini. Natalizi, ovviamente L'agenda

carabinieri

Altre 37 dosi fiutate dal cane antidroga nei cespugli di viale dei Mille

San Polo d'Enza

Spaccate a tempo di record: altri 4 colpi "intestati" alla banda, uno a Montechiarugolo

Gara

La grande sfida degli anolini

1commento

Centro storico

Giardini di San Paolo tra chiusure e rifiuti

2commenti

calcio

Il Parma s'accontenta

MAGGIORE

Ematologia, nuovi laboratori per la ricerca sulle staminali

FIDENZA

Città in lacrime per Andrea Amadè

LUTTO

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

tg parma

Furti in due abitazioni a Colorno Video

STADIO TARDINI

I crociati non riescono a trovare il gol: Parma-Cesena 0-0 Foto

Baraye: "Abbiamo provato e fatto di tutto per vincere" (Video) - Scavone: "Dispiace non avere vinto ma in B è importante non perdere (Video) - Grossi: "Ha pesato l'assenza di un vero attaccante" Videocommento

5commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Odio e insulti sul web: la falsa democrazia

di Patrizia Ginepri

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

il caso

La salma di Vittorio Emanuele III ha lasciato l'Egitto. Direzione Piemonte Foto

SPAGNA

Igor non collabora con gli inquirenti. Catturato perché forse era svenuto

SPORT

Sport Invernali

Kostner regina, Cappellini-Lanotte da brividi

Calciomercato

Ancelotti soffia la panchina a Conte

SOCIETA'

LA PEPPA

La ricetta natalizia - Torta di stelline

TELEVISIONE

Nadia Toffa racconta i momenti del malore. Stasera in onda alle "Iene"

MOTORI

NOVITA'

Alpine A110 Premiere Edition, risorge un marchio storico

motori

Ford, che Fiesta: ST-Line o Vignale per pensare in grande