-2°

Una città senza amore

1981-2014: l'abbiamo di nuovo tradita?

Web-inchiesta a tre decenni da una denuncia che scosse la città. E che è ancora attuale

1981-2014: l'abbiamo di nuovo tradita?
33

Fece grande scalpore a Parma, nel 1981, l’uscita di un libro dal titolo “Parma una città senza amore”.
Una denuncia che colpì la città come un pugno allo stomaco, perché quelle 200 pagine nate per iniziativa della sezione di Parma di Italia Nostra, con i testi di Pier Maria Paoletti e soprattutto con le fotografie di Giorgio Patrizi, sancivano inequivocabilmente lo stato di abbandono e degrado di troppi luoghi della nostra città, anche importanti e sotto l’occhio dei tanti quotidiani turisti. Una battaglia che la Gazzetta sostenne e fece propria, accogliendo lo spirito che accompagnava sul libro quella accorata denuncia:

(…) il libro, con quel titolo, non è "contro" Parma, sia pure la Parma di oggi. Non è neanche un rimpianto della Parma che fu. (…) Diciamo un "libro bianco", contro ['inerzia, contro la mancanza di entusiasmo (…), contro la mancanza di iniziativa ma anche contro l'assuefazione, che non fa più "vedere". Non un libro, sia ben chiaro, contro l'amministrazione comunale, o soltanto contro di essa, che può avere operato bene in alti settori. Le colpe sono un po' di tutti, del Comune come protagonista della vita della città, ma anche dello Stato, della Regione, dei privati, dei cittadini, della speculazione, della rassegnazione, di un'opinione pubblica assente o provinciale o impreparata. Soprattutto, ed è questo il tema della denuncia accorata e risentita, della mancanza di amore. Perché Parma, oggi, è una città senza amore. 

Parma senza amore 1981: Arco di San Lazzaro

Ecco: 33 anni dopo, abbiamo deciso di ripartire proprio da quella denuncia, per tornare a chiederci se Parma stia ridiventando “Una città senza amore”. Perché tornare tanto lontano? Per tre motivi: 1) perché anche noi (lo diciamo ai lettori che, giovani o distratti, pensano che la Gazzetta abbia scoperto questi temi e l’amore per come si mostra la città solo nel 2012…) non vogliamo limitarci a uno dei mille spunti di quotidiana ed effimera schermaglia politica fra maggioranza e opposizione; 2) perché anche noi speriamo di coinvolgere la città intera: i politici certo (e tutti), ma anche ogni singolo parmigiano, indipendentemente dal suo ruolo e dalla nazione stampata sul suo passaporto; 3) perché, infine, come allora va capito che il degrado non è una semplice questione estetica, secondaria rispetto al degrado morale che troppe volta ha portato Parma agli "onori" delle cronache nell'ultimo decennio: riflettere e cercare di risolvere certe situazioni può essere davvero, oltre che un migliore biglietto da visita per i tanti visitatori che Parma può e deve avere, un primo modo per affrontare tutti i problemi della Parma del terzo millennio. Con amore.


1) Come eravamo
Le fotografie di Giorgio Patrizi erano davvero tanto belle quanto impietose.

Parma una città senza amore 1981: fotogallery

Rivederle oggi può dirci tante cose: intanto che 33 anni fa Parma appariva più brutta di oggi, poi che comunque in questi anni qualcosa è successo e tanti angoli allora inguardabili oggi sono trasformati (Barriera Bixio, Arco San Lazzaro, Petitot...) in meglio. E infine, se è vero che fra i problemi di oggi c’è l’integrazione con culture e sensibilità diverse dalla nostra, è altrettanto vero che il degrado e l’abbandono abitavano già nella parmigianissima Parma degli anni ’80…. 

Guardatela bene, questa carrellata in bianconero che allora scosse la città, mettendo insieme pubblicamente ciò che era sì sotto gli occhi di tutti ogni giorno ma che in qualche modo si guardava senza pensarci, o con rassegnazione.

Parma senza amore 1981: Petitot


2) Come siamo

Chi sfogliasse le raccolte degli ultimi 30 anni di Gazzetta, o spulciasse nell’archivio del Tg Parma, o infine navigasse nella ricerca del nostro sito web, vedrebbe che buche, degrado, abbandono sono un elemento costante del racconto giornalistico della città: a Parma come altrove, del resto. In occasione della recente commemorazione di Lauro Grossi, ne ho scherzato con il sindaco di oggi: “Anche Grossi mi rinfacciava sorridendo i servizi sulle buche nelle strade: ti posso assicurare che non le abbiamo scoperte con i Cinque stelle….”.
Le cronache del 2014, però, portano con sé anche il peso delle crisi che ci avvolgono ormai da anni: quella globale, quella locale dei conti in Municipio col “buco” e quella del senso civico. Dalla città cantiere (a sua volta con qualche esagerazione e bruttura) e dal gigantismo delle partecipate mangiasoldi, siamo passati a una decrescita che almeno nella veste esteriore della città non può essere “felice”. Senza contare il ruolo di una multiculturalità che non è ancora stata ben digerita e integrata.

Parma senza amore 2014: Piazza della Pace dopo una maxirissa finita a bottigliate

Qualche esempio? Il monumento a Verdi che era sulla copertina del libro di allora è, suo malgrado, ancora un simbolo. E se nel 1981 ci si scandalizzava per il Maestro ridotto a posteggiatore nel piazzale maxi-parcheggio ora intorno a lui c’è un’area verde, ma il Genio di Busseto si ritrova spesso sotto gli occhi un traffico ancor peggiore e letteralmente più tossico di quello delle auto di 33 anni fa. E il Piazzale, soprattutto dopo il tramonto, è il campo principale di una partita nella quale molti parmigiani temono si stia perdendo il controllo di fette di città (via Palermo, via Piacenza, parco Falcone Borsellino….)

VIDEO - I servizi del Tg Parma

Altre volte si è parlato (e polemizzato) sulla situazione del Parco Ducale e del suo laghetto caro a tanti parmigiani e non; oppure di angoli incantevoli ma in parte infrequentabili, come l’ex San Paolo. Così come è però giusto dire che a volte anche intervenire viene accolto con ulteriori proteste (si pensi alle polemiche sulla Cittadella “nuda” dopo tagli e potature dei mesi scorsi).

Ma è sufficiente girare per la città, per vedere come Parma ai tempi della crisi sia sempre meno isola fortunata (se mai ne esistono…) rispetto a un Paese che negli ultimi anni ha perso tanti colpi. Ha colpito non poco l’immagine di quel pullman sprofondato e incastrato in una “voragine” aperta nell’asfalto di via San Leonardo: una scena fin qui vista solo in altre città.

Parma senza amore 2014: voragine in via San Leonardo, pullman incastrato

E tre anni sembrano passati invano da quando la Gazzetta, proprio con un titolo sulla “città senza amore”, pubblicò un viaggio di Gian Luca Zurlini nei tanti luoghi dimenticati da enti pubblici e privati: articolo 2011 - articolo 2014


3) Come saremo ?
Questo è il paragrafo più “semplice” per il cronista, perché scriverlo (anche se noi cercheremo di fare la nostra parte mantendendo alta l’attenzione sul tema) spetta a tutti i parmigiani: politici (di qualunque colore), classe dirigente, intellettuali, semplici cittadini, "del sasso" o immigrati. Tutti coloro, cioè, che non si rassegnano a una città come quella che abbiamo documentato con il nostro telefonino.

Parma senza amore 2014, vista dallo smartphone



In attesa che l’agognata ripresa economica garantisca più risorse, già ora Parma deve pensare a come mostrarsi: a se stessa e ai visitatori che vogliamo attirare da fuori (senza dimenticare l’importanza della città universitaria). Ampliare e valorizzare i percorsi turistici, restituire alla massima fruibilità le aree verdi pubbliche, monitorare quelle zone abbandonate che possono diventare asilo per presenze clandestine e a volte destabilizzanti, nell’equilibrio di una via o di un quartiere. Senza contare il problema nel problema: ovvero quella questione rifiuti da cui a sua volta nessuno può chiamarsi fuori, perché se è vero che il sistema della raccolta presta il fianco a critiche e può/deve essere migliorato, è altrettanto vero che troppi “spettacoli” della Parma 2014 non sono imputabili alle regole ma solo a chi non rispetta né quelle né le norme più elementari di educazione, civica e non.

“Parma senza amore”, da oggi, diventa anche il titolo di una sezione del nostro sito (la troverete ogni giorno passando con il mouse sul titolino Parma nella barra principale, oppure sul titolino A-Z): qui aspetteremo e amplificheremo le vostre segnalazioni, con le vostre foto e i vostri commenti per ogni singolo articolo. Ma il vero augurio è che, oggi come allora, ognuno di noi non si rassegni e riscopra, e dimostri, il proprio amore per Parma.

Vai alla sezione Parma senza amore. E aspettiamo le tue segnalazioni e le tue proposte 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Annalisa

    09 Settembre @ 12.08

    il degrado della città' fa si che chi viene da fuori scelga l'università di altre città' e non venga a studiare a parma!!!! altre risorse PERSE!!!!

    Rispondi

  • SILENZIOSO

    09 Settembre @ 09.35

    Ri-concordo in toto con @parmigianoreggiano. Amministrare una città è diverso che trovarsi in 40 su FB a giocare fare gli statisti. Occorrono competenze e capacità, non basta l'entusiasmo. Quando poi la "voglia di stupire" lascia il campo "all'ansia da prestazione" si fanno solo danni su danni; si comincia con le omissioni, poi si passa alle bugie....alla fine, molte volte, si arriva a truccare le carte. Sono cose già viste. Speriamo di non arrivare di nuovo a questo punto .

    Rispondi

  • Dino Pampari

    09 Settembre @ 08.10

    parmigianoreggiano

    Certamente ragazzi avete ragione quando dite di smetterla di litigare e di rimboccarsi le maniche: io però le maniche me le rimbocco nell'ambito del mio lavoro e dei miei impegni familiari, mentre per quanto riguarda la nostra città non posso che fare valutazioni POLITICHE. Certo, piacerebbe anche a me il contribuire al benessere della mia città ma, come abbiamo bene sotto gli occhi, questo modello è CLAMOROSAMENTE FALLITO proprio adesso con la giunta grillina. A mio parere bisogna ritornare all'ALTA POLITICA DI PROFESSIONE, fatta di alto senso ETICO che dovrebbe essere un PATRIMONIO DIFFUSO. Chi di noi però fa alla sera un attento ESAME DI COSCIENZA riguardo al proprio COMPORTAMENTO? Chi di noi fatica per trasmetterlo ai PROPRI FIGLI? Chi di noi cerca di aiutare gli amici a lottare contro il COMUNE SENSO DEL MENEFREGHISMO che ci sta travolgendo? Scusatemi amici per il PREDICOZZO e buona giornata a tutti.

    Rispondi

  • nerosso

    08 Settembre @ 21.24

    ha ragione isabella ...ognuno faccia il proprio e non si aspetti solo dagli altri..... riprendiamo la nostra dignità di cittadini ed essere umani..... basterebbe poco per rendere piacevole la nostra quotidianità.....rendendo piacevole il luogo in cui viviamo.....facciamo qualcosa ed smettiamola di fare chiacchiere....

    Rispondi

  • Maurizio

    08 Settembre @ 20.38

    Secondo me il problema e il tradimento sta anche nei nostri commenti, ritornano gli aschieramenti, si critica ubaldi, lo si difende, lo stesso si fa con pizzarotti e vignali, intanto in pochi fanno analisi serie assumendosi, come cittadini, parte delle colpe, per me la colpa è nostra, forse siamo noi che siamo cambiati o forse no, nemmeno io capisco ma mi adeguo al commento di federicot

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Malore alle prove del concerto: operato Al Bano

Roma

Al Bano operato dopo un malore: "Paura passata, il cuore sta ballando"

Poligoni

Polygons

Il cucchiaio del futuro da 1milione di $. Non ancora in vendita

2commenti

Chiara Ferragni regina Instagram 2016, in top Papa e Fedez

2016

La Ferragni regina di Instagram. Secondo? Vacchi. C'è il Papa

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Incidente in Autocisa. Nebbia: visibilità 110 metri in A1 Traffico in tempo reale

Nebbia in A1 (foto d'archivio)

Traffico

Pericolo nebbia: visibilità 80 metri fino a Bologna in A1 Tempo reale

Scontro fra due auto: statale 63 chiusa per due ore nel Reggiano, 4 feriti

via d'azeglio

Un coro di no per la chiusura del supermercato Videoinchiesta

In arrivo una sala slot? (Leggi)

1commento

TRAVERSETOLO

Ladri in azione a colpi di mazza nel negozio. Poi la fuga

1commento

raccolta firme

La Cittadella si illumina con l'albero di Natale Video

Per ribadire il "no" alla chiusura del chiosco

Poviglio

Fanno esplodere il bancomat: filiale semidistrutta, caccia all'uomo fra Parma e Reggio  Video

2commenti

Parma

Elvis e Raffaele hanno celebrato l'unione civile: "Ora siamo una famiglia"

Cerimonia nella Palazzina dei matrimoni con il vicesindaco

1commento

ospedale

Day hospital oncologico: nuova organizzazione

convegno

Migranti, Pizzarotti in Vaticano: "Comuni lasciati soli" Video

4commenti

derby

Reggiana-Parma: in vendita i biglietti (4.200)

LETTERE

Bello FiGo e i luoghi comuni

2commenti

Rugby

Zebre sconfitte dal Tolosa e... dalla nebbia. Partita sospesa dopo 63 minuti

viabilità

Ecco dove saranno gli autovelox la prossima settimana

1commento

Parma

Cachi in città: raccolte 180 cassette in un giorno Foto

1commento

Gazzareporter

I "magnifici 13"

1commento

Sorbolo

Sedicenne terribile autore di due «spaccate»

15commenti

Fidenza

Ubriaco si schianta contro un albero. Poi la bugia: "Rapito e costretto a bere" 

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Quando le notizie false diventano un'epidemia

di Paolo Ferrandi

IL DIRETTORE RISPONDE

Quelli che «Io? Mai stato renziano»

4commenti

ITALIA/MONDO

crisi

Mattarella: "Governo a breve. Prima del voto armonizzare le leggi"

cremona

Presepe negato, la diocesi: "E' tutto un malinteso"

WEEKEND

IL CINEFILO

Da "Captain Fantastic" a "Non c'è più religione": i film della settimana

45 ANNI DOPO

Tarkus, il capolavoro di Emerson Lake & Palmer

SPORT

Parma Calcio

D'Aversa: "Vinta una partita, non risolto i problemi". I convocati

sci cdm

Goggia 2ª in gigante Sestriere, vince Worley

MOTORI

AL VOLANTE

I consigli utili per guidare nella nebbia

4commenti

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti