14°

Spettacoli

Bob Dylan, menestrello a chi?

1

Bob Dylan, menestrello a chi?
dal nostro inviato
Francesco Monaco (Gazzetta 17-6)


Andrete a vedere Bob Dylan al Parco Ducale soprattutto per ascoltare «Like a rolling stone»? Potete stare tranquilli: la madre di tutte le canzoni rock compare regolarmente in ogni scaletta, come primo bis. Sperate di cantare in coro il ritornello di «Just like a woman»? Allora incrociate le dita, perchè la gemma più fulgida di «Blonde on blonde» trova posto spesso nella setlist, ma non sempre. Se invece il vostro sogno è che sotto il cielo di Parma risuonino le note di «Knockin' on heaven's door» accendete un cero perchè servirà un miracolo: la celeberrima ballata scritta per «Pat Garrett & Billy the Kid» finora non è mai stata eseguita nell'edizione 2010 del Never Ending Tour.
Ma la notizia più importante è un'altra e ha la priorità: a dispetto dei suoi 69 anni vissuti inafferrabilmente, Bob Dylan è in forma strepitosa. Energetico, sciamanico, teatrale, con un solco lungo il viso che sembra davvero un sorriso, colui che sempre più impropriamente ci ostiniamo a definire «menestrello» si concede al pubblico esattamente per quello che è (o noi crediamo che sia) oggi: la quintessenza del suo stesso mito, antologia vivente degli ultimi 50 anni di storia della musica popolare.
Lo show visto a Padova (al chiuso del nuovissimo Palasport anzichè all'Anfiteatro Camerini a causa delle previsioni meteo, anche se poi di «hard rain» ne è caduta solo dopo la mezzanotte) ha mostrato un Dylan perfettamente a suo agio nella parte del maestro di cerimonie, sorretto da una band robusta e vitale dove più ancora della pedal steel di Donnie Herron è la slide di Charlie Sexton - eccelso chitarrista di scuola «sudista» già con lui nel recente passato - il vero valore aggiunto: la voce di Dylan è cavernosa e piena di rughe, ma incide l'aria, i suoi assolo di armonica la lacerano, i suoi interventi all'organo la inondano di un groove quasi jazzistico (nel senso di attitudine all'improvvisazione) nell'interplay con Sexton e il batterista George Recile.
Il sound è quello degli ultimi dischi (da lui stesso prodotti sotto lo pseudonimo di Jack Frost), dove l'antica rabbia iconoclasta della svolta elettrica, l'irripetibile «suono selvaggio al mercurio» di «Blonde on blonde» e le atmosfere «paludose» dei suoi album con Daniel Lanois si sono fusi nell'intento (riuscito fin dove è possibile) di ridefinire le coordinate del rock americano del nuovo millennio di cui è ancora e sempre l'ispiratore principe.
Lungo pastrano nero con fila di bottoni dorati e risvolti rossi, cappello bianco a tesa piatta, in un'ora e quaranta Dylan ha pescato almeno un brano da tutti i suoi (tanti) album epocali, attaccando con «Leopard-skin pill-box hat» (altre volte il pezzo introduttivo è invece «Rainy day women #12 e 35») e marchiando subito a fuoco lo show: un rockblues potente e diretto che ha poi toccato i suoi punti più alti con una dilatata «The levee's gonna break» a tre chitarre (compresa la sua) e un'epocale versione di «Highway 61 revisited».Di «It's all over now, baby blue» e «Tangled up in blue» ha preso a schiaffi il ritornello, di «I'll be your baby tonight» ha offerto una robusta rivisitazione vagamente honky-tonk, di «Masters of war» ha regalato una versione sulfurea da brividi (caldi). In scaletta anche «I don't believe you», «Cold iron bounds» e «Under the red sky».E la dolcezza? Giusto un giro di valzer con «Workingman blues #2» (a dispetto del titolo). E la morbidezza? Appena il tempo di una versione reggae (!) di «Can't wait». Con «Thunder of the mountain» il boogie si scioglie in puro rock'n'roll: pubblico in visibilio, che con l'attacco inequivocabile di «Ballad of a thin man» corre ad accalcarsi sotto il palco. Ma è già tempo di bis: due superclassici del calibro di «Like a rolling stone» e di una devastante «All along the watchtower» (da tempo 'debitrice' alla mitica versione di Hendrix, ma non è una novità) inframmezzati dalla recentissima «Jolene», direttamente da «Together through life». Parole pronunciate tra un bis e l'altro? Quattro: «Thank you my friends» oltre alla canonica presentazione del suo quintetto. Ma senza quell'aria di sfida o di insofferenza che in anni passati rendevano i suoi concerti delle incognite: il Dylan visto a Padova è più di una certezza. Ieri ha replicato a Viareggio (oggi sapremo quante e quali canzoni ha cambiato) e domani sarà finalmente a Parma: varierà ancora la scaletta, ma con il repertorio che si ritrova, non è detto che sia un peccato.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • manlio

    19 Giugno @ 18.56

    Non tutti hanno la capacità di capire quando é il momento di andare in pensione.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Il lago Santo visto dal drone

Fotografia

Il lago Santo visto dal drone Foto

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO

Il rugby irrompe in scena. E arriva il "bello" Sergio Muniz

Serenate al balcone: i vicini protestano ma "Topolino" canta ancora

Napoli

Serenate al balcone: i vicini protestano ma "Topolino" canta ancora Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lavagna, la droga e il troppo amore

EDITORIALE

I figli, la droga e una mamma "condannata" per troppo amore

di Carlo Brugnoli

13commenti

Lealtrenotizie

Investe una donna in via Venezia e si dilegua: caccia all'auto

Parma

Investe una donna in via Venezia e si dilegua: caccia all'auto pirata

Il conducente si è fermato dopo l'incidente ma poi è ripartito: ora la polizia municipale lo cerca

Anteprima Gazzetta

Auto di lusso rubate e rivendute all'estero: 88 richieste di rinvio a giudizio Video

TG PARMA

Corniglio: un tir resta bloccato fra le case Video

Parma

"Spazio verde": quinto furto in tre anni Foto

Inchiesta

Tecnici Bonatti uccisi in Libia: rischio di processo per 6 persone

Convegno

Come cambiano il territorio e la sua economia: la presentazione di "Top 500" Foto

parmense

Commercialista dalla vita agiata ed evasore totale: incastrato dalla Finanza

2commenti

Trasporto pubblico

Con Busitalia tornerà Mauro Piazza: "I timori per il personale? Solo terrorismo"

13commenti

parma calcio

Parma, manca l'insostituibile Baraye: Scaglia in attacco? Video

Caritas

Parma, un «esercito» di poveri

2commenti

vigili

Sicurezza e giovani, Noè: "Nessun allarme" Video

Nel 2016 400 interventi del Nucleo antiviolenza per tutelare donne e minori

7commenti

Langhirano

Bimbo di due anni cade dalla finestra

1commento

RICERCA

Batteri resistenti agli antibiotici: l'Efsa lancia l'allarme

L'Italia è fra i Paesi più a rischio

il caso

Legionella, domani nuovo incontro pubblico alla Don Milani

1commento

Scuola

Iscrizioni: scientifico e tecnici, il «sorpasso»

langhirano

Camion ribaltato a Cascinapiano: Massese chiusa per due ore Foto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le deprimenti liti dei politici

7commenti

TV PARMA

Alle 21,15 debutta "Sembra Ieri": riscopriamo la Parma degli anni '80 Video

ITALIA/MONDO

Lampedusa

La spiaggia dei Conigli è la più bella d'Italia secondo Tripadvisor

MAFIA

Ucciso e dato in pasto ai maiali: 4 arresti nell'Ennese

SOCIETA'

modena

Travestito da water, era alla guida completamente ubriaco

3commenti

Fotografia

Scatti al bar per impersonare... la quotidianità

SPORT

RUGBY

Palazzani: "Sei Nazioni, un'emozione unica. Zebre: domenica c'è l'Ulster" Video

LEGA PRO

Parma-Samb 4-2:
il film del match Video

MOTORI

motori

Ecco Stelvio, il primo suv Alfa Romeo Video

SUPERCAR

Ferrari 812 Superfast,
la nuova berlinetta da 800 Cv