-3°

Spettacoli

Bob Dylan, menestrello a chi?

1

Bob Dylan, menestrello a chi?
dal nostro inviato
Francesco Monaco (Gazzetta 17-6)


Andrete a vedere Bob Dylan al Parco Ducale soprattutto per ascoltare «Like a rolling stone»? Potete stare tranquilli: la madre di tutte le canzoni rock compare regolarmente in ogni scaletta, come primo bis. Sperate di cantare in coro il ritornello di «Just like a woman»? Allora incrociate le dita, perchè la gemma più fulgida di «Blonde on blonde» trova posto spesso nella setlist, ma non sempre. Se invece il vostro sogno è che sotto il cielo di Parma risuonino le note di «Knockin' on heaven's door» accendete un cero perchè servirà un miracolo: la celeberrima ballata scritta per «Pat Garrett & Billy the Kid» finora non è mai stata eseguita nell'edizione 2010 del Never Ending Tour.
Ma la notizia più importante è un'altra e ha la priorità: a dispetto dei suoi 69 anni vissuti inafferrabilmente, Bob Dylan è in forma strepitosa. Energetico, sciamanico, teatrale, con un solco lungo il viso che sembra davvero un sorriso, colui che sempre più impropriamente ci ostiniamo a definire «menestrello» si concede al pubblico esattamente per quello che è (o noi crediamo che sia) oggi: la quintessenza del suo stesso mito, antologia vivente degli ultimi 50 anni di storia della musica popolare.
Lo show visto a Padova (al chiuso del nuovissimo Palasport anzichè all'Anfiteatro Camerini a causa delle previsioni meteo, anche se poi di «hard rain» ne è caduta solo dopo la mezzanotte) ha mostrato un Dylan perfettamente a suo agio nella parte del maestro di cerimonie, sorretto da una band robusta e vitale dove più ancora della pedal steel di Donnie Herron è la slide di Charlie Sexton - eccelso chitarrista di scuola «sudista» già con lui nel recente passato - il vero valore aggiunto: la voce di Dylan è cavernosa e piena di rughe, ma incide l'aria, i suoi assolo di armonica la lacerano, i suoi interventi all'organo la inondano di un groove quasi jazzistico (nel senso di attitudine all'improvvisazione) nell'interplay con Sexton e il batterista George Recile.
Il sound è quello degli ultimi dischi (da lui stesso prodotti sotto lo pseudonimo di Jack Frost), dove l'antica rabbia iconoclasta della svolta elettrica, l'irripetibile «suono selvaggio al mercurio» di «Blonde on blonde» e le atmosfere «paludose» dei suoi album con Daniel Lanois si sono fusi nell'intento (riuscito fin dove è possibile) di ridefinire le coordinate del rock americano del nuovo millennio di cui è ancora e sempre l'ispiratore principe.
Lungo pastrano nero con fila di bottoni dorati e risvolti rossi, cappello bianco a tesa piatta, in un'ora e quaranta Dylan ha pescato almeno un brano da tutti i suoi (tanti) album epocali, attaccando con «Leopard-skin pill-box hat» (altre volte il pezzo introduttivo è invece «Rainy day women #12 e 35») e marchiando subito a fuoco lo show: un rockblues potente e diretto che ha poi toccato i suoi punti più alti con una dilatata «The levee's gonna break» a tre chitarre (compresa la sua) e un'epocale versione di «Highway 61 revisited».Di «It's all over now, baby blue» e «Tangled up in blue» ha preso a schiaffi il ritornello, di «I'll be your baby tonight» ha offerto una robusta rivisitazione vagamente honky-tonk, di «Masters of war» ha regalato una versione sulfurea da brividi (caldi). In scaletta anche «I don't believe you», «Cold iron bounds» e «Under the red sky».E la dolcezza? Giusto un giro di valzer con «Workingman blues #2» (a dispetto del titolo). E la morbidezza? Appena il tempo di una versione reggae (!) di «Can't wait». Con «Thunder of the mountain» il boogie si scioglie in puro rock'n'roll: pubblico in visibilio, che con l'attacco inequivocabile di «Ballad of a thin man» corre ad accalcarsi sotto il palco. Ma è già tempo di bis: due superclassici del calibro di «Like a rolling stone» e di una devastante «All along the watchtower» (da tempo 'debitrice' alla mitica versione di Hendrix, ma non è una novità) inframmezzati dalla recentissima «Jolene», direttamente da «Together through life». Parole pronunciate tra un bis e l'altro? Quattro: «Thank you my friends» oltre alla canonica presentazione del suo quintetto. Ma senza quell'aria di sfida o di insofferenza che in anni passati rendevano i suoi concerti delle incognite: il Dylan visto a Padova è più di una certezza. Ieri ha replicato a Viareggio (oggi sapremo quante e quali canzoni ha cambiato) e domani sarà finalmente a Parma: varierà ancora la scaletta, ma con il repertorio che si ritrova, non è detto che sia un peccato.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • manlio

    19 Giugno @ 18.56

    Non tutti hanno la capacità di capire quando é il momento di andare in pensione.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Miriam Leone valletta a Sanremo

verso il festival

Miriam Leone valletta a Sanremo

Kim Kardashian divorzia?

Gossip

Kim Kardashian divorzia?

1commento

E' nato l'ottavo figlio di Mick Jagger

Mick Jagger

New York

E' nato l'ottavo figlio di Mick Jagger Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ristoranti - La Zagara

CHICHIBIO

Ristoranti - La Zagara: cucina, pizza e dolci di qualità

di Chichibio

Lealtrenotizie

terremoto

paura in mattinata

Scossa di terremoto nell'Appennino reggiano: 4.0

lega pro

Parma, sorriso finito: subito al lavoro per il Teramo Video

Colorno

451 anolini mangiati: è record Ultimo piatto: il video

vigili del fuoco

Garage in fiamme a Sissa

Paura

Spray al peperoncino in discoteca

Comune

Bilancio: ecco tutti gli interventi previsti nel 2017 assessorato per assessorato

1commento

reggiana-parma

Il derby...indossa la maglietta granata

Langhirano

Trovato il ladro con il machete

1commento

gazzareporter

Sacchi della spazzatura in piazzale Santa Rita Fotogallery

CAVALCAVIA

Via Mantova, presto un nuovo guard rail

3commenti

PEDEMONTANA

Allarme povertà, sussidi per 150 famiglie

1commento

LIBRO

Sopra Le Aspettative, la vita oltre la Sla

17a giornata

D'Aversa, buona la prima: 1-0 e 3 punti d'oro a Bolzano Guarda il gol - Fotogallery

Nocciolini: "Stesso Parma, ma con più grinta", Scavone: "Bene, ma la strada è lunga" (Video)Pacciani: "Vittoria sofferta ma meritata" (Videocommento) - D'Aversa: "Primo tempo sofferto, poi la squadra ha tenuto" (Video)Lega Pro, risultati e classifica (guarda)

3commenti

sudtirol-parma 0-1

D'Aversa: "Primo tempo sofferto, poi abbiamo tenuto bene" Video

incidente

Auto contro un palo a Soragna: 21enne ferito

WEEKEND

Natale nell'aria: dagli acrobati ai mercatini i 5 eventi imperdibili

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

2commenti

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

ITALIA/MONDO

giallo

Trovato cadavere a Roma, forse studentessa scomparsa

SPAZIO

Usa, è morto l'astronauta John Glenn

SOCIETA'

Londra

E' morto Greg Lake, la voce di Emerson, Lake and Palmer

STRAJE'

"Costretta" a fare ricerca all'estero. Il sogno di Maria Chiara: tornare a Parma Video

1commento

SPORT

Storie di ex

Fiorentina avanti in Europa grazie a Chiesa jr.

TG PARMA

I Corrado acquistano il Pisa. Giuseppe: "Sogno sfida col Parma in A" Video

MOTORI

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti

MOTORI

Suzuki, il grande ritorno di Ignis