22°

Spettacoli

Gianni Morandi: «Il mio affetto? Io ve lo canto»

Gianni Morandi: «Il mio affetto? Io ve lo canto»
Ricevi gratis le news
1

Vanni Buttasi


Il ragazzo di Monghidoro è sempre in splendida forma. Prima della «passeggiata» di dieci chilometri, Gianni Morandi racconta alla «Gazzetta», in anteprima, il suo spettacolo che farà tappa a Parma venerdì 13 e sabato 14 febbraio, alle 21, alle Fiere, al Teatro Tenda Lotto.  Il tour «Grazie a tutti» è infatti l'ennesimo successo per un cantante sempre adorato dal pubblico.
Gianni, perché «Grazie a tutti»?
«Ho deciso di fare un viaggio nei miei oltre quarant'anni di carriera: è stato un modo per ringraziare chi, oltre al pubblico che mi ha sempre seguito con affetto, è sempre stato vicino a me, come gli autori, i musicisti, i registi, i giornalisti. E' un grazie sincero ma non è definitivo».
Quaranta brani: tutto Morandi in una sera?
«La selezione è stata difficile, visto che ho inciso più di 500 brani. E questa scelta ricalca le due raccolte di successi, con triplo cd, che sono uscite negli ultimi mesi. Molti dei brani in scaletta sono inseriti in “Grazie a tutti” e alcune novità vengono da “Ancora... Grazie a tutti”. Ci sono tutti i titoli più importanti. Sarò da solo su un palcoscenico rotondo: è una formula in cui mi trovo a mio agio e che piace al pubblico, visto che sono già state 150 mila le persone che hanno visto lo show. Avrò un contatto diretto con gli spettatori per oltre due ore e mezza. Racconterò la mia carriera da quando vidi Domenico Modugno in tivù e mi venne la voglia di cantare. Inoltre, nel foyer del teatro tenda, ci sarà una mostra con le copertine dei miei 45 e 33 giri, alcune anche di provenienza straniera, e poi i manifesti e le locandine dei film che ho girato».
Ma c'è una canzone a cui sei particolarmente legato?
«La primissima. “Andavo a cento all'ora”, avevo 17 anni e pensavo che sarebbe stato l'unico disco, invece... E poi ricordo, con affetto, quando sulla Riviera Adriatica la ascoltai da un juke box: mi fece molto effetto».
Tu, come hai ricordato, hai avuto un grande successo da giovanissimo, poi hai vissuto un periodo di crisi, infine sei ritornato alla grande: perché il pubblico ti aveva abbandonato?
«Sicuramente la colpa non è stata del pubblico. Forse non avevo capito che il vento cambiava. Fu dato un colpo di spugna agli anni Sessanta - ora ritornati di moda - e mi ritrovai spiazzato. Sono stati dieci anni di crisi, in alcuni momenti ho pensato anche di cambiare lavoro. Poi quel periodo è finito e sono ripartito».
Quarant'anni fa con «Scende la pioggia» hai vinto «Canzonissima»: quali ricordi sono legati a questa canzone?
«Ricordo i duelli con Claudio Villa, che giunse secondo. Quella “Canzonissima” fu la più bella con Mina, Walter Chiari e Paolo Panelli. Avevo finito il servizio militare, mia moglie era incinta di Marianna e poi quella vittoria: insomma un periodo bellissimo. La rivalità con Claudio Villa metteva a confronto due generazioni: a lui piaceva la sfida e soprattutto gli piaceva combattere».
Parma è una città che ti ama e in cui ritorni spesso: perché?
«E' una città molto bella, in cui torno volentieri. Innumerevoli le volte in cui sono venuto a cantare, ricordo anche un'esibizione al teatro Ducale e infine quattro anni fa ho tenuto un concerto al palasport. E poi ci unisce l'amore per il calcio. Spesso sono venuto al Tardini: adesso stiamo soffrendo insieme. Spero che il Bologna rimanga in serie A e che il Parma ci raggiunga».
C'è un giovane che potrebbe essere il Morandi degli anni 2000?
«Tiziano Ferro, Giuliano Sangiorgi dei Negramaro e Cesare Cremonini».
Ti vedremo anche sul palco di Sanremo?
«Penso che andrò ad “aiutare” Pupo, Paolo Belli e Youssou N'dour. Il loro brano è un progetto che nasce attorno alla Nazionale cantanti. Un po' come accadde con “Si può dare di più”. In gara? Non avevo una canzone e poi ero in tour. E soprattutto ci sono già stato tante volte».
E uno spettacolo in televisione?
«Per ora non c'è nulla. Potrebbe essere ripreso dalle telecamere “Grazie a tutti”, ma non c'è nulla di concreto».
Infine parliamo del Morandi atleta: calciatore ma anche maratoneta?
«Rimane l'impegno con la Nazionale cantanti e soprattutto vorrei ritornare a fare quest'anno, per la quinta volta, la maratona di New York. Per restare sul palco due ore e mezza occorre fiato, per questo continuo ad allenarmi».
Così l'eterno ragazzo corre via verso un nuovo successo.


 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Alessandro

    09 Febbraio @ 12.23

    Largo ai giovani .

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Weinstein: Lory del Santo, osceno denunciare dopo vent'anni

Hollywood

Lory del Santo: "Weinstein, osceno denunciarlo dopo vent'anni"

Paolo Schianchi a Tu si que vales

Tú sí que vales

Le mani e le 49 corde di Paolo Schianchi incantano su Canale 5 Video

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo

COME FANTOZZI

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

L'ESPERTO

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

Lealtrenotizie

Tagliati gli alberi sul Lungoparma, protestano i residenti

PARMA

Tagliati gli alberi sul Lungoparma, protestano i residenti

9commenti

LUTTO

Addio a Angelo Tedeschi, l'ingegnere gentiluomo

Il caso

L'avvocato Mezzadri: «Quella volta che sparai a un ladro»

Carabinieri

In manette la primula rossa dell'eroina

1commento

BORGOTARO

«Troppi ragazzi ubriachi, è emergenza»

Economia

Rinnovato il contratto tra Number1 logistics Group e Barilla

"Obiettivi aziendali ma anche condivisione di valori"

TRASPORTI

Bus, il Tar invia la sentenza in procura e alla Corte dei conti 

«Aspetti singolari e conflitto d'interessi»

CONCORSO

Il gatto più bello di Parma: oggi alle 16 si chiude il gruppo 9

IL CASO

Parchi, bagni «vietati» ai disabili

BORGOTARO

Venturi: «Punto nascita, chiusura inevitabile»

1commento

IL SONDAGGIO

Parma, "nebbia" in campionato. Nel mirino dei tifosi lo staff tecnico

E' da rivedere per il 66% dei tifosi che hanno risposto al nostro sondaggio

1commento

Giardino

Parco Ducale: giù il muro su viale Piacenza

Stanziati 1.281.000 euro

4commenti

E' al Maggiore

Montecchio: malore mentre fa ginnastica, grave 15enne Video

monchio

Cade da una balza rocciosa: grave un cercatore di funghi 88enne

Gazzareporter

Oltretorrente, lezione di yoga in strada

Tra viale Vittoria e via Gulli

1commento

La storia

«I miei 41 anni da medico tra i monti del Nevianese»

3commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Austria, il populismo alla prova del governo

di Paolo Ferrandi

SCUOLA

Aimi: «Non usare i voti come punizioni»

ITALIA/MONDO

rapimento

Alfano: "Liberato in Nigeria don Maurizio Pallù"

OMICIDI

Morto il serial killer delle donne di Bolzano

SPORT

Moto

Marquez vuole tornare a vincere

serie b

Parma-Pescara: le pagelle dei crociati in dialetto

SOCIETA'

Ateneo

Dall'Università di Parma arriva l'auto elettrica da competizione

USA

California, cane-eroe resta col gregge, lo salva dal fuoco

1commento

MOTORI

ANTEPRIMA

Seat Arona: il nuovo Suv compatto in 5 mosse Fotogallery

LA NOVITA'

Kia Stonic, debutta il nuovo «urban crossover»