-2°

Spettacoli

Teatro Due, in scena i testi politici di Beckett e Pinter

Teatro Due, in scena i testi politici di Beckett e Pinter
0

L'ultima produzione della Fondazione Teatro Due che debutterà in prima nazionale il prossimo 13 febbraio alle 21, è una suite di brevi testi politici di S. Beckett e H. Pinter con la regia di Massimiliano Farau: "Catastrofe" di Samuel Beckett e   "Il bicchiere della staffa", "Il linguaggio della montagna", "Il nuovo ordine mondiale" di Harold Pinter. Si tratta di testi poco o per nulla rappresentati che, investendo temi quali la perdita dei diritti umani, l’oppressione politica, la tortura, sono particolarmente oggi di rinnovata attualità.

SCHEDA - Samuel Beckett -CATASTROFE -traduzione Carlo Fruttero e Franco Lucentini

Harold Pinter  -IL BICCHIERE DELLA STAFFA-IL LINGUAGGIO DELLA MONTAGNA-IL NUOVO ORDINE MONDIALE - traduzione Alessandra Serra

con Paolo Bocelli, Federica Bognetti, Cristina Cattellani, Laura Cleri, Paola De Crescenzo, Davide Lora, Massimiliano Sbarsi, Antonio Tintis, Nanni Tormen e con Lorenzo Ghirardi, Riccardo Monaco

scene Fabiana Di Marco- costumi Gianluca Falaschi - luci Pasquale Mari - suono Andrea Romanini - direzione Massimiliano Farau - produzione Fondazione Teatro Due

Nel contesto di una conversazione con il critico del New York Times Mel Gussow, Harold Pinter disse “Capisco l’interesse per me come autore, ma sono più interessato a me stesso come cittadino. Continuiamo a dire che viviamo in paesi liberi, ma sarebbe molto meglio se imparassimo a parlare liberamente e ad assumerci la responsabilità di dire esattamente quello che pensiamo”. Aperto sostenitore dei diritti civili e della lotta contro la repressione in tutti i paesi in cui veniva praticata, il premio Nobel per la letteratura, recentemente scomparso, ha esplicitato il suo pensiero politico nei tre brevi drammi Il bicchiere della staffa, Il linguaggio della montagna, Il nuovo ordine mondiale. Con la produzione di Fondazione Teatro Due il regista Massimiliano Farau li mette ora in scena insieme al grande atto unico, che funge da premessa ideale e simbolica, Catastrofe di Samuel Beckett, autore ammirato da Pinter per la sua straordinaria intelligenza politica.

Debutterà in prima nazionale il 13 febbraio alle 21 a Teatro Due questa suite di brevi drammi politici interpretata da Paolo Bocelli, Federica Bognetti, Cristina Cattellani, Laura Cleri, Paola De Crescenzo, Davide Lora, Massimiliano Sbarsi, Antonio Tintis, Nanni Tormen e con Lorenzo Ghirardi e Riccardo Monaco che si alternano nel ruolo di Nicky, scene di Fabiana Di Marco, costumi di Gianluca Falaschi e luci di Pasquale Mari. Le repliche proseguiranno fino al 4 marzo.

Sconvolgenti per la loro attualità, i drammi di Pinter e l’atto unico di Beckett, oltre al palese tema dell'oppressione politica, della minaccia e della tortura, scoprono qualcosa di più sottile e profondamente teatrale: la falsificazione dell'identità dell'altro nel rapporto dialogico, sino alla riduzione al silenzio, e l’umiliazione. Temi che giungono a perenne monito, anche in un momento pieno di ottimismo come questo in cui il neo presidente degli Stati Uniti Barak Obama con il suo rifiuto al ricorso alla tortura sembra aver riaperto la strada per il ritorno alla Costituzione; “Chi userà la forza contro la democrazia, sarà sconfitto” afferma Obama.
Premessa a questi tre brevi plays, è Catastrofe di Samuel Beckett, brevissimo e poderoso atto unico dove l’autore sceglie il mondo del teatro e le sue gerarchie come metafora di ogni genere di coercizione e umiliazione. Un regista e la sua assistente preparano un attore per la scena finale di un dramma. L’attore è completamente inerte; il suo corpo, affetto da un penoso processo degenerativo delle ossa e dei tessuti (è trucco di scena? È realtà?) si assoggetta senza resistenza alla meticolosa quanto spietata manipolazione. Catastrofe, commissionato a Samuel Beckett dal Festival di Avignone nel 1983, con il preciso scopo di sollecitare l’attenzione dei paesi occidentali sul caso di Vàclav Havel, che di lì a pochi anni sarebbe diventato presidente della Repubblica Ceca, ma che all’epoca era un intellettuale dissidente tenuto in carcere a Praga, è considerato da Pinter un esempio insuperabile di teatro politico. Il bicchiere della staffa, Il linguaggio della montagna, Il nuovo ordine mondiale, scritti da Pinter fra il 1985 e il 1991, condensano alcuni dei motivi ricorrenti del suo teatro più recente: la violenza sul dissenziente, l’uso della parola come strumento di intimidazione o di tortura, la manipolazione dell’altro attraverso una sistematica contraffazione del linguaggio.

Per usare le parole pronunciate da Horace Engdal, presidente dell’Accademia di Svezia, nel discorso che ha accompagnato la consegna a Pinter del premio Nobel per la letteratura nel 2005, con questi fulminanti atti unici il nostro autore “ci costringe ad entrare nei luoghi chiusi dell’oppressione”. Camere della tortura, misteriosi reclusori in cui corridoi segreti o asettiche sale colloquio diventano luoghi di sevizia psicologica: l’ambientazione è sempre imprecisata e possiamo immaginare lontani regimi dittatoriali, ma anche sentire che tutto ciò potrebbe avvenire dietro l’angolo o a casa nostra. Come ha scritto il critico Michael Billington, “Pinter è stato sempre ossessionato dal modo in cui usiamo il linguaggio per mascherare bisogni primari. La differenza nei sui testi più recenti consiste non solo nel fatto che essi si spostano nell’arena politica, ma che alla cortina fumogena della parola fanno da contrappunto immagini scioccanti e inquietanti di tortura, castigo e morte”.
Per informazioni e Biglietteria 0521/230242 biglietteria@teatrodue.org www.teatodue.org

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Mirante è il nuovo amore di Ludovica Valli?

Ex tronista

Mirante è il nuovo amore di Ludovica Valli?

"Butterfly", questa volta è un trionfo

Una scena della "Madama Butterfly" andata in scena ieri alla Scala

La Scala

"Butterfly", questa volta è un trionfo

Il Taro Taro  story al Marisol

Pgn

Il Taro Taro story al Marisol Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

rogo

allarme

Sterpaglie in fiamme, rogo a Ponte Italia

Attorno alle 22

SQUADRA MOBILE

Presi due spacciatori con la pistola

4commenti

Ospedale

Reparti soppressi, allarme al Maggiore

Sono cinque le strutture coinvolte: semeiotica, ortopedia, centro cefalee e due chirurgie. E arriva la replica dell'Ospedale

4commenti

Polizia municipale

Controlli a San Leonardo: 22 multe ad automobilisti, 2 a ciclisti non in regola

Controlli anche sui veicoli: fermate 2 auto senza assicurazione e 5 senza revisione

8commenti

Anteprima Gazzetta

Truffe, ecco come difendersi Video

Un'inchiesta di due pagine sulle truffe più frequenti

Guardia di Finanza

Incassa poco ma solo per il fisco: sequestrati beni a un evasore "seriale" di Sorbolo

3commenti

Parma Calcio

Il ds Faggiano si presenta: "Voglio un rapporto vero con la squadra" Video

1commento

Calcio

LegaPro: pari del Pordenone, Venezia primo

Guarda i risultati delle partite e la classifica aggiornata

Calestano

La lite per i confini dell'orto finisce a badilate: condannata intera famiglia

1commento

Incidente

E' ancora gravissimo il rugbista ventenne investito 

SONDAGGIO

La commessa più votata? E' Giorgia

2commenti

Parma

Nuovo percorso ciclabile fra la stazione, via Trento, via San Leonardo e via Paradigna Mappe

Ecco dove passerà la pista ciclabile

8commenti

Parma

Attentato incendiario nella sede dei sindacati di base Video

Rilievi della Scientifica in via Mattei

Alta Velocità

Italo aumenta i collegamenti di Parma con la stazione Mediopadana

3commenti

collecchio-noceto

Truffa-furto del finto soccorso stradale: nuove segnalazioni

2commenti

TRASPORTI

Nuovi autobus sulla linea 7. Più grandi e con il wi-fi

I dodici mezzi sono autosnodati, lunghi 18 metri e sono costati circa 3.5 milioni

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Renzi: perché ha perso, perché può rivincere

di Michele Brambilla

13commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

2commenti

ITALIA/MONDO

Governo

Renzi si è dimesso

PIACENZA

Sequestrate ville e auto a due famiglie rom

SOCIETA'

GIORNALISMO

Gramellini passa dalla Stampa al Corriere

dialetto

"Io parlo parmigiano" lancia un Lunäri... da Ufo Video

SPORT

Colombia

Disastro Chapecoense: primi arresti

promozione

Il Fidenza chiama Massimo Barbuti in panchina

CURIOSITA'  

Gazzareporter

Lavori in corso sul marciapiedi di viale Mariotti

Tg Parma

A Fidenza la pista di pattinaggio su ghiaccio più grande della provincia Video