-1°

14°

Spettacoli

Teatro Due, in scena i testi politici di Beckett e Pinter

Teatro Due, in scena i testi politici di Beckett e Pinter
0

L'ultima produzione della Fondazione Teatro Due che debutterà in prima nazionale il prossimo 13 febbraio alle 21, è una suite di brevi testi politici di S. Beckett e H. Pinter con la regia di Massimiliano Farau: "Catastrofe" di Samuel Beckett e   "Il bicchiere della staffa", "Il linguaggio della montagna", "Il nuovo ordine mondiale" di Harold Pinter. Si tratta di testi poco o per nulla rappresentati che, investendo temi quali la perdita dei diritti umani, l’oppressione politica, la tortura, sono particolarmente oggi di rinnovata attualità.

SCHEDA - Samuel Beckett -CATASTROFE -traduzione Carlo Fruttero e Franco Lucentini

Harold Pinter  -IL BICCHIERE DELLA STAFFA-IL LINGUAGGIO DELLA MONTAGNA-IL NUOVO ORDINE MONDIALE - traduzione Alessandra Serra

con Paolo Bocelli, Federica Bognetti, Cristina Cattellani, Laura Cleri, Paola De Crescenzo, Davide Lora, Massimiliano Sbarsi, Antonio Tintis, Nanni Tormen e con Lorenzo Ghirardi, Riccardo Monaco

scene Fabiana Di Marco- costumi Gianluca Falaschi - luci Pasquale Mari - suono Andrea Romanini - direzione Massimiliano Farau - produzione Fondazione Teatro Due

Nel contesto di una conversazione con il critico del New York Times Mel Gussow, Harold Pinter disse “Capisco l’interesse per me come autore, ma sono più interessato a me stesso come cittadino. Continuiamo a dire che viviamo in paesi liberi, ma sarebbe molto meglio se imparassimo a parlare liberamente e ad assumerci la responsabilità di dire esattamente quello che pensiamo”. Aperto sostenitore dei diritti civili e della lotta contro la repressione in tutti i paesi in cui veniva praticata, il premio Nobel per la letteratura, recentemente scomparso, ha esplicitato il suo pensiero politico nei tre brevi drammi Il bicchiere della staffa, Il linguaggio della montagna, Il nuovo ordine mondiale. Con la produzione di Fondazione Teatro Due il regista Massimiliano Farau li mette ora in scena insieme al grande atto unico, che funge da premessa ideale e simbolica, Catastrofe di Samuel Beckett, autore ammirato da Pinter per la sua straordinaria intelligenza politica.

Debutterà in prima nazionale il 13 febbraio alle 21 a Teatro Due questa suite di brevi drammi politici interpretata da Paolo Bocelli, Federica Bognetti, Cristina Cattellani, Laura Cleri, Paola De Crescenzo, Davide Lora, Massimiliano Sbarsi, Antonio Tintis, Nanni Tormen e con Lorenzo Ghirardi e Riccardo Monaco che si alternano nel ruolo di Nicky, scene di Fabiana Di Marco, costumi di Gianluca Falaschi e luci di Pasquale Mari. Le repliche proseguiranno fino al 4 marzo.

Sconvolgenti per la loro attualità, i drammi di Pinter e l’atto unico di Beckett, oltre al palese tema dell'oppressione politica, della minaccia e della tortura, scoprono qualcosa di più sottile e profondamente teatrale: la falsificazione dell'identità dell'altro nel rapporto dialogico, sino alla riduzione al silenzio, e l’umiliazione. Temi che giungono a perenne monito, anche in un momento pieno di ottimismo come questo in cui il neo presidente degli Stati Uniti Barak Obama con il suo rifiuto al ricorso alla tortura sembra aver riaperto la strada per il ritorno alla Costituzione; “Chi userà la forza contro la democrazia, sarà sconfitto” afferma Obama.
Premessa a questi tre brevi plays, è Catastrofe di Samuel Beckett, brevissimo e poderoso atto unico dove l’autore sceglie il mondo del teatro e le sue gerarchie come metafora di ogni genere di coercizione e umiliazione. Un regista e la sua assistente preparano un attore per la scena finale di un dramma. L’attore è completamente inerte; il suo corpo, affetto da un penoso processo degenerativo delle ossa e dei tessuti (è trucco di scena? È realtà?) si assoggetta senza resistenza alla meticolosa quanto spietata manipolazione. Catastrofe, commissionato a Samuel Beckett dal Festival di Avignone nel 1983, con il preciso scopo di sollecitare l’attenzione dei paesi occidentali sul caso di Vàclav Havel, che di lì a pochi anni sarebbe diventato presidente della Repubblica Ceca, ma che all’epoca era un intellettuale dissidente tenuto in carcere a Praga, è considerato da Pinter un esempio insuperabile di teatro politico. Il bicchiere della staffa, Il linguaggio della montagna, Il nuovo ordine mondiale, scritti da Pinter fra il 1985 e il 1991, condensano alcuni dei motivi ricorrenti del suo teatro più recente: la violenza sul dissenziente, l’uso della parola come strumento di intimidazione o di tortura, la manipolazione dell’altro attraverso una sistematica contraffazione del linguaggio.

Per usare le parole pronunciate da Horace Engdal, presidente dell’Accademia di Svezia, nel discorso che ha accompagnato la consegna a Pinter del premio Nobel per la letteratura nel 2005, con questi fulminanti atti unici il nostro autore “ci costringe ad entrare nei luoghi chiusi dell’oppressione”. Camere della tortura, misteriosi reclusori in cui corridoi segreti o asettiche sale colloquio diventano luoghi di sevizia psicologica: l’ambientazione è sempre imprecisata e possiamo immaginare lontani regimi dittatoriali, ma anche sentire che tutto ciò potrebbe avvenire dietro l’angolo o a casa nostra. Come ha scritto il critico Michael Billington, “Pinter è stato sempre ossessionato dal modo in cui usiamo il linguaggio per mascherare bisogni primari. La differenza nei sui testi più recenti consiste non solo nel fatto che essi si spostano nell’arena politica, ma che alla cortina fumogena della parola fanno da contrappunto immagini scioccanti e inquietanti di tortura, castigo e morte”.
Per informazioni e Biglietteria 0521/230242 biglietteria@teatrodue.org www.teatodue.org

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La La Land annunciato per errore miglior film, ma vince Moonlight

Hollywood

Gaffe agli Oscar: aperta un'inchiesta Tutti i premiati Foto

Addio al gigante di «Trono di Spade»

MORTO FINGLETON

Addio al gigante di «Trono di Spade»

Amici, la Celentano dà della grassa alla ballerina che si mette a piangere

Video

"Sei grassa" e la ballerina piange: polemica ad Amici

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Top500": la classifica

IMPRESE

Top500 Parma, ecco la classifica completa

Lealtrenotizie

Il controllo del territorio – attività del 2016

comune

Municipale, "attività positiva nel 2016, anche con 40 agenti in meno" Tutti i numeri

L'assessore Casa ha presentato, con i vertici dei vigili urbani i numeri e il bilancio degli interventi dello scorso anno

Parma

Altri due incidenti questa mattina: quattro schianti in poche ore

in mattinata

Scippa in bici l'iphone ad una ragazza in via Farini: caccia al ladro

comune

Dopo gli allagamenti: Duc, servizi ripristinati

ieri sera

Pauroso incidente in Tangenziale Ovest, auto si ribalta: una donna ferita Foto

1commento

crisi

Copador, settimana decisiva

Degrado

Un viaggio per strada del Traglione: un viaggio nel degrado

3commenti

comune

2200 anni della fondazione di Parma: ecco il logo di Franco Maria Ricci

questa mattina

Tamponamento in via Mantova: furgone nel fosso

gdf

Raccolta truffa per bimbi abbandonati: 60enne arrestato davanti al Maggiore

AUTOSTRADA

A1: chiuso il casello di Parma per cinque notti consecutive

SANITA'

Scabbia, l'esperto: «In aumento altre malattie infettive»

2commenti

VERDI MARATHON

Maratona: ancora (tanti) scatti dalla Bassa Gallery 1 - 2

CALCIO

Il Parma non si spreca

Borgotaro

No alla chiusura del Punto nascite

CARNEVALE

I costumi di Favalesi illuminano Venezia

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Quei politici allergici alla libertà di stampa

di Filiberto Molossi

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

11commenti

ITALIA/MONDO

FISCO

Nel 2016 oltre 450mila liti pendenti per 32 miliardi

AREZZO

18enne uccide il padre: "Era quello che dovevo fare"

SOCIETA'

IL CASO

Cappato (che rischia 12 anni di carcere): "Dj Fabo è morto"

4commenti

Cinema

E' morto l'attore Bill Paxton

SPORT

Ciclismo

Grave caduta per la giovane promessa Marco Landi

rugby

L'amarezza di Villagra: "Potevamo vincere" Video

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, la nostra pagella

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia