10°

24°

Spettacoli

Omaggio a Rostropovich

Omaggio a Rostropovich
Ricevi gratis le news
0

COMUNICATO STAMPA

 «Rostropovich dava l'impressione di essere immortale: la sua potenza musicale, la sua irruenza e il suo fascino assoluto esprimevano la grandezza di un grande uomo che ancora oggi non è celebrato e ricordato abbastanza». Così si esprime Natalia Gutman, la grande violoncellista russa che con la Filarmonica Arturo Toscanini renderà omaggio alla memoria di Mstislav Rostropovič a due anni dalla sua scomparsa e a 20 anni dalla sua storica esecuzione delle Suite di Bach sulle macerie del Muro di Berlino nel 1989.

Giovedì 12 febbraio alle ore 20,30 (con replica sabato 14 al Teatro Fraschini di Pavia) è infatti in programma un concerto sinfonico in suo onore all'Auditorium Paganini di Parma per la terza edizione di Nuove Atmosfere in cui la Filarmonica Arturo Toscanini sarà diretta dal giapponese Kazushi Ono, direttore musicale dell’Opéra di Lione, già vincitore del Concorso Arturo Toscanini. Ospite straordinaria della serata sarà la violoncellista russa Natalia Gutman, da molti considerata l’autentica erede di Rostropovich, con cui ebbe il privilegio di studiare al Conservatorio di Leningrado negli anni '60. La Gutman interpreterà uno dei brani più cari al leggendario violoncellista russo, la difficile Sinfonia Concertante in mi minore per violoncello e orchestra op. 125 di Sergej Prokof’ev, che l'autore scrisse nel 1952 (l’anno prima di morire) dedicandola proprio a Rostropovich, musicista di cui era grande amico. La partitura infatti conobbe la sua prima esecuzione in uno storico concerto il 18 febbraio del 1952 con un ventiquattrenne Mstislav Rostropovič al violoncello e con nientemeno che Svjatoslav Richter sul podio dell'Orchestra di Mosca. Fu quella l'unica occasione in cui il sommo pianista russo prese in mano la bacchetta di direttore. La complessa partitura è a sua volta una radicale rielaborazione del Concerto per violoncello e orchestra op. 58 risalente al 1938 che, nella sua prima stesura, non aveva ricevuto il gradimento del pubblico e degli esecutori. La versione per Rostropovich è invece una felice pagina intrisa di contrasti, in cui a momenti di intensa cantabilità si alternano sviluppi ritmici che richiedono un acceso virtuosismo. Interprete ideale per questa pagina sarà dunque Natalia Gutman, che il brano studiò intensamente con lo stesso Rostropovič. «Mi legava a lui un rapporto di amicizia e di stima reciproca – dice la Gutman –  un sentimento di ammirazione tanto profondo quanto intriso di pudore e di rispetto. Con lui non ebbi mai occasione di suonare questo pezzo che considero una delle pagine più complesse per il violoncello, però sotto la sua direzione ebbi la fortuna di suonare il Concerto di Dvořak e le Variazioni Rococò di Čiaikovskij a Washington, dove mi invitò più volte».

«Quando morì il 27 aprile di due anni fa – continua la Gutman – io mi trovavo a Santa Cecilia a Roma in prova nel doppio Concerto di Brahms che suonavo col mio primo figlio violinista Svjatoslav Morozov. Non posso esprimere quello che provai in quel momento: posso solo ricordare che, sconvolta, lasciai la prova, presi il primo volo per Mosca per salutarlo un'ultima volta e il giorno dopo dovetti tornare a Roma per onorare il concerto».

«La scomparsa di Rostropovich è equiparabile a quella di Svjatoslav Richter (avvenuta nel 1997, ndr) con cui ho fatto moltissima musica da camera: due giganti della musica che lasciano un vuoto assolutamente incolmabile. La cosa che più mi rattrista è che si è fatto poco e si sta facendo troppo poco per ricordarli. Per questo sono felice di suonare questo concerto a Parma in memoria di Rostropovich, e vorrei tanto riuscire a realizzare un intero ciclo di concerti in cui interpreto le musiche per lui composte».

«Quando nel 1989 cadde il Muro di Berlino – aggiunge Natalia Gutman – non mi colpì tanto il gesto di Rostropovich di imbracciare il violoncello, raggiungere Berlino e suonare sopra le macerie. Quanto la sua precisa scelta di suonare le Suite di Bach: cioè una musica assoluta. Come a dire che la musica di Bach univa i popoli, abbatteva le barriere. Indimenticabile. Una lezione per l'umanità».

Il concerto nella seconda parte vedrà Kazushi Ono interprete di un’altra famosa pagina sinfonica: la Sinfonia n. 1 in re maggiore “Titano” di Gustav Mahler, scritta tra il 1884 e il 1888, il cui sottotitolo fa riferimento ad un celebre racconto dello scrittore romantico tedesco Jean Paul. Kazushi Ono, che di Mahler è uno dei più interessanti interpreti di oggi (ricordiamo la sua magnifica incisione del 2003 della Sinfonia n. 2 “Resurrezione” per la Warner) avrà modo di esaltare l’esaltante orchestrazione di scrittura della Sinfonia "Titano" con la Filarmonica Toscanini, una delle più qualificate formazioni sinfoniche oggi in circolazione.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Ricoverato Sobral, vincitore Eurovision 2017

Eurovision 2017

Salvador Sobral ricoverato in gravi condizioni

Tutto pronto per gli Stones a Lucca. Mozzarella compresa Le set list del tour

L'evento

Tutto pronto per gli Stones a Lucca. Mozzarella compresa Le set list del tour

Orietta Berti batte il Fisco: l’Irap le sarà rimborsata dal 1998

MONTECCHIO

Orietta Berti vince sul Fisco: le sarà restituita l'Irap pagata negli ultimi 19 anni

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Bagno Gelosia», il pesce secondo tradizione

Ristorante Bagno Gelosia

CHICHIBIO

«Bagno Gelosia», il pesce secondo tradizione

Lealtrenotizie

Villa Alba, nuova perizia su una morte sospetta

PROCESSO

Villa Alba, nuova perizia su una morte sospetta

Dramma

Sfrattato, si toglie la vita

4commenti

ROCCABIANCA

Ponte sul Po, prima i disagi ora gli incidenti

Università

Mercoledì 27 si vota per il nuovo rettore: dove e come

in serata

Fiamme tra Parola e Sanguinaro: alta colonna di fumo, spente le fiamme

FRODE

Wally Bonvicini parla e si difende

TORRECHIARA

Il mistero della settima porta

PARMA

Finti poliziotti picchiano e rapinano prostitute in via Emilia Ovest

Gli agenti delle Volanti sono stati contattati da una "unità di strada anti-tratta"

4commenti

in serata

Rapina con coltello nella farmacia di via Trieste: due ladri in fuga

1commento

Ritratto

I They, la famiglia del volley

anteprima gazzetta

Caso Villa Alba: nuovi sospetti

FORNOVO

Bertoli, il chimico che sapeva tutto sul petrolio

Anticipi/posticipi

Parma-Avellino domenica 29 ottobre Il calendario fino alla 13a

1commento

I prossimi avversari

Non solo ottimismo in laguna: "Parma, nuova rivalità"

2commenti

Crocetta

Insegue due ladri e viene preso a pugni

11commenti

arezzo

Furto di una collana d'oro, auto affittata a Parma. 27enne nei guai

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

GAZZAFUN

Dalla margherita alla "frutti di mare": vota le 10 pizze più buone

EDITORIALE

Migranti e tensioni, i fronti parmigiani

di Francesco Bandini

5commenti

ITALIA/MONDO

Francia

E' morta Liliane Bettencourt, lady L’Oreal: la donna più ricca del mondo aveva 94 anni

legge elettorale

Presentato il Rosatellum bis. Come funziona Video

SPORT

Aragon

Vale "idoneo", sarà in pista. L'arrivo in stampelle Video

STATI UNITI

E' morto il pugile Jake La Motta, "Toro Scatenato"

SOCIETA'

famiglia

I nuovi padri: se ne parla al Wopa

fotografia

Gazzareporter "Vacanze": vince un romantico paesaggio

MOTORI

auto&moda

Jaguar E-Pace, Debutto con Palm Angels Fotogallery

IL DEBUTTO

Nuova Suzuki Swift, nel weekend il porte aperte