18°

Spettacoli

Lirica: due buone voci non bastano a «Lucia»

Lirica: due buone voci non bastano a «Lucia»
0

Gian Paolo Minardi


Quando le ombre trapelanti dal velario abbrunato, sui suoni ferali del preludio, si svelavano es-
sere quelle di un impettito drappello di militari in divisa moderna - istintivo il pensiero ad una squadra di cadetti dell’Accademia di Modena - pareva giustificato un certo disorientamento, sospinto dall’interrogativo su quali strade immaginarie avremmo seguito la tragica vicenda di questa «Lucia» (ancora al Regio oggi alle 17 e in successive recite fino al primo marzo, ndr). Ma subito a frenare il timore subentrava la familiarità, ormai acquisita anche dal nostro pubblico (anche se in parte smentita dall’applausometro finale, quando alla ribalta è apparso il regista), con il cosiddetto «teatro di regia», con quell' approccio registico tendenzialmente erratico, portato ad aggirare una più diretta corrispondenza con il percorso musicale, per esplorare invece ragioni più segrete, più ipotetiche, a tentare anche corrispondenze più o meno pretestuose nell’attualità; da cui, quasi sempre, l’aggiornamento dei costumi secondo una moda più vicina a noi.
Come avviene, appunto, anche in questa lettura scenica di Denis Krief, un regista ammirato per la cifra originale che solitamente imprime alle sue rivisitazioni, fondendo il clima emotivo dell’opera e la sua ambientazione entro la stretta di una sintesi geometrica, concepita sempre con una ben riconoscibile cultura dello spazio mentre il ritmo narrativo viene ricomposto attraverso interventi drastici, provocatori anche, intenzionalmente contrastanti con il ben diverso filtro da cui muovono le suggestioni musicali.
Divaricazione ben percepibile nel caso di questa «Lucia» dove sembra annullata quella ambientazione scozzese, già romanticamente immaginata da Scott, che Donizetti riverbera in quella «tinta» così particolare, distillato di un incrocio di movenze diverse, anche convenzionali (certi rossinismi) - la situazione del nostro melodramma di quegli anni Trenta - avvolgendo la vicenda entro un alone di dolente patetismo, dal quale emerge come un miracolo il segno incantato e tragico di una melodia unica per la sua bellezza trafittiva, inconfondibile.  Motivo oltremodo stimolante per il regista quello centrale di «Lucia», ossia la pazzia, quindi lo sdoppiamento tra l’incombenza del reale e la fuga nel sogno, trapasso che Krief ha reso teatralmente senz'altro efficace grazie al tramite di quel velo scuro, calato a separare i due mondi, a proteggere la tragica protagonista, prigioniera della sua visionarietà. E pure efficace quella specie di morsa geometrica, scandita con ineluttabile fatalità, a stringere la scena, percorsa da livide luci, come sempre attento risultava il lavoro del regista sui personaggi. Troppo invadente, invece, la pressione simbolica, sia nella evocazione lirica - quel mare così presente da disturbare l’abbandono musicale - che nella declinazione grottesca (quei soldatini!).
Eccedenze registiche la cui pretenziosità è stata resa ancor più evidente da una temperie musicale non propriamente coinvolgente. La direzione di Stefano Ranzani si è mossa, infatti, quasi sempre rasoterra, senza mai prendere il volo, tesa soprattutto a far quadrare i conti (si fa per dire), da ciò la sensazione di piattezza e di grigiore che si poteva percepire da un’orchestra poco concentrata come pure dallo stesso coro, rispetto alle recenti, felici prove apparso più opaco. Ma i conti da far quadrare toccavano in particolare il versante vocale, evidentemente troppo disorganico e la prova del nove, ineludibile, era data dal Sestetto, arco di volta dell’opera, vanificato nella sua mirabile circolarità dai troppo evidenti squilibrii timbrici. Senz'altro molto riconoscibili i meriti di Désirée Rancatore nell’arduo ruolo protagonistico: cesella con mano fine e sensibile gli intarsi virtuosistici, gestendo con sapienza l’area proibita dei sovracuti, ma illumina soltanto una parte del volto di Lucia, quello ingenuamente trasognato, non trasmettendone gli strazi e la passione che Donizetti affida pure a questo raro personaggio; pareva insomma aleggiare ancora l’ombra di Olympia, l’hoffmanniana bambola meccanica di cui la Rancatore ha offerto un’interpretazione eccellente.
Nitido il profilo di Edgardo disegnato da Stefano Secco, ardimentoso nel gestire le tante difficoltà della parte, fino alle insidie del 'passaggio' di «O bell'alma innamorata» (dove cadde Pavarotti, alla Scala); purtroppo l’asciuttezza del timbro, povero di armonici («nomen omen»?) lo privava di quelle morbidezze e di quel trascolorare emozionale che ne fanno un appassionato personaggio romantico. Un troppo ruvido Enrico (Gabriele Viviani), un impacciato Raimondo (Carlo Cigni), un fragile Arturo (Francesco Marsiglia), un rigido Normanno (Angelo Villari) completavano, insieme a Grazia Gira (Alisa) un quadro, si è detto, piuttosto scompensato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Kim Kardashian ha la cellulite": è bufera, 100mila fan la abbandonano

gossip

"Kim Kardashian ha la cellulite": è bufera, 100mila fan la abbandonano Foto

caclio donne

spagna

Le ragazze che fanno la storia: hanno stravinto il campionato dei maschi

I Soul System, vincitori di X-Factor, a Radio Parma e stasera al Campus Industry

INTERVISTA

Cantano i Soul System, da X-Factor a... Radio Parma Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Le scalette", il gusto dolce della carne e del pesce

CHICHIBIO

"Le scalette", il gusto dolce della carne e del pesce

di Chichibio

4commenti

Lealtrenotizie

Schianto contro un camion: gravissimo un motociclista

traversetolo

Pauroso schianto contro un camion: muore un motociclista 42enne 

Il 42enne Andrea Ardenti Morini vittima di un incidente sulla strada per Neviano Video

1commento

tg parma

50enne scomparso a Diolo: continuano le ricerche ma cresce la paura

soragna

Paura a Diolo: incidente, auto nel fosso

Fidenza

Anestesista muore a 37 anni

Interrogazione

Jella latitante (e sorridente su Fb): il caso in Parlamento

1commento

raduno

500 Miles...un fiume di Harley Davidson a Parma Gallery

storie di ex

Ancelotti Re d'Europa: scudetto anche in Germania (col Bayern)

lavoro

Occupazione: Bolzano è regina (73%), Parma è quinta (68,7%)

agenda

Street food, primavera in tavola e... tattoo: l'agenda del sabato

domenica

Primarie del Pd: istruzioni per poter votare

Dalle 8 alle 20

tg parma

Forza Italia e Fratelli d'Italia: Vaccaro e Bocchi capolista

Allarme

Un'altra truffa del gas, occhio ai falsi lettori di contatori

polizia

"C'è un'auto sospetta": era rubata e carica di arnesi da scasso

Noceto

Noceto senza tangenziale, Fecci alza il tiro

Trasporto pubblico

Addio Tep: i prossimi 9 anni saranno targati Busitalia

Tep ha 30 giorni per un eventuale ricorso al tribunale amministrativo

12commenti

Viabilità

Troppi camion in paese, allarme a Vicofertile

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Vale di più un morto o 100 morti?

EDITORIALE

Gli assassini impuniti e lo Stato impotente

di Paola Guatelli

1commento

ITALIA/MONDO

tunisia-Italia

Strage di Berlino: la salma di Amri custodita (e rimpatriata?) a spese dell'Italia

Mistero

18enne di Genova trovata morta nella sua casa a Londra. Scotland Yard indaga

WEEKEND

meteo

Weekend col sole. Ma il 1° maggio è "ballerino" Le previsioni

il disco

Caravan, i 45 anni di Waterloo Lily

SPORT

storie di ex

Buffon: "Volevo ritirarmi, Agnelli mi ha fatto ripensare"

Calciomercato

Galliani lascia il calcio e cambia vita

MOTORI

IL TEST

Al volante di Infiniti QX30. Ecco come va Foto

GOLF E UP!

Volkswagen, niente Iva sulle elettriche

1commento