-5°

Spettacoli

Go Gary Go: la "spalla" che viaggia da star

Go Gary Go: la "spalla" che viaggia da star
0

di Emiliano Aimi

Ascoltare il concerto promozionale di un cantante giovane e semisconosciuto è sempre un terno al lotto. Soprattutto nell'universo della musica pop, in cui spesso e volentieri il successo di un artista si basa sull'”obbligo” dell'ascolto esasperato del singolo di turno. La frase più ricorrente tra il pubblico di un concerto pop è: “Sì, bravo, ma quand'è che fa il pezzo che va in radio?”. La cosa più bella è assistere alle rare occasioni in cui accade l'esatto contrario.

Gary Go è un ragazzo di Londra, al secolo Gary Baker. E' uno degli artisti sui quali la storica casa di produzione di musica classica Decca sta basando il proprio approdo nel pop sotto l'egida di Universal Music. Se Morrissey rappresenta la sicurezza per Decca, questo ragazzo dalla faccia pulita è la scommessa. Il suo singolo “Wonderful” è già al venticinquesimo posto nelle charts inglesi e la sua tournée promozionale in appoggio ai The Script sta riscuotendo consensi su consensi. Gray Go sta lì, nella miglior tradizione del pop britannico. Cattura le esperienze e le rielabora. E' sempre bello fare il gioco delle analogie. Sono tre quelle che vengono in mente al primo ascolto: l'atmosfera di tastiere dei Keane, la ritmica e la melodia trascinante dei Coldplay e i riff di chitarra e l'impatto dal vivo degli U2 anni '90. Anche se, al di fuori del gioco delle analogie, quello che più balza all'occhio è la personalità di Gary Go.

Ai Magazzini Generali venerdì 27 febbraio la sua unica data italiana. Faccia pulita, capelli a spazzola, elegante e smilzo, sale quasi timido sul palco. Si sistema dietro alle tastiere, saluta il pubblico che ovviamente, in attesa degli headliner, lo guarda con un po' di scetticismo. Poi si trasforma. Aggredisce la tastiera, si piega leggermente a sinistra e in avanti verso il microfono. E il pubblico ammutolisce. Al secondo pezzo Gary Go è già coperto dagli applausi. Quello che doveva essere l'animale in pasto ai fans dei The Script prende in mano la situazione e riesce nell'impresa di esaltare la platea di un concerto pop con pezzi sconosciuti. Lui alle tastiere e voce, accompagnato da chitarra, basso, batteria e interventi di tromba. Guarda il pubblico, lo affronta, lo incita, lo carica. Il ragazzo dalle buone maniere ha grinta da vendere. E una voce da artista navigato.

Il breve concerto è un crescendo che si chiude col singolo “Wonderful”, un pop easy listening col ritornello che si pianta nella testa e con la dolce “Heart and Soul”. All'interno tante canzoni orecchiabili e ben arrangiate e due acuti. A un certo punto il ragazzo fa: "Now I try to sing it in italian" e parte con “So So”, che diventa “Così Così” grazie a una traduzione fatta a braccio. Un po' gioco, un po' parodia. Comunque divertente. E al suo: "How my italian was?" il pubblico lancia urli di approvazione. Il secondo acuto è “Open Arms”, indubbiamente il capolavoro di Gary Go alla fine del quale la platea è senza parole. Ben scritta dal giovane londinese, arrangiata alla grande e specchio perfetto delle ispirazioni sovracitate. Belle le immagini del testo, riff di chitarra e sezione ritmica che portano letteralmente vivo, inciso che continua a risuonare per ore. Alla fine la delusione per la chiusura rapida dell'esibizione di Gary è pari, se non superiore, all'emozione per l'attesa dell'arrivo dei The Script.
"Li hai conquistati" sembrano dire gli occhi degli addetti ai lavori mentre il ragazzo saluta il pubblico e scende dal palco.

Nel Regno Unito quella di Gary Go sembra ora una discesa, tanto che aprirà il prossimo tour dei Take That. Presto arriverà in Italia con il singolo “Wonderful” e il nuovo album previsto per giugno. L'epoca d'oro del brit pop ci proporrà questo artista che sembra capace davvero di unire la semplicità e l'immediatezza tipici di questo stile con scrittura e arrangiamenti di livello. Farà strada, sembra. Quel che è sicuro è che sentiremo presto, forse con il bombardamento tipico dei singoli pop, il nome di Gary Go.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

pgn feste

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

2commenti

"Cold Chairs": un inno alla vita"!

musica

Bataclan, da Collecchio l'omaggio dei "The Lemon Flavour" Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

La morte di Filippo

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

TESTIMONIANZA

«Preso a calci e pugni per divertimento»

5commenti

LEGA PRO

Parma-Santarcangelo: Frattali debutta nella porta crociata

Weekend

Una domenica tra musica e fuoristrada: l'agenda

Protezione civile

I volontari parmigiani al lavoro nelle Marche

La storia

Rocco e Giulia, salumieri a Innsbruck

1commento

elezioni

Pizzarotti, è ufficiale: "Mi ricandido" Video . Dall'Olio si ritira: "Sostengo Scarpa"

23commenti

graffiti

Il sottopasso dello Stradone? Galleria di street art Foto

GRANDE FIUME

Il Po in secca? Attrazione per i turisti

1commento

PEDEMONTANA

Polizia municipale, multe in aumento

2commenti

bedonia

Violenze sul padre per anni, arrestato un 40enne Video

IL CASO

Vigili, la Fabbri si scusa con Bonsu e lo risarcisce

Lettera al giovane ghanese, che riceverà 20mila euro

Langhirano

Filippo, le lacrime e il colore dei ricordi sulla bara bianca

2commenti

commozione

Langhiranese: un minuto di silenzio per Filippo Video

commemorazione

Il liceo Bertolucci si prende per mano: "Ciao Filippo"

Polemica

«Sulla legionella ci hanno preso in giro»

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

tragedia

Rigopiano: soccorsi senza sosta, ma le speranze sono deboli

incidente

Bus ungherese, il console: "I due figli del prof 'eroe' sono morti"

WEEKEND

LA PEPPA CONSIGLIA

La ricetta - Pasticcio di patate formaggi e verdure

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

SPORT

sport

Il Coni premia i suoi campioni parmigiani: le foto

Sport Invernali

Il cielo è azzurro a Kitzbühel: Paris fa l'impresa

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto