13°

30°

Spettacoli

Stanley Kubrick: il "monolito" fa ancora parlare di sé

Stanley Kubrick: il "monolito" fa ancora parlare di sé
0

A dieci anni esatti dalla morte (il 7 marzo 1999), il cinema di Stanley Kubrick rimane un perfetto enigma, una scacchiera perfetta, segnata dalle traiettorie dei suoi film, delle sue idee, delle sue manie, come il levigato monolite di 2001:Odissea nello spazio, perfettamente inconoscibile nella sua totale, familiare estraneità al mondo degli umani.
Nel 1949 diresse il suo primo film, il cortometraggio sul pugilato Days of fight e affidò alla rivista Look (per cui lavorava come fotografo) il suo più inquietante e celebre autoritratto; nel 1959 scoprì il successo e le asprezze di Hollywood dirigendo Spartacus per volere dell’attore e produttore Kirk Douglas che lo aveva apprezzato in Orizzonti di gloria; nel 1969 si mise a lavorare sul suo progetto più famoso e controverso, Arancia meccanica; dieci anni dopo avviò la produzione di Shining (dal romanzo di Stephen King); nel 1999 infine lasciò come testamento il suo incompiuto Eyes Wide Shut (da 'Doppio sogno' di Schnitzler) che sarebbe stato distribuito nello stesso anno grazie all’intervento di Steven Spielberg, chiamato a firmare l’ultima fase del montaggio sulle indicazioni lasciate dallo stesso Kubrick.
 Era nato nel Bronx il 28 luglio del 1928 da genitori ebrei fuggiti dall’Austria in seguito alla prima guerra mondiale. Resta leggendario il suo esordio: un cortometraggio costato 3900 dollari e rivenduto alla Rko per 100 dollari in più. Con Orizzonti di gloria (1957) corre per l’Oscar e lo impone a Hollywood ma, dopo l’esperienza di Spartacus, Kubrick lascia per sempre, a sorpresa, l’America, stabilendosi in Inghilterra dove rimarrà fino alla morte. Non è mai stata chiarita la ragione di questo drastico e inaspettato ritorno all’Europa. Da un lato lo colpì profondamente il clima oscurantista dell’America di McCarthy; dall’altro scelse di ribellarsi al sistema degli Studios, affermando un’indipendenza creativa ed economica che obbligava ogni volta i dirigenti della Warner Bros (la casa di produzione a cui rimase sempre legato) a accettare sempre le sue condizioni. Questa libertà creativa discendeva dalla regola che si era imposto fin dagli esordi: realizzare le proprie idee solo quando era convinto che avrebbero avuto successo: abbandonò idee molto care (una biografia di Napoleone, un racconto della Shoah) quando si convinse che il pubblico le avrebbe trascurate.
La sua storia personale è molto meno emozionante di quella artistica, ben riassunta nella grande mostra itinerante che proprio in Italia – a Roma, nel 2007 – registrò il record di presenze con ben 160.000 visitatori: tre mogli, due divorzi e una lunga vita felice con l’ultima, la pittrice Christiane, che aveva conosciuto sul set di Orizzonti di gloria e da cui avrebbe avuto tre figli. Rinchiuso nella sua grande casa di campagna (dove è oggi sepolto) Kubrick trascorreva le giornate tra la sala di lettura, quella di proiezione, il suo laboratorio.
10 anni dopo la sua scomparsa (per molti non è mai morto), fiumi d’inchiostro hanno illustrato ogni aspetto della sua opera: lo scontro nell’essere umano tra apollineo e dionisiaco rivisitando la parte migliore e più attuale del magistero di Nietzsche; la passione per il cinema dei generi (stimava Kazan come il massimo regista americano di tutti i tempi); il desiderio di chiarire le pieghe dell’inconscio che lo spingeva a ritenere Kieslowski, Bergman e Fellini i massimi artisti nella storia del cinema; l’idea che il cinema dovrebbe assomigliare alla musica più che al teatro. Ma è necessario affiancare a questo teoria anche la passione di Kubrick per l’oggettività, per la tecnica. Senza questo aspetto non si comprenderebbe l'inesausto e spettacolare lavoro sulla luce e la profondità di campo (da 2001 Odissea nello spazio a Barry Lindon).
Non c'è un film, tra i 13 diretti in vita (più tre cortometraggi) che non stia nelle classifiche dei titoli più amati e celebrati di ogni tempo: a volte vinse lo scandalo (Stranamore, Lolita, Arancia meccanica), altre lo spettacolo (Spartacus, Shining); a volte la denuncia (Orizzonti di gloria,  Full metal jacket); altre ancora l’invenzione d’autore (2001 odissea nello spazio) o il genere (Rapina a mano armata, Spartacus), o la matrice letteraria rivisitata (Barry Lindon e Eyes Wide Shut), ma sempre trionfa un’inventiva che stravolge i canoni della narrazione e della visione. «Non c'è un’idea che possa essere pensata – diceva – e che non possa diventare un film».

 

 


 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Scarpe a forma di piccione ... follie giapponesi

pazzo mondo

La signora con le scarpe a forma di piccione: dal Giappone al giro del web video

Il rock piange anche Gregg Allman

Gregg Allman

musica

Il rock piange anche Gregg Allman

 Amici, vince il ballerino Andreas Foto Video

tv

Amici, vince il ballerino Andreas Foto Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Le cantine Garrone, ultimo baluardo

IL VINO

Le cantine Garrone, ultimo baluardo

di Andrea Grignaffini

Lealtrenotizie

Incendio deposito carta supermercato IN'S viale fratti

PARMA

A fuoco deposito di carta e campana del vetro: due incendi in viale Fratti e via Trieste

berceto

Scontro tra moto sulla strada del Cento Croci: cadono in tre

INCIDENTE

E' morta l'anziana investita in via Pellico

sorbolo

L'ultimo binario dell'idiozia: dopo le auto, fingono di finire sotto il treno

1commento

Weekend

Street food, bancarelle e vino: l'agenda della domenica

truffa

Falso avvocato raggirava immigrati tra Parma e Reggio: denunciato

COLLECCHIO

Auto danneggiate e un computer rubato nel parcheggio dell'EgoVillage

FESTE

La serata di Bob Sinclar alla Villa degli Angeli Foto

Intervista

Bob Sinclar: «Grazie Parma»

Pasimafi

Liberi Ugo e Marcello Grondelli

PARMA

Gag, solidarietà e... abbracci gratis: i clown di corsia in piazza Garibaldi Foto

Roncole Verdi

Il caso di don Gregorio fa discutere

PILOTTA

Chiude l'anno luigino: la memoria in tre libri

salso

Terme, via libera alla liquidazione

MEDESANO

Furto al cimitero, rubato un borsello da un'auto

iren

Traversetolo, guasto all'acquedotto: possibile mancanza di acqua

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

5commenti

EDITORIALE

Miss Italia, Salso saprà ricominciare?

di Leonardo Sozzi

ITALIA/MONDO

ravenna

Blue Whale: la Polizia "salva" una studentessa di 14 anni

gran bretagna

Computer in tilt, aerei della British Airways ancora a terra

WEEKEND

LA PEPPA

La ricetta - Verdure farcite per l’estate

il disco 

Ha un'anima il Robot di Alan Parsons

SPORT

FORMULA UNO

Doppietta Ferrari dopo 16 anni a Montecarlo. Gelo tra Vettel e Raikkonen

Montecarlo

La doppietta Ferrari è di quelle pesanti. Hamilton è il vero sconfitto (ma anche Raikkonen...)

MOTORI

motori

BMW Serie 8, a Villa d'Este il concept della futura generazione

il test

Nuovo Discovery, in missione per conto di Land Rover