-1°

Spettacoli

Stanley Kubrick: il "monolito" fa ancora parlare di sé

Stanley Kubrick: il "monolito" fa ancora parlare di sé
0

A dieci anni esatti dalla morte (il 7 marzo 1999), il cinema di Stanley Kubrick rimane un perfetto enigma, una scacchiera perfetta, segnata dalle traiettorie dei suoi film, delle sue idee, delle sue manie, come il levigato monolite di 2001:Odissea nello spazio, perfettamente inconoscibile nella sua totale, familiare estraneità al mondo degli umani.
Nel 1949 diresse il suo primo film, il cortometraggio sul pugilato Days of fight e affidò alla rivista Look (per cui lavorava come fotografo) il suo più inquietante e celebre autoritratto; nel 1959 scoprì il successo e le asprezze di Hollywood dirigendo Spartacus per volere dell’attore e produttore Kirk Douglas che lo aveva apprezzato in Orizzonti di gloria; nel 1969 si mise a lavorare sul suo progetto più famoso e controverso, Arancia meccanica; dieci anni dopo avviò la produzione di Shining (dal romanzo di Stephen King); nel 1999 infine lasciò come testamento il suo incompiuto Eyes Wide Shut (da 'Doppio sogno' di Schnitzler) che sarebbe stato distribuito nello stesso anno grazie all’intervento di Steven Spielberg, chiamato a firmare l’ultima fase del montaggio sulle indicazioni lasciate dallo stesso Kubrick.
 Era nato nel Bronx il 28 luglio del 1928 da genitori ebrei fuggiti dall’Austria in seguito alla prima guerra mondiale. Resta leggendario il suo esordio: un cortometraggio costato 3900 dollari e rivenduto alla Rko per 100 dollari in più. Con Orizzonti di gloria (1957) corre per l’Oscar e lo impone a Hollywood ma, dopo l’esperienza di Spartacus, Kubrick lascia per sempre, a sorpresa, l’America, stabilendosi in Inghilterra dove rimarrà fino alla morte. Non è mai stata chiarita la ragione di questo drastico e inaspettato ritorno all’Europa. Da un lato lo colpì profondamente il clima oscurantista dell’America di McCarthy; dall’altro scelse di ribellarsi al sistema degli Studios, affermando un’indipendenza creativa ed economica che obbligava ogni volta i dirigenti della Warner Bros (la casa di produzione a cui rimase sempre legato) a accettare sempre le sue condizioni. Questa libertà creativa discendeva dalla regola che si era imposto fin dagli esordi: realizzare le proprie idee solo quando era convinto che avrebbero avuto successo: abbandonò idee molto care (una biografia di Napoleone, un racconto della Shoah) quando si convinse che il pubblico le avrebbe trascurate.
La sua storia personale è molto meno emozionante di quella artistica, ben riassunta nella grande mostra itinerante che proprio in Italia – a Roma, nel 2007 – registrò il record di presenze con ben 160.000 visitatori: tre mogli, due divorzi e una lunga vita felice con l’ultima, la pittrice Christiane, che aveva conosciuto sul set di Orizzonti di gloria e da cui avrebbe avuto tre figli. Rinchiuso nella sua grande casa di campagna (dove è oggi sepolto) Kubrick trascorreva le giornate tra la sala di lettura, quella di proiezione, il suo laboratorio.
10 anni dopo la sua scomparsa (per molti non è mai morto), fiumi d’inchiostro hanno illustrato ogni aspetto della sua opera: lo scontro nell’essere umano tra apollineo e dionisiaco rivisitando la parte migliore e più attuale del magistero di Nietzsche; la passione per il cinema dei generi (stimava Kazan come il massimo regista americano di tutti i tempi); il desiderio di chiarire le pieghe dell’inconscio che lo spingeva a ritenere Kieslowski, Bergman e Fellini i massimi artisti nella storia del cinema; l’idea che il cinema dovrebbe assomigliare alla musica più che al teatro. Ma è necessario affiancare a questo teoria anche la passione di Kubrick per l’oggettività, per la tecnica. Senza questo aspetto non si comprenderebbe l'inesausto e spettacolare lavoro sulla luce e la profondità di campo (da 2001 Odissea nello spazio a Barry Lindon).
Non c'è un film, tra i 13 diretti in vita (più tre cortometraggi) che non stia nelle classifiche dei titoli più amati e celebrati di ogni tempo: a volte vinse lo scandalo (Stranamore, Lolita, Arancia meccanica), altre lo spettacolo (Spartacus, Shining); a volte la denuncia (Orizzonti di gloria,  Full metal jacket); altre ancora l’invenzione d’autore (2001 odissea nello spazio) o il genere (Rapina a mano armata, Spartacus), o la matrice letteraria rivisitata (Barry Lindon e Eyes Wide Shut), ma sempre trionfa un’inventiva che stravolge i canoni della narrazione e della visione. «Non c'è un’idea che possa essere pensata – diceva – e che non possa diventare un film».

 

 


 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

pgn feste

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

6commenti

"Cold Chairs": un inno alla vita"!

musica

Bataclan, da Collecchio l'omaggio dei "The Lemon Flavour" Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Officina alimentare dedicata"

CHICHIBIO

"Officina alimentare dedicata"

di Chichibio

Lealtrenotizie

I crociati ritrovano la vittoria grazie a Evacuo: Parma-Santarcangelo 1-0

Stadio Tardini

Parma batte Santarcangelo 1-0 e si avvicina alla vetta Foto Video

Evacuo firma il gol della vittoria. Il Parma è secondo in classifica a 42 punti

1commento

Parma-Santarcangelo

Evacuo spera di rimanere al Parma Video

Anche Mazzocchi in sala stampa

La morte di Filippo

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

TESTIMONIANZA

Prima «attacco» con i biscotti, poi calci e pugni: parla la vittima della baby gang

7commenti

polizia municipale

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno

gazzareporter

Muri imbrattati, a volte ritornano... Con provocazione al sindaco Foto

10commenti

La storia

Rocco e Giulia, salumieri a Innsbruck

1commento

MOSTRA

"Natura tra le pagine": un mese di foto all'Eurotorri

Protezione civile

I volontari parmigiani al lavoro nelle Marche

elezioni

Pizzarotti, è ufficiale: "Mi ricandido" Video . Dall'Olio si ritira: "Sostengo Scarpa"

30commenti

graffiti

Il sottopasso dello Stradone? Galleria di street art Foto

Polemica

«Sulla legionella ci hanno preso in giro»

6commenti

IL CASO

Vigili, la Fabbri si scusa con Bonsu e lo risarcisce

Lettera al giovane ghanese, che riceverà 20mila euro

4commenti

GRANDE FIUME

Il Po in secca? Attrazione per i turisti

1commento

Rugby

Zebre-London Wasps 13-22: ribaltato il vantaggio del primo tempo Foto

A Moletolo sono arrivati 300 tifosi inglesi

bedonia

Violenze sul padre per anni, arrestato un 40enne Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

Gran Sasso

Rigopiano, individuata la sesta vittima: è un uomo

modena

Calcio: genitore picchia ragazzi e dirigenti

SOCIETA'

Reggiolo

Rave party con 600 giovani: fra loro una minorenne scomparsa da giorni

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

SPORT

Parma Calcio

Baraye "50 volte Crociato": targa con la foto dell'esultanza col passamontagna

Parma Calcio

D'Aversa: "Non è mia volontà mandare via Felice..."

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ELETTRICHE

Entro tre anni 200 colonnine in autostrada tra l'Italia e l'Austria