15°

Spettacoli

Pavarotti: grande tenore lirico o soprattutto personaggio mediatico?

Pavarotti: grande tenore lirico o soprattutto personaggio mediatico?
0

"Può sembrare sorprendente che Luciano Pavarotti, dopo aver toccato livelli di popolarità planetaria senza precedenti per un cantante, abbia detto, poco prima di morire, di voler essere ricordato 'come un tenore d'opera': precisazione apparentemente supeflua per il tenore d'opera più famoso del mondo. In realtà, questo desiderio, confessato come una sorta di testamento spirituale, rivela la piena consapevolezza che il personaggio mediatico aveva finito col fagocitare l'artista, o quello che ne restava, relegandolo in secondo piano".

Inizia così il ritratto di "Dossier Pavarotti" del  giornalista e appassionato melomane parmigiano Mauro Balestrazzi. Ed è questo il dubbio che accompagna l'intero libro, al quale è dedicata oggi - sulla pagina culturale della Gazzetta di Parma - la recensione di Gian Paolo Minardi.

VOCE MAGICA D'ARGENTO - di Gian Paolo Minardi

Già il titolo, «Pavarotti dossier» (L’Epos, pp. 268, euro 28,30) sembra mettere al riparo questa ultima fatica di Mauro Balestrazzi dalle turbolenze editoriali che sono andate scatenandosi dopo la morte del grande tenore. Non c'era da dubitarne, del resto, dopo le pregevoli prove offerte dal nostro scrittore coi due volumi dedicati rispettivamente a Toscanini e a Carlos Kleiber, esemplari per l’equilibrio con cui l’appassionata ammirazione per queste straordinarie personalità risulta filtrata attraverso una scrupolosa ricostruzione documentaria che consente una visione critica oltremodo articolata. Equilibrio dunque tra passione e rigore testimoniale che ritroviamo pure in questa sua nuova «fatica», se pur in termini invertiti, potremmo dire: nel senso che Balestrazzi più che dall’ammirazione illimitata per Pavarotti è mosso soprattutto dallo scrupolo di sottrarre l’immagine dell’artista, più precisamente del «tenore», da quell'ingombrante alone mediatico che è andato generandosi attorno al personaggio; frutto, non c'è dubbio, di scelte equivoche, nell’intreccio inestricabile quanto subdolo tra un preteso allargamento della fruizione culturale e le implicazioni economiche, destinato a concentrarsi nell’«evento». Motivi che dominano in maniera sempre più vistosa il nostro orizzonte, tra imbarazzi e reticenze. Per cui giustamente Balestrazzi si chiede se la strada imboccata da Pavarotti nell’intendimento di allargare gli spazi di ascolto, dal chiuso dei teatri alle grandi adunate nei parchi e nelle arene come pure il matrimonio tra lirica e rock abbia effettivamente portato ad un rinnovamento del pubblico; dubbio più che legittimo, che si dirama in altri interrogativi, non ultimo quello nato dal sospetto di un abile « escamotage» con cui far fruttare l’inesorabile declino dei mezzi vocali.

Sgombrato il campo da questo preambolo, Balestrazzi cerca di ritrovare il Pavarotti artista , ricomponendone il percorso con un rigoroso gioco di specchi, attraverso il riflesso delle testimonianze critiche. Ne esce un quadro sempre molto sollecitante in quanto nel comporre questo ricco tessuto l’autore si muove con oculatezza, non come distaccato notaio ma con l’intento critico di contestualizzare ogni apporto, di decantare così molti aspetti che l’ottica giornalistica tende fatalmente a esasperare. Come, ad esempio, è avvenuto quando, come una bomba, apparve sui giornali la notizia che Pavarotti non sapesse leggere la musica, dato che Balestrazzi ricompone con coscienza di causa, cogliendone ascendenze storiche, senza peraltro non scorgerne i limiti. Un passaggio questo tra la dimensione aneddotica e una più riflessa condizione reale che offre la misura con cui l’autore disegna la vicenda artistica del nostro tenore, scandita nella classica tripartizione ad arco - ascesa, apogeo, declino - che si offre ad una lettura sempre sollecitante, nel risveglio dei tanti umori distillati da una lunga sequenza cronachistica, sedimentata già in storia, se pur ancora risonante.

Un viaggio lungo il quale Balestrazzi ci accompagna come guida responsabile, declinando ogni passaggio - i tanti successi ma pure i momenti di crisi - sempre con passo sorvegliato, nel tenere a bada il premere di un suo più segreto sentire: unico sbotto quel perentorio «non scherziamo» di fronte al proposto paragone di «Pavarotti come la Callas», gesto subito ricomposto (ma pur significativo) nella stretta conclusiva dove l’immagine di Pavarotti affiora più che come quella di creatore di indimenticabili personaggi, in una più stringente essenzialità, avvolta da quella naturalezza d’istinto, soprattutto dalla argentea magìa di quel timbro che aveva sedotto i più grandi direttori, da Karajan a Kleiber.

E la domanda che apre e accompagna il libro è la stessa che giriamo ai nostri lettori appassionati di lirica (ma non solo, visti appunto i numerosi sconfinamenti di "Big Luciano" perfino nel campo della musica pop): Pavarotti è stato veramente un grande tenore o è stato soprattutto un personaggio mediatico? Un quesito che si accompagna al video che abbiamo tratto da You Tube: quel "Nessun dorma" che divenne quasi un inno personale di Pavarotti, e che in qualche modo è simbolo di questa doppia vita pavarottiana, sul confine fra pura lirica e popolarità mediatica. Scrivete il vostro pensiero nello spazio commenti di questo articolo

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

CONCORSO

Gazzareporter

Racconta l'inverno e vinci: le foto dei lettori Video

mamma esce dalla stanza

20 milioni di like

La mamma che striscia batte Belen & co a colpi di clic

Canale 5, Ceccherini abbandona l'Isola dei Famosi

Foto Ansa

isola dei famosi

Ceccherini litiga con Raz Degan e se ne va. Chi ha votato con sms sarà rimborsato

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Enogastronomia: domani un inserto di sei pagine

GAZZETTA

Enogastronomia: un inserto di 6 pagine

Lealtrenotizie

Quei 40 bambini «scomparsi» dalle classi

Allarme

Quei 40 bambini «scomparsi» dalle classi

5commenti

L'INCHIESTA

Maxi traffico di auto, chiesti 88 rinvii a giudizio

Traffico

Pericolo nebbia sulle strade: visibilità ridotta a 80 metri in A1 Foto

Incidente nella notte a Vicomero

Il caso

Rifiuti e videopoker nel parco

Calcio

I play-off di Lega Pro: ecco come funzionano

Ci sono nuove date per semifinali e finali

Terremoto

Due parmigiane in missione per salvare l'arte dalle macerie

Sicurezza

A Pilastro spuntano i dossi

6commenti

il caso

Legionella, nuovo incontro pubblico alla Don Milani

1commento

Salso

Maestro e alunno si ritrovano dopo 50 anni

VIA VENEZIA

Investe una donna e si dilegua: caccia all'auto pirata

Il conducente si è fermato dopo l'incidente ma poi è ripartito: ora la polizia municipale lo cerca

6commenti

TG PARMA

Corniglio: un tir resta bloccato fra le case Video

parmense

Commercialista dalla vita agiata ed evasore totale: incastrato dalla Finanza

5commenti

Spettacoli

Alessandro Nidi: «Sissi diventa un musical»

Ricerca

Top 500: imprenditoria sana, buoni risultati per tutti i settori a Parma Video Foto

Il presidente dell'Upi Alberto Figna spiega i contenuti della ricerca

Parma

"Spazio verde": quinto furto in tre anni Foto

Inchiesta

Tecnici Bonatti uccisi in Libia: rischio di processo per 6 persone

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le deprimenti liti dei politici

9commenti

CHICHIBIO

«Trattoria al Teatro», tutto il buono della tradizione

di Chichibio

ITALIA/MONDO

NASA

Scoperto un sistema solare con 7 pianeti simili alla Terra Foto

1commento

LA SPEZIA

Rubava Epo all'ospedale per venderlo ai ciclisti

SOCIETA'

Fotografia

Scatti al bar per impersonare... la quotidianità

modena

Travestito da water, era alla guida completamente ubriaco

3commenti

SPORT

parma calcio

Parma, manca l'insostituibile Baraye: Scaglia in attacco? Video

LEGA PRO

Parma-Samb 4-2:
il film del match Video

MOTORI

motori

Ecco Stelvio, il primo suv Alfa Romeo Video

SUPERCAR

Ferrari 812 Superfast,
la nuova berlinetta da 800 Cv