-4°

Spettacoli

Busseto - Haber, soldato del diavolo «Ma a vincere è la musica»

Busseto - Haber, soldato del diavolo «Ma a vincere è la musica»
0

Mariacristina Maggi


L'inarrestabile energia e la forza del talento di Alessandro Haber daranno voce all’opera da camera di Stravinskji «L'Histoire du soldat» in scena stasera alle 20.30 al Teatro Verdi di Busseto con i Solisti del Teatro Regio (Sara Sternieri violino, Ferruccio Francia contrabbasso, Stefano Franceschini clarinetto, Massimiliano Denti fagotto, Roberto Rossi tromba, Domenico Lazzaroni trombone, Biagio Zoli percussioni) diretti da Marco Boni. Info:  0524 91445 - 931706
«Un esperimento complesso, difficile - confida lo stesso Haber - poiché la protagonista dello spettacolo è essenzialmente e principalmente la musica. Non potrò quindi ritagliarmi un ruolo e giocare sulla psicologia dei personaggi, bensì rispettare la musica nella sua bellezza e completezza toccando le corde dell’intuito e degli stati d’animo». Suo fu il ruolo del soldato, molti anni fa, in un’edizione teatrale tratta dalla stessa opera: forse per questo Haber non ha esitato un solo istante ad accettare questa nuova sfida; forse perché questa bellissima favola musicale ispirata alla tradizione fiabesca russa racconta la storia di un soldato ingannato dal diavolo che gli sottrae il violino in cambio di un libro magico che gli farà ottenere ciò che vuole: le tentazioni dell’anima sono sempre attuali e affascinanti. Ma è soprattutto l’amore per la musica - «l'unica forma artistica capace  di stabilire contati universali» - che lo ha spinto nella patria di Giuseppe Verdi, maestro da lui amatissimo.
 «Non nascondo l’emozione di calcare le scene del Teatro Verdi», ha poi dichiarato con sincerità, tessendo lodi per i musicisti con i quali ha provato ieri: «I ragazzi sono i protagonisti di questa storia: grandi professionisti capaci di interpretare tutte le sfumature della partitura e regalare tantissime emozioni».  E poi ancora parole sulla melodia: «affascinante, coinvolgente, alle volte malinconia, altre divertente e poi ancora ti spiazza per la struggente nostalgia». Haber non nasconde un vago timore nell’avvicinarsi per la prima volta ad un esperimento simile, così diverso dalla scena teatrale alla quale è abituato. «Non voglio avere l’ansia, ma divertirmi: certo essere un soldato e poi ancora il diavolo allo stesso tempo, giocando su corde sottilissime e impercettibili, poichè - lo ripeto- è la musica ad essere l’unica protagonista - non sarà facile...Dovrò affrontare tematiche molto forti...». Ma nessuno nutre dubbi sulle straordinarie capacità versatili di Haber, indimenticabile Zio Vanja e recentemente strepitoso in Platonov (sempre di Cechov). I suoi dubbi sono quelli dei grandi artisti che si mettono continuamente in discussione: è stato ospite all’ultimo Festival di Sanremo e presto, sempre alla musica, farà ritorno con uno spettacolo da solista (6 ottobre all’Auditorium del Parco della Musica di Roma); e poi ancora la tourné del dramma diretto da Nanni Garella "Platonov" e il prossimo film diretto da Stefania Sandrelli. Infine, anche se non gli piace programmare e preferisce l’attesa, Haber ha espresso un ultimo desiderio: «Mi piacerebbe tornare a lavorare a Parma, una città che amo moltissimo: queste sono zone che adoro e nelle quali ritorno sempre volentieri. Ho un solo rimpianto: oggi sono arrivato in ritardo e non sono riuscito a mangiare il vostro buonissimo culatello».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La serata Plata alle Follie

Pgn Feste

La serata Plata alle Follie Foto

Il dolce e delicato "Equilibrio delle arti": Fabrizio Effedueotto fotografa Alexandrina Calancea

Fotografia parma

Il dolce "Equilibrio delle arti": Alexandrina sul palco Foto

Juve, nuovo logo. Scoppia l'ironia sul web

calcio e risate

Juve, nuovo logo. Scoppia l'ironia sul web Gallery

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Strisce e sicurezza: rimpallo di responsabilità

Polemica

Strisce e sicurezza: rimpallo di responsabilità

Tragedia

Ciao Filippo, amico straordinario

Tragedia

Morto in via Pintor: parenti rintracciati grazie a facebook

Mercato

Guazzo, niente Modena

VALMOZZOLA

Entra in casa, raggira e deruba due anziani

QUATTRO ZAMPE

Torrile, il paese dei cani

Salsomaggiore

«Lasciavamo le porte aperte, ora siamo terrorizzati»

Lutto

Addio a Fallica, il chimico gentile

Incidente

Un mazzo di fiori sul banco: così gli amici hanno ricordato Filippo in classe Video

Il sindaco di Langhirano: "Già chieste le strisce pedonali alla Provincia"

1commento

Tragedia

Filippo, una classe in lacrime. E quella pagella che non vedrà mai

IL FATTO DEL GIORNO

La morte di Filippo: oltre al dolore, la rabbia per i mancati interventi per la sicurezza Video

Terremoto

Vigili del fuoco e volontari di Parma pronti a partire per l'Italia centrale Video

tg parma

A Parma dai figli, arrestato latitante siciliano che deve scontare 15 anni

incidente

Incidente sul lavoro a Noceto: grave un camionista

Il caso

Il Tar dà ragione a Medesano: sì alla farmacia a Ramiola

tribunale

Molestò operaia durante la campagna del pomodoro: condannato caporeparto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le follie del nuovo bigottismo

3commenti

CHICHIBIO

"Officina alimentare dedicata"

di Chichibio

ITALIA/MONDO

Italia centrale

Terremoto e neve: un morto. Nuova scossa in serata

PADOVA

Orge in canonica con 9 donne: prete nei guai

SOCIETA'

AGENDA DELL'AUTO

Bollo auto, ecco cosa bisogna sapere

PERSONAGGI

Addio a Piacentini, playboy mito della Costa Azzurra anni '60

SPORT

lega pro

Il portiere Frattali è del Parma

Australian Open

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy Foto

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, ci siamo. Il Suv è già ordinabile Fotogallery

PROVA SU STRADA

Peugeot 2008, per chi non si accontenta