20°

34°

Spettacoli

Bashmet, solista tra i Solisti

Bashmet, solista tra i Solisti
Ricevi gratis le news
0

Sembra davvero quasi il prolungamento del suo prestigioso strumento la compagine che Yuri Bashmet guida ormai da venticinque anni, con la stessa «nonchalance» con cui imbraccia la preziosa viola, espressione di un talento musicale di rara forza accattivante: stessa morbidezza di suono, dalle mille variegature, stessa precisione nel modo d’attacco del suono, quindi nella creazione di quel tessuto unico che sembra avvolgerti come un manto rassicurante; quello che I Solisti di Mosca hanno dispiegato l’altra sera al «Paganini» in un programma quanto mai variato, dove appunto prendeva corpo tangibile questa circolarità osmotica tra il direttore, il solista e il gruppo.
 Programma rivelatore anche di quella separatezza che contraddistingue la cultura musicale russa rispetto a quella orientale; a partire da quel Bach del «Terzo Concerto Brandeburghese» che pareva ignorare tutto il travaglio che ha accompagnato nell’ultimo cinquantennio gli interpreti, nella ricerca di una presunta, quanto utopica 'fedeltà', investigazione che ha toccato esiti anche estremi; avranno probabilmente avuto moti di ripulsa, l’altra sera, i fedeli di tale fondamentalismo filologico nell’ascoltare il discorso muoversi con una flessibilità, una sinuosità nel respiro delle dinamiche quanto nel velluto impalpabile del 'legato', tratti che invece abbiamo colto come un rasserenante invito, in quel vitalismo che si espandeva naturalmente, senza sovrapposte istigazioni, sospinto solo dalla felicità del far musica: felicità, ovviamente, riscattata grazie a quello straordinario prestigio strumentale.  Sarà stato pure un Bach «fuori moda» ma ci è parso vividamente eloquente, sottilmente esaltante.
 E «fuori moda» suonavano anche le due trascrizioni che seguivano, operazioni che trovavano (e trovano tuttora) appunto ricorrenza nella pratica musicale della Russia, con una sfida al gusto a volte discutibile; ricordo una trascrizione per pianoforte e orchestra fatta da Kabalevsky (a misura del sommo Gilels) della «Fantasia in fa minore» per pianoforte a quattro mani di Schubert, poco meno che esecrabile. Tale non era invece quella fatta da Balasov dell’«Arpeggione»: naturalmente mutava il rapporto di intimità che Schubert instaura tra l’ormai disusato e un po' misterioso strumento e il fortepiano le cui fragili sonorità il trascrittore ha amplificato attraverso gli archi, ma con discrezione, ben rapportata alla misura dell’eloquenza liberata con la sua impagabile qualità insinuante da Bashmet. Il cui scatto solistico ha poi trovato più scoperta evidenza nella rielaborazione di un Quartetto di Paganini, musica piacevole, attraversata dai riconoscibili riverberi operistici: la vera genialità Paganini la destina a quei prodigiosi «Capricci» in cui la tecnica, il virtuosismo si metabolizzano in vertiginosa invenzione.
Seguendo l’erratico programma il senso di quella 'separatezza' cui si è accennato sopra mutava direzione, questa volta in chiave di autenticità, perché il testimone era Caikovskij, musicista che gli interpreti russi - si pensi anche a Temirkanov - leggono attraverso una lente propria, che filtra sempre i fantasmi inquieti da cui é percorsa la partitura decantando la vocazione decadentistica - amplificata invece, e pur con forte suggestione, dalle letture occidentali - secondo quella linea di classicità che il compositore perseguiva, a contrastare - sosteneva- le asprezze 'dilettantistiche' della linea nazionalista incarnata da Mousorgskij.
 Su tale fondale consolidato ha reso vita l’altra sera «Souvenir de Florence», nella versione allarga dell’originario sestetto, senza che tale allargamento turbasse la freschezza del discorso che la compagine dei Solisti ha sciolto con assoluta felicità, delibandone le segrete fragranze e liberando le più vibranti accensioni.
Interminabili gli applausi ai quali Bahsmet e il suo formidabile gruppo hanno risposto con generosità, dapprima con un pensoso Adagio di Benda quindi con lo scatto esilarante di una Polka» di Schnittke, il grande musicista russo, scomparso da una decina d’anni, cui Bashmet fu particolarmente legato nell’interpretare quei suoi umori graffianti, dove il grottesco era spesso sinistro mascheramento, testimone di un drammatico disagio: al di là della 'separatezza'.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Laura Freddi a 45 anni sarà mamma

gossip

Laura Freddi sarà mamma: è al quarto mese

Mai dire Baganzai, il video dei Trapiantati vince (anche) per acclamazione

calestano

Mai dire Baganzai, il video dei Trapiantati vince (anche) per acclamazione

Madonna festeggia il suo compleanno ballando la pizzica in Puglia

social network

Madonna balla la pizzica alla sua festa di compleanno in Puglia Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Gazzafun, ecco i 7 quiz top: scoprili e giocali subito

GIOCHI ESTIVI

Gazzafun, ecco i 7 quiz top: scoprili e gioca subito

Lealtrenotizie

Amici e centro d'accoglienza di Cianica sotto shock per la morte di Diawara

BORGOTARO

Annegato dopo un tuffo: amici e operatori sotto shock per Diawara Video

Si cerca di contattare i parenti in Costa D'Avorio

Medesano

Cade dalla finestra e resta sospesa nel vuoto: paura per una donna a Ramiola

Sul posto il 118 e i vigili del fuoco

ANTEPRIMA GAZZETTA

Il suicidio di Samuele Turco: aperto un fascicolo per omicidio colposo Video

La Gazzetta di Parma di domani: le anticipazioni del vicedirettore Claudio Rinaldi

Lutto

Addio al medico Giovanni Mori

PARMENSE

Incendio vicino ai binari: disagi sulla ferrovia tra Parma e Fornovo Foto

Le foto dei nostri lettori

temperature

Torna l'allerta caldo: verso un giovedì e un venerdì a oltre 35°

chiesa

Parroci, si cambia. Dalla città alla montagna: le nomine del vescovo

Il saluto degli "storici" don Mora e don Fontana. Novità anche per Marano, Langhirano, Corniglio

1commento

Tg Parma

Ferragosto a Parma, qualche turista e città chiusa per ferie. San Paolo compreso Video

1commento

STAZIONE

Parcheggi «kiss and go»: dopo 15 minuti a Parma scatta il pedaggio Foto

2commenti

acqua

Guasti alle tubature: Fontevivo e Berceto senz'acqua

Lucchi: "Chi innaffia è un criminale. Farò piombare i contatori ai trasgressori"

2commenti

gazzareporter

Ferragosto: "picco" di materassi abbandonati vicino ai cassonetti Foto

Segnalazioni e foto su via Nello Brambilla (zona Montebello) ma anche viale Duca Alessandro e strada Sant'Eurosia

Carabinieri

Parma malata di sballo, parla chi lotta contro la droga

6commenti

Parlamento

OpenPolis, Pagliari guida la top ten della produttività

Il senatore il più presente, al voto il 97,41% delle volte

incidente

Caduta in moto: paura per marito e moglie a Viazzano

2commenti

storia

Quei benzinai di una volta... Foto

incendio

Sterpaglie a fuoco a Noceto vicino alle case

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Che cosa resta dei nostri amori

di Michele Brambilla

1commento

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

ITALIA/MONDO

roma

Donna fatta a pezzi: trovati busto e testa in cassonetto. Il fratello confessa

giallo

Modella rapita e messa all'asta: un arresto in Gran Bretagna

SPORT

Tg Parma

Parma, Caputo vuole un club ambizioso. Evacuo e Giorgino ai saluti Video

Gossip Sportivo

Diletta Leotta, anche il compleanno è social

SOCIETA'

ZURIGO

"Ebrei fatevi la doccia": proteste per l'avviso in una piscina svizzera

montanara

«D(io)», la web series dell'ottimismo: un inno alla passione

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti