14°

Film recensioni

L'ultima ruota del carro

L'Italia semplice e vera delle persone comuni

Una foto di scena del film 'L'ultima ruota del carro' di Giovanni Veronesi

Una foto di scena del film 'L'ultima ruota del carro' di Giovanni Veronesi

0

 

Filiberto Molossi
C'è la storia di uno nella storia di tutti, una di quelle vite fatte così, che ti sembra sia successo niente e invece è già accaduto di tutto, ne «L'ultima ruota del carro», l'ultimo film di Giovanni Veronesi: dal '67 a oggi con ostinata fiducia nel futuro e l’allergia al posto fisso, passando indenne (o quasi) nell’Italietta delle raccomandazioni, dei favori, degli aiutini. 
Storia vera, anzi verissima, di Ernesto Fioretti, che qui diventa Marchetti: tappezziere, cuoco negli asili, traslocatore, autista (nella realtà anche di Carlo Verdone...), persino comparsa per le fiction. Sposato con prole, un amico di sempre che si mette spesso nei casini e il «brutto vizio» di essere onesto. Che magari ti spacchi la schiena facendo mille mestieri e tuo figlio ai compleanni recita a memoria la formazione della Roma. 
Che poi un giorno ti dicono che hai un tumore e non è vero e un altro butti per errore un gratta e vinci da mezzo milione... Mentre fuori il tempo scorre, scappa in avanti: tra tuo padre che parcheggia davanti all’auto dove trovano Moro e l’Italia di Conti mundial, le monetine a Craxi e i plastici di Vespa. Uno di noi, un soldato semplice della vita, tra tanti caporali e pochi capitani coraggiosi, uno di quelli che il cinema non li racconta mai. Che poi, tra le musiche di Elisa e i dipinti di Mimmo Palladino, il merito più evidente della pellicola (che ha appena aperto il Festival di Roma) è proprio questo: eleggere a protagonista una persona normale, provando a raccontare, attraverso i suoi occhi, un’epoca, un Paese, una stagione. Ne viene fuori una commedia agrodolce e ottimista, segnata da una gran voglia di darsi da fare, di lavorare, che suona da esempio anche per l’oggi; un affresco esistenziale pubblico e privato sincero nella sua matrice popolare, nel suo stare in trincea dalla parte dei più, nel tracciare l’elogio non comune dell’uomo comune: ma nel quale, d’altra parte, Veronesi, nel tentativo di dissociarsi dai cliché dei suoi troppi manuali d’amore, prova a mirare più in alto senza però possedere il passo o la sensibilità di un Virzì (e tantomeno di Scola, a cui dice di essersi ispirato). Si ride, e a tratti, ci si riconosce: ma il bozzetto è dietro l’angolo e la tensione emotiva va a corrente alternata. Tanto che il mosaico di frammenti quotidiani regge soprattutto grazie all’ennesima, credibilissima, prova di Elio Germano, bravo vero.
Filiberto Molossi
C'è la storia di uno nella storia di tutti, una di quelle vite fatte così, che ti sembra sia successo niente e invece è già accaduto di tutto, ne «L'ultima ruota del carro», l'ultimo film di Giovanni Veronesi: dal '67 a oggi con ostinata fiducia nel futuro e l’allergia al posto fisso, passando indenne (o quasi) nell’Italietta delle raccomandazioni, dei favori, degli aiutini. Storia vera, anzi verissima, di Ernesto Fioretti, che qui diventa Marchetti: tappezziere, cuoco negli asili, traslocatore, autista (nella realtà anche di Carlo Verdone...), persino comparsa per le fiction. Sposato con prole, un amico di sempre che si mette spesso nei casini e il «brutto vizio» di essere onesto. Che magari ti spacchi la schiena facendo mille mestieri e tuo figlio ai compleanni recita a memoria la formazione della Roma. Che poi un giorno ti dicono che hai un tumore e non è vero e un altro butti per errore un gratta e vinci da mezzo milione...
Mentre fuori il tempo scorre, scappa in avanti: tra tuo padre che parcheggia davanti all’auto dove trovano Moro e l’Italia di Conti mundial, le monetine a Craxi e i plastici di Vespa. Uno di noi, un soldato semplice della vita, tra tanti caporali e pochi capitani coraggiosi, uno di quelli che il cinema non li racconta mai. Che poi, tra le musiche di Elisa e i dipinti di Mimmo Palladino, il merito più evidente della pellicola (che ha appena aperto il Festival di Roma) è proprio questo: eleggere a protagonista una persona normale, provando a raccontare, attraverso i suoi occhi, un’epoca, un Paese, una stagione. Ne viene fuori una commedia agrodolce e ottimista, segnata da una gran voglia di darsi da fare, di lavorare, che suona da esempio anche per l’oggi; un affresco esistenziale pubblico e privato sincero nella sua matrice popolare, nel suo stare in trincea dalla parte dei più, nel tracciare l’elogio non comune dell’uomo comune: ma nel quale, d’altra parte, Veronesi, nel tentativo di dissociarsi dai cliché dei suoi troppi manuali d’amore, prova a mirare più in alto senza però possedere il passo o la sensibilità di un Virzì (e tantomeno di Scola, a cui dice di essersi ispirato). Si ride, e a tratti, ci si riconosce: ma il bozzetto è dietro l’angolo e la tensione emotiva va a corrente alternata.
 Tanto che il mosaico di frammenti quotidiani regge soprattutto grazie all’ennesima, credibilissima, prova di Elio Germano, bravo vero.

 

Giudizio: 2/5

SCHEDA

REGIA:  GIOVANNI VERONESI
SCENEGGIATURA:  GIOVANNI VERONESI, FILIPPO BOLOGNA, UGO CHITI, ERNESTO FIORETTI
MUSICA: ELISA
INTERPRETI:   ELIO GERMANO, ALESSANDRA MASTRONARDI, RICKY MEMPHIS, ALESSANDRO HABER, SERGIO RUBINI
GENERE:  COMMEDIA
Italia 2013, colore, 1 h e 53’
DOVE: D’AZEGLIO, THE SPACE BARILLA CENTER, THE SPACE CAMPUS

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Musica alla Latteria dal Beccio

pgn

Musica alla Latteria dal Beccio Foto

Morto il fratello dell'inviato Valerio Staffelli

Striscia la notizia

Morto il fratello dell'inviato Valerio Staffelli

«Ok il prezzo è giusto», alla presentatrice cede il vestito in diretta tv

Australia

Cede il vestito in diretta: esce il seno

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Collezionismo e antiquariato di nuovo protagonisti a Parma

L'EVENTO

Mercanteinfiera protagonista
a Parma

Lealtrenotizie

Successo per la Verdi Marathon: 2.200 partecipanti, sole e... Verdi sul palco

Bassa

Successo per la Verdi Marathon: 2.200 partecipanti, sole e... Verdi sul palco Foto

Malattie

Tre ragazzi con la scabbia alle superiori

8commenti

agenda

Una domenica con i mille colori del Carnevale

Borgotaro

Discute con una coppia, torna armato di coltello: un ferito nel parapiglia

Marocchino bloccato dai carabinieri 

7commenti

SALSOMAGGIORE

Addio a Renzo Tosi, il re della focaccia di Natale

1commento

CALCIO

A Salò un Parma affamato Diretta dalle 16,30

Manca Baraye, squalificato: al suo posto dovrebbe giocare Scaglia

Borseggio

«Tenetevi i soldi, ma ridatemi la foto del nipotino»

1commento

CURIOSITA'

Cartello «anti-rudo» al Campus

SORBOLO

Se n'è andato Giuliano Rosati, poliedrico e infaticabile

IL CASO

Sorbolo, contro furti e degrado il controllo si fa correndo

Nasce il progetto «Arrestiamoli»: lo sperimentano il sindaco e due runner

Sos animali

Cinque cuccioli cercano casa

viabilità

Il calendario e la mappa degli autovelox della settimana

Parma

Carnevale, carri e maschere dal Battistero alla Cittadella Foto Video

Spettacoli

Agnese Scotti: «Il mio teatro è fisico»

lutto

Collecchio piange Massimiliano Ori, lo sportivo dall'animo gentile

Aveva 51 anni

1commento

EVENTO

I 70 anni della Famija Pramzana

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Auguri Giorgio Torelli, un parmigiano speciale

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

6commenti

ITALIA/MONDO

Esplosione

Catania, crolla palazzina: morta un'anziana, una bimba di 10 mesi in coma 

Sant’Ilario

Rubava il telefono ai giocatori di videopoker: denunciato 35enne

WEEKEND

FIERE

E' iniziato Mercanteinfiera: curiosità fra gli stand Foto

45 anni fa: il disco

Catch bull at four - Quando Cat Stevens cantava in latino

SPORT

Coppa del mondo

Sci: Peter Fill vince il SuperG. Argento per gli azzurri nel Team sprint

lega pro

La Reggiana vince e si fa sotto. Il Gubbio si allontana

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, il Suv del Biscione. Da 50.800 euro Video

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia