21°

35°

Film recensioni

L'ultima ruota del carro

L'Italia semplice e vera delle persone comuni

Una foto di scena del film 'L'ultima ruota del carro' di Giovanni Veronesi

Una foto di scena del film 'L'ultima ruota del carro' di Giovanni Veronesi

Ricevi gratis le news
0

 

Filiberto Molossi
C'è la storia di uno nella storia di tutti, una di quelle vite fatte così, che ti sembra sia successo niente e invece è già accaduto di tutto, ne «L'ultima ruota del carro», l'ultimo film di Giovanni Veronesi: dal '67 a oggi con ostinata fiducia nel futuro e l’allergia al posto fisso, passando indenne (o quasi) nell’Italietta delle raccomandazioni, dei favori, degli aiutini. 
Storia vera, anzi verissima, di Ernesto Fioretti, che qui diventa Marchetti: tappezziere, cuoco negli asili, traslocatore, autista (nella realtà anche di Carlo Verdone...), persino comparsa per le fiction. Sposato con prole, un amico di sempre che si mette spesso nei casini e il «brutto vizio» di essere onesto. Che magari ti spacchi la schiena facendo mille mestieri e tuo figlio ai compleanni recita a memoria la formazione della Roma. 
Che poi un giorno ti dicono che hai un tumore e non è vero e un altro butti per errore un gratta e vinci da mezzo milione... Mentre fuori il tempo scorre, scappa in avanti: tra tuo padre che parcheggia davanti all’auto dove trovano Moro e l’Italia di Conti mundial, le monetine a Craxi e i plastici di Vespa. Uno di noi, un soldato semplice della vita, tra tanti caporali e pochi capitani coraggiosi, uno di quelli che il cinema non li racconta mai. Che poi, tra le musiche di Elisa e i dipinti di Mimmo Palladino, il merito più evidente della pellicola (che ha appena aperto il Festival di Roma) è proprio questo: eleggere a protagonista una persona normale, provando a raccontare, attraverso i suoi occhi, un’epoca, un Paese, una stagione. Ne viene fuori una commedia agrodolce e ottimista, segnata da una gran voglia di darsi da fare, di lavorare, che suona da esempio anche per l’oggi; un affresco esistenziale pubblico e privato sincero nella sua matrice popolare, nel suo stare in trincea dalla parte dei più, nel tracciare l’elogio non comune dell’uomo comune: ma nel quale, d’altra parte, Veronesi, nel tentativo di dissociarsi dai cliché dei suoi troppi manuali d’amore, prova a mirare più in alto senza però possedere il passo o la sensibilità di un Virzì (e tantomeno di Scola, a cui dice di essersi ispirato). Si ride, e a tratti, ci si riconosce: ma il bozzetto è dietro l’angolo e la tensione emotiva va a corrente alternata. Tanto che il mosaico di frammenti quotidiani regge soprattutto grazie all’ennesima, credibilissima, prova di Elio Germano, bravo vero.
Filiberto Molossi
C'è la storia di uno nella storia di tutti, una di quelle vite fatte così, che ti sembra sia successo niente e invece è già accaduto di tutto, ne «L'ultima ruota del carro», l'ultimo film di Giovanni Veronesi: dal '67 a oggi con ostinata fiducia nel futuro e l’allergia al posto fisso, passando indenne (o quasi) nell’Italietta delle raccomandazioni, dei favori, degli aiutini. Storia vera, anzi verissima, di Ernesto Fioretti, che qui diventa Marchetti: tappezziere, cuoco negli asili, traslocatore, autista (nella realtà anche di Carlo Verdone...), persino comparsa per le fiction. Sposato con prole, un amico di sempre che si mette spesso nei casini e il «brutto vizio» di essere onesto. Che magari ti spacchi la schiena facendo mille mestieri e tuo figlio ai compleanni recita a memoria la formazione della Roma. Che poi un giorno ti dicono che hai un tumore e non è vero e un altro butti per errore un gratta e vinci da mezzo milione...
Mentre fuori il tempo scorre, scappa in avanti: tra tuo padre che parcheggia davanti all’auto dove trovano Moro e l’Italia di Conti mundial, le monetine a Craxi e i plastici di Vespa. Uno di noi, un soldato semplice della vita, tra tanti caporali e pochi capitani coraggiosi, uno di quelli che il cinema non li racconta mai. Che poi, tra le musiche di Elisa e i dipinti di Mimmo Palladino, il merito più evidente della pellicola (che ha appena aperto il Festival di Roma) è proprio questo: eleggere a protagonista una persona normale, provando a raccontare, attraverso i suoi occhi, un’epoca, un Paese, una stagione. Ne viene fuori una commedia agrodolce e ottimista, segnata da una gran voglia di darsi da fare, di lavorare, che suona da esempio anche per l’oggi; un affresco esistenziale pubblico e privato sincero nella sua matrice popolare, nel suo stare in trincea dalla parte dei più, nel tracciare l’elogio non comune dell’uomo comune: ma nel quale, d’altra parte, Veronesi, nel tentativo di dissociarsi dai cliché dei suoi troppi manuali d’amore, prova a mirare più in alto senza però possedere il passo o la sensibilità di un Virzì (e tantomeno di Scola, a cui dice di essersi ispirato). Si ride, e a tratti, ci si riconosce: ma il bozzetto è dietro l’angolo e la tensione emotiva va a corrente alternata.
 Tanto che il mosaico di frammenti quotidiani regge soprattutto grazie all’ennesima, credibilissima, prova di Elio Germano, bravo vero.

 

Giudizio: 2/5

SCHEDA

REGIA:  GIOVANNI VERONESI
SCENEGGIATURA:  GIOVANNI VERONESI, FILIPPO BOLOGNA, UGO CHITI, ERNESTO FIORETTI
MUSICA: ELISA
INTERPRETI:   ELIO GERMANO, ALESSANDRA MASTRONARDI, RICKY MEMPHIS, ALESSANDRO HABER, SERGIO RUBINI
GENERE:  COMMEDIA
Italia 2013, colore, 1 h e 53’
DOVE: D’AZEGLIO, THE SPACE BARILLA CENTER, THE SPACE CAMPUS

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

D'Alessio-Tatangelo, "siamo in crisi"

gossip

D'Alessio-Tatangelo ammettono: "Siamo in crisi"

Usa, morto John Heard

STATI UNITI

Trovato morto l'attore John Heard ("Mamma ho perso l'aereo") Video

Enrica Merlo, libero della Savino Del Bene Scandicci

SPORT

Enrica Merlo fra pallavolo e beach volley: "Gioco perché mi diverto" Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Gazzareporter: premiata lettrice "cronista di strada"

CONCORSI

Gazzareporter: manda le tue foto e "cartoline" e vinci

Lealtrenotizie

Schiacciato dal muletto: muore un 74enne

gaione

Schiacciato dal muletto: muore l'imprenditore Alberto Greci

Aveva 74 anni

1commento

Incidente

Carro attrezzi e furgone si scontrano sull'Asolana

polizia

Trova online passaggio in auto fino a Parma: studentessa molestata

5commenti

carabinieri

Con la scusa di un selfie rapina studente in via D'Azeglio: arrestato

8commenti

BASSA

Un uomo scompare nel Po: ricerche in corso

Disperso un uomo originario del Parmense

MASSACRO

Solomon, decine di colpi sui corpi anche dopo la morte

PARMA CALCIO

Lucarelli "interrogato" dai tifosi: "Quando scegli con il cuore non sbagli mai" Video

Il capitano conferma: ultimo anno nel calcio giocato ma "l'importante è esserci, l'ho voluto per mille motivi"

VARANO

Mangiano pollo avariato, studenti intossicati

polizia municipale

Autovelox, speedcheck e autodetector: i controlli della settimana

1commento

autostrada

Frana tra il casello di Parma e il bivio A1-A15

Testimonianze

Notte di paura per i parmigiani a Kos

tg parma

Identificato l'aggressore che ha colpito un 47enne a forbiciate Video

1commento

Siccità

Vietato lavare le auto e innaffiare i giardini attingendo dall'acquedotto nel Bercetese

Ordinanza del Comune per limitare l'uso di acqua

Inchiesta bollette

Luce, acqua e gas: storie di ordinaria vessazione

Fortuna

Fidentino gratta e vince 100 mila euro

traversetolo

«Insieme abbiamo salvato il nostro condominio»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL CASO

La lezione di papà Fred Video-editoriale

di Michele Brambilla

2commenti

CHICHIBIO

«Podere Lavinia», tutto il buono della carne

di Chichibio

1commento

ITALIA/MONDO

San Teodoro

Donna uccisa durante una vacanza in Sardegna: il fidanzato confessa

METEO

Ancora caldo africano ma da lunedì temperature in calo

SPORT

Auguri capitano

Parma, il Parma, la famiglia: i 40 di Lucarelli

1commento

PARMA

I nuovi acquisti crociati: il portiere Michele Nardi e l'attaccante Marco Frediani Video

SOCIETA'

IL DISCO

Deep Purple, dal Giappone con furore

CINEMA

A Firenze la "temutissima" Coppa Cobram per ricordare Paolo Villaggio

MOTORI

NOVITA'

Opel Insignia GSi, berlina per veri intenditori

MERCEDES

Classe X, la Stella attacca il segmento dei pick-up