19°

Film recensioni

L'ultima ruota del carro

L'Italia semplice e vera delle persone comuni

Una foto di scena del film 'L'ultima ruota del carro' di Giovanni Veronesi

Una foto di scena del film 'L'ultima ruota del carro' di Giovanni Veronesi

0

 

Filiberto Molossi
C'è la storia di uno nella storia di tutti, una di quelle vite fatte così, che ti sembra sia successo niente e invece è già accaduto di tutto, ne «L'ultima ruota del carro», l'ultimo film di Giovanni Veronesi: dal '67 a oggi con ostinata fiducia nel futuro e l’allergia al posto fisso, passando indenne (o quasi) nell’Italietta delle raccomandazioni, dei favori, degli aiutini. 
Storia vera, anzi verissima, di Ernesto Fioretti, che qui diventa Marchetti: tappezziere, cuoco negli asili, traslocatore, autista (nella realtà anche di Carlo Verdone...), persino comparsa per le fiction. Sposato con prole, un amico di sempre che si mette spesso nei casini e il «brutto vizio» di essere onesto. Che magari ti spacchi la schiena facendo mille mestieri e tuo figlio ai compleanni recita a memoria la formazione della Roma. 
Che poi un giorno ti dicono che hai un tumore e non è vero e un altro butti per errore un gratta e vinci da mezzo milione... Mentre fuori il tempo scorre, scappa in avanti: tra tuo padre che parcheggia davanti all’auto dove trovano Moro e l’Italia di Conti mundial, le monetine a Craxi e i plastici di Vespa. Uno di noi, un soldato semplice della vita, tra tanti caporali e pochi capitani coraggiosi, uno di quelli che il cinema non li racconta mai. Che poi, tra le musiche di Elisa e i dipinti di Mimmo Palladino, il merito più evidente della pellicola (che ha appena aperto il Festival di Roma) è proprio questo: eleggere a protagonista una persona normale, provando a raccontare, attraverso i suoi occhi, un’epoca, un Paese, una stagione. Ne viene fuori una commedia agrodolce e ottimista, segnata da una gran voglia di darsi da fare, di lavorare, che suona da esempio anche per l’oggi; un affresco esistenziale pubblico e privato sincero nella sua matrice popolare, nel suo stare in trincea dalla parte dei più, nel tracciare l’elogio non comune dell’uomo comune: ma nel quale, d’altra parte, Veronesi, nel tentativo di dissociarsi dai cliché dei suoi troppi manuali d’amore, prova a mirare più in alto senza però possedere il passo o la sensibilità di un Virzì (e tantomeno di Scola, a cui dice di essersi ispirato). Si ride, e a tratti, ci si riconosce: ma il bozzetto è dietro l’angolo e la tensione emotiva va a corrente alternata. Tanto che il mosaico di frammenti quotidiani regge soprattutto grazie all’ennesima, credibilissima, prova di Elio Germano, bravo vero.
Filiberto Molossi
C'è la storia di uno nella storia di tutti, una di quelle vite fatte così, che ti sembra sia successo niente e invece è già accaduto di tutto, ne «L'ultima ruota del carro», l'ultimo film di Giovanni Veronesi: dal '67 a oggi con ostinata fiducia nel futuro e l’allergia al posto fisso, passando indenne (o quasi) nell’Italietta delle raccomandazioni, dei favori, degli aiutini. Storia vera, anzi verissima, di Ernesto Fioretti, che qui diventa Marchetti: tappezziere, cuoco negli asili, traslocatore, autista (nella realtà anche di Carlo Verdone...), persino comparsa per le fiction. Sposato con prole, un amico di sempre che si mette spesso nei casini e il «brutto vizio» di essere onesto. Che magari ti spacchi la schiena facendo mille mestieri e tuo figlio ai compleanni recita a memoria la formazione della Roma. Che poi un giorno ti dicono che hai un tumore e non è vero e un altro butti per errore un gratta e vinci da mezzo milione...
Mentre fuori il tempo scorre, scappa in avanti: tra tuo padre che parcheggia davanti all’auto dove trovano Moro e l’Italia di Conti mundial, le monetine a Craxi e i plastici di Vespa. Uno di noi, un soldato semplice della vita, tra tanti caporali e pochi capitani coraggiosi, uno di quelli che il cinema non li racconta mai. Che poi, tra le musiche di Elisa e i dipinti di Mimmo Palladino, il merito più evidente della pellicola (che ha appena aperto il Festival di Roma) è proprio questo: eleggere a protagonista una persona normale, provando a raccontare, attraverso i suoi occhi, un’epoca, un Paese, una stagione. Ne viene fuori una commedia agrodolce e ottimista, segnata da una gran voglia di darsi da fare, di lavorare, che suona da esempio anche per l’oggi; un affresco esistenziale pubblico e privato sincero nella sua matrice popolare, nel suo stare in trincea dalla parte dei più, nel tracciare l’elogio non comune dell’uomo comune: ma nel quale, d’altra parte, Veronesi, nel tentativo di dissociarsi dai cliché dei suoi troppi manuali d’amore, prova a mirare più in alto senza però possedere il passo o la sensibilità di un Virzì (e tantomeno di Scola, a cui dice di essersi ispirato). Si ride, e a tratti, ci si riconosce: ma il bozzetto è dietro l’angolo e la tensione emotiva va a corrente alternata.
 Tanto che il mosaico di frammenti quotidiani regge soprattutto grazie all’ennesima, credibilissima, prova di Elio Germano, bravo vero.

 

Giudizio: 2/5

SCHEDA

REGIA:  GIOVANNI VERONESI
SCENEGGIATURA:  GIOVANNI VERONESI, FILIPPO BOLOGNA, UGO CHITI, ERNESTO FIORETTI
MUSICA: ELISA
INTERPRETI:   ELIO GERMANO, ALESSANDRA MASTRONARDI, RICKY MEMPHIS, ALESSANDRO HABER, SERGIO RUBINI
GENERE:  COMMEDIA
Italia 2013, colore, 1 h e 53’
DOVE: D’AZEGLIO, THE SPACE BARILLA CENTER, THE SPACE CAMPUS

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La tata dell'ex Spice Girl Mel B: "Relazione a tre con suo marito"

gossip

La tata dell'ex Spice Girl Mel B: "Relazione a tre con suo marito" Foto

Le 10 foto con più like nella storia di Instagram

social

Le 10 foto con più like nella storia di Instagram: dominio Beyoncé e Selena Gomez 

Scocca l'ora di nove bellissime 50enni:  Cindy Crawford

L'INDISCRETO

Riuscireste a dire di no a queste nove bellissime 50enni?

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«La Forchetta»: pesce, carne e un po' di tradizione

CHICHIBIO

«La Forchetta»: pesce, carne e un po' di tradizione

Lealtrenotizie

Pedone investito in via Spezia: è grave

incidente

Pedone investito in via Spezia: è grave

Lutto

Trovato morto in casa l'avvocato Alberto Quaini

36a giornata

Super Santarcangelo, Feralpi incredibile rimonta (sulla Reggiana). Foggia in B

Sprint secondo posto: domani Albinoleffe-Pordenone e Padova-Ancona (ore 20.30) e Parma-Sudtirol (ore 20.45)

eventi

Mostra del fumetto: il Wopa come...Wonderland Gallery

cibo on the road

Castle Street Food, continua l'assedio a Fontanellato Gallery

lega pro

D'Aversa: "Ora deve tornare a scattare la scintilla dell'entusiasmo" Video

1commento

FORNOVO

Pochi iscritti alle elementari, è polemica

LANGHIRANO

Il comandante dei vigili: «Massese pattugliata»

3commenti

gazzareporter

Un lettore: "Ma i vigili controlleranno anche le Harley Davidson?"

3commenti

SORBOLO

Quegli attori anti-truffa che educano i cittadini

Finto carabiniere

Truffati altri due anziani

l'agenda

Una domenica tra feste di primavera, aquiloni e treni storici

Lavori pubblici

Ecco il rinato «Lauro Grossi»

EMILIAMBIENTE

Massari: «Piena fiducia nel cda»

cadute

Incidenti in moto a Noceto e Berceto, grave una 46enne di Salso Video

Sanità

Visite «bucate», arrivano le prime multe

7commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

I vecchi partiti? Meglio di oggi

2commenti

EDITORIALE

Francia: l'Isis cerca di dirottare il voto

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

televisione

Addio a Erin Moran, "Sottiletta" Joanie di Happy Days Videoricordo

1commento

nairobi

Difende gli animali, spari contro la scrittrice Kuki Gallmann: ferita

WEEKEND

VIDEO

Il ghepardo attacca la turista e cerca di azzannarla

foto dei lettori

Aspettando la 1000 Miglia: lo sguardo di Paolo Gandolfi Foto

SPORT

tragico schianto

Incidente mortale: addio al rugbysta Andrea Balloni

calcio

Dramma per Vidal: cognato ucciso a colpi di pistola alla testa

MOTORI

TOP10

Auto: il lusso delle limited edition

ANTEPRIMA

Audi e-tron Sportback Concept, nel 2019 il Suv-coupé "digitale"