24°

Film recensioni

Jobs

Dal garage all'iPad, l'uomo e il suo genio

Steve Jobs - Ashton Kutcher nel bio-pic

Steve Jobs - Ashton Kutcher nel bio-pic

0

 

Lara Ampollini
Il suo ‘siate affamati, siate folli’, subito dopo la sua morte nel 2011, divenne una delle frasi più condivise sui social network e una sorta di manifesto dell’era digitale, dove tutto quello che puoi pensare è possibile. A patto di volerlo davvero e di avere un Mac. Steve Jobs è una delle icone globali degli ultimi anni. I valori dei prodotti che ha ideato e creato sono entrati nelle aspirazioni di milioni di persone, le stesse che fanno la coda fuori dai negozi per assicurarsi per primi l’ultimo modello di iPhone o di iPad. 
C’è una parte di nevrosi in tutto questo, come se il morso alla celebre mela del logo Apple fosse stato dato con foga e avidità, quella di qualcuno che ha voluto sbranare il mondo, con una rabbia pari alla forza delle sue idee. Non c’è buonismo, né il tentativo di giustificare il lato privato poco umano del genio nel film di Stern. La bio fortemente voluta da Ashton Kutcher, più celebre per la sua relazione con la ‘cougar’ Demi Moore che per le sue interpretazioni, appassionato e grande esperto di tecnologia, non è un ritratto edificante. La sua carriera è descritta a partire dal celebre garage dove tutto iniziò, alla società che fondò riuscendo a insidiare il primato di Ibm per poi esserne estromesso e infine ritornarne a capo trionfalmente e inaugurare l’ultima era in cui Apple avrebbe davvero dominato il mondo, quella degli i-prodotti. In tutte queste fasi, ‘Steve’ sfrutta e poi dimentica gli amici, mette incinta la fidanzata, la lascia e non riconosce la figlia, cerca di fare le scarpe a chiunque lo ostacoli.
 Messa da parte l’esaltazione del lato tecnico, il film punta a un pubblico più vasto tracciando un ritratto umano, mimetico (con Kutcher che cammina ingobbito e tenta di far dimenticare quanto è carino), ‘onesto’. Ma non basta, il mistero del genio e dell’uomo Jobs (che fu abbandonato dai genitori naturali) è ben lontano dall’essere chiarito. Così come il fascino delle sue idee non si trasmette al film, appannato da una regia approssimativa e senza personalità.
Lara Ampollini
Il suo ‘siate affamati, siate folli’, subito dopo la sua morte nel 2011, divenne una delle frasi più condivise sui social network e una sorta di manifesto dell’era digitale, dove tutto quello che puoi pensare è possibile. A patto di volerlo davvero e di avere un Mac. Steve Jobs è una delle icone globali degli ultimi anni. I valori dei prodotti che ha ideato e creato sono entrati nelle aspirazioni di milioni di persone, le stesse che fanno la coda fuori dai negozi per assicurarsi per primi l’ultimo modello di iPhone o di iPad. C’è una parte di nevrosi in tutto questo, come se il morso alla celebre mela del logo Apple fosse stato dato con foga e avidità, quella di qualcuno che ha voluto sbranare il mondo, con una rabbia pari alla forza delle sue idee. Non c’è buonismo, né il tentativo di giustificare il lato privato poco umano del genio nel film di Stern.
 La bio fortemente voluta da Ashton Kutcher, più celebre per la sua relazione con la ‘cougar’ Demi Moore che per le sue interpretazioni, appassionato e grande esperto di tecnologia, non è un ritratto edificante. La sua carriera è descritta a partire dal celebre garage dove tutto iniziò, alla società che fondò riuscendo a insidiare il primato di Ibm per poi esserne estromesso e infine ritornarne a capo trionfalmente e inaugurare l’ultima era in cui Apple avrebbe davvero dominato il mondo, quella degli i-prodotti. In tutte queste fasi, ‘Steve’ sfrutta e poi dimentica gli amici, mette incinta la fidanzata, la lascia e non riconosce la figlia, cerca di fare le scarpe a chiunque lo ostacoli. Messa da parte l’esaltazione del lato tecnico, il film punta a un pubblico più vasto tracciando un ritratto umano, mimetico (con Kutcher che cammina ingobbito e tenta di far dimenticare quanto è carino), ‘onesto’. 
Ma non basta, il mistero del genio e dell’uomo Jobs (che fu abbandonato dai genitori naturali) è ben lontano dall’essere chiarito. Così come il fascino delle sue idee non si trasmette al film, appannato da una regia approssimativa e senza personalità.

SCHEDA

REGIA: JOSHUA MICHAEL STERN
SCENEGGIATURA: MATT WHITELEY
INTERPRETI: ASHTON KUTCHER, DERMOT MULRONEY, JOSH GAD, MATTHEW MODINE, JAMES WOODS.
GENERE: BIOGRAFICO
Usa 2013, colore, durata 2 h e 8’
DOVE: THE SPACE BARILLA CENTER, THE SPACE CAMPUS

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

sgarbi dorme in tv

video virale

Sgarbi si addormenta in diretta Tv. Lo sveglia il conduttore

Kate & Amal: eleganza e bellezza (in verde e in rosso) Gallery

Londra

Kate & Amal incantano in verde e in rosso Gallery

gazzarock

musica

Premio Gazzarock, la sfida comincia: vota il tuo artista preferito

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Osteria degli Argini

Osteria degli Argini

CHICHIBIO

«Osteria degli Argini», tutto fatto in casa con cura

Lealtrenotizie

Incidente: camion si ribalta a Stradella. Coinvolte due auto: tre feriti

via spezia

Incidente: camion si ribalta a Stradella. Coinvolte due auto: tre feriti Foto

parma

Incendio in un deposito di via Tartini: si sospetta il dolo Gallery

lega nord

Salvini candida la Cavandoli: "Possiamo vincere" Intervista

Via Verdi blindata (guarda) per la visita del leader del Carroccio: "A Parma prima i parmigiani" e "Porte aperte agli alleati e ai civici"

via Baganza

Paura in piazza Fiume: un uomo cade, arriva l'ambulanza

prostituzione

16enni nigeriane sfruttate e picchiate scappano da Parma: salvate a Napoli

La triste storia di due ragazzine (una di loro incinta), tra la Libia e la nostra città 

7commenti

anteprima gazzetta

La vecchiaia raccontata da Giancarlo Ilari Video

ateneo

Elezioni universitarie: Sinistra studentesca pigliatutto

tg parma

Felegara sotto choc per la morte dei coniugi Carpana Video

LIRICA

La Fondazione del Regio istituisce l'Accademia Verdiana

Si parte con un corso di perfezionamento per 10 cantanti lirici

tra parma e milano

Re delle truffe tradito dalla pizza: preso nascosto nel sofà

Consiglio

La Provincia lascerà la sede di piazza della Pace

7commenti

lega pro

Dallara suona la carica: "Parma, lotteremo fino alla fine" Video

E ieri sera, il Matera ha battuto il Venezia 1-0 (Finale andata di Coppa Italia) - Da ieri, Munari e Frattali sono tornati in gruppo

tg parma

Borgotaro: gli alunni di elementari e medie disertano la scuola Video

Protesta delle mamme contro gli odori della Laminam

3commenti

Polizia

Furti al supermercato: quattro denunciati in poche ore. Tre sono minorenni

17commenti

foto dei lettori

Via Montebello: il parcheggio è "creativo"

SAN LAZZARO

Medico aggredito e rapinato del Rolex nel suo studio

8commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Recuperiamo (almeno) la speranza

EDITORIALE

L'ambulanza bloccata e la legge «fai da te»

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

Piacenza

Precipita con il deltaplano a motore e muore

Il caso

La foto del padre sui pacchetti di sigarette: fanno causa alla Ue

SOCIETA'

pazzo mondo

Fa il bullo con una donna, ma è quella sbagliata! Video

foto dei lettori

Brexit anticipata... nelle banconote dell'euro

SPORT

gossip

Il nuovo amore di Valentino Rossi è una modella palermitana Video

Calcio

Parma, l'abbraccio dei tifosi

MOTORI

restyling

Mercedes, ora la GLA è più alta e più connessa

innovazione

La Fiat 500 adesso si può noleggiare su Amazon