13°

31°

Film recensioni

Jobs

Dal garage all'iPad, l'uomo e il suo genio

Steve Jobs - Ashton Kutcher nel bio-pic

Steve Jobs - Ashton Kutcher nel bio-pic

0

 

Lara Ampollini
Il suo ‘siate affamati, siate folli’, subito dopo la sua morte nel 2011, divenne una delle frasi più condivise sui social network e una sorta di manifesto dell’era digitale, dove tutto quello che puoi pensare è possibile. A patto di volerlo davvero e di avere un Mac. Steve Jobs è una delle icone globali degli ultimi anni. I valori dei prodotti che ha ideato e creato sono entrati nelle aspirazioni di milioni di persone, le stesse che fanno la coda fuori dai negozi per assicurarsi per primi l’ultimo modello di iPhone o di iPad. 
C’è una parte di nevrosi in tutto questo, come se il morso alla celebre mela del logo Apple fosse stato dato con foga e avidità, quella di qualcuno che ha voluto sbranare il mondo, con una rabbia pari alla forza delle sue idee. Non c’è buonismo, né il tentativo di giustificare il lato privato poco umano del genio nel film di Stern. La bio fortemente voluta da Ashton Kutcher, più celebre per la sua relazione con la ‘cougar’ Demi Moore che per le sue interpretazioni, appassionato e grande esperto di tecnologia, non è un ritratto edificante. La sua carriera è descritta a partire dal celebre garage dove tutto iniziò, alla società che fondò riuscendo a insidiare il primato di Ibm per poi esserne estromesso e infine ritornarne a capo trionfalmente e inaugurare l’ultima era in cui Apple avrebbe davvero dominato il mondo, quella degli i-prodotti. In tutte queste fasi, ‘Steve’ sfrutta e poi dimentica gli amici, mette incinta la fidanzata, la lascia e non riconosce la figlia, cerca di fare le scarpe a chiunque lo ostacoli.
 Messa da parte l’esaltazione del lato tecnico, il film punta a un pubblico più vasto tracciando un ritratto umano, mimetico (con Kutcher che cammina ingobbito e tenta di far dimenticare quanto è carino), ‘onesto’. Ma non basta, il mistero del genio e dell’uomo Jobs (che fu abbandonato dai genitori naturali) è ben lontano dall’essere chiarito. Così come il fascino delle sue idee non si trasmette al film, appannato da una regia approssimativa e senza personalità.
Lara Ampollini
Il suo ‘siate affamati, siate folli’, subito dopo la sua morte nel 2011, divenne una delle frasi più condivise sui social network e una sorta di manifesto dell’era digitale, dove tutto quello che puoi pensare è possibile. A patto di volerlo davvero e di avere un Mac. Steve Jobs è una delle icone globali degli ultimi anni. I valori dei prodotti che ha ideato e creato sono entrati nelle aspirazioni di milioni di persone, le stesse che fanno la coda fuori dai negozi per assicurarsi per primi l’ultimo modello di iPhone o di iPad. C’è una parte di nevrosi in tutto questo, come se il morso alla celebre mela del logo Apple fosse stato dato con foga e avidità, quella di qualcuno che ha voluto sbranare il mondo, con una rabbia pari alla forza delle sue idee. Non c’è buonismo, né il tentativo di giustificare il lato privato poco umano del genio nel film di Stern.
 La bio fortemente voluta da Ashton Kutcher, più celebre per la sua relazione con la ‘cougar’ Demi Moore che per le sue interpretazioni, appassionato e grande esperto di tecnologia, non è un ritratto edificante. La sua carriera è descritta a partire dal celebre garage dove tutto iniziò, alla società che fondò riuscendo a insidiare il primato di Ibm per poi esserne estromesso e infine ritornarne a capo trionfalmente e inaugurare l’ultima era in cui Apple avrebbe davvero dominato il mondo, quella degli i-prodotti. In tutte queste fasi, ‘Steve’ sfrutta e poi dimentica gli amici, mette incinta la fidanzata, la lascia e non riconosce la figlia, cerca di fare le scarpe a chiunque lo ostacoli. Messa da parte l’esaltazione del lato tecnico, il film punta a un pubblico più vasto tracciando un ritratto umano, mimetico (con Kutcher che cammina ingobbito e tenta di far dimenticare quanto è carino), ‘onesto’. 
Ma non basta, il mistero del genio e dell’uomo Jobs (che fu abbandonato dai genitori naturali) è ben lontano dall’essere chiarito. Così come il fascino delle sue idee non si trasmette al film, appannato da una regia approssimativa e senza personalità.

SCHEDA

REGIA: JOSHUA MICHAEL STERN
SCENEGGIATURA: MATT WHITELEY
INTERPRETI: ASHTON KUTCHER, DERMOT MULRONEY, JOSH GAD, MATTHEW MODINE, JAMES WOODS.
GENERE: BIOGRAFICO
Usa 2013, colore, durata 2 h e 8’
DOVE: THE SPACE BARILLA CENTER, THE SPACE CAMPUS

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Insinna social network

tv e polemiche

Insinna si vendica: «Il Tapiro censurato da Striscia»

Il rock piange anche Gregg Allman

Gregg Allman

musica

Il rock piange anche Gregg Allman

Superbike: bellezze a bordo pista a Donington

Sport

Superbike: bellezze a bordo pista a Donington Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Les Caves

CHICHIBIO

«Les Caves», qualità tra tradizione e innovazione

Lealtrenotizie

Auto fuori strada a Porporano: un ferito grave

Parma

Auto fuori strada a Porporano: un ferito grave Foto

Incidente anche a Casaltone: un ferito

San Leonardo

Al matrimonio arrivano i carabinieri

Sorbolo

Cassaforte smurata, ladri a colpo sicuro

Furti

Vicofertile, gli abitanti vogliono i vigilantes

Personaggio

Il pilota Leonardi: «Il rally mi ha salvato dal tumore»

Lega Pro

Lucca? Parla Longobardi

Criminalità

Salso, anziana rapinata: le rubano catenina e orologio d'oro

L'EVENTO

Cantine aperte: il vino di Parma protagonista

Satira

Elezioni: i candidati nel mirino

COLLECCHIO

Furti e auto forzate nel parcheggio dell'EgoVillage: abitanti esasperati

PIETRA DI BISMANTOVA

Scivola sulla ferrata e resta appeso al cavo di sicurezza: ferito 25enne di Parma

PARMA

A fuoco deposito di carta e campana del vetro: due incendi in viale Fratti e via Trieste

truffa

Falso avvocato raggirava immigrati tra Parma e Reggio: denunciato

INCIDENTE

E' morta l'anziana investita in via Pellico

berceto

Scontro tra moto sulla strada del Cento Croci: cadono in tre

sorbolo

L'ultimo binario dell'idiozia: dopo le auto, fingono di finire sotto il treno

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

5commenti

EDITORIALE

Miss Italia, Salso saprà ricominciare?

di Leonardo Sozzi

ITALIA/MONDO

URBINO

Bimbo morto di otite: indagati il medico e i genitori, donati gli organi

ravenna

Blue Whale: la Polizia "salva" una studentessa di 14 anni

SOCIETA'

LA PEPPA

La ricetta - Verdure farcite per l’estate

il disco 

Ha un'anima il Robot di Alan Parsons

SPORT

ROMA

L'addio di Totti, il capitano in lacrime abbraccia i figli: "Starei qui altri 25 anni" Foto

FORMULA UNO

Doppietta Ferrari dopo 16 anni a Montecarlo. Gelo tra Vettel e Raikkonen

MOTORI

motori

BMW Serie 8, a Villa d'Este il concept della futura generazione

il test

Nuovo Discovery, in missione per conto di Land Rover