-5°

Film recensioni

Jobs

Dal garage all'iPad, l'uomo e il suo genio

Steve Jobs - Ashton Kutcher nel bio-pic

Steve Jobs - Ashton Kutcher nel bio-pic

0

 

Lara Ampollini
Il suo ‘siate affamati, siate folli’, subito dopo la sua morte nel 2011, divenne una delle frasi più condivise sui social network e una sorta di manifesto dell’era digitale, dove tutto quello che puoi pensare è possibile. A patto di volerlo davvero e di avere un Mac. Steve Jobs è una delle icone globali degli ultimi anni. I valori dei prodotti che ha ideato e creato sono entrati nelle aspirazioni di milioni di persone, le stesse che fanno la coda fuori dai negozi per assicurarsi per primi l’ultimo modello di iPhone o di iPad. 
C’è una parte di nevrosi in tutto questo, come se il morso alla celebre mela del logo Apple fosse stato dato con foga e avidità, quella di qualcuno che ha voluto sbranare il mondo, con una rabbia pari alla forza delle sue idee. Non c’è buonismo, né il tentativo di giustificare il lato privato poco umano del genio nel film di Stern. La bio fortemente voluta da Ashton Kutcher, più celebre per la sua relazione con la ‘cougar’ Demi Moore che per le sue interpretazioni, appassionato e grande esperto di tecnologia, non è un ritratto edificante. La sua carriera è descritta a partire dal celebre garage dove tutto iniziò, alla società che fondò riuscendo a insidiare il primato di Ibm per poi esserne estromesso e infine ritornarne a capo trionfalmente e inaugurare l’ultima era in cui Apple avrebbe davvero dominato il mondo, quella degli i-prodotti. In tutte queste fasi, ‘Steve’ sfrutta e poi dimentica gli amici, mette incinta la fidanzata, la lascia e non riconosce la figlia, cerca di fare le scarpe a chiunque lo ostacoli.
 Messa da parte l’esaltazione del lato tecnico, il film punta a un pubblico più vasto tracciando un ritratto umano, mimetico (con Kutcher che cammina ingobbito e tenta di far dimenticare quanto è carino), ‘onesto’. Ma non basta, il mistero del genio e dell’uomo Jobs (che fu abbandonato dai genitori naturali) è ben lontano dall’essere chiarito. Così come il fascino delle sue idee non si trasmette al film, appannato da una regia approssimativa e senza personalità.
Lara Ampollini
Il suo ‘siate affamati, siate folli’, subito dopo la sua morte nel 2011, divenne una delle frasi più condivise sui social network e una sorta di manifesto dell’era digitale, dove tutto quello che puoi pensare è possibile. A patto di volerlo davvero e di avere un Mac. Steve Jobs è una delle icone globali degli ultimi anni. I valori dei prodotti che ha ideato e creato sono entrati nelle aspirazioni di milioni di persone, le stesse che fanno la coda fuori dai negozi per assicurarsi per primi l’ultimo modello di iPhone o di iPad. C’è una parte di nevrosi in tutto questo, come se il morso alla celebre mela del logo Apple fosse stato dato con foga e avidità, quella di qualcuno che ha voluto sbranare il mondo, con una rabbia pari alla forza delle sue idee. Non c’è buonismo, né il tentativo di giustificare il lato privato poco umano del genio nel film di Stern.
 La bio fortemente voluta da Ashton Kutcher, più celebre per la sua relazione con la ‘cougar’ Demi Moore che per le sue interpretazioni, appassionato e grande esperto di tecnologia, non è un ritratto edificante. La sua carriera è descritta a partire dal celebre garage dove tutto iniziò, alla società che fondò riuscendo a insidiare il primato di Ibm per poi esserne estromesso e infine ritornarne a capo trionfalmente e inaugurare l’ultima era in cui Apple avrebbe davvero dominato il mondo, quella degli i-prodotti. In tutte queste fasi, ‘Steve’ sfrutta e poi dimentica gli amici, mette incinta la fidanzata, la lascia e non riconosce la figlia, cerca di fare le scarpe a chiunque lo ostacoli. Messa da parte l’esaltazione del lato tecnico, il film punta a un pubblico più vasto tracciando un ritratto umano, mimetico (con Kutcher che cammina ingobbito e tenta di far dimenticare quanto è carino), ‘onesto’. 
Ma non basta, il mistero del genio e dell’uomo Jobs (che fu abbandonato dai genitori naturali) è ben lontano dall’essere chiarito. Così come il fascino delle sue idee non si trasmette al film, appannato da una regia approssimativa e senza personalità.

SCHEDA

REGIA: JOSHUA MICHAEL STERN
SCENEGGIATURA: MATT WHITELEY
INTERPRETI: ASHTON KUTCHER, DERMOT MULRONEY, JOSH GAD, MATTHEW MODINE, JAMES WOODS.
GENERE: BIOGRAFICO
Usa 2013, colore, durata 2 h e 8’
DOVE: THE SPACE BARILLA CENTER, THE SPACE CAMPUS

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

White Lion: i latini a Pilastro

Pgn Feste

White Lion: i latini a Pilastro Foto

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy

Australian Open

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy Foto

Acquisto auto nuova: le 6 soluzioni più efficaci

CONSIGLI

Acquistare un'auto nuova: le 6 soluzioni più efficaci

Notiziepiùlette

Incidente Cascinapiano
Incidente Cascinapiano

Filippo, addio con la maglia numero 8

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Filippo, le lacrime e il colore dei ricordi sulla bara bianca

Langhirano

Filippo, le lacrime e il colore dei ricordi sulla bara bianca

commemorazione

Il liceo Bertolucci si prende per mano: "Ciao Filippo"

Polemica

«Sulla legionella ci hanno preso in giro»

3commenti

Tg Parma

Tenta di truffare un anziano e gli strappa i soldi dal portafogli: denunciato

Weekend

Feste di Sant'Antonio, musica e fuoristrada: l'agenda

IL CASO

«Ci hanno tolto il figlio per uno schiaffo»

1commento

Langhirano

Antonella, quel sorriso si è spento troppo presto

primarie pd

Dall'Olio-Scarpa: c'è l'accordo

centro italia

Parma, un'altra partenza degli angeli del soccorso Foto

lega pro

D'Aversa: "In campo anche alcuni dei nuovi arrivati" Video

lirica

Roberto Abbado direttore del Festival Verdi dal 2018

E nasce a Parma il comitato scientifico

Parlano gli studenti

«La Maturità 2018? Premia chi non studia»

Il caso

Anziana disabile derubata in viale Fratti

1commento

Lutto

Albino Rinaldi, il signore dei «Baci»

Tg Parma

Alfieri: "Parma deve tornare ad essere la nostra casa"

tg parma

Trentenne parmigiano aggredito e rapinato da una baby gang in centro

9commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

EDITORIALE

Un morto nell'Italia dello scaricabarile

di Paola Guatelli

ITALIA/MONDO

soccorsi

Altri 4 estratti dalle macerie del Rigopiano, ma c'è una quarta vittima

I Parete

"Viva anche Ludovica": Giampiero riabbraccia la famiglia

WEEKEND

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

IL DISCO

Avalon, un sound sofisticato e una copertina leggendaria

1commento

SPORT

Parma Calcio

Coric, risoluzione consensuale del contratto

Sport

MotoGP: tutti i piloti Foto

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto