17°

32°

Il caso

L'ultima frontiera della lirica: il «Rigoletto» con pubblicità

"Debutto" dell'iniziativa a Genova

Il Teatro Carlo Felice di Genova

Il Teatro Carlo Felice di Genova

Ricevi gratis le news
0

 

Mara Pedrabissi
«...La costanza tiranna del core/ Detestiamo qual morbo crudele,/ Sol chi vuole si serbi fedele;/ Non v'ha amor se non v'è...»... Il resto? Dopo la pubblicità. 
Abbiamo esagerato, le cose non stanno proprio così e il Duca di Mantova ha potuto concludere in «libertà» (questa la parola mancante) la ballata «Questa o quella»  nel «Rigoletto» andato in scena mercoledì al Carlo Felice di Genova. Però quella recita - inaugurazione della stagione lirica del capoluogo ligure - ha fatto parlare di sé: per la prima volta in Italia, infatti, sono stati proiettati (sullo schermo sul quale di solito scorrono i testi dei libretti) alcuni video pubblicitari  come accade al cinema.  Per ora hanno aderito quattro sponsor: Regione Liguria,  My Movies, la piattaforma usata dal teatro per diffondere in streaming le opere, una pasticceria che collabora col teatro, e una società di buoni pasto. Ovviamente nel teatro guidato dal sovrintendente Giovanni Pacor (in curriculum molti anni spesi all'estero) sperano di poter ampliare il business per dare ossigeno alla difficile situazione economica. 
«Mi trovo in imbarazzo a dare dei giudizi», pone come premessa la parmigiana Cristina Ferrari, direttore artistico del Teatro Comunale di Piacenza e già al Carlo Felice dal gennaio 2008 al settembre 2009. «Credo che a Genova  - prosegue Ferrari - stiano cercando risorse alternative, vista la difficile situazione in cui il teatro versa. E' in quest'ottica che va letta l'idea di inserire la pubblicità, che non demonizzo purché sia proposta con rispetto e buon senso. Penso che sarebbe più proficuo noleggiare il teatro, a fronte di un buon canone d'affitto, per concerti di musica leggera. Così si aprirebbero le porte a un pubblico nuovo».
  L'idea del break pubblicitario approderà anche al Teatro Regio? L'amministratore esecutivo Carlo Fontana risponde: «Non mi scandalizzo ma non sono per le invenzioni, anche geniali, del popolo che è abituato a vivere arrangiandosi. Sono per le riforme strutturali». E allarga il ragionamento: «Il problema vero è la ridefinizione dei rapporti tra Stato italiano e mondo della cultura e dello spettacolo. Se è vero che lo Stato non ha più risorse per mantenere in vita il mondo della cultura - ed è ovviamente chiarissimo - allora deve cambiare completamente modello e  favorire il processo di defiscalizzazione degli interventi privati. Questa è la via maestra». Con un pizzico di fiducia («Il ministro Bray sembra invertire una rotta, di lungo corso, di tagli al Fus») e un proposito  come Agis di cui è presidente, Fontana annuncia: «Porremo il problema della defiscalizzazione dei contributi privati». 
Per la cronaca, al Carlo Felice il pubblico, non foltissimo, ha applaudito il «Rigoletto».  «Ho letto di Genova ma sono un po' perplesso -  analizza  Paolo Zoppi, del Cral Amici della Lirica Cariparma e pure dei “27”,  mentre è in trasferta a Bilbao con un gruppo di parmigiani per assistere alla Forza del Destino con l'Orchestra dell'Opera di Parma - . Se può servire, mettano la pubblicità ma la vedo un po' come una “diminutio” della forma d'arte che è l'opera». Concorda Andrea Rinaldi, corista storico del Regio e presidente della Corale Verdi: «Viviamo un momento particolarmente difficile, se può servire alla causa». Se l'obiettivo era che se ne parlasse, la battaglia è vinta. Vincere la guerra è un'altra cosa.  
Mara Pedrabissi

 

«...La costanza tiranna del core/ Detestiamo qual morbo crudele,/ Sol chi vuole si serbi fedele;/ Non v'ha amor se non v'è...»... Il resto? Dopo la pubblicità. Abbiamo esagerato, le cose non stanno proprio così e il Duca di Mantova ha potuto concludere in «libertà» (questa la parola mancante) la ballata «Questa o quella»  nel «Rigoletto» andato in scena mercoledì al Carlo Felice di Genova. Però quella recita - inaugurazione della stagione lirica del capoluogo ligure - ha fatto parlare di sé: per la prima volta in Italia, infatti, sono stati proiettati (sullo schermo sul quale di solito scorrono i testi dei libretti) alcuni video pubblicitari  come accade al cinema.  Per ora hanno aderito quattro sponsor: Regione Liguria,  My Movies, la piattaforma usata dal teatro per diffondere in streaming le opere, una pasticceria che collabora col teatro, e una società di buoni pasto. Ovviamente nel teatro guidato dal sovrintendente Giovanni Pacor (in curriculum molti anni spesi all'estero) sperano di poter ampliare il business per dare ossigeno alla difficile situazione economica. «Mi trovo in imbarazzo a dare dei giudizi», pone come premessa la parmigiana Cristina Ferrari, direttore artistico del Teatro Comunale di Piacenza e già al Carlo Felice dal gennaio 2008 al settembre 2009. «Credo che a Genova  - prosegue Ferrari - stiano cercando risorse alternative, vista la difficile situazione in cui il teatro versa. E' in quest'ottica che va letta l'idea di inserire la pubblicità, che non demonizzo purché sia proposta con rispetto e buon senso. Penso che sarebbe più proficuo noleggiare il teatro, a fronte di un buon canone d'affitto, per concerti di musica leggera. Così si aprirebbero le porte a un pubblico nuovo». 

L'idea del break pubblicitario approderà anche al Teatro Regio? L'amministratore esecutivo Carlo Fontana risponde: «Non mi scandalizzo ma non sono per le invenzioni, anche geniali, del popolo che è abituato a vivere arrangiandosi. Sono per le riforme strutturali». E allarga il ragionamento: «Il problema vero è la ridefinizione dei rapporti tra Stato italiano e mondo della cultura e dello spettacolo. Se è vero che lo Stato non ha più risorse per mantenere in vita il mondo della cultura - ed è ovviamente chiarissimo - allora deve cambiare completamente modello e  favorire il processo di defiscalizzazione degli interventi privati. Questa è la via maestra». Con un pizzico di fiducia («Il ministro Bray sembra invertire una rotta, di lungo corso, di tagli al Fus») e un proposito  come Agis di cui è presidente, Fontana annuncia: «Porremo il problema della defiscalizzazione dei contributi privati». Per la cronaca, al Carlo Felice il pubblico, non foltissimo, ha applaudito il «Rigoletto».  «Ho letto di Genova ma sono un po' perplesso -  analizza  Paolo Zoppi, del Cral Amici della Lirica Cariparma e pure dei “27”,  mentre è in trasferta a Bilbao con un gruppo di parmigiani per assistere alla Forza del Destino con l'Orchestra dell'Opera di Parma - . Se può servire, mettano la pubblicità ma la vedo un po' come una “diminutio” della forma d'arte che è l'opera». Concorda Andrea Rinaldi, corista storico del Regio e presidente della Corale Verdi: «Viviamo un momento particolarmente difficile, se può servire alla causa». Se l'obiettivo era che se ne parlasse, la battaglia è vinta. Vincere la guerra è un'altra cosa.  

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Biciclette e corsie per gli autobus: il «carosello» dei segnali stradali

la curiosità

Biciclette e corsie per gli autobus: il «carosello» dei segnali stradali

2commenti

Rinoceronte ancora in finale al Talent Show "Eccezionale veramente"

tg parma

Rino Ceronte ancora in finale al talent show "Eccezionale veramente" Video

La D’Urso in barca con Gerard Butler: è amore?

gossip

La D’Urso in barca con Gerard Butler: è amore?

Notiziepiùlette

Samuele Turco suicida in carcere
delitto san prospero

Samuele Turco suicida in carcere

Ultime notizie

Arriva Guidolin ed è festa

SPECIALE PARMA

L'ultima B: arriva Guidolin ed è festa

di Alberto Dallatana

Lealtrenotizie

Ecco Lorena, Miss Parma 2017

IL CONCORSO

Ecco Lorena, Miss Parma 2017

24enne, barista, viene da Borgotaro

Ospedale

Bimba di 8 mesi inala pezzo di peperoncino: intervento salvavita al Maggiore

La piccola, residente nel Reggiano, è stata operata da Maria Majori

1commento

anteprima gazzetta

Perché il caso Turco fa ancora discutere

Allarme truffe anche al supermercato

pinzolo

Parma, prime indicazioni anti-Bari per D'Aversa Video

Dopo due amichevoli alcuni giocatori hanno dimostrato di essere già in forma

parma

Schiaffi e pugni per rubare la borsetta a una 29enne: nigeriano arrestato

7commenti

baganzola

Terzo furto al Pronto Carni, in azione tre uomini dell'Est Video

1commento

montechiarugolo

Pronti a colpire, arrivano i carabinieri: ladri in fuga nei campi

omicidio di natale

Delitto di San Prospero, per Alessio Turco probabile rito abbreviato Video

allarme

Il garante: "Carcere di Parma, 2 suicidi in 3 mesi"

2commenti

La relazione

Per la perizia Turco non si voleva suicidare

MADREGOLO

Torneo Bruno Ollari: senza arbitro si gioca meglio. E non si litiga

via Anselmi

E' fuori pericolo la 60enne ustionata in via Anselmi - Video: dentro l'appartamento distrutto

IL CASO

Colorno, bravate notturne in piscina. E scattano le denunce

cantiere

Al via in agosto la riqualificazione di piazza della Pace

4commenti

tv parma

Corsa al rettorato: Maria Careri, chimica, è la sesta candidata Video

RITROVAMENTO

Lungo le rive del Po spunta pure la testa di un bisonte

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL CASO

Samuele Turco, la tragedia e la pietà Video-editoriale

di Michele Brambilla

3commenti

EDITORIALE

Salso, l'avvenire non è dietro le spalle La risposta del sindaco

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

MAFIA CAPITALE

Carminati lascia via Burla: trasferito in carcere Oristano

Monte Argentario

La comandante dei vigili spara al figlio 17enne ucidendolo e poi si toglie la vita

SPORT

nuovi acquisti

Dezi: "Per me è importante avere la fiducia del Parma" Video

mondiali nuoto

Pazzesca Pellegrini, impresa in rimonta: è oro. "Vorrei fare la velocista" Foto

SOCIETA'

Spettacoli

Angelina Jolie rompe il silenzio su Brad Pitt Video

SONDAGGIO

Da bagolón a bagolone: come cambia il dialetto dei giovani

1commento

MOTORI

anniversario

Pajero One/Hundred, Mitsubishi festeggia il secolo di vita

il video

Tutto in 44 secondi: un’intervista a 300 km/h sulla nuova Jaguar XJR575 Video