-2°

spettacoli

I Negrita fanno «Bum bum bum» e tutto il Regio è in piedi a ballare

Negrita al Regio

Negrita al Regio

0

 

Giulia Viviani
Acustico sì, da salotto per niente. Partiamo col dire che i Negrita venerdì sera al Teatro Regio hanno fatto il tutto esaurito, e già non è poco di questi tempi, ma come se non bastasse sono riusciti anche a far stare il pubblico in piedi per buona parte del concerto. 
Dopo un inizio «di rodaggio», è lo stesso Pau a suggerire la rotta: «Questo è uno dei teatri più belli che abbiamo visto, ci rendiamo conto che siate rapiti dalla magnificenza del luogo, ma voi siete sempre il pubblico dei Negrita: fatevi sentire!». E la platea non se l’è fatto dire due volte. A scaldare con grande eleganza sono «Bonanza», canzone dell’album d’esordio che porta il titolo di una famosa serie televisiva western americana, e un pezzo da novanta come «Ho imparato a sognare» che fa immediatamente sfoderare al pubblico fotocamere e telefonini. Una partenza emozionale, che cala lo spettatore nella dimensione teatrale, fatta di luci semplici ma perfettamente studiate, di un suono meno ruvido del solito che si accompagna alla voce sempre intensa e senza sbavature di Pau.
Arriva «Bum bum bum», a portare un tocco di quel blues che la band masticava nei primi anni Novanta, poi «Malavida en Buenos Aires» in versione swing manouche, con evidente omaggio al mitico Django Reinhardt. Spunta anche il primo inedito dell’album «Deja vù», «Anima lieve», dopo «Brucerò per te» e «Che rumore fa la felicità?»; poi Drigo con la sua chitarra si lancia in «Splendido», pezzo la cui intensità viene sottolineata da un suggestivo gioco di luci per cui si sfoderano addirittura delle mirror ball. Seguono «Il libro in una mano, la bomba nell’altra» e «Sale». Ma il tempo per affondare nelle poltroncine del Regio sta finendo, lo show cresce d’intensità di canzone in canzone con il pubblico che non si accontenta più di cantare e muovere i piedi ma alza le mani, incita, batte il tempo e infine, si alza. Quello che già era evidente sui palchi e in loggione, diventa letteralmente plateale: tutto il teatro è in piedi. E balla. Il ritmo è quello di «Soy Taranta», brano dal sapore caldo e meticcio, tra Salento e Sudamerica, poi tocca a «Radio Conga», seguita da uno dei pezzi probabilmente più amati, la sensuale e romantica «Magnolia». Sorprende una versione completamente rivisitata di «Mama maè» e improvvisamente ci si rende conto che quello che era iniziato come il classico concerto acustico a teatro di una band pop rock, sta diventando quasi il live elettrico che ci si aspetta in un club. 
«Dannato vivere» e «La tua canzone» traghettano verso un finale dove non può mancare l’accento reggaeton di «Rotolando verso sud». E come previsto, il tutto si conclude con una «Gioia infinita». Quella di tutti. 
Giulia Viviani

Acustico sì, da salotto per niente. Partiamo col dire che i Negrita venerdì sera al Teatro Regio hanno fatto il tutto esaurito, e già non è poco di questi tempi, ma come se non bastasse sono riusciti anche a far stare il pubblico in piedi per buona parte del concerto. Dopo un inizio «di rodaggio», è lo stesso Pau a suggerire la rotta: «Questo è uno dei teatri più belli che abbiamo visto, ci rendiamo conto che siate rapiti dalla magnificenza del luogo, ma voi siete sempre il pubblico dei Negrita: fatevi sentire!». E la platea non se l’è fatto dire due volte. A scaldare con grande eleganza sono «Bonanza», canzone dell’album d’esordio che porta il titolo di una famosa serie televisiva western americana, e un pezzo da novanta come «Ho imparato a sognare» che fa immediatamente sfoderare al pubblico fotocamere e telefonini. Una partenza emozionale, che cala lo spettatore nella dimensione teatrale, fatta di luci semplici ma perfettamente studiate, di un suono meno ruvido del solito che si accompagna alla voce sempre intensa e senza sbavature di Pau.Arriva «Bum bum bum», a portare un tocco di quel blues che la band masticava nei primi anni Novanta, poi «Malavida en Buenos Aires» in versione swing manouche, con evidente omaggio al mitico Django Reinhardt. Spunta anche il primo inedito dell’album «Deja vù», «Anima lieve», dopo «Brucerò per te» e «Che rumore fa la felicità?»; poi Drigo con la sua chitarra si lancia in «Splendido», pezzo la cui intensità viene sottolineata da un suggestivo gioco di luci per cui si sfoderano addirittura delle mirror ball. Seguono «Il libro in una mano, la bomba nell’altra» e «Sale». Ma il tempo per affondare nelle poltroncine del Regio sta finendo, lo show cresce d’intensità di canzone in canzone con il pubblico che non si accontenta più di cantare e muovere i piedi ma alza le mani, incita, batte il tempo e infine, si alza. Quello che già era evidente sui palchi e in loggione, diventa letteralmente plateale: tutto il teatro è in piedi. E balla. Il ritmo è quello di «Soy Taranta», brano dal sapore caldo e meticcio, tra Salento e Sudamerica, poi tocca a «Radio Conga», seguita da uno dei pezzi probabilmente più amati, la sensuale e romantica «Magnolia». Sorprende una versione completamente rivisitata di «Mama maè» e improvvisamente ci si rende conto che quello che era iniziato come il classico concerto acustico a teatro di una band pop rock, sta diventando quasi il live elettrico che ci si aspetta in un club. «Dannato vivere» e «La tua canzone» traghettano verso un finale dove non può mancare l’accento reggaeton di «Rotolando verso sud». E come previsto, il tutto si conclude con una «Gioia infinita». Quella di tutti. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Mirante è il nuovo amore di Ludovica Valli?

Ex tronista

Mirante è il nuovo amore di Ludovica Valli?

Scala: con l'inizio della "Butterfly" si placano le proteste

Lirica

Scala: con l'inizio della "Butterfly" si placano le proteste

Il Taro Taro  story al Marisol

Pgn

Il Taro Taro story al Marisol Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Presi spacciatori con la pistola

Foto d'archivio

SQUADRA MOBILE

Presi due spacciatori con la pistola

3commenti

Ospedale

Reparti soppressi, allarme al Maggiore

Sono cinque le strutture coinvolte: semeiotica, ortopedia, centro cefalee e due chirurgie. E arriva la replica dell'Ospedale

4commenti

Polizia municipale

Controlli a San Leonardo: 22 multe ad automobilisti, 2 a ciclisti non in regola

Controlli anche sui veicoli: fermate 2 auto senza assicurazione e 5 senza revisione

6commenti

Anteprima Gazzetta

Truffe, ecco come difendersi Video

Un'inchiesta di due pagine sulle truffe più frequenti

Guardia di Finanza

Incassa poco ma solo per il fisco: sequestrati beni a un evasore "seriale" di Sorbolo

3commenti

Parma Calcio

Il ds Faggiano si presenta: "Voglio un rapporto vero con la squadra" Video

1commento

Calcio

LegaPro: Pareggio del Bassano; Venezia primo

Guarda i risultati delle partite e la classifica aggiornata

Calestano

La lite per i confini dell'orto finisce a badilate: condannata intera famiglia

1commento

Incidente

E' ancora gravissimo il rugbista ventenne investito 

SONDAGGIO

La commessa più votata? E' Giorgia

2commenti

Parma

Nuovo percorso ciclabile fra la stazione, via Trento, via San Leonardo e via Paradigna Mappe

Ecco dove passerà la pista ciclabile

8commenti

Parma

Attentato incendiario nella sede dei sindacati di base Video

Rilievi della Scientifica in via Mattei

Alta Velocità

Italo aumenta i collegamenti di Parma con la stazione Mediopadana

3commenti

collecchio-noceto

Truffa-furto del finto soccorso stradale: nuove segnalazioni

2commenti

TRASPORTI

Nuovi autobus sulla linea 7. Più grandi e con il wi-fi

I dodici mezzi sono autosnodati, lunghi 18 metri e sono costati circa 3.5 milioni

Appennino

Schia: al via la stagione con una «valanga» di novità

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Renzi: perché ha perso, perché può rivincere

di Michele Brambilla

12commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

2commenti

ITALIA/MONDO

PIACENZA

Sequestrate ville e auto a due famiglie rom

Varese

Per 11 anni abusa delle nipotine: nonno ai domiciliari

SOCIETA'

GIORNALISMO

Gramellini passa dalla Stampa al Corriere

dialetto

"Io parlo parmigiano" lancia un Lunäri... da Ufo Video

SPORT

Colombia

Disastro Chapecoense: primi arresti

promozione

Il Fidenza chiama Massimo Barbuti in panchina

CURIOSITA'  

Gazzareporter

Lavori in corso sul marciapiedi di viale Mariotti

Tg Parma

A Fidenza la pista di pattinaggio su ghiaccio più grande della provincia Video