-2°

spettacoli

I Negrita fanno «Bum bum bum» e tutto il Regio è in piedi a ballare

Negrita al Regio

Negrita al Regio

0

 

Giulia Viviani
Acustico sì, da salotto per niente. Partiamo col dire che i Negrita venerdì sera al Teatro Regio hanno fatto il tutto esaurito, e già non è poco di questi tempi, ma come se non bastasse sono riusciti anche a far stare il pubblico in piedi per buona parte del concerto. 
Dopo un inizio «di rodaggio», è lo stesso Pau a suggerire la rotta: «Questo è uno dei teatri più belli che abbiamo visto, ci rendiamo conto che siate rapiti dalla magnificenza del luogo, ma voi siete sempre il pubblico dei Negrita: fatevi sentire!». E la platea non se l’è fatto dire due volte. A scaldare con grande eleganza sono «Bonanza», canzone dell’album d’esordio che porta il titolo di una famosa serie televisiva western americana, e un pezzo da novanta come «Ho imparato a sognare» che fa immediatamente sfoderare al pubblico fotocamere e telefonini. Una partenza emozionale, che cala lo spettatore nella dimensione teatrale, fatta di luci semplici ma perfettamente studiate, di un suono meno ruvido del solito che si accompagna alla voce sempre intensa e senza sbavature di Pau.
Arriva «Bum bum bum», a portare un tocco di quel blues che la band masticava nei primi anni Novanta, poi «Malavida en Buenos Aires» in versione swing manouche, con evidente omaggio al mitico Django Reinhardt. Spunta anche il primo inedito dell’album «Deja vù», «Anima lieve», dopo «Brucerò per te» e «Che rumore fa la felicità?»; poi Drigo con la sua chitarra si lancia in «Splendido», pezzo la cui intensità viene sottolineata da un suggestivo gioco di luci per cui si sfoderano addirittura delle mirror ball. Seguono «Il libro in una mano, la bomba nell’altra» e «Sale». Ma il tempo per affondare nelle poltroncine del Regio sta finendo, lo show cresce d’intensità di canzone in canzone con il pubblico che non si accontenta più di cantare e muovere i piedi ma alza le mani, incita, batte il tempo e infine, si alza. Quello che già era evidente sui palchi e in loggione, diventa letteralmente plateale: tutto il teatro è in piedi. E balla. Il ritmo è quello di «Soy Taranta», brano dal sapore caldo e meticcio, tra Salento e Sudamerica, poi tocca a «Radio Conga», seguita da uno dei pezzi probabilmente più amati, la sensuale e romantica «Magnolia». Sorprende una versione completamente rivisitata di «Mama maè» e improvvisamente ci si rende conto che quello che era iniziato come il classico concerto acustico a teatro di una band pop rock, sta diventando quasi il live elettrico che ci si aspetta in un club. 
«Dannato vivere» e «La tua canzone» traghettano verso un finale dove non può mancare l’accento reggaeton di «Rotolando verso sud». E come previsto, il tutto si conclude con una «Gioia infinita». Quella di tutti. 
Giulia Viviani

Acustico sì, da salotto per niente. Partiamo col dire che i Negrita venerdì sera al Teatro Regio hanno fatto il tutto esaurito, e già non è poco di questi tempi, ma come se non bastasse sono riusciti anche a far stare il pubblico in piedi per buona parte del concerto. Dopo un inizio «di rodaggio», è lo stesso Pau a suggerire la rotta: «Questo è uno dei teatri più belli che abbiamo visto, ci rendiamo conto che siate rapiti dalla magnificenza del luogo, ma voi siete sempre il pubblico dei Negrita: fatevi sentire!». E la platea non se l’è fatto dire due volte. A scaldare con grande eleganza sono «Bonanza», canzone dell’album d’esordio che porta il titolo di una famosa serie televisiva western americana, e un pezzo da novanta come «Ho imparato a sognare» che fa immediatamente sfoderare al pubblico fotocamere e telefonini. Una partenza emozionale, che cala lo spettatore nella dimensione teatrale, fatta di luci semplici ma perfettamente studiate, di un suono meno ruvido del solito che si accompagna alla voce sempre intensa e senza sbavature di Pau.Arriva «Bum bum bum», a portare un tocco di quel blues che la band masticava nei primi anni Novanta, poi «Malavida en Buenos Aires» in versione swing manouche, con evidente omaggio al mitico Django Reinhardt. Spunta anche il primo inedito dell’album «Deja vù», «Anima lieve», dopo «Brucerò per te» e «Che rumore fa la felicità?»; poi Drigo con la sua chitarra si lancia in «Splendido», pezzo la cui intensità viene sottolineata da un suggestivo gioco di luci per cui si sfoderano addirittura delle mirror ball. Seguono «Il libro in una mano, la bomba nell’altra» e «Sale». Ma il tempo per affondare nelle poltroncine del Regio sta finendo, lo show cresce d’intensità di canzone in canzone con il pubblico che non si accontenta più di cantare e muovere i piedi ma alza le mani, incita, batte il tempo e infine, si alza. Quello che già era evidente sui palchi e in loggione, diventa letteralmente plateale: tutto il teatro è in piedi. E balla. Il ritmo è quello di «Soy Taranta», brano dal sapore caldo e meticcio, tra Salento e Sudamerica, poi tocca a «Radio Conga», seguita da uno dei pezzi probabilmente più amati, la sensuale e romantica «Magnolia». Sorprende una versione completamente rivisitata di «Mama maè» e improvvisamente ci si rende conto che quello che era iniziato come il classico concerto acustico a teatro di una band pop rock, sta diventando quasi il live elettrico che ci si aspetta in un club. «Dannato vivere» e «La tua canzone» traghettano verso un finale dove non può mancare l’accento reggaeton di «Rotolando verso sud». E come previsto, il tutto si conclude con una «Gioia infinita». Quella di tutti. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La solignanese Giulia De Napoli vince 85mila euro all'«eredità»

RAI UNO

Giulia De Napoli di Solignano vince 85mila euro all'«Eredità»

All’asta su Catawiki la Seat 1430 di Julio Iglesias

AUTO

All’asta su internet la Seat 1430 di Julio Iglesias

1commento

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

pgn feste

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Pasticcio di patate formaggi e verdure

LA PEPPA 

La ricetta - Pasticcio di patate formaggi e verdure

Lealtrenotizie

I gelati migliori d'Italia: Parma e Salso al top nella guida del Gambero Rosso

Rimini

I gelati migliori d'Italia: Parma e Salso al top nella guida del Gambero Rosso

Gli ispettori della guida hanno assegnato i "tre coni" a 36 gelaterie in tutto il Paese

4commenti

Amministrative 2017

Pizzarotti: "Saremo una vera lista civica, non come Ubaldi e Vignali"

Il sindaco ha presentato la sua candidatura: "Mi ripresento perchè i cittadini me lo chiedono" Video

2commenti

San Leonardo

Picchiata e scaraventata giù da un'auto in via Doberdò

Prende corpo l'ipotesi di una lite per motivi personali

21commenti

Parma

Palazzo Pallavicino sarà donato alla Fondazione Cariparma

Piovani

"Cura D'Aversa efficace. E da confermare a Venezia" Video

Questa sera Bar Sport (Tv Parma 20.30): mercato, big match, Evacuo e tanto altro

tribunale

Rappresentante, si prende le porte blindate dello stand: condannato

L'accusa era anche di pagamenti con assegni oggetti di furto e protestati

sponsor tecnico

Nazionali di volley, un quadriennio olimpico con l'Erreà

L'azienda di Parma firmerà le nuove divise da gara e la linea di abbigliamento fino al 31 gennaio 2021

Lutto

Addio ad Angela, la fisioterapista che aiutava tutti

TERREMOTO

In elicottero salva 41 persone: "Ma non chiamatemi eroe"

Parla Gabriele Graiani, vigile del fuoco di Parma: merito di una squadra formidabile

1commento

reggio emilia

I tifosi della Reggiana ci ricascano: assalto al bus dei veneziani

Dopo il derby contro il Parma nuovo agguato degli ultras granata con pietre e fumogeni

4commenti

Porporano

Incendio di canna fumaria: sono intervenuti i vigili del fuoco

polizia municipale

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno

1commento

LUTTO

Germano Storci, il «signor Procomac» che fece diventare grande il Collecchio baseball

La storia

Nila e Giovanni, quando l'arte trova casa sui monti

Lega Pro

Parma, con Evacuo si vola

1commento

La morte di Filippo

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

industria

Trump alza il primo muro: Usa fuori dal TPP

Gran Sasso

Ecco i cuccioli sopravvissuti fra le macerie dell'albergo di Rigopiano Foto

1commento

SOCIETA'

PADOVA

Orge in canonica, don Cavazzana ai fedeli: "Pregate per me"

3commenti

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

13commenti

SPORT

lega pro

Reggiana: Colucci esonerato. Arriva Menichini 

uefa

25 anni di Champions: il Parma è 85°. 7° in Italia

MOTORI

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto

Prova su strada

Renault Scenic, adatta a tutto (e tutti)