Prime del Teatro

Amicizia e illusioni infrante: in fiamme lo spazio dove mettere i sogni

la società

la società

Ricevi gratis le news
0

 

Valeria Ottolenghi
Uno spettacolo di grandissimo valore a più livelli. Si era già incontrato «La società» - al festival di Castrovillari - e non solo ora ha emozionato nuovamente, ma, nello spazio Bignardi di Teatro Due, il pubblico vicino, e forse anche per il ritmo più intenso, si sono apprezzate meglio le molteplici forme di coinvolgimento, anche per i diversi ruoli all’interno del racconto, una drammaturgia di grande intelligenza e una recitazione impeccabile, singolarmente e nelle relazioni tra loro degli interpreti. La figura motore degli eventi, della narrazione, è zio Melo, che non appare mai direttamente in scena: all’inizio si scopre che sta morendo nella stanza accanto, un evento che si sta aspettando da tempo, uno strazio vedere un uomo di grande dignità e pensiero consumarsi così, spegnersi a fatica. Ed è la sua fine a segnare il passaggio di luogo: dalla casa privata agli uffici del locale, il 115, di proprietà, per le stesse percentuali, di Salvo (il nipote di zio Melo), Ugo e Vittorio, cui si era aggiunta Luba, la badante rumena (suo il dieci per cento). Ma «La società» - testo e regia di Lino Musella e Paolo Mazzarelli, che sono anche in scena affiancati da Fabio Monti e Laura Graziosi - intreccia meravigliosamente diversi piani, di sogni infranti, di amicizie spezzate, di interessi economici, di legami affettivi, di rivalità e delusioni, una complessità che, come spesso nelle opere teatrali di maggior pregio, vive dentro a un’alta tensione che tiene il pubblico costantemente vigile, attento, affascinato. Perché era stato zio Melo a decidere di comprare, cinque anni prima, quel locale precedentemente bruciato per ottenere i soldi dell’assicurazione, per suo nipote, lasciandolo però poi in eredità in ugual misura anche suoi amici: una delusione per Salvo, così confesserà, che aveva avuto un rapporto denso di più sfumature con quello zio, comunque sempre importante nella sua vita (magnifico quel monologo/ ricordo al campo scout intrecciato al racconto del Grande Inquisitore). E Luba è incinta. E ci sono idee diverse sulla gestione del locale. E c’è chi lavora di più e chi meno... L’ultima parte - un nuovo incendio, con crolli - svela una sorta di circolarità, con l’azione che ritorna all’inizio di quell’avventura, tra le mani di Salvo la lettera/ dono dello zio: «A volte per far strada a un sogno serve uno spazio in cui metterlo...». Bello, meritato, lo scroscio di applausi al termine, anche con molti «Bravi!» dal pubblico.
Valeria Ottolenghi

Uno spettacolo di grandissimo valore a più livelli. Si era già incontrato «La società» - al festival di Castrovillari - e non solo ora ha emozionato nuovamente, ma, nello spazio Bignardi di Teatro Due, il pubblico vicino, e forse anche per il ritmo più intenso, si sono apprezzate meglio le molteplici forme di coinvolgimento, anche per i diversi ruoli all’interno del racconto, una drammaturgia di grande intelligenza e una recitazione impeccabile, singolarmente e nelle relazioni tra loro degli interpreti. La figura motore degli eventi, della narrazione, è zio Melo, che non appare mai direttamente in scena: all’inizio si scopre che sta morendo nella stanza accanto, un evento che si sta aspettando da tempo, uno strazio vedere un uomo di grande dignità e pensiero consumarsi così, spegnersi a fatica. Ed è la sua fine a segnare il passaggio di luogo: dalla casa privata agli uffici del locale, il 115, di proprietà, per le stesse percentuali, di Salvo (il nipote di zio Melo), Ugo e Vittorio, cui si era aggiunta Luba, la badante rumena (suo il dieci per cento). Ma «La società» - testo e regia di Lino Musella e Paolo Mazzarelli, che sono anche in scena affiancati da Fabio Monti e Laura Graziosi - intreccia meravigliosamente diversi piani, di sogni infranti, di amicizie spezzate, di interessi economici, di legami affettivi, di rivalità e delusioni, una complessità che, come spesso nelle opere teatrali di maggior pregio, vive dentro a un’alta tensione che tiene il pubblico costantemente vigile, attento, affascinato. Perché era stato zio Melo a decidere di comprare, cinque anni prima, quel locale precedentemente bruciato per ottenere i soldi dell’assicurazione, per suo nipote, lasciandolo però poi in eredità in ugual misura anche suoi amici: una delusione per Salvo, così confesserà, che aveva avuto un rapporto denso di più sfumature con quello zio, comunque sempre importante nella sua vita (magnifico quel monologo/ ricordo al campo scout intrecciato al racconto del Grande Inquisitore). E Luba è incinta. E ci sono idee diverse sulla gestione del locale. E c’è chi lavora di più e chi meno... L’ultima parte - un nuovo incendio, con crolli - svela una sorta di circolarità, con l’azione che ritorna all’inizio di quell’avventura, tra le mani di Salvo la lettera/ dono dello zio: «A volte per far strada a un sogno serve uno spazio in cui metterlo...». Bello, meritato, lo scroscio di applausi al termine, anche con molti «Bravi!» dal pubblico.

 

il ristorante
«LA SOCIETÀ - TRE ATTI DI UMANA COMMEDIA»
DI: Lino Musella e Paolo Mazzarelli
REGIA: Lino Musella e Paolo Mazzarelli
INTERPRETI: Fabio Monti, Laura Graziosi, Lino Musella, Paolo Mazzarelli
PRODUZIONE: Teatro Stabile delle Marchein collaborazione con Compagnia Musella - Mazzarelli
GIUDIZIO: ●●●

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Oscar: 'La forma dell'acqua' accusata di plagio

cinema

Accuse di plagio per il film "La forma dell'acqua", candidato a 13 Oscar

Polvere bianca in una lettera a Harry e Meghan 

LONDRA

Polvere bianca in una lettera a Harry e Meghan 

David Garrett

David Garrett

TEATRO REGIO

Cancellato il concerto di David Garrett

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Gene Gnocchi, Pirandello e la danza

VELLUTO ROSSO

La settimana a teatro, da Pirandello alla danza Video

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Vendeva cocaina in viale dei Mille: giovane pusher arrestato. Ma è subito libero

POLIZIA

Vende cocaina in viale dei Mille: giovane pusher arrestato. Ma è subito libero

Il giudice ha convalidato l'arresto e ha disposto la scarcerazione in attesa del processo, fissato per il 23 marzo

13commenti

PARMENSE

Neve anche a quote basse, pioggia in città Invia le tue foto

A Corniglio, 20 centimetri di neve

INCIDENTI

Incidente a Tortiano: disagi e deviazioni in mattinata. Scontro in piazza a Soragna

Auto fuori strada in A15: un ferito

COMUNE

Varato un piano triennale di opere pubbliche: investimenti per 134 milioni Video

I punti principali del programma di lavori pubblici: le interviste del TgParma

CORTE DEI CONTI

Nomina del direttore generale, Pizzarotti e Giorgi citati in giudizio

1commento

Terremoto

Scossa di magnitudo 3.3 a Castelnovo Monti. "Avvertita anche a Traversetolo"

Commenti sui social: c'è chi ha avvertito la scossa anche nella Val d'Enza parmense

Viale Piacenza

10eLotto, in otto vincono 160mila euro

LUTTO

Addio al ragionier Bandini

borgotaro

Caso Laminam: Oggi l'incontro al tavolo tecnico senza il comitato

GAZZAREPORTER

Incidente nella rotatoria del Petitot Foto

CALCIO

Verso Parma-Venezia, parla Gazzola: «Vincere per ripartire»

2commenti

Noceto

In piazza Lunardi residenti ostaggio delle fogne

amarcord

Le «innominabili case» (chiuse) che popolavano Parma: la mappa Foto

1commento

squadra mobile

Preso il rapinatore (seriale?) con roncola della sala scommesse Il video del blitz

Castell'arquato

Aggredisce moglie e figlio con chiave inglese: trasportati in fin di vita al Maggiore

lettera aperta

Elezioni, le cinque richieste di Pizzarotti ai candidati

5commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

VADEMECUM

Elezioni del 4 marzo: come votare correttamente

5commenti

GAZZAFUN

Come è bella Parma! Scegli il tuo posto all'aperto preferito!

ITALIA/MONDO

Modena

"Il contratto non prevede di spostare i letti, i bimbi dormano in terra"

12commenti

STATI UNITI

Florida: personale armato di fucile a scuola dopo la strage

SPORT

olimpiadi

Medaglia di bronzo per Arianna Fontana

SPORT

Formula Uno: la Mercedes svela la vettura W09

SOCIETA'

SCIENZA

Renata Tebaldi conservata per l'eternità al Polo Nord

GAZZAREPORTER

Balli e divertimento al Newyork di Sissa Foto

MOTORI

ANTEPRIMA

Volvo, ecco la nuova V60 Fotogallery

motori

Ferrari: ecco la 488 Pista, sarà presentata a Ginevra