-4°

Prime del Teatro

Amicizia e illusioni infrante: in fiamme lo spazio dove mettere i sogni

la società

la società

0

 

Valeria Ottolenghi
Uno spettacolo di grandissimo valore a più livelli. Si era già incontrato «La società» - al festival di Castrovillari - e non solo ora ha emozionato nuovamente, ma, nello spazio Bignardi di Teatro Due, il pubblico vicino, e forse anche per il ritmo più intenso, si sono apprezzate meglio le molteplici forme di coinvolgimento, anche per i diversi ruoli all’interno del racconto, una drammaturgia di grande intelligenza e una recitazione impeccabile, singolarmente e nelle relazioni tra loro degli interpreti. La figura motore degli eventi, della narrazione, è zio Melo, che non appare mai direttamente in scena: all’inizio si scopre che sta morendo nella stanza accanto, un evento che si sta aspettando da tempo, uno strazio vedere un uomo di grande dignità e pensiero consumarsi così, spegnersi a fatica. Ed è la sua fine a segnare il passaggio di luogo: dalla casa privata agli uffici del locale, il 115, di proprietà, per le stesse percentuali, di Salvo (il nipote di zio Melo), Ugo e Vittorio, cui si era aggiunta Luba, la badante rumena (suo il dieci per cento). Ma «La società» - testo e regia di Lino Musella e Paolo Mazzarelli, che sono anche in scena affiancati da Fabio Monti e Laura Graziosi - intreccia meravigliosamente diversi piani, di sogni infranti, di amicizie spezzate, di interessi economici, di legami affettivi, di rivalità e delusioni, una complessità che, come spesso nelle opere teatrali di maggior pregio, vive dentro a un’alta tensione che tiene il pubblico costantemente vigile, attento, affascinato. Perché era stato zio Melo a decidere di comprare, cinque anni prima, quel locale precedentemente bruciato per ottenere i soldi dell’assicurazione, per suo nipote, lasciandolo però poi in eredità in ugual misura anche suoi amici: una delusione per Salvo, così confesserà, che aveva avuto un rapporto denso di più sfumature con quello zio, comunque sempre importante nella sua vita (magnifico quel monologo/ ricordo al campo scout intrecciato al racconto del Grande Inquisitore). E Luba è incinta. E ci sono idee diverse sulla gestione del locale. E c’è chi lavora di più e chi meno... L’ultima parte - un nuovo incendio, con crolli - svela una sorta di circolarità, con l’azione che ritorna all’inizio di quell’avventura, tra le mani di Salvo la lettera/ dono dello zio: «A volte per far strada a un sogno serve uno spazio in cui metterlo...». Bello, meritato, lo scroscio di applausi al termine, anche con molti «Bravi!» dal pubblico.
Valeria Ottolenghi

Uno spettacolo di grandissimo valore a più livelli. Si era già incontrato «La società» - al festival di Castrovillari - e non solo ora ha emozionato nuovamente, ma, nello spazio Bignardi di Teatro Due, il pubblico vicino, e forse anche per il ritmo più intenso, si sono apprezzate meglio le molteplici forme di coinvolgimento, anche per i diversi ruoli all’interno del racconto, una drammaturgia di grande intelligenza e una recitazione impeccabile, singolarmente e nelle relazioni tra loro degli interpreti. La figura motore degli eventi, della narrazione, è zio Melo, che non appare mai direttamente in scena: all’inizio si scopre che sta morendo nella stanza accanto, un evento che si sta aspettando da tempo, uno strazio vedere un uomo di grande dignità e pensiero consumarsi così, spegnersi a fatica. Ed è la sua fine a segnare il passaggio di luogo: dalla casa privata agli uffici del locale, il 115, di proprietà, per le stesse percentuali, di Salvo (il nipote di zio Melo), Ugo e Vittorio, cui si era aggiunta Luba, la badante rumena (suo il dieci per cento). Ma «La società» - testo e regia di Lino Musella e Paolo Mazzarelli, che sono anche in scena affiancati da Fabio Monti e Laura Graziosi - intreccia meravigliosamente diversi piani, di sogni infranti, di amicizie spezzate, di interessi economici, di legami affettivi, di rivalità e delusioni, una complessità che, come spesso nelle opere teatrali di maggior pregio, vive dentro a un’alta tensione che tiene il pubblico costantemente vigile, attento, affascinato. Perché era stato zio Melo a decidere di comprare, cinque anni prima, quel locale precedentemente bruciato per ottenere i soldi dell’assicurazione, per suo nipote, lasciandolo però poi in eredità in ugual misura anche suoi amici: una delusione per Salvo, così confesserà, che aveva avuto un rapporto denso di più sfumature con quello zio, comunque sempre importante nella sua vita (magnifico quel monologo/ ricordo al campo scout intrecciato al racconto del Grande Inquisitore). E Luba è incinta. E ci sono idee diverse sulla gestione del locale. E c’è chi lavora di più e chi meno... L’ultima parte - un nuovo incendio, con crolli - svela una sorta di circolarità, con l’azione che ritorna all’inizio di quell’avventura, tra le mani di Salvo la lettera/ dono dello zio: «A volte per far strada a un sogno serve uno spazio in cui metterlo...». Bello, meritato, lo scroscio di applausi al termine, anche con molti «Bravi!» dal pubblico.

 

il ristorante
«LA SOCIETÀ - TRE ATTI DI UMANA COMMEDIA»
DI: Lino Musella e Paolo Mazzarelli
REGIA: Lino Musella e Paolo Mazzarelli
INTERPRETI: Fabio Monti, Laura Graziosi, Lino Musella, Paolo Mazzarelli
PRODUZIONE: Teatro Stabile delle Marchein collaborazione con Compagnia Musella - Mazzarelli
GIUDIZIO: ●●●

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La serata Plata alle Follie

Pgn Feste

La serata Plata alle Follie Foto

Il dolce e delicato "Equilibrio delle arti": Fabrizio Effedueotto fotografa Alexandrina Calancea

Fotografia parma

Il dolce "Equilibrio delle arti": Alexandrina sul palco Foto

Juve, nuovo logo. Scoppia l'ironia sul web

calcio e risate

Juve, nuovo logo. Scoppia l'ironia sul web Gallery

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Tragedia di Cascinapiano: il sindaco di Langhirano: "chieste le strisce pedonali"

Incidente

Un mazzo di fiori sul banco: così gli amici hanno ricordato Filippo in classe Video

Il sindaco di Langhirano: "Già chieste le strisce pedonali alla Provincia"

1commento

Tragedia

Filippo, una classe in lacrime. E quella pagella che non vedrà mai

IL FATTO DEL GIORNO

La morte di Filippo: oltre al dolore, la rabbia per i mancati interventi per la sicurezza Video

Terremoto

Vigili del fuoco e volontari di Parma pronti a partire per l'Italia centrale Video

tg parma

A Parma dai figli, arrestato latitante siciliano che deve scontare 15 anni

incidente

Incidente sul lavoro a Noceto: grave un camionista

Il caso

Il Tar dà ragione a Medesano: sì alla farmacia a Ramiola

tribunale

Molestò operaia durante la campagna del pomodoro: condannato caporeparto

BASILICAGOIANO

Omicidio Habassi: Del Vasto capace di intendere e volere

tg parma

Greci, dai Nuovi consumatori alla candidatura alle comunali Video

5commenti

Calciomercato

Matteo Guazzo-Modena: salta tutto

Niente intesa sull'ingaggio, tegola per il mercato del Parma che ora ha un over di troppo.

polizia

Mostrava un coltello ai passanti in via Mazzini: denunciato Alongi

16commenti

tg parma

Salso, i rapinatori minacciano un bimbo con un coltello Video

1commento

Fotografia

Parma di Badignana: la cascata

Lutto

Quattrocchi, ristoratore e gentiluomo

Allarme

Sorbolo, argini groviera per le nutrie

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le follie del nuovo bigottismo

3commenti

CHICHIBIO

"Officina alimentare dedicata"

di Chichibio

ITALIA/MONDO

Italia centrale

Terremoto e neve: un morto. Nuova scossa in serata

PADOVA

Orge in canonica con 9 donne: prete nei guai

SOCIETA'

AGENDA DELL'AUTO

Bollo auto, ecco cosa bisogna sapere

PERSONAGGI

Addio a Piacentini, playboy mito della Costa Azzurra anni '60

SPORT

lega pro

Il portiere Frattali è del Parma

Australian Open

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy Foto

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, ci siamo. Il Suv è già ordinabile Fotogallery

PROVA SU STRADA

Peugeot 2008, per chi non si accontenta