15°

29°

Prime del Teatro

Amicizia e illusioni infrante: in fiamme lo spazio dove mettere i sogni

la società

la società

Ricevi gratis le news
0

 

Valeria Ottolenghi
Uno spettacolo di grandissimo valore a più livelli. Si era già incontrato «La società» - al festival di Castrovillari - e non solo ora ha emozionato nuovamente, ma, nello spazio Bignardi di Teatro Due, il pubblico vicino, e forse anche per il ritmo più intenso, si sono apprezzate meglio le molteplici forme di coinvolgimento, anche per i diversi ruoli all’interno del racconto, una drammaturgia di grande intelligenza e una recitazione impeccabile, singolarmente e nelle relazioni tra loro degli interpreti. La figura motore degli eventi, della narrazione, è zio Melo, che non appare mai direttamente in scena: all’inizio si scopre che sta morendo nella stanza accanto, un evento che si sta aspettando da tempo, uno strazio vedere un uomo di grande dignità e pensiero consumarsi così, spegnersi a fatica. Ed è la sua fine a segnare il passaggio di luogo: dalla casa privata agli uffici del locale, il 115, di proprietà, per le stesse percentuali, di Salvo (il nipote di zio Melo), Ugo e Vittorio, cui si era aggiunta Luba, la badante rumena (suo il dieci per cento). Ma «La società» - testo e regia di Lino Musella e Paolo Mazzarelli, che sono anche in scena affiancati da Fabio Monti e Laura Graziosi - intreccia meravigliosamente diversi piani, di sogni infranti, di amicizie spezzate, di interessi economici, di legami affettivi, di rivalità e delusioni, una complessità che, come spesso nelle opere teatrali di maggior pregio, vive dentro a un’alta tensione che tiene il pubblico costantemente vigile, attento, affascinato. Perché era stato zio Melo a decidere di comprare, cinque anni prima, quel locale precedentemente bruciato per ottenere i soldi dell’assicurazione, per suo nipote, lasciandolo però poi in eredità in ugual misura anche suoi amici: una delusione per Salvo, così confesserà, che aveva avuto un rapporto denso di più sfumature con quello zio, comunque sempre importante nella sua vita (magnifico quel monologo/ ricordo al campo scout intrecciato al racconto del Grande Inquisitore). E Luba è incinta. E ci sono idee diverse sulla gestione del locale. E c’è chi lavora di più e chi meno... L’ultima parte - un nuovo incendio, con crolli - svela una sorta di circolarità, con l’azione che ritorna all’inizio di quell’avventura, tra le mani di Salvo la lettera/ dono dello zio: «A volte per far strada a un sogno serve uno spazio in cui metterlo...». Bello, meritato, lo scroscio di applausi al termine, anche con molti «Bravi!» dal pubblico.
Valeria Ottolenghi

Uno spettacolo di grandissimo valore a più livelli. Si era già incontrato «La società» - al festival di Castrovillari - e non solo ora ha emozionato nuovamente, ma, nello spazio Bignardi di Teatro Due, il pubblico vicino, e forse anche per il ritmo più intenso, si sono apprezzate meglio le molteplici forme di coinvolgimento, anche per i diversi ruoli all’interno del racconto, una drammaturgia di grande intelligenza e una recitazione impeccabile, singolarmente e nelle relazioni tra loro degli interpreti. La figura motore degli eventi, della narrazione, è zio Melo, che non appare mai direttamente in scena: all’inizio si scopre che sta morendo nella stanza accanto, un evento che si sta aspettando da tempo, uno strazio vedere un uomo di grande dignità e pensiero consumarsi così, spegnersi a fatica. Ed è la sua fine a segnare il passaggio di luogo: dalla casa privata agli uffici del locale, il 115, di proprietà, per le stesse percentuali, di Salvo (il nipote di zio Melo), Ugo e Vittorio, cui si era aggiunta Luba, la badante rumena (suo il dieci per cento). Ma «La società» - testo e regia di Lino Musella e Paolo Mazzarelli, che sono anche in scena affiancati da Fabio Monti e Laura Graziosi - intreccia meravigliosamente diversi piani, di sogni infranti, di amicizie spezzate, di interessi economici, di legami affettivi, di rivalità e delusioni, una complessità che, come spesso nelle opere teatrali di maggior pregio, vive dentro a un’alta tensione che tiene il pubblico costantemente vigile, attento, affascinato. Perché era stato zio Melo a decidere di comprare, cinque anni prima, quel locale precedentemente bruciato per ottenere i soldi dell’assicurazione, per suo nipote, lasciandolo però poi in eredità in ugual misura anche suoi amici: una delusione per Salvo, così confesserà, che aveva avuto un rapporto denso di più sfumature con quello zio, comunque sempre importante nella sua vita (magnifico quel monologo/ ricordo al campo scout intrecciato al racconto del Grande Inquisitore). E Luba è incinta. E ci sono idee diverse sulla gestione del locale. E c’è chi lavora di più e chi meno... L’ultima parte - un nuovo incendio, con crolli - svela una sorta di circolarità, con l’azione che ritorna all’inizio di quell’avventura, tra le mani di Salvo la lettera/ dono dello zio: «A volte per far strada a un sogno serve uno spazio in cui metterlo...». Bello, meritato, lo scroscio di applausi al termine, anche con molti «Bravi!» dal pubblico.

 

il ristorante
«LA SOCIETÀ - TRE ATTI DI UMANA COMMEDIA»
DI: Lino Musella e Paolo Mazzarelli
REGIA: Lino Musella e Paolo Mazzarelli
INTERPRETI: Fabio Monti, Laura Graziosi, Lino Musella, Paolo Mazzarelli
PRODUZIONE: Teatro Stabile delle Marchein collaborazione con Compagnia Musella - Mazzarelli
GIUDIZIO: ●●●

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

L'estate pazza di social, vip, bufale e gaffe "razziste"

il caso

L'estate pazza di social, vip, bufale e gaffe "razziste"

Negli Usa è iniziata "l'eclissi del secolo" Gallery

astronomia

Negli Usa è iniziata "l'eclissi del secolo" Gallery

La domenica al Colle San Giuseppe Foto

estate

La domenica al Colle San Giuseppe Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Programmazione dal 21/08/2017 al 25/08/2017 delle postazioni di accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

VIABILITA'

Autovelox, speedcheck e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Stu Pasubio, indagine chiusa. Ecco le accuse della Procura

INCHIESTA

Stu Pasubio, indagine chiusa. Ecco le accuse della Procura

Furti

Due assalti in dieci giorni alla scuola Sanvitale

Tragedia

Cade in montagna, muore l'urologo Poletti

1commento

TRA FEDE E ARTE

Viaggio inedito nel Duomo «invisibile» Foto

tragedia

Barca prende fuoco e affonda nel Po, 65enne muore annegato Video

La vittima, Marco Padovani, era di Trecasali

Il racconto dagli Usa

I parmigiani cacciatori di eclissi

Fidenza

Basket, Azzoni: «Saremo la Fulgor per Fidenza»

Impresa

Greta, un bronzo che vale come un oro

Felegara

E' morta Gianna, la regina dei tortelli

gazzareporter

Via Langhirano, la razzia "chirurgica" degli specchietti retrovisori Foto

9commenti

calcio

Il Parma supera i 7mila abbonamenti e "corteggia" Matri

2commenti

Novità

Il caffè? Lo pago con la carta

16commenti

METEO

Arriva una nuova ondata di caldo africano

Già finita tregua, da mercoledì temperature tornano sopra media

1commento

IL CASO

Vaccini obbligatori e verifiche, la protesta dei presidi

1commento

bellezze

Miss Italia: il popolo del web fa volare Anna Maria alle prefinali di Jesolo

anteprima gazzetta

La "cattedrale segreta", alla scoperta del duomo

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

terrorismo

Attentato di Barcellona, ucciso il killer in fuga

terrorismo

Sventato attentato con Barbie-bomba su un volo per Abu Dhabi

SPORT

ciclismo

Impresa di Nibali alla Vuelta. Ora Froome è in rosso

SERIE A

Partenza sprint per Inter e Milan, la Roma vince a Bergamo

SOCIETA'

TERRORISMO

Rischio terrorismo: inizia l'Italia delle barriere Gallery

cinema

E' morto Jerry Lewis, aveva 91 anni

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti