cinema

Jasmine Trinca: «Ogni regista mi ha fatto crescere»

L'attrice stasera ritira il premio Schiaretti. «Il viaggio in Amazzonia mi è rimasto dentro»

L'attrice Jasmine Trinca

L'attrice Jasmine Trinca posa in occasione della conferenza stampa di presentazione del film "Un giorno devi andare"

Ricevi gratis le news
0

 

Lisa Oppici
Che  per lei questo sia stato un anno d’oro lo dicono i fatti: i premi e i riconoscimenti ricevuti, le tante proposte arrivate anche da oltreoceano (ha appena finito di girare con Sean Penn e Javier Bardem). Ora per Jasmine Trinca arriva un ulteriore suggello: è lei la vincitrice dell’edizione 2013 del Premio Maurizio Schiaretti, voluto dal cinema D’Azeglio e realizzato in collaborazione con la Gazzetta di Parma e con il patrocinio del Comune per ricordare il giornalista e critico cinematografico della «Gazzetta» scomparso nove anni fa. Il riconoscimento, destinato ai migliori emergenti del cinema italiano, sarà consegnato all’attrice romana oggi alle 21 al cinema D’Azeglio, in una serata a ingresso gratuito durante la quale Jasmine Trinca incontrerà il pubblico in una conversazione condotta dal critico della «Gazzetta» Filiberto Molossi. A seguire la proiezione di «Un giorno devi andare» di Giorgio Diritti, una delle interpretazioni recenti più intense dell’attrice.
Jasmine Trinca, questo per lei è stato un anno da incorniciare: ne ha fatta di strada dai tempi di Nanni Moretti. A chi deve di più in questo percorso?
«È un percorso che si è costruito passo passo. Devo tanto alle persone, certo, a partire da Nanni; a tutti i registi con cui ho lavorato, e che hanno aggiunto ognuno qualcosa alla mia formazione; agli incontri speciali con Giorgio Diritti e Valeria Golino, che mi hanno dato tanto. Ma credo sia stata anche la vita stessa, e il suo svolgersi, a portarmi a quello che sono ora, a farmi crescere». 
Diritti e Golino: che registi sono?
 «Giorgio con “Un giorno devi andare” era al terzo film, Valeria con “Miele” era all’esordio. Le esperienze erano piuttosto diverse. Entrambi hanno una visione molto personale, autoriale. Con Giorgio è stata proprio un’avventura, un viaggio e un incontro speciale con quei luoghi (l’Amazzonia, ndr) e con quelle persone, con Valeria c’è stata più la costruzione di un personaggio e di una storia: si può dire che se con Giorgio abbiamo tolto tutto, con Valeria abbiamo aggiunto». 
Che cosa le hanno lasciato queste due esperienze?
«L’incontro con Giorgio e Valeria è stato importante: quello che mi è successo è stato un punto di svolta, anche se ciò non vuol dire che ora ho addosso il “bollino di garanzia”. Il viaggio in Amazzonia mi è rimasto dentro, anche perché è avvenuto in un momento particolare della mia vita. Con Valeria devo dire che ho avuto l’opportunità di misurarmi con un ritratto femminile che è difficile trovare in Italia e che mi ha segnato molto come attrice».
Questi due ruoli le hanno aperto porte significative anche all’estero. Cosa c’è stato dopo? La Francia, il film con Sean Penn...
«Quello con la Francia è un legame che c’era anche prima. Avere lavorato in film e con registi là molto amati, come Moretti, o Giordana, o Placido, mi ha permesso di essere vista e poi chiamata a lavorare là. L’occasione di “The Gunman”, il film di Pierre Morel con Sean Penn e Javier Bardem che ho appena finito di girare, è invece totalmente dovuta a “Miele” e a Valeria Golino. È stato un set lungo che mi ha dato tantissimo, ed è stato anche un vero piacere essere a contatto con una produzione hollywoodiana e attori eccezionali».
Lisa Oppici

 

Che  per lei questo sia stato un anno d’oro lo dicono i fatti: i premi e i riconoscimenti ricevuti, le tante proposte arrivate anche da oltreoceano (ha appena finito di girare con Sean Penn e Javier Bardem). Ora per Jasmine Trinca arriva un ulteriore suggello: è lei la vincitrice dell’edizione 2013 del Premio Maurizio Schiaretti, voluto dal cinema D’Azeglio e realizzato in collaborazione con la Gazzetta di Parma e con il patrocinio del Comune per ricordare il giornalista e critico cinematografico della «Gazzetta» scomparso nove anni fa. Il riconoscimento, destinato ai migliori emergenti del cinema italiano, sarà consegnato all’attrice romana oggi alle 21 al cinema D’Azeglio, in una serata a ingresso gratuito durante la quale Jasmine Trinca incontrerà il pubblico in una conversazione condotta dal critico della «Gazzetta» Filiberto Molossi. A seguire la proiezione di «Un giorno devi andare» di Giorgio Diritti, una delle interpretazioni recenti più intense dell’attrice.
Jasmine Trinca, questo per lei è stato un anno da incorniciare: ne ha fatta di strada dai tempi di Nanni Moretti. A chi deve di più in questo percorso?
«È un percorso che si è costruito passo passo. Devo tanto alle persone, certo, a partire da Nanni; a tutti i registi con cui ho lavorato, e che hanno aggiunto ognuno qualcosa alla mia formazione; agli incontri speciali con Giorgio Diritti e Valeria Golino, che mi hanno dato tanto. Ma credo sia stata anche la vita stessa, e il suo svolgersi, a portarmi a quello che sono ora, a farmi crescere». 
Diritti e Golino: che registi sono?
 «Giorgio con “Un giorno devi andare” era al terzo film, Valeria con “Miele” era all’esordio. Le esperienze erano piuttosto diverse. Entrambi hanno una visione molto personale, autoriale. Con Giorgio è stata proprio un’avventura, un viaggio e un incontro speciale con quei luoghi (l’Amazzonia, ndr) e con quelle persone, con Valeria c’è stata più la costruzione di un personaggio e di una storia: si può dire che se con Giorgio abbiamo tolto tutto, con Valeria abbiamo aggiunto».
Che cosa le hanno lasciato queste due esperienze?
«L’incontro con Giorgio e Valeria è stato importante: quello che mi è successo è stato un punto di svolta, anche se ciò non vuol dire che ora ho addosso il “bollino di garanzia”. Il viaggio in Amazzonia mi è rimasto dentro, anche perché è avvenuto in un momento particolare della mia vita. Con Valeria devo dire che ho avuto l’opportunità di misurarmi con un ritratto femminile che è difficile trovare in Italia e che mi ha segnato molto come attrice».
Questi due ruoli le hanno aperto porte significative anche all’estero. Cosa c’è stato dopo? La Francia, il film con Sean Penn...
«Quello con la Francia è un legame che c’era anche prima. Avere lavorato in film e con registi là molto amati, come Moretti, o Giordana, o Placido, mi ha permesso di essere vista e poi chiamata a lavorare là. L’occasione di “The Gunman”, il film di Pierre Morel con Sean Penn e Javier Bardem che ho appena finito di girare, è invece totalmente dovuta a “Miele” e a Valeria Golino. È stato un set lungo che mi ha dato tantissimo, ed è stato anche un vero piacere essere a contatto con una produzione hollywoodiana e attori eccezionali».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Polemica tomori

Il messaggio

Toffa, malattia, post e polemiche: "Nadia, il cancro non rende fighi"

Madonna a seno nudo su Instagram: boom di like e di polemiche  Foto

social

Madonna a seno nudo su Instagram: boom di like e di polemiche Foto

Oscar: 'La forma dell'acqua' accusata di plagio

cinema

Accuse di plagio per il film "La forma dell'acqua", candidato a 13 Oscar

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Gene Gnocchi, Pirandello e la danza

VELLUTO ROSSO

La settimana a teatro, da Pirandello alla danza Video

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Fiocchi bianchi in montagna e collina, rischio neve anche in città

tg parma

Dopo la neve arriva il "gelo siberiano" (anche a Parma) Video

A rischio il match del Tardini contro il Venezia

Pioggia

Carambola di auto e frontale, due incidenti nella zona Ovest di Parma: due feriti Foto e Video

PARMENSE

Neve anche a quote basse, pioggia in città Invia le tue foto

A Corniglio, 20 centimetri di neve

1commento

domani al Tardini

D'Aversa: "Con il Venezia conta solo vincere" Video. Un passo falso costa i play off

I convocati: Ciciretti, Di Gaudio, Mazzocchi e Munari out

PARMA

Impresa Pizzarotti e Sonae costruiranno il centro commerciale in zona fiera

Investimento da 200 milioni di euro. Nel 2019 l'inaugurazione

POLIZIA

Vende cocaina in viale dei Mille: giovane pusher arrestato. Ma è subito libero

Il giudice ha convalidato l'arresto e ha disposto la scarcerazione in attesa del processo, fissato per il 23 marzo

18commenti

diplomazia

Il sindaco Pizzarotti incontra la console generale Usa Foto

GAZZAFUN

Come è bella Parma! Scegli il tuo posto all'aperto preferito!

europa league

Le star del Borussia in hotel a Parma (e allenamento a Collecchio) Gallery

COMUNE

Varato un piano triennale di opere pubbliche: investimenti per 134 milioni Video

I punti principali del programma di lavori pubblici: le interviste del TgParma

sostenibilità

Benessere degli animali d'allevamento: Barilla prima tra le aziende italiane

CORTE DEI CONTI

Nomina del direttore generale, Pizzarotti e Giorgi citati in giudizio

7commenti

Terremoto

Scossa 3.3 a Castelnovo. "Avvertita anche a Traversetolo"

Commenti sui social: c'è chi ha avvertito la scossa anche nella Val d'Enza parmense

Viale Piacenza

10eLotto, in otto vincono 160mila euro

LUTTO

Addio al ragionier Bandini

GAZZAREPORTER

Incidente nella rotatoria del Petitot Foto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Caso Embraco, l'Europa dimostri di esistere

di Aldo Tagliaferro

VADEMECUM

Elezioni del 4 marzo: come votare correttamente

5commenti

ITALIA/MONDO

molestie

Scandalo Oxfam: ex capo di Save The Child lascia l'Unicef

Modena

"Il contratto non prevede di spostare i letti, i bimbi dormano in terra"

12commenti

SPORT

Formula 1

E' nata la nuova Ferrari Foto

SPORT

Formula Uno: la Mercedes svela la W09

SOCIETA'

Lutto

E' morta "Sirio", l'astrologa dei vip: aveva 85 anni

LONDRA

Polvere bianca in una lettera a Harry e Meghan

MOTORI

ANTEPRIMA

Volvo, ecco la nuova V60 Fotogallery

motori

Ferrari: ecco la 488 Pista, sarà presentata a Ginevra