18°

cinema

Jasmine Trinca: «Ogni regista mi ha fatto crescere»

L'attrice stasera ritira il premio Schiaretti. «Il viaggio in Amazzonia mi è rimasto dentro»

L'attrice Jasmine Trinca

L'attrice Jasmine Trinca posa in occasione della conferenza stampa di presentazione del film "Un giorno devi andare"

0

 

Lisa Oppici
Che  per lei questo sia stato un anno d’oro lo dicono i fatti: i premi e i riconoscimenti ricevuti, le tante proposte arrivate anche da oltreoceano (ha appena finito di girare con Sean Penn e Javier Bardem). Ora per Jasmine Trinca arriva un ulteriore suggello: è lei la vincitrice dell’edizione 2013 del Premio Maurizio Schiaretti, voluto dal cinema D’Azeglio e realizzato in collaborazione con la Gazzetta di Parma e con il patrocinio del Comune per ricordare il giornalista e critico cinematografico della «Gazzetta» scomparso nove anni fa. Il riconoscimento, destinato ai migliori emergenti del cinema italiano, sarà consegnato all’attrice romana oggi alle 21 al cinema D’Azeglio, in una serata a ingresso gratuito durante la quale Jasmine Trinca incontrerà il pubblico in una conversazione condotta dal critico della «Gazzetta» Filiberto Molossi. A seguire la proiezione di «Un giorno devi andare» di Giorgio Diritti, una delle interpretazioni recenti più intense dell’attrice.
Jasmine Trinca, questo per lei è stato un anno da incorniciare: ne ha fatta di strada dai tempi di Nanni Moretti. A chi deve di più in questo percorso?
«È un percorso che si è costruito passo passo. Devo tanto alle persone, certo, a partire da Nanni; a tutti i registi con cui ho lavorato, e che hanno aggiunto ognuno qualcosa alla mia formazione; agli incontri speciali con Giorgio Diritti e Valeria Golino, che mi hanno dato tanto. Ma credo sia stata anche la vita stessa, e il suo svolgersi, a portarmi a quello che sono ora, a farmi crescere». 
Diritti e Golino: che registi sono?
 «Giorgio con “Un giorno devi andare” era al terzo film, Valeria con “Miele” era all’esordio. Le esperienze erano piuttosto diverse. Entrambi hanno una visione molto personale, autoriale. Con Giorgio è stata proprio un’avventura, un viaggio e un incontro speciale con quei luoghi (l’Amazzonia, ndr) e con quelle persone, con Valeria c’è stata più la costruzione di un personaggio e di una storia: si può dire che se con Giorgio abbiamo tolto tutto, con Valeria abbiamo aggiunto». 
Che cosa le hanno lasciato queste due esperienze?
«L’incontro con Giorgio e Valeria è stato importante: quello che mi è successo è stato un punto di svolta, anche se ciò non vuol dire che ora ho addosso il “bollino di garanzia”. Il viaggio in Amazzonia mi è rimasto dentro, anche perché è avvenuto in un momento particolare della mia vita. Con Valeria devo dire che ho avuto l’opportunità di misurarmi con un ritratto femminile che è difficile trovare in Italia e che mi ha segnato molto come attrice».
Questi due ruoli le hanno aperto porte significative anche all’estero. Cosa c’è stato dopo? La Francia, il film con Sean Penn...
«Quello con la Francia è un legame che c’era anche prima. Avere lavorato in film e con registi là molto amati, come Moretti, o Giordana, o Placido, mi ha permesso di essere vista e poi chiamata a lavorare là. L’occasione di “The Gunman”, il film di Pierre Morel con Sean Penn e Javier Bardem che ho appena finito di girare, è invece totalmente dovuta a “Miele” e a Valeria Golino. È stato un set lungo che mi ha dato tantissimo, ed è stato anche un vero piacere essere a contatto con una produzione hollywoodiana e attori eccezionali».
Lisa Oppici

 

Che  per lei questo sia stato un anno d’oro lo dicono i fatti: i premi e i riconoscimenti ricevuti, le tante proposte arrivate anche da oltreoceano (ha appena finito di girare con Sean Penn e Javier Bardem). Ora per Jasmine Trinca arriva un ulteriore suggello: è lei la vincitrice dell’edizione 2013 del Premio Maurizio Schiaretti, voluto dal cinema D’Azeglio e realizzato in collaborazione con la Gazzetta di Parma e con il patrocinio del Comune per ricordare il giornalista e critico cinematografico della «Gazzetta» scomparso nove anni fa. Il riconoscimento, destinato ai migliori emergenti del cinema italiano, sarà consegnato all’attrice romana oggi alle 21 al cinema D’Azeglio, in una serata a ingresso gratuito durante la quale Jasmine Trinca incontrerà il pubblico in una conversazione condotta dal critico della «Gazzetta» Filiberto Molossi. A seguire la proiezione di «Un giorno devi andare» di Giorgio Diritti, una delle interpretazioni recenti più intense dell’attrice.
Jasmine Trinca, questo per lei è stato un anno da incorniciare: ne ha fatta di strada dai tempi di Nanni Moretti. A chi deve di più in questo percorso?
«È un percorso che si è costruito passo passo. Devo tanto alle persone, certo, a partire da Nanni; a tutti i registi con cui ho lavorato, e che hanno aggiunto ognuno qualcosa alla mia formazione; agli incontri speciali con Giorgio Diritti e Valeria Golino, che mi hanno dato tanto. Ma credo sia stata anche la vita stessa, e il suo svolgersi, a portarmi a quello che sono ora, a farmi crescere». 
Diritti e Golino: che registi sono?
 «Giorgio con “Un giorno devi andare” era al terzo film, Valeria con “Miele” era all’esordio. Le esperienze erano piuttosto diverse. Entrambi hanno una visione molto personale, autoriale. Con Giorgio è stata proprio un’avventura, un viaggio e un incontro speciale con quei luoghi (l’Amazzonia, ndr) e con quelle persone, con Valeria c’è stata più la costruzione di un personaggio e di una storia: si può dire che se con Giorgio abbiamo tolto tutto, con Valeria abbiamo aggiunto».
Che cosa le hanno lasciato queste due esperienze?
«L’incontro con Giorgio e Valeria è stato importante: quello che mi è successo è stato un punto di svolta, anche se ciò non vuol dire che ora ho addosso il “bollino di garanzia”. Il viaggio in Amazzonia mi è rimasto dentro, anche perché è avvenuto in un momento particolare della mia vita. Con Valeria devo dire che ho avuto l’opportunità di misurarmi con un ritratto femminile che è difficile trovare in Italia e che mi ha segnato molto come attrice».
Questi due ruoli le hanno aperto porte significative anche all’estero. Cosa c’è stato dopo? La Francia, il film con Sean Penn...
«Quello con la Francia è un legame che c’era anche prima. Avere lavorato in film e con registi là molto amati, come Moretti, o Giordana, o Placido, mi ha permesso di essere vista e poi chiamata a lavorare là. L’occasione di “The Gunman”, il film di Pierre Morel con Sean Penn e Javier Bardem che ho appena finito di girare, è invece totalmente dovuta a “Miele” e a Valeria Golino. È stato un set lungo che mi ha dato tantissimo, ed è stato anche un vero piacere essere a contatto con una produzione hollywoodiana e attori eccezionali».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Il sabato sera al Colle: sorrisi e...bellezze

feste e giovani

Il sabato sera al Colle: sorrisi e...bellezze Gallery

"Kim Kardashian ha la cellulite": è bufera, 100mila fan la abbandonano

gossip

"Kim Kardashian ha la cellulite": è bufera, 100mila fan la abbandonano Foto

3commenti

caclio donne

spagna

Le ragazze che fanno la storia: hanno stravinto il campionato dei maschi

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Le scalette", il gusto dolce della carne e del pesce

CHICHIBIO

"Le scalette", il gusto dolce della carne e del pesce

di Chichibio

4commenti

Lealtrenotizie

Teramo-Parma

0-0 a teramo

Parma 1 punto avanti al Pordenone, obbligati a vincere il derby  Foto

Frattali: "Parata decisiva? Era ora". Scavone: "Il mio gol? Era regolare" (Video: le interviste) - Le altre partite (Pordenone e Padova hanno perso)

2commenti

INCIDENTE

Gli amici sotto choc per la morte di Andrea: "Endurista dal cuore generoso"

Paura a bedonia

Ventenne cade con la moto: arrivano il soccorso alpino e l'elisoccorso

teramo-parma 0-0

D'Aversa: "Ci manca il gol? Non è un periodo felice. Comunque buona gara" Video

1commento

roccabianca

Ritrovato il 50enne scomparso: era al Pronto soccorso

promozione

Festa Pallavicino: è promosso in Eccellenza Gallery

sorbolo

Filmate le gare in scooter a mezzanotte. Il sindaco: "Ora convochiamo i genitori" Video

3commenti

musica e cultura

A Parma l'opera scende in piazza (per riqualificare l'Oltretorrente)

L'idea di una soprano islandese

3commenti

elezioni

Ecco la nuova squadra di Pizzarotti

7commenti

Via Volturno

Nuova spaccata in una panetteria

social

Le sigle "rock" del salsese Copelli diventano virali

Laminam

Incontro tra cittadini e Comitato «L'aria del Borgo»

gazzareporter

Borgo Guazzo, cronache dalla discarica.....

1commento

Traversetolo

Il sindaco sposta il comizio del 1°Maggio: il Pd insorge

4commenti

Ragazzola

Un comitato per «proteggere» il ponte sul Po

Alimentare

Parmacotto, previsti 60 milioni di ricavi

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Perché ci sono sempre meno preti

1commento

EDITORIALE

Gli assassini impuniti e lo Stato impotente

di Paola Guatelli

3commenti

ITALIA/MONDO

politica

Primarie Pd: in Emilia Romagna alle 17 hanno votato in 163.899. Le foto di Parma

3commenti

milano

Pirata della strada tradito da una telefonata a casa: "Sono in ospedale"

1commento

WEEKEND

meteo

Weekend col sole. Ma il 1° maggio è "ballerino" Le previsioni

il disco

Caravan, i 45 anni di Waterloo Lily

SPORT

formula 1

Gp di Russia: vince la Mercedes (di Bottas.) Le due Ferrari sul podio

serie a

"Buu" razzisti a Cagliari: Muntari abbandona il campo Gallery

MOTORI

Economia

E' Fiesta l'auto piu' venduta d'Europa Video

GOLF E UP!

Volkswagen, niente Iva sulle elettriche

1commento