18°

musica

Battiato incanta il Teatro Regio con la sua "essenza del reale"

Crescendo di emozioni tra brani nuovi e capolavori della tradizione arabo-andalusa

Battiato incanta il Teatro Regio con la sua "essenza del reale"
0

 

ucia Brighenti
«I viandanti vanno in cerca di ospitalità / nei villaggi assolati / e nei bassifondi dell’immensità / e si addormentano sopra i guanciali della terra». L’esilio, la fuga, la ricerca di un luogo, non proprio geografico, sono temi che ricorrono nell’opera di Franco Battiato e che si ritrovano in «Diwan – l’essenza del reale», attraverso le parole del poeta arabo Ibn Hamdis. Andato in scena ieri sera al Teatro Regio di Parma, lo spettacolo del cantautore siciliano riscopre la scuola poetica araba fiorita in Sicilia nel medioevo, soprattutto attraverso la raccolta di poesie in persiano di Ibn Hamdis, che dall’isola invasa dai Normanni dovette fuggire nella Spagna che per lui divenne, secondo Battiato, «come una madre cosmica». Il viaggio, la nostalgia, l’abbandono sono quindi al centro di queste poesie, insieme con l’erotismo e l’osservazione della natura. Temi che lo legano al cantautore insieme all’amore per la Sicilia, terra che diventa un punto di contatto tra Oriente e Occidente, rapporto che da sempre permea le canzoni di Battiato. Un contatto sottolineato tanto da sovrapporre la lingua araba al dialetto siciliano, come in «Un solo bacio», cantato da una bravissima Etta Scollo con il cantautore in cui il testo si sovrapponeva alla recitazione in arabo, parole diverse ma entrambe permeate dallo stesso ritmo, già musica nella parola. 
Lo spettacolo univa brani scritti appositamente per questo progetto come «Aurora» sul testo di Ibn Hamdis (tradotto da Nabil Salameh) con la musica dello stesso Battiato, la ripresa di lavori già fatti sui poeti arabi siciliani, come «Corro con te», tratta dall’album «Il fiore splendente» del 2008 con il testo di Ibn Hamdis e la musica di Etta Scollo; nuovi arrangiamenti di celebri canzoni come le «Sacre Sinfonie del Tempo», una canzone dei Radiodervish come «Al Maya», ed esecuzioni di capolavori della tradizione medievale arabo-andalusa. Un crescendo di emozione, dai momenti più meditativi come con «Haiku», alla struggente nostalgia di «Sicilia mia» in cui Ibd Hamdis ricorda la sua isola. E ancora «Veni l’autunnu», «Hat Ya Saki», «L’ombra della luce», «Lode all’inviolato», «Niente è come sembra», «Strade dell’est», «Hbibi», «Lontano», «Personalità empirica», «Arabian song» hanno intessuto un programma terminato, almeno nella sua parte «ufficiale» con «Foghin Nakhal», canto tradizionale Sufi realizzato da tutti i musicisti al gran completo.
 Battiato è stato infatti accompagnato in questo viaggio affascinante da un ensemble multietnico di musicisti di prima qualità: Nabil Salameh dei Radiodervish (voce), Sakina Al Azami (voce) il tastierista e collaboratore di Battiato Carlo Guaitoli, Gianluca Ruggeri della PMCE (percussioni), Jamal Ouassini (violino), Alfred Hajjar (Nay) e Ramzi Aburedwan fondatore degli Al Kamandjti (Bouzuo e viola).?«Il programma sarebbe finito» ha annunciato Battiato al termine, ma un pubblico foltissimo ha protestato a gran voce, ottenendo alcuni titoli attesissimi come «Magic Shop», «La Cura» (e qui dal pubblico gli urlano «sei la forza di Dio» e Battiato, che concede qualche concisa battuta qua e là, risponde «Nun t’allargà») poi ancora con il cantautore intona «Stranizza d’amuri» e, per finire, «Voglio vederti danzare» preso alla lettera dal pubblico che è corso a ballare sotto il palcoscenico.
Eri al concerto?
Manda un commento
L
Lucia Brighenti

 

«I viandanti vanno in cerca di ospitalità / nei villaggi assolati / e nei bassifondi dell’immensità / e si addormentano sopra i guanciali della terra». 

L’esilio, la fuga, la ricerca di un luogo, non proprio geografico, sono temi che ricorrono nell’opera di Franco Battiato e che si ritrovano in «Diwan – l’essenza del reale», attraverso le parole del poeta arabo Ibn Hamdis. Andato in scena ieri sera al Teatro Regio di Parma, lo spettacolo del cantautore siciliano riscopre la scuola poetica araba fiorita in Sicilia nel medioevo, soprattutto attraverso la raccolta di poesie in persiano di Ibn Hamdis......................................Articolo completo sulla Gazzetta di Parma in edicola

Eri al concerto? Manda un commento

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Kim Kardashian ha la cellulite": è bufera, 100mila fan la abbandonano

gossip

"Kim Kardashian ha la cellulite": è bufera, 100mila fan la abbandonano Foto

caclio donne

spagna

Le ragazze che fanno la storia: hanno stravinto il campionato dei maschi

I Soul System, vincitori di X-Factor, a Radio Parma e stasera al Campus Industry

INTERVISTA

Cantano i Soul System, da X-Factor a... Radio Parma Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Le scalette", il gusto dolce della carne e del pesce

CHICHIBIO

"Le scalette", il gusto dolce della carne e del pesce

di Chichibio

4commenti

Lealtrenotizie

Schianto a Traversetolo, muore un 42enne

INCIDENTE

Schianto a Traversetolo, muore un 42enne

Via Volturno

Nuova spaccata in una panetteria

l'agenda

Una domenica tra castelli, Cantamaggio e golosità on the road

Lutto

Corradi, il «biciclettaio» di via D'Azeglio

Traversetolo

Il sindaco sposta il comizio del 1°Maggio: il Pd insorge

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

LEGA PRO

Il Parma a Teramo per ripartire

Laminam

Incontro tra cittadini e Comitato «L'aria del Borgo»

Ragazzola

Un comitato per «proteggere» il ponte sul Po

Personaggio

Il «detective» della scultura del mistero

traversetolo

Pauroso schianto contro un camion: muore un motociclista 42enne 

Il 42enne Andrea Ardenti Morini vittima di un incidente sulla strada per Neviano Video

1commento

tg parma

50enne scomparso a Diolo: continuano le ricerche ma cresce la paura

soragna

Paura a Diolo: incidente, auto nel fosso

Fidenza

Anestesista muore a 37 anni

Interrogazione

Jella latitante (e sorridente su Fb): il caso in Parlamento

1commento

raduno

500 Miles...un fiume di Harley Davidson a Parma Gallery

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Vale di più un morto o 100 morti?

EDITORIALE

Gli assassini impuniti e lo Stato impotente

di Paola Guatelli

1commento

ITALIA/MONDO

tunisia-Italia

Strage di Berlino: la salma di Amri custodita (e rimpatriata?) a spese dell'Italia

Mistero

18enne di Genova trovata morta nella sua casa a Londra. Scotland Yard indaga

WEEKEND

meteo

Weekend col sole. Ma il 1° maggio è "ballerino" Le previsioni

il disco

Caravan, i 45 anni di Waterloo Lily

SPORT

storie di ex

Buffon: "Volevo ritirarmi, Agnelli mi ha fatto ripensare"

Calciomercato

Galliani lascia il calcio e cambia vita

MOTORI

IL TEST

Al volante di Infiniti QX30. Ecco come va Foto

GOLF E UP!

Volkswagen, niente Iva sulle elettriche

1commento