17°

musica

Biondi, come «neve al sole»

Il crooner sposa la tradizione americana e pubblica un album di canzoni natalizie

Mario Biondi

Mario Biondi

0

 

Paride Sannelli
Gli occhiali scuri dietro ai quali Mario Biondi rimira la copertina del nuovo album «Mario Christmas», nei negozi da oggi, rappresentano una buona metafora del suo contenuto. Le dodici canzoni di questo nuovo cd - nove classici, due inediti, il duetto di «After the love has gone» presente pure nell'ultimo album degli Earth Wind & Fire - sono infatti per lui vera e propria «neve al sole» per la capacità che hanno di evocare allo stesso tempo l' intimismo dell'inverno e la calda esuberanza della sua ultima fatica formato cd intitolata appunto «Sun». 
Un po' lo stesso spirito del videoclip di «The Christmas baby (the sweetest gift)», girato a Seefeld sulle Alpi austriache, e dello spettacolo con cui il cantante catanese naturalizzato parmigiano si ripresenterà in concerto il 5 dicembre al Teatro Regio (prevendite in corso all'Arci provinciale in via Testi 4 e online su www.ticketone.it, info Arci/Caos, tel 0521-706214)
 Sole e neve pure al Regio, dunque?
«Certamente sì. E speriamo che di neve, quella vera, fuori dal teatro fra dieci giorni non ce ne sia ancora. O, quantomeno, non ce ne sia troppa. Per me, infatti, si tratta di un ritorno a casa, visto che è dai tre concerti del 2008, proprio al Regio, e da quello al Parco Ducale nel 2010 che non mi esibisco in città. Abitando a Parma, una volta tanto avrò in platea tutta la mia numerosa famiglia che nelle altre occasioni, per ovvie ragioni logistiche, mi segue solo in parte». 
Perché un disco di canzoni natalizie?
«Perchè, con il tributo a Carlo Alberto Rossi ed altre iniziative abbozzate negli ultimi anni, era uno dei progetti che avevo in animo da tempo di realizzare. Ovviamente prima mi sono preparato su quelli che ritengo dei veri e propri classici del genere, vale a dire i dischi di Natale di gente come Nat King Cole, Take 6, Chicago, Michael McDonald, Stylistics ed altri ancora». 
 Alcuni li avevi cantati spesso in passato. 
«Vero. L'unico, forse, che non avevo mai considerato di reinterpretare è 'Last Christmas' degli Wham. Poi è venuta fuori in maniera così 'biondesca' che non ho saputo resistere».
 Oltre agli Earth Wind & Fire, avevi pensato ad altri ospiti?
«Sì, a Mina per 'Dreaming land', uno dei due inediti. Ma quando ho scoperto che stava già registrando un suo disco di Natale e che aveva detto no ad una proposta di Gianni Morandi, ho pensato di rimandare il nostro incontro ad un'altra volta. Stiamo diventando degli eterni promessi sposi, visto che tre anni fa nell'album 'Caramella' avrei dovuto incidere io il duetto 'You get me' poi andato a Seal. Gli impegni promozionali dell'album 'If', infatti, mi costrinsero a dirle di no. Col cuore a pezzi». 
Potendo scegliere un altro artista internazionale con cui duettare, su chi punteresti? 
«Probabilmente su Michael Bolton, con cui ho cantato nel 2007, a Verona, in occasione del Concerto di Natale di RaiDue».
 Ma come si fa a registrare un disco di Natale in piena estate? 
«Siccome abbiamo un fonico matto da legare, la cosa surreale è stata incidere questo album in studio ad agosto davanti ad un bell'abete illuminato. Discutevamo su come dare espressività al progetto togliendoci il cuor leggero della bella stagione e lui ha trovato una sua soluzione».
Tutti vogliono sapere se andrai a Sanremo e quando inciderai un disco tutto cantato in italiano.
«Alla prima domanda rispondo 'noi non ci sa(n)remo...' No, scherzo, mai dire mai. Per il disco in italiano, invece, lo scoprirete alla prossima puntata». 
Paride Sannelli

 

Gli occhiali scuri dietro ai quali Mario Biondi rimira la copertina del nuovo album «Mario Christmas», nei negozi da oggi, rappresentano una buona metafora del suo contenuto. Le dodici canzoni di questo nuovo cd - nove classici, due inediti, il duetto di «After the love has gone» presente pure nell'ultimo album degli Earth Wind & Fire - sono infatti per lui vera e propria «neve al sole» per la capacità che hanno di evocare allo stesso tempo l' intimismo dell'inverno e la calda esuberanza della sua ultima fatica formato cd intitolata appunto «Sun». 

Un po' lo stesso spirito del videoclip di «The Christmas baby (the sweetest gift)», girato a Seefeld sulle Alpi austriache, e dello spettacolo con cui il cantante catanese naturalizzato parmigiano si ripresenterà in concerto il 5 dicembre al Teatro Regio (prevendite in corso all'Arci provinciale in via Testi 4 e online su www.ticketone.it, info Arci/Caos, tel 0521-706214)

 Sole e neve pure al Regio, dunque?

«Certamente sì. E speriamo che di neve, quella vera, fuori dal teatro fra dieci giorni non ce ne sia ancora. O, quantomeno, non ce ne sia troppa. Per me, infatti, si tratta di un ritorno a casa, visto che è dai tre concerti del 2008, proprio al Regio, e da quello al Parco Ducale nel 2010 che non mi esibisco in città. Abitando a Parma, una volta tanto avrò in platea tutta la mia numerosa famiglia che nelle altre occasioni, per ovvie ragioni logistiche, mi segue solo in parte». 

Perché un disco di canzoni natalizie?

«Perchè, con il tributo a Carlo Alberto Rossi ed altre iniziative abbozzate negli ultimi anni, era uno dei progetti che avevo in animo da tempo di realizzare. Ovviamente prima mi sono preparato su quelli che ritengo dei veri e propri classici del genere, vale a dire i dischi di Natale di gente come Nat King Cole, Take 6, Chicago, Michael McDonald, Stylistics ed altri ancora». 

 Alcuni li avevi cantati spesso in passato. 

«Vero. L'unico, forse, che non avevo mai considerato di reinterpretare è 'Last Christmas' degli Wham. Poi è venuta fuori in maniera così 'biondesca' che non ho saputo resistere».

 Oltre agli Earth Wind & Fire, avevi pensato ad altri ospiti?

«Sì, a Mina per 'Dreaming land', uno dei due inediti. Ma quando ho scoperto che stava già registrando un suo disco di Natale e che aveva detto no ad una proposta di Gianni Morandi, ho pensato di rimandare il nostro incontro ad un'altra volta. Stiamo diventando degli eterni promessi sposi, visto che tre anni fa nell'album 'Caramella' avrei dovuto incidere io il duetto 'You get me' poi andato a Seal. Gli impegni promozionali dell'album 'If', infatti, mi costrinsero a dirle di no. Col cuore a pezzi». 

Potendo scegliere un altro artista internazionale con cui duettare, su chi punteresti? 

«Probabilmente su Michael Bolton, con cui ho cantato nel 2007, a Verona, in occasione del Concerto di Natale di RaiDue».

 Ma come si fa a registrare un disco di Natale in piena estate? 

«Siccome abbiamo un fonico matto da legare, la cosa surreale è stata incidere questo album in studio ad agosto davanti ad un bell'abete illuminato. Discutevamo su come dare espressività al progetto togliendoci il cuor leggero della bella stagione e lui ha trovato una sua soluzione».

Tutti vogliono sapere se andrai a Sanremo e quando inciderai un disco tutto cantato in italiano.

«Alla prima domanda rispondo 'noi non ci sa(n)remo...' No, scherzo, mai dire mai. Per il disco in italiano, invece, lo scoprirete alla prossima puntata». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Lo "Zoo" di  105,  è morto Leone Di Lernia

spettacoli

Lo "Zoo" di 105, è morto Leone Di Lernia - VIDEO

Halle Berry si libera del vestito degli Oscar: così il Versace finisce per terra e lei si butta in piscina

come in un film

Halle Berry si libera del vestito degli Oscar e si tuffa Video

Montalbano torna, supera i 10 milioni e fa il 40%

televisione

Montalbano, ritorno record: supera i 10 milioni

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Top500": la classifica

IMPRESE

Top500 Parma, ecco la classifica completa

Lealtrenotizie

Arrestate due cittadine rumene

cittadella

Scippavano anziani: rom arrestate da un poliziotto fuori servizio

INCHIESTA

Alberi, sigilli a una casa famiglia per anziani. Tre indagati

da mantova a parma

Furto a un distributore, un moldavo in manette

autostrada

Incidente tra due camion a Fiorenzuola: code verso Fidenza

Consiglio comunale

Rifiuti e sicurezza: oggi Consiglio comunale Diretta dalle 15

opportunita'

Venti nuovi annunci per chi cerca un lavoro

Welcome day

Studenti Erasmus, benvenuti a Parma Fotogallery

L'ALLARME

Droga, a Parma ogni anno 400 segnalati alla Prefettura

3commenti

La traversata

Quei velisti con Parma nella cambusa

Mercati esteri

Sicim, tris di commesse per 200 milioni di dollari

Amarcord

Prati Bocchi, 67 anni di amicizia

meteo

Tornano pioggia, vento e neve sulle alpi

Langhirano

E' morto Pierino Barbieri

1commento

Scomparso

«Benito, come un padre per tanti di noi»

FOCUS

Monticelli? Mancano spazi per i giovani

LEGA PRO

Parma, Frattali out: in porta arriva Davide Bassi. Il Pordenone travolge il Bassano

L'estremo difensore era svincolato dall'Atalanta, nel suo passato anche Empoli e Torino

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

13commenti

EDITORIALE

Quei politici allergici alla libertà di stampa

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

il CASO

Dj Fabo ha morso il pulsante per il suicidio assistito

2commenti

TREVISO

Il Comune licenzia dipendente assenteista

SOCIETA'

caffè

A Milano lo Starbucks più grande d'Europa

comune

2200 anni della fondazione di Parma: ecco il logo di Franco Maria Ricci

SPORT

inghilterra

Ranieri: il tributo (mascherato) dei tifosi del Leicester Gallery

Ciclismo

Grave caduta per la giovane promessa Marco Landi

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, la nostra pagella

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia