12°

cinema

Noa Zatta, è iniziata la scalata

Noa Zatta, è iniziata la scalata
Ricevi gratis le news
0

 

Chiara Cabassi
Si è tenuta a Trieste la conferenza stampa di fine riprese (sabato l'ultimo ciak) de «Il ragazzo invisibile» di Gabriele Salvatores che, presente con gli attori Fabrizio Bentivoglio e Valeria Golino, ha messo davanti a telecamere e microfoni anche i veri protagonisti del film, i giovani Ludovico Girardello (è lui il «ragazzo invisibile»), la parmigiana Noa Zatta e Riccardo Gasparini. Una conferenza stampa che ha avuto una forte componente regionale a partire dalla presidente della Regione Friuli Venezia Giulia Debora Serracchiani, del sindaco e del presidente della Provincia di Trieste Roberto Cosolini e Maria Teresa Bassa Poropat.
Noa Zatta, come già ricordato dalla «Gazzetta», è stata scelta per impersonare Stella, l'amica più vicina al protagonista, nel film che il regista ha definito «il primo film per famiglia con un supereroe completamente made in Italy». Sarà un film d'avventura, ma anche con i toni della commedia e del fantasy fino ad arrivare ad atmosfere dark, diretto al pubblico giovane ma diverso dall'immaginario che negli ultimi anni il cinema italiano ha delegato a quello americano. L'esperienza dello “stunt coordinator” di Salvatores, Lubomir Misak, (un collaboratore abituale di Ridley Scott), ha consentito l'utilizzo di effetti speciali grazie ai quali i giovani protagonisti saltano dai palazzi, fanno tripli salti mortali, senza contare tutte le particolari misure per realizzare gli effetti legati all'invisibilità di Ludovico. Si può quindi immaginare una sorta di “Matrix”, ma nulla più perchè lo stile della conferenza stampa è stato quello di non far trapelare troppi dettagli, riservando molte sorprese agli spettatori in sala. Finora si sa che “Il ragazzo invisibile” è Michele (Ludovico Girardello), un tredicenne non particolarmente brillante, invaghito della compagna di scuola Stella (Noa Zatta). Un ragazzo come tanti finchè non scopre di poter diventare invisibile. Proprio il suo "superpotere" lo porterà a scontrarsi con una banda di cattivi e con l’incredulità della mamma poliziotta (Valeria Golino) e di un misterioso psicologo (Fabrizio Bentivoglio). Nel cast, dove compaiono anche Xenia Rappoport e Vincenzo Zampa, i giovani protagonisti hanno mostrato fin dal primo ciak una professionalità sorprendente. Tutti i ragazzi avevano infatti alle spalle esperienze teatrali, ma erano anche tutti motivati sia dall'esperienza cinematografica, sia dalla possibilità di esordire sotto la regia di un premio Oscar. 
Stella, la nostra Noa Zatta, ha passato uno straordinario autunno a Trieste. «Un periodo molto bello ma anche faticoso. Il set aveva un clima molto cameratesco, ma è stato un vero e proprio lavoro. Sette ore di riprese a volte in notturna. Oppure dalle 8 del mattino fino al pomeriggio e poi la scuola. Spesso ci sono anche cambiamenti dovuti alla bora o alla pioggia. Ho continuato a studiare con insegnanti privati che hanno seguito il programma scolastico in accordo con i docenti della mia classe di Parma. Adesso quando riguardo gli spezzoni del film guardo i particolari tecnici e faccio commenti. Credo di aver perso un po' della magia del cinema, ma ho acquisito molta esperienza su un lavoro che mi appassiona e spero di poter continuare a fare». 
Per bucare lo schermo Noa ce l'ha messa tutta già da questo suo primo set. In una delle ultime scene girate ha dovuto addirittura scalare l'Ursus, una gru galleggiante alta 75 metri che da un secolo svetta in un angolo del molo di Trieste. «Serviva ai cantieri navali, ora è un affascinante ed arrugginito reperto di archeologia industriale. Sono stata la prima bambina a farlo ed è stata la prima volta che viene ripresa in un film. Ho dovuto anche esercitarmi alla trave per alcune scene girate in palestra dove impersono un'atleta di ginnastica artistica. Ho avuto la fortuna di avere una guida come Misak che mi ha guidato in ogni passo, ma sono sempre stata senza controfigura».
Per le vacanze di Natale Noa tornerà a casa, alla sua vita di studentessa e di musicista. Il film invece avrà una lunga fase di post-produzione: i numerosi effetti speciali richiederanno infatti tempi di montaggio che potrebbero portare all'uscita in sala non prima della fine del 2014.
Chiara Cabassi

Si è tenuta a Trieste la conferenza stampa di fine riprese (sabato l'ultimo ciak) de «Il ragazzo invisibile» di Gabriele Salvatores che, presente con gli attori Fabrizio Bentivoglio e Valeria Golino, ha messo davanti a telecamere e microfoni anche i veri protagonisti del film, i giovani Ludovico Girardello (è lui il «ragazzo invisibile»), la parmigiana Noa Zatta e Riccardo Gasparini. Una conferenza stampa che ha avuto una forte componente regionale a partire dalla presidente della Regione Friuli Venezia Giulia Debora Serracchiani, del sindaco e del presidente della Provincia di Trieste Roberto Cosolini e Maria Teresa Bassa Poropat.Noa Zatta, come già ricordato dalla «Gazzetta», è stata scelta per impersonare Stella, l'amica più vicina al protagonista, nel film che il regista ha definito «il primo film per famiglia con un supereroe completamente made in Italy». Sarà un film d'avventura, ma anche con i toni della commedia e del fantasy fino ad arrivare ad atmosfere dark, diretto al pubblico giovane ma diverso dall'immaginario che negli ultimi anni il cinema italiano ha delegato a quello americano. L'esperienza dello “stunt coordinator” di Salvatores, Lubomir Misak, (un collaboratore abituale di Ridley Scott), ha consentito l'utilizzo di effetti speciali grazie ai quali i giovani protagonisti saltano dai palazzi, fanno tripli salti mortali, senza contare tutte le particolari misure per realizzare gli effetti legati all'invisibilità di Ludovico.
Si può quindi immaginare una sorta di “Matrix”, ma nulla più perchè lo stile della conferenza stampa è stato quello di non far trapelare troppi dettagli, riservando molte sorprese agli spettatori in sala. Finora si sa che “Il ragazzo invisibile” è Michele (Ludovico Girardello), un tredicenne non particolarmente brillante, invaghito della compagna di scuola Stella (Noa Zatta). Un ragazzo come tanti finchè non scopre di poter diventare invisibile. Proprio il suo "superpotere" lo porterà a scontrarsi con una banda di cattivi e con l’incredulità della mamma poliziotta (Valeria Golino) e di un misterioso psicologo (Fabrizio Bentivoglio). Nel cast, dove compaiono anche Xenia Rappoport e Vincenzo Zampa, i giovani protagonisti hanno mostrato fin dal primo ciak una professionalità sorprendente. Tutti i ragazzi avevano infatti alle spalle esperienze teatrali, ma erano anche tutti motivati sia dall'esperienza cinematografica, sia dalla possibilità di esordire sotto la regia di un premio Oscar. 
Stella, la nostra Noa Zatta, ha passato uno straordinario autunno a Trieste. «Un periodo molto bello ma anche faticoso. Il set aveva un clima molto cameratesco, ma è stato un vero e proprio lavoro. Sette ore di riprese a volte in notturna. Oppure dalle 8 del mattino fino al pomeriggio e poi la scuola. Spesso ci sono anche cambiamenti dovuti alla bora o alla pioggia. Ho continuato a studiare con insegnanti privati che hanno seguito il programma scolastico in accordo con i docenti della mia classe di Parma. Adesso quando riguardo gli spezzoni del film guardo i particolari tecnici e faccio commenti. Credo di aver perso un po' della magia del cinema, ma ho acquisito molta esperienza su un lavoro che mi appassiona e spero di poter continuare a fare». Per bucare lo schermo Noa ce l'ha messa tutta già da questo suo primo set. In una delle ultime scene girate ha dovuto addirittura scalare l'Ursus, una gru galleggiante alta 75 metri che da un secolo svetta in un angolo del molo di Trieste. «Serviva ai cantieri navali, ora è un affascinante ed arrugginito reperto di archeologia industriale. Sono stata la prima bambina a farlo ed è stata la prima volta che viene ripresa in un film. Ho dovuto anche esercitarmi alla trave per alcune scene girate in palestra dove impersono un'atleta di ginnastica artistica. Ho avuto la fortuna di avere una guida come Misak che mi ha guidato in ogni passo, ma sono sempre stata senza controfigura».Per le vacanze di Natale Noa tornerà a casa, alla sua vita di studentessa e di musicista. Il film invece avrà una lunga fase di post-produzione: i numerosi effetti speciali richiederanno infatti tempi di montaggio che potrebbero portare all'uscita in sala non prima della fine del 2014.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Intervista a Simonetti dei Goblin stasera al Campus Industry

INTERVISTA

Simonetti dei Goblin e le sue musiche da brivido: "I giovani ci riscoprono grazie a internet" Video

Il principe Harry e Meghan Markle si sposeranno il 19 maggio

LONDRA

Il principe Harry e Meghan Markle si sposeranno il 19 maggio

Finale a sorpresa per X Factor:  Lorenzo batte i favoriti Maneskin Video

talent

Finale a sorpresa per X Factor: Lorenzo batte i favoriti Maneskin Video

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Imu e Tasi, lunedì si chiudono i conti

L'ESPERTO

Imu e Tasi, entro lunedì il saldo. Tutto quello che c'è da sapere

di Daniele Rubini*

Lealtrenotizie

bullismo

polizia

Giovanissimi e violenti: denunciati due bulli 19enni

Una delle vittime massacrata per aver raccolto un rifiuto a terra

3commenti

LUTTO

Il Marconi piange Giulia

alluvione

Rischio nuova piena: evacuazione totale di Lentigione Foto

Due intossicati a causa di un generatore elettrico

TRASPORTI

Ferrovia interrotta per alluvione: bus sostitutivi e nuovi orari fra Parma e Brescello

Ecco cosa cambia sulla parte di linea Parma-Suzzara interrotta a causa dell'esondazione dell'Enza

solidarietà

Lentigione, i volontari parmigiani al lavoro per liberare le case dal fango Foto

tg parma

Fra la gente di Colorno, tutti al lavoro contro il fango Video

Vicino a Coenzo

«Noi, i dimenticati dell'alluvione»

tgparma

Arrestata Francesca Linetti: da Parma alla corte dei Casalesi

Copermio

«Pensavamo di morire annegati. Mio figlio vivo grazie al maresciallo»

CALCIO

La vigilia di Parma-Cesena, D'Aversa: "Loro in gran forma, non sarà facile" Video

oltretorrente

Marcia antirazzista dopo il pestaggio. In corteo con Said

Abdul, il suo dipendente aggredito: non riesco ancora a capire perché ce l'avessero con me

2commenti

Il noto ex calciatore

Cosa manca a Beckham dell'Italia? La trattoria Cocchi di Parma

3commenti

sciopero

Froneri, la solidarietà ai lavoratori sfila nel cuore della città Foto

ghiaccio

Montagna, dopo tre giorni ci sono ancora famiglie senza elettricità

1commento

salute

Al Maggiore chirurgia facciale su teste congelate

Un corso unico in Italia, esaurito a poche ore dall'apertura delle iscrizioni. Venti medici si eserciteranno per riparare difetti del cavo orale e del volto

Processo

«Spese pazze» in Regione, assolti Ferrari e Garbi

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

1commento

ITALIA/MONDO

SPAGNA

Preso Igor il russo, il killer di Budrio, dopo una sparatoria in cui ha ucciso due agenti e un civile

3commenti

MILANO

Ex calciatore ucciso, fermati una donna e il figlio. Volevano sciogliere il cadavere nell'acido

SPORT

calcio

Fumogeni prima della partita con la Ternana: denunciati due tifosi del Parma

1commento

SEMBRA IERI

Il Parma vola in serie B con Marino Perani (1992)

SOCIETA'

FESTE PGN

Karma: la notte di J.L. David Foto

social network

Il selfie della ragazza con cancro alla pelle: la campagna di prevenzione è virale

MOTORI

motori

Ford, che Fiesta: ST-Line o Vignale per pensare in grande

DUE RUOTE

La prova: Ducati Multistrada 1260