10°

22°

cinema

Noa Zatta, è iniziata la scalata

Noa Zatta, è iniziata la scalata
Ricevi gratis le news
0

 

Chiara Cabassi
Si è tenuta a Trieste la conferenza stampa di fine riprese (sabato l'ultimo ciak) de «Il ragazzo invisibile» di Gabriele Salvatores che, presente con gli attori Fabrizio Bentivoglio e Valeria Golino, ha messo davanti a telecamere e microfoni anche i veri protagonisti del film, i giovani Ludovico Girardello (è lui il «ragazzo invisibile»), la parmigiana Noa Zatta e Riccardo Gasparini. Una conferenza stampa che ha avuto una forte componente regionale a partire dalla presidente della Regione Friuli Venezia Giulia Debora Serracchiani, del sindaco e del presidente della Provincia di Trieste Roberto Cosolini e Maria Teresa Bassa Poropat.
Noa Zatta, come già ricordato dalla «Gazzetta», è stata scelta per impersonare Stella, l'amica più vicina al protagonista, nel film che il regista ha definito «il primo film per famiglia con un supereroe completamente made in Italy». Sarà un film d'avventura, ma anche con i toni della commedia e del fantasy fino ad arrivare ad atmosfere dark, diretto al pubblico giovane ma diverso dall'immaginario che negli ultimi anni il cinema italiano ha delegato a quello americano. L'esperienza dello “stunt coordinator” di Salvatores, Lubomir Misak, (un collaboratore abituale di Ridley Scott), ha consentito l'utilizzo di effetti speciali grazie ai quali i giovani protagonisti saltano dai palazzi, fanno tripli salti mortali, senza contare tutte le particolari misure per realizzare gli effetti legati all'invisibilità di Ludovico. Si può quindi immaginare una sorta di “Matrix”, ma nulla più perchè lo stile della conferenza stampa è stato quello di non far trapelare troppi dettagli, riservando molte sorprese agli spettatori in sala. Finora si sa che “Il ragazzo invisibile” è Michele (Ludovico Girardello), un tredicenne non particolarmente brillante, invaghito della compagna di scuola Stella (Noa Zatta). Un ragazzo come tanti finchè non scopre di poter diventare invisibile. Proprio il suo "superpotere" lo porterà a scontrarsi con una banda di cattivi e con l’incredulità della mamma poliziotta (Valeria Golino) e di un misterioso psicologo (Fabrizio Bentivoglio). Nel cast, dove compaiono anche Xenia Rappoport e Vincenzo Zampa, i giovani protagonisti hanno mostrato fin dal primo ciak una professionalità sorprendente. Tutti i ragazzi avevano infatti alle spalle esperienze teatrali, ma erano anche tutti motivati sia dall'esperienza cinematografica, sia dalla possibilità di esordire sotto la regia di un premio Oscar. 
Stella, la nostra Noa Zatta, ha passato uno straordinario autunno a Trieste. «Un periodo molto bello ma anche faticoso. Il set aveva un clima molto cameratesco, ma è stato un vero e proprio lavoro. Sette ore di riprese a volte in notturna. Oppure dalle 8 del mattino fino al pomeriggio e poi la scuola. Spesso ci sono anche cambiamenti dovuti alla bora o alla pioggia. Ho continuato a studiare con insegnanti privati che hanno seguito il programma scolastico in accordo con i docenti della mia classe di Parma. Adesso quando riguardo gli spezzoni del film guardo i particolari tecnici e faccio commenti. Credo di aver perso un po' della magia del cinema, ma ho acquisito molta esperienza su un lavoro che mi appassiona e spero di poter continuare a fare». 
Per bucare lo schermo Noa ce l'ha messa tutta già da questo suo primo set. In una delle ultime scene girate ha dovuto addirittura scalare l'Ursus, una gru galleggiante alta 75 metri che da un secolo svetta in un angolo del molo di Trieste. «Serviva ai cantieri navali, ora è un affascinante ed arrugginito reperto di archeologia industriale. Sono stata la prima bambina a farlo ed è stata la prima volta che viene ripresa in un film. Ho dovuto anche esercitarmi alla trave per alcune scene girate in palestra dove impersono un'atleta di ginnastica artistica. Ho avuto la fortuna di avere una guida come Misak che mi ha guidato in ogni passo, ma sono sempre stata senza controfigura».
Per le vacanze di Natale Noa tornerà a casa, alla sua vita di studentessa e di musicista. Il film invece avrà una lunga fase di post-produzione: i numerosi effetti speciali richiederanno infatti tempi di montaggio che potrebbero portare all'uscita in sala non prima della fine del 2014.
Chiara Cabassi

Si è tenuta a Trieste la conferenza stampa di fine riprese (sabato l'ultimo ciak) de «Il ragazzo invisibile» di Gabriele Salvatores che, presente con gli attori Fabrizio Bentivoglio e Valeria Golino, ha messo davanti a telecamere e microfoni anche i veri protagonisti del film, i giovani Ludovico Girardello (è lui il «ragazzo invisibile»), la parmigiana Noa Zatta e Riccardo Gasparini. Una conferenza stampa che ha avuto una forte componente regionale a partire dalla presidente della Regione Friuli Venezia Giulia Debora Serracchiani, del sindaco e del presidente della Provincia di Trieste Roberto Cosolini e Maria Teresa Bassa Poropat.Noa Zatta, come già ricordato dalla «Gazzetta», è stata scelta per impersonare Stella, l'amica più vicina al protagonista, nel film che il regista ha definito «il primo film per famiglia con un supereroe completamente made in Italy». Sarà un film d'avventura, ma anche con i toni della commedia e del fantasy fino ad arrivare ad atmosfere dark, diretto al pubblico giovane ma diverso dall'immaginario che negli ultimi anni il cinema italiano ha delegato a quello americano. L'esperienza dello “stunt coordinator” di Salvatores, Lubomir Misak, (un collaboratore abituale di Ridley Scott), ha consentito l'utilizzo di effetti speciali grazie ai quali i giovani protagonisti saltano dai palazzi, fanno tripli salti mortali, senza contare tutte le particolari misure per realizzare gli effetti legati all'invisibilità di Ludovico.
Si può quindi immaginare una sorta di “Matrix”, ma nulla più perchè lo stile della conferenza stampa è stato quello di non far trapelare troppi dettagli, riservando molte sorprese agli spettatori in sala. Finora si sa che “Il ragazzo invisibile” è Michele (Ludovico Girardello), un tredicenne non particolarmente brillante, invaghito della compagna di scuola Stella (Noa Zatta). Un ragazzo come tanti finchè non scopre di poter diventare invisibile. Proprio il suo "superpotere" lo porterà a scontrarsi con una banda di cattivi e con l’incredulità della mamma poliziotta (Valeria Golino) e di un misterioso psicologo (Fabrizio Bentivoglio). Nel cast, dove compaiono anche Xenia Rappoport e Vincenzo Zampa, i giovani protagonisti hanno mostrato fin dal primo ciak una professionalità sorprendente. Tutti i ragazzi avevano infatti alle spalle esperienze teatrali, ma erano anche tutti motivati sia dall'esperienza cinematografica, sia dalla possibilità di esordire sotto la regia di un premio Oscar. 
Stella, la nostra Noa Zatta, ha passato uno straordinario autunno a Trieste. «Un periodo molto bello ma anche faticoso. Il set aveva un clima molto cameratesco, ma è stato un vero e proprio lavoro. Sette ore di riprese a volte in notturna. Oppure dalle 8 del mattino fino al pomeriggio e poi la scuola. Spesso ci sono anche cambiamenti dovuti alla bora o alla pioggia. Ho continuato a studiare con insegnanti privati che hanno seguito il programma scolastico in accordo con i docenti della mia classe di Parma. Adesso quando riguardo gli spezzoni del film guardo i particolari tecnici e faccio commenti. Credo di aver perso un po' della magia del cinema, ma ho acquisito molta esperienza su un lavoro che mi appassiona e spero di poter continuare a fare». Per bucare lo schermo Noa ce l'ha messa tutta già da questo suo primo set. In una delle ultime scene girate ha dovuto addirittura scalare l'Ursus, una gru galleggiante alta 75 metri che da un secolo svetta in un angolo del molo di Trieste. «Serviva ai cantieri navali, ora è un affascinante ed arrugginito reperto di archeologia industriale. Sono stata la prima bambina a farlo ed è stata la prima volta che viene ripresa in un film. Ho dovuto anche esercitarmi alla trave per alcune scene girate in palestra dove impersono un'atleta di ginnastica artistica. Ho avuto la fortuna di avere una guida come Misak che mi ha guidato in ogni passo, ma sono sempre stata senza controfigura».Per le vacanze di Natale Noa tornerà a casa, alla sua vita di studentessa e di musicista. Il film invece avrà una lunga fase di post-produzione: i numerosi effetti speciali richiederanno infatti tempi di montaggio che potrebbero portare all'uscita in sala non prima della fine del 2014.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

In attesa del Palermo scegli il Parma dei tuoi sogni

GAZZAFUN

In attesa di Parma-Entella, Lucarelli nettamente il migliore del campionato

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

Il caso

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

fotografia

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

VELLUTO ROSSO

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Smog: polveri sottili alle stelle, da oggi blocco diesel euro 4

PARMA

Smog, polveri sottili alle stelle: blocco per i diesel fino all'Euro 4 Video

Riscaldamento massimo a 19 gradi

PARMA CALCIO

D’Aversa: "Con l'Entella dobbiamo portare in campo la rabbia del dopo-Pescara" Video

Intervista di Paolo Grossi

TRUFFA

Si fingono tecnici e svuotano una cassaforte a Monticelli Video

Ancora una volta un'anziana nel mirino dei malviventi

2commenti

PARMA

Attaccano catena e lucchetto a una saracinesca: la bici resta a mezz'aria

La foto è stata pubblicata su Facebook da Enrico Maletti

2commenti

PARMA

Spray al peperoncino a scuola: in 5 al pronto soccorso

5commenti

Scurano

Il paese fa festa, i ladri anche

Tragedia

E' morto il tecnico del Soccorso alpino ferito durante un salvataggio

Davide Tronconi era ricoverato al Maggiore di Parma

2commenti

QUARTIERI

Passeggiata e giochi con i gessetti nelle strade dell'Oltretorrente Foto

Continuano le iniziative degli abitanti dell'Oltretorrente per "riappropriarsi" del quartiere

PARMA

Operata una bimba del peso di 700 grammi

Nata pretermine. Coinvolti chirurghi, cardiologici e neonatologi di tre ospedali

2commenti

Fidenza

Addio a Gino Minardi, storico bottegaio

PARMA

Commemorazione dei defunti: orari e servizi dei cimiteri di Parma dal 21 ottobre al 2 novembre

Apertura straordinaria dei cimiteri dalle 8 alle 17,30

GAZZAFUN

Il gatto più bello della città: domani comincia la finale

4commenti

Furto

Via Calatafimi: spaccata «diurna» all'ortofrutta

Ladri in azione di giorno. «Neanche avessi una gioielleria», sbotta la negoziante

STAZIONE

Due telecamere per controllare il terminal dei bus

SISMA

"Luci da terremoto" in Messico Video

Sulla Gazzetta di Parma il geologo parmense Valentino Straser spiega il fenomeno

Lutto

Folla al funerale di Luca Moroni

Nel Duomo di Fidenza l'addio all'ingegnere morto in un incidente stradale

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La «Lunga marcia» della nuova Cina

di Domenico Cacopardo

L'INCHIESTA

Bitcoin, il vero problema è la mancanza di un governo

di Giovanni Fracasso

ITALIA/MONDO

TRAGEDIA

Como, 49enne dà fuoco alla casa e si uccide con tre dei suoi figli Foto

BOLOGNA

Bimbo di 3 anni in pigiama di notte in piazza Maggiore: "salvato" dai carabinieri 

1commento

SPORT

Personaggi

Varriale, voce parmigiana delle World Series

Moto

Rossi: "Qui non sai mai come andrà domani"

SOCIETA'

langhirano

Bellezze in passerella a Pilastro

MUSICA

ParmaJazz Frontiere 2017: grandi nomi al Festival

MOTORI

L'ANTEPRIMA

Ecco T-Roc: in 5 punti il nuovo Suv di Volkswagen Foto

ANTEPRIMA

Arona: il nuovo Suv compatto di Seat in 5 mosse Foto