22°

32°

PRIME TEATRO

Storie di donne e della loro triste fine: ogni riferimento non era casuale

Storie di donne e della loro triste fine: ogni riferimento non era casuale
Ricevi gratis le news
0

Valeria Ottolenghi

 

Applausi a scena aperta per ogni storia/ personaggio, e poi ancora molto lunghi e sentiti, carichi di calda partecipazione, al termine di «Ferite a morte» di Serena Dandini: tanto pubblico al Teatro Regio per questi ricordi vissuti per i quali, si legge in apertura del programma di sala, «ogni riferimento a fatti e persone realmente esistenti non è affatto casuale». Perché è purtroppo la realtà a offrire materia per questi racconti di morti violente, che in scena sono solo un piccolo esempio: in uno degli schermi, utilizzati in varie forme, anche con belle immagini di volti femminili, scorreranno poi tanti nomi di donne uccise dalla violenta brutalità degli uomini. «Avevamo il mostro in casa e non ce ne eravamo accorte»: inizia così Lella Costa/ Teresa che aveva accettato ogni cosa pur di fingere la quiete familiare, anche un’altra donna in casa. Il suo ultimo bambino morto insieme a lei prima di poter venire alla luce, lei che si dice grata al marito per averle dato una vangata in testa prima di bruciarla viva. Ritorna questa sorta di «umorismo nero», un delirio di dipendenza, anche con altre figure femminili: ad interpretarle, oltre a Lella Costa, spigliate, abili nel mutare ruolo, anche Orsetta de’ Rossi, Giorgia Cardaci e Rita Pelusio. Diverse le nazionalità, le regioni italiani di provenienza, le età. Mutano il ceto sociale, l’ideologia politica, il livello culturale, il grado di libertà e di autonomia. Sembra non esista un particolare ambito sociologico indenne dal rischio morte in famiglia. Bisognerebbe imparare a difendersi presto dall’uomo geloso, possessivo, violento, incapace di vivere in condizione di parità con la donna, ossessionato dall’idea di essere abbandonato. Giustamente si parla di «Spoon River» del femminicidio: si ascoltano più voci, diversi accenti, ogni figura il proprio racconto, storie che terminano spesso con una speciale malinconia. La donna iraniana lapidata per adulterio; l’economista che era arrivata a guadagnare più del marito; la giovane sposa, picchiata già in viaggio di nozze, in fondo morta sin da allora; Amina, sgozzata dal padre e dal fratello perché voleva stare con l’uomo scelto da lei. E così via: strozzate, accoltellate, gettate dalla finestra...la casistica varia anche per le forme d’assassinio. Le attrici, abiti neri e scarpe rosse, sono quasi sempre in scena una alla volta. Ma poi anche tutte e quattro insieme per storie affini, con il persecutore che manda messaggi, si rifiuta di credere di essere stato abbandonato - e chiede un ultimo appuntamento: quello fatale!

FERITE A MORTE
di Serena Dandini (collaborazione ai testi di Maura Misiti)
REGIA: Serena Dandini
CON: Lella Costa, Orsetta de’ Rossi, Giorgia Cardaci, Rita Pelusio
PRODUZIONE: Mismaonda srl – La Contemporanea srl, con il patrocinio del Ministero degli Esteri. Partner ENI
GIUDIZIO: *****

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia

tg parma

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia Video

Nuda in giro per Bologna: individuata e super-multa

SOCIAL

Bologna, la ragazza che passeggiava nuda rivela: "E' un esperimento sociale" Video

2commenti

"Vietato annoiarsi" a Bedonia: foto dalla piscina

PISCINe 

"Vietato annoiarsi" a Bedonia Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ferragosto di una volta: Parma deserta nel 1988

TG PARMA

Come eravamo: Parma deserta nel Ferragosto del 1988 Video

2commenti

Lealtrenotizie

«Eravamo lì 40 minuti prima dell'inferno»

PARMIGIANI A BARCELLONA

«Eravamo lì 40 minuti prima dell'inferno»

Testimonianze

Parmigiani a Barcellona: «Abbiamo visto tanta solidarietà tra la gente»

La testimonianza

«Io, molestata da un maniaco al Campus»

weekend

Un sabato tra amor, musica e... castelli di sabbia: l'agenda

CRONACA NERA

Rapina alla farmacia di via Volturno, due banditi in fuga

I dipendenti minacciati con i cutter

Escursionismo

Rifugi, quelle case dove abita la natura

Amichevole

Parma e Empoli non si fanno male

Teatro

Addio a Tania Rochetta, 50 anni di palcoscenico. E di impegno civile

Varano Melegari

La Polisportiva Varanese si tinge di Milan

Lutto

E' morto Maurizio Carra, un'istituzione dell'automobilismo

via bixio

Entra di notte al bar e fa bottino: arrestato grazie a un passante

METEO

Temporali, vento e caldo oggi in Emilia-Romagna

Le previsioni per il Parmense

carabinieri

Arrestate tre rom: così fecero bottino al Famila di Salso Il video

10commenti

Elisoccorso

Ora gli «angeli» dell'emergenza volano anche di notte

PASIMAFI

Scandalo sanità, no alla libertà per Fanelli

1commento

amichevole

Finisce uno a uno la sfida fra Parma e Empoli

Al Tardini segna Evacuo su rigore. Risponde Donnarumma

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Che cosa resta dei nostri amori

di Michele Brambilla

2commenti

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

ITALIA/MONDO

viabilità

E' tempo di nuove partenze: traffico rallentato in A1 e Autocisa Tempo reale

INCENDI

Vasti focolai sulle colline di Reggio Emilia. Squadre anche da Parma

SPORT

Incidenti stradali

Ritirata patente al calciatore Kabashi

Calciomercato

Telenovela Kalinic, l'ultima puntata è incredibile

SOCIETA'

gazzareporter

Limiti di velocità... al Parco Ducale Foto

MINISTERO

Niente nido e scuola dell'infanzia per i bimbi non vaccinati

2commenti

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti