cinema

Un boss in salotto, arriva "Cinepastiera"

Cortellesi, bello fare un personaggio "scorretto"

Un boss in salotto, arriva "Cinepastiera"

Un boss in salotto

0

 

di Francesca Pierleoni

ROMA, 27 DIC – Dopo i Cinepanettoni, arriva il 1 gennaio in 450 sale distribuito da Warner Bros, Un boss in salotto, la commedia con Paola Cortellesi, Rocco Papaleo e Luca Argentero, che il regista Luca Miniero ha definito scherzosamente «una Cinepastiera».
Rispetto ai suoi precedenti campioni d’incasso, Benvenuti al sud e Benvenuti al nord «stavolta il conflitto fra nord e sud è più sullo sfondo, per quanto si continui a riderci sopra, questo è più un film sulle radici – spiega Miniero -. Vediamo certi difetti del sud estesi anche al nord, come un certo atteggiamento di accondiscendenza verso il fantomatico boss, e si prende di mira chi pur di integrarsi rinnega le proprie origini». Nel film «la famiglia trova in sè la salvezza che non trova nella società, dove non viene valutata per meriti propri ma per l’amicizia col boss – aggiunge -. Un’ascesa non per merito e una caduta non per merito mi sembrano molto italiane».
Protagonista Carmela (Cortellesi), volitiva meridionale trapiantata al nord, dove, sposata a un uomo conciliante come Michele (Argentero), e madre di due figli Vittorio e Fortuna (Saul Nanni e Lavinia dè Cocci), si è costruita una vita nascondendo le sue origini, tanto da farsi chiamare Cristina, ostentare un accento settentrionale e inorridire alla vista di pastiere e mozzarelle di bufala. I suoi sforzi, volti soprattutto a facilitare la carriera al marito, imbranato addetto al marketing nell’azienda edile dei ricchi e snob Doriana e Carlo Manetti (Angela Finocchiaro e Ale) vanno in fumo quando il fratello Ciro (Papaleo), che non vede da 15 anni, e implicato in un processo per camorra, chiede di poter trascorrere gli arresti domiciliari in casa della sorella....
Paola Cortellesi spiega che «di una donna come Carmela non amo niente, ma quando reciti un personaggio detestabile, devi imparare a volerle bene. Maltratta tutti, il marito, i figli, ma ha una sua fragilità. Quando Luca mi ha proposto l’idea mi ha molto intrigato lavorare con lui su una persona che si nasconde e si crea un’identità parallela. Poi fare un personaggio 'scorrettò mi piace, l’ho interpretato con l’augurio che risulti più divertente che irritante». Le donne hanno più ruoli da protagoniste oggi nel cinema italiano? «Spero ce ne siamo sempre di più. Dipende tutto dalla fiducia di un produttore e di un regista. Io devo ringraziarli, perchè quest’anno sono diventata mamma e loro mi hanno aspettato per fare il film». Papaleo sottolinea l’importanza anche per lui del tema delle radici: «Non le hanno chiamate così per niente, ti tengono in piedi, io ci sto molto ancorato perchè mi servono per succhiare dalla terra come uomo oltre che come artista». A chi gli chiede se anche nei suoi film da regista inserirebbe alcune delle gag di un Un boss in salotto (una in particolare, citazione di Tutti pazzi per Mary') risponde: «Ognuno sceglie il tono che più gli interessa esprimere. Nel mio prossimo da regista magari bacerò un coccodrillo, sperando di fare due tre milioni in più - scherza -. Io voglio essere un buon intrattenitore, anche quando si tratta di spingersi oltre, ma sempre nella grazia che riconosco a Luca Miniero». Infine il produttore Riccardo Tozzi precisa che «Un boss in salotto è stato interamente finanziato dal mercato, come è giusto che sia per questo tipo di film, non ci sono soldi pubblici. La scritta 'film di interesse culturale nei titoli di coda è dovuta al fatto che per utilizzare il tax credit, si passa per la stessa commissione. Abbiamo già chiesto di crearne una apposta, per non generare confusione».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Malore alle prove del concerto: operato Al Bano

Roma

Al Bano operato dopo un malore: "Paura passata, il cuore sta ballando"

Poligoni

Polygons

Il cucchiaio del futuro da 1milione di $. Non ancora in vendita

3commenti

Chiara Ferragni regina Instagram 2016, in top Papa e Fedez

2016

La Ferragni regina di Instagram. Secondo? Vacchi. C'è il Papa

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Un coro di no per la chiusura del supermercato di via D'Azeglio

via d'azeglio

Un coro di no per la chiusura del supermercato Videoinchiesta

In arrivo una sala slot? (Leggi)

1commento

Poviglio

Fanno esplodere il bancomat: filiale semidistrutta, caccia all'uomo fra Parma e Reggio  Video

2commenti

TRAVERSETOLO

Ladri in azione a colpi di mazza nel negozio. Poi la fuga

1commento

raccolta firme

La Cittadella si illumina con l'albero di Natale Video

Per ribadire il "no" alla chiusura del chiosco

Parma

Elvis e Raffaele hanno celebrato l'unione civile: "Ora siamo una famiglia"

Cerimonia nella Palazzina dei matrimoni con il vicesindaco

1commento

Traffico

Pericolo nebbia: visibilità 80 metri fino a Bologna in A1 Tempo reale

Scontro fra due auto: statale 63 chiusa per due ore nel Reggiano, 4 feriti

ospedale

Day hospital oncologico: nuova organizzazione

convegno

Migranti, Pizzarotti in Vaticano: "Comuni lasciati soli" Video

4commenti

derby

Reggiana-Parma: in vendita i biglietti (4.200)

1commento

LETTERE

Bello FiGo e i luoghi comuni

2commenti

Rugby

Zebre sconfitte dal Tolosa e... dalla nebbia. Partita sospesa dopo 63 minuti

viabilità

Ecco dove saranno gli autovelox la prossima settimana

1commento

Parma

Cachi in città: raccolte 180 cassette in un giorno Foto

1commento

Gazzareporter

I "magnifici 13"

2commenti

Sorbolo

Sedicenne terribile autore di due «spaccate»

15commenti

Fidenza

Ubriaco si schianta contro un albero. Poi la bugia: "Rapito e costretto a bere" 

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Quando le notizie false diventano un'epidemia

di Paolo Ferrandi

IL DIRETTORE RISPONDE

Quelli che «Io? Mai stato renziano»

4commenti

ITALIA/MONDO

crisi

Mattarella: "Governo a breve. Prima del voto armonizzare le leggi"

cremona

Presepe negato, la diocesi: "E' tutto un malinteso"

WEEKEND

IL CINEFILO

Da "Captain Fantastic" a "Non c'è più religione": i film della settimana

45 ANNI DOPO

Tarkus, il capolavoro di Emerson Lake & Palmer

SPORT

Parma Calcio

D'Aversa: "Vinta una partita, non risolto i problemi". I convocati

sci cdm

Goggia 2ª in gigante Sestriere, vince Worley

MOTORI

AL VOLANTE

I consigli utili per guidare nella nebbia

4commenti

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti