15°

spettacoli

Orchestra dell'Opera di Parma: il nuovo nome ha fatto strada

E' reduce da un tour in Cina: «C'è un interesse crescente per la nostra cultura»

Orchestra dell'Opera di Parma: il nuovo nome ha fatto strada
0

 

Quando si dice «fare di necessità virtù». Trovatosi improvvisamente sbarrato il portone del Teatro Regio, l'Orchestra che ne portava il nome (e che è stata diffidata dal mantenere), anzichè sciogliersi si è ricompattata, e per evitare grane legali si è ribattezzata «dell'Opera di Parma». Strumenti richiusi nelle custodie? Sì, ma solo per imbarcarli al check-in. Perchè se non si può suonare a casa propria, c'è sempre un mondo là fuori. E una buona parte di esso, volenti o nolenti, si chiama Cina. E' storia vecchia quella dello «sfratto» dell'Orchestra del/dal Regio (condita da polemiche politiche, rivalità antiche, strascichi giudiziari, lettere e comunicati stampa) e magari anche un po' stucchevole. Ma è da lì che bisogna (ri)partire per parlare della tournée a cavallo delle feste di fine anno compiuta dall'Orchestra dell'Opera di Parma in quattro metropoli cinesi, fra cui Pechino e Nanchino, insieme al soprano Annamaria Dell'Oste. Un viaggio (e un ingaggio) nati grazie a una precedente esperienza dell'orchestra - all'epoca ancora «del» Teatro Regio - nel 2009 al National Center of Performing Art di Pechino, di cui è consulente il direttore e percussionista Li Biao. Pur di stanza in Europa (insegna al Conservatorio di Berlino ed ha suonato un paio di volte all'Auditorium Paganini per la stagione della Fondazione Toscanini), la bacchetta cinese aveva apprezzato la qualità artistica dell'ensemble parmigiano e ne ha perorato il ritorno in Cina dove l'ha diretto personalmente nei quattro concerti, dedicati a Verdi (arie celebri da Nabucco», «Traviata» e «Forza del Destino») ma anche alla Sinfonia «Dal nuovo Mondo» di Dvorák.
«Abbiamo suonato in sale da concerto bellissime - racconta l'amministratore unico dell'Orchestra dell'Opera di Parma Enrico Maghenzani - così come ci era capitato nella tournée in Thailandia del settembre scorso. Nei Paesi dell'estremo oriente stanno costruendo teatri e auditorium meravigliosi, pensati per la musica classica, sia lirica che sinfonica, con capienze importanti, dai 2 ai 3000 posti. In Cina, in particolare, c'è una grande apertura verso il cosiddetto modello occidentale e per il made in Italy in particolare: grandi firme della moda ma anche gastronomia e cultura».

E Parma, con il suo fin troppo sbandierato «brand», ha pur sempre tutte le carte in regola.
«Se la Cina ci chiede qualità, e in campo musicale Verdi è l'eccellenza, evidentemente il nostro bagaglio artistico è stato ritenuto in grado di assecondare questa richiesta. Loro hanno voglia di conoscere, e di fatto hanno spalancato un mercato enorme: non posso anticipare date o altri dettagli, ma nel 2014 torneremo senz'altro in Cina, e per lungo tempo».

A questa tournée hanno preso parte 58 professori d'orchestra, con tutto il nucleo «storico» costituito accanto al primo violino Michelangelo Mazza, e con qualche giovane new entry.
«E voglio ringraziarli tutti - continua Maghenzani - non solo perchè sono stati praticamente perfetti nelle esecuzioni, ma anche per l'entusiasmo e lo spirito di corpo con cui hanno affrontato l'intero viaggio, fatto anche di lunghi trasferimenti interni, manifestando tutta la loro voglia di ripetere quest'esperienza»

Costituita come srl e associata all'Unione Parmense Industriali fin dalla sua nascita già con il precedente nome, l'Orchestra dell'Opera di Parma sta dunque lavorando sul doppio binario della produzione musicale e della promozione territoriale.
«Abbiamo recentemente stipulato un accordo con Sinapsi Group - conferma al proposito Maghenzani - proprio per sviluppare questo tipo di marketing, legando cioè la nostra attività all'estero ad iniziative promosse dal mondo produttivo parmigiano. Non dimentichiamoci che in occasione di questi concerti, i teatri cinesi sono frequentati dalla loro classe dirigente: per l'immagine delle nostre aziende all'estero e per allacciare nuovi rapporti sono occasioni importanti».

Ma il 2014 segnerà anche un «ritorno a casa» per l'Orchestra dell'Opera di Parma?
«Sinapsi ha creato al suo interno l'associazione culturale Rinascimento 2.0, cui noi collaboriamo proprio per un progetto che preveda un'attività concertistica nella nostra città, in una sorta di connubio tra cultura e industria».

Lasciando da parte le carte bollate ancora sul tavolo (l'annosa causa per l'interruzione del rapporto con la Fondazione Teatro Regio), si può dire che non tutti i mali vengono per nuocere?
«Preferisco metterla giù in un altro modo - conclude Maghenzani - e cioè che auguro alla città di saper trovare la forza e l'energia per cogliere le opportunità che si presentano, pur in un momento di grave difficoltà, come abbiamo saputo fare noi».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

Salsomaggiore

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

3commenti

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: 1985 - Il "nuovo" Ponte Italia

1commento

Le serate special al Cafè 47

Era qui la festa

Le serate special al Cafè 47

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

musica

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

Lealtrenotizie

Frontale a Pilastro, nessun ferito grave

LANGHIRANO

Frontale a Pilastro, nessun ferito grave

soccorso alpino

Pietra di Bismantova, il ferito è un 43enne di Carpi Il video del salvataggio

Cede un chiodo durante la ferrata: cade nel dirupo

musica

Inaugurato il Centro Toscanini: guarda chi c'era Fotogallery

1commento

CULTURA

Porte aperte all'Ospedale vecchio: tutti in coda con il FAI Fotogallery

Giornate di primavera: domenica si visita l'Università

Dopo l'assoluzione

Raffaele Sollecito: «La mia vita riparte da Parma»

"Vivo a Barriera Bixio, lavoro e ho buoni amici"

14commenti

Tg Parma

Tariffa rifiuti in aumento? Federconsumatori: "Una beffa" Video

1commento

allarme

Piazzale Lubiana, trovata polpetta con chiodi: chiusa l'area cani

4commenti

polizia

Emergenza furti: razzia di vestiti nella notte allo Spip Video

1commento

PARMA CALCIO

Intitolato a Tito Mistrali il campo da calcio di via Taro

Esordì nel 1925. Era il bomber con la "retina"

1commento

LEGA PRO

Sotto di 2 gol, il Pordenone ne segna 7 e aggancia il Parma! Domani crociati a Gubbio

AGENDA

Un weekend alla scoperta dei castelli

Sentenza

Multa ingiusta. E stavolta è Equitalia che deve pagare

3commenti

Formaggio

La grana del grana

Profughi

«Lasciati senza cibo per 7 giorni»

10commenti

Autosole

L'ambulanza tampona, il paziente a bordo trasferito sull'elicottero

Medicina

L'osteopatia nella cura della endometriosi

Da uno studio fatto a Parma nuove speranze per combattere una malattia che colpisce il 10% delle donne in età fertile

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

EDITORIALE

Truffe, anziani e soldi sotto il materasso

di Carlo Brugnoli

1commento

ITALIA/MONDO

stanotte

Torna l'ora legale: ricordarsi di mandare avanti le lancette

TREVISO

Si rovescia il pedalò: annega 18enne. Salva la fidanzata

WEEKEND

FOODBLOGGER

Video-ricetta: la tartare di tonno e stracciatella secondo Eleonora Rubaltelli

cinema

Weekend ricco al cinema: i due consigli del CineFilo Video

SPORT

Motogp

Qualifiche annullate, griglia basata sulle libere: Vinales in pole, Rossi lontano

Rugby

Il Munster passa al "Lanfranchi", Zebre battute

MOTORI

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017

restyling

Mercedes, ora la GLA è più alta e più connessa