14°

25°

Cinema

Clooney chiede il ritorno dei marmi del Partenone. Esplode la polemica

Il sindaco di Londra: "Pensi a scrivere copioni e non ha riscrivere la storia"

George Clooney

George Clooney

2

ATENE, 13 FEB – L'attore americano George Clooney non avrebbe mai potuto immaginare che – affermando che sarebbe opportuno che la Gran Bretagna restituisse alla Grecia i marmi del Partenone – avrebbe toccato un nervo scoperto e suscitato un vero e proprio vespaio fra Atene e Londra. Con il risultato che si è procurato un caloroso grazie e un invito a trascorrere una vacanza in Grecia da parte del ministro della Cultura Panos Panayiotopoulos. Ma si è pure attirato i fulmini di Boris Johnson, il sindaco della capitale britannica (dove i marmi sono ospitati nel British Museum dal 1816), il quale, piuttosto irritato, ha detto senza termini che "qualcuno deve con urgenza restaurare i marmi (in inglese colloquiale 'marbles' vuol dire anche il cervello, oltre che 'marmì) di George Clooney".
La vicenda ha avuto inizio in sordina sabato scorso durante la presentazione alla 64.ma Berlinale di 'Monuments men', l'ultimo film diretto da Clooney che narra le gesta degli uomini che durante la seconda guerra mondiale recuperarono le opere d’arte trafugate dai nazisti. Ad un giornalista greco che gli aveva chiesto se ritenesse che i marmi del Partenone, trafugati due secoli fa da un diplomatico della Corona, dovessero tornare in patria, l’attore americano aveva pacatamente risposto: "Forse non sarebbe male se venissero restituiti. Ritengo che sia una buona idea. Sì, penso davvero che sarebbe la cosa giusta da fare", aveva detto.
Immediato il plauso alle parole di Clooney da parte del ministro Panayiotopoulos, il quale si è affrettato a scrivergli una bella lettera per ringraziarlo dell’opinione espressa in pubblico e definendolo "un cittadino impegnato e un artista creativo che difende risolutamente ciò che è buono e giusto". E per invitarlo a trascorrere qualche giorno in Grecia.
Di ben altro tono, come s'è visto, la reazione di Johnson, che ha rimproverato all’attore Usa di aver "fatto la promozione del suo film sulle opere d’arte trafugate dai nazisti senza realizzare che lo stesso (Hermann) Goering aveva in programma di saccheggiare il British Museum. E dove i nazisti volevano spedire quei marmi? Ad Atene! Questo Clooney sta difendendo nient'altro che i programmi che Hitler aveva fatto per i tesori culturali di Londra. Dovrebbe piuttosto pensare a scrivere i copioni dei film e rispettare la Storia", ha concluso.
I fregi di cui Atene chiede la restituzione dal 1981, quando era ministro della Cultura l’attrice Melina Mercouri, sono 15 metope, 56 bassorilievi di marmo e 12 statue (quasi l’intero frontone Ovest del tempio), oltre a una delle sei cariatidi del tempietto dell’Eretteo. I marmi, che ornavano il tempio di Athena Parthenos (vergine), gioiello architettonico del V secolo a.C. eretto sulla collina dell’Acropoli, furono asportati e trafugati fra il 1802 e il 1811 da Lord Thomas Bruce Elgin, allora ambasciatore britannico presso la Sublime Porta, e venduti al British Museum nel 1816 per 35 mila sterline oro. A nulla sono valse sino ad oggi le richieste greche, le petizioni internazionali e dello stesso "Comitato britannico per la restituzione dei marmi" (che gode del sostegno di molte personalità da Sean Connery a Judi Dench, da Vanessa Redgrave a Sir Ian McKellen), mentre anche gran parte dell’opinione pubblica britannica è schierata a favore del ritorno dei fregi in Grecia. L’argomento principale dei sostenitori del ritorno dei marmi in patria è che, a differenza di altre opere, essi appartengono ad un edificio storico ancora in piedi. E alla 'storicà argomentazione britannica, secondo cui ad Atene non saprebbero conservarli in modo adeguato, rispondono che la Grecia non è più il Paese arretrato da cui Lord Elgin li sottrasse e che nella capitale ellenica, nel 2009, proprio ai piedi dell’Acropoli, è stato inaugurato un modernissimo Museo già predisposto ad accogliere i marmi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • popsylon

    14 Febbraio @ 13.14

    Gli inglesi hanno la nebbia nel cervello e per questo sono rimasti isolati dal resto d'Europa

    Rispondi

  • Alberto

    13 Febbraio @ 18.46

    gli inglesi si ritengono i più furbi ed hanno degli atteggiamenti indisponenti sia nei confronti degli europei che anche degli abitanti della terra in generale. usano un sistema di misurazione diverso dagli altri, un modo di guidare diverso, sono tra i pochi paesi europei a non avere l'euro, hanno depredato i paesi più ricchi di materie prime e si sono legati a loro con il "commonwealt". sarebbe più che giusto che le opere d'arte venissero tutte restituite ai legittimi proprietari-nazioni. qualora questi non fossero in grado di valorizzarle come meritano , solo allora potrebbero essere cedute per la loro migliore conservazione .

    Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Cannes, tris di bionde per la Coppola

cinefilo

Cannes, tris di bionde per la Coppola Video

Esauriti ultimi 20mila biglietti per Vasco a Modena

MUSICA

Esauriti gli ultimi 20mila biglietti per Vasco a Modena

I Simple Minds salgono sul palco di Manchester

MUSICA

I Simple Minds salgono sul palco di Manchester Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

A Parigi, per dodici mesi tra paesaggi e ritratti

VIAGGI

Parigi val bene un weekend. Ecco i nostri consigli

di Luca Pelagatti

Lealtrenotizie

Successo per le «ronde elettroniche»

Criminalità

Successo per le «ronde elettroniche»

PARMA

Scontro auto-moto in via Colorno: un ferito

play-off

Parma qualificato ai quarti: alle 15,30 il sorteggio della prossima avversaria dei crociati

play-off

Sondaggio: chi vorreste incontrare ai quarti? (Guarda la griglia)

VERSO IL VOTO

Amministrative, i sondaggi nazionali sul «caso Parma» 

Salsomaggiore

Lo struggente addio a Monia Lusignani

TRAVERSETOLO

Ragazzini danneggiano un tendone. Il sindaco li «denuncia» sui social

Viabilità

Cominciati i lavori sulla provinciale Monchio-Corniglio

Lutto

San Polo piange Eva Meldi, storica cuoca dell'asilo

Gazzareporter

Le foto di una lettrice: "Neviano de Rossi, una strada praticamente abbandonata..."

IN BICI

Nuova ciclabile: pedaleremo in sicurezza tra Gaiano e Ozzano

1commento

PGN

Cinque nuovi dischi delle band di Parma

Torna Parmagiornoenotte: eventi, appuntamenti, concerti, aperitivi, teatro e feste

LA STORIA

Radio Deejay: love story autista bus - passeggera, impazza il gossip parmigiano

3commenti

allarme

Sorbolo, "quei ragazzini che fingono di finire sotto le auto"

5commenti

via trento

Alcol a chi era già ubriaco: negozio "punito" fino a fine ottobre

9commenti

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

1commento

EDITORIALE

Loro criminali paranoici. Noi troppo deboli e divisi

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

LA SPEZIA

Due ragazzi trovati morti in una cava dismessa: hanno fatto un volo di 40 metri

SICUREZZA

G7: massima allerta a Taormina Video

SOCIETA'

PARMA

"Nasi Rossi" sabato in piazza Garibaldi fra gag e solidarietà Video

cinema

A Cannes il ritorno di Irina (splendida e sexy) a due mesi dal parto

SPORT

play-off

D'Aversa: "Il Parma è stato, prima di tutto, bravo tatticamente" Video

1commento

CALCIO

Due a zero all'Ajax: il Manchester United vince l'Europa League

MOTORI

MOTORI

Nuova Volvo XC60, ancora più qualità e sicurezza

CAMBIO

L'automatico manda in pensione il manuale? I 5 miti da sfatare