Spettacoli

"Le ali sotto ai piedi": Cesare Cremonini racconta la storia del suo successo

"Le ali sotto ai piedi": Cesare Cremonini racconta la storia del suo successo
1

Tra le migliaia di musicisti in erba che ci sperano, a pochissimi è dato di sfondare, ma è più unico che raro il caso di un ragazzino che, prima ancora di aver sostenuto l’esame di maturità, possa assaporare la promessa di un futuro da popstar: non deve allora stupire che l’ex leader dei Lunapop, Cesare Cremonini, definisca la sua come «la storia più bella che io conosca».
E proprio alla «fiaba moderna di un ragazzo che si è concesso il lusso di sognare», il cantante bolognese ha dedicato un libro, «Le ali sotto ai piedi» (edizioni Rizzoli), in vendita da mercoledì, che è insieme un ritratto dell’artista da giovane e un romanzo di formazione. Un testo che arriva a 10 anni esatti dal successo di «50 special» e dal botto discografico di «Squerez?», con il suo milione e mezzo di copie vendute, e che anticipa il lancio del nuovo singolo, Il pagliaccio, in radio da venerdì prossimo.

I primi amori, i contrasti con i genitori, la scoperta degli idoli musicali, primo tra tutti Freddy Mercury e l’incoscienza per le tragedie dell’attualità, sempre filtrate dall’immagine ovattata della tv: gli ingredienti della vita di un ragazzino come tanti, cresciuto negli anni Ottanta, diventano nel vissuto di Cremonini il segreto di una fortuna fuori dal normale. Il fondatore dei Lunapop rievoca infatti tutti gli episodi della sua adolescenza – le prime lezioni di piano con la baffuta suor Ignazia, le strimpellate con gli amici nella band Senza filtro, la sfacciataggine con cui si è presentato dal produttore Walter Mameli fino alla vittoria al festival di San Marino - come se già allora covassero la promessa del successo futuro.
«Sono l’ultimo figlio della vecchia generazione di musicisti - ha spiegato l’artista - quelli che iniziavano nelle cantine, che si facevano le ossa ai concerti e che andavano a cercarsi un produttore. Gli anni che racconto sono stati i miei anni Sessanta».

Per questo Cremonini può oggi sentirsi così lontano dalla nuova generazione di musicista nati nei talent show. «Sono programmi che non possono che far bene alla musica dal punto di vista discografico – ha ammesso – ma io non farei mai cambio con la mia storia, anche perchè un talent show non ti insegna a scrivere canzoni».

Nel romanzo autobiografico di Cremonini due sono i grandi comprimari della parabola in ascesa del cantante: da una parte la sua Bologna - «se non fosse stata al centro della mia vita non sarei diventato quello che sono» - e dall’altra Walter Mameli. Oltre a essere un grande gesto di riconoscenza al produttore bolognese («La prima persona che mi ha trattato da adulto»), Le ali sotto ai piedi cela infatti anche la promessa di seguire le orme dell’amico di vent'anni più grande. «Se ci saranno le condizioni umane e discografiche - ha rivelato Cremonini - è inevitabile che metta a frutto i grandi insegnamenti del mio maestro».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Marina

    19 Agosto @ 13.06

    All'inizio non mi convinceva, ma l'ho letto senza fiato in un giorno. Sincero, moderno, diverso. Come lo è solo Cesare. Complimenti per la parte scritta da Walter stesso.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

social

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

1commento

La trollata epica del rapper di Parma sui profughi

tv

La "trollata epica" del rapper parmigiano Bello FiGo sui profughi Video

5commenti

20enne si schianta a folle velocità mentre fa diretta Fb

usa

Si schianta a velocità folle: in diretta Facebook Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Nidi di rondine di nonna Ida

GUSTO

La ricetta della Peppa- Nidi di rondine di nonna Ida

Lealtrenotizie

Parma, primo allenamento con D'Aversa e il nuovo staff Foto

calcio

Parma, primo allenamento con D'Aversa e il nuovo staff Foto Video

seggi

Referendum, alle 12 al voto il 24,46% dei parmigiani. Istruzioni per l'uso

referendum

File infinite al Duc per la tessera. Un lettore: "Racagni, ascensore guasto: e i disabili?"

Carabinieri

Vendono iPhone: ma è una truffa

2commenti

l'agenda

Atmosfere natalizie e sapori della tradizione: cosa fare oggi

RICERCA

Prevedere i terremoti: a che punto siamo

Salsomaggiore

«Lorenzo, un ragazzo speciale»

Il nuovo allenatore

D'Aversa: "Mi hanno chiesto di giocare a calcio". Il suo staff

L'intervista: "Ora miglioriamo giorno per giorno. Ritroviamo la serenità" (Video) - Ferrari: "Scelti non i nomi, ma gentre che avesse "fame"" (Video) - Lunedì o martedì l'annuncio del nuovo ds: è una corsa a tre

7commenti

Calcio

Brodino per il Parma. E intanto parte l'era D'Aversa

MISSIONARI

Saveriani, da sempre tra gli ultimi

PERSONAGGI

Gandini, il pistard d'oro eroe di Melbourne

elezione

Beltrami nuovo vicepresidente nazionale della Federazione medici sportivi

Intervista

Virginia Raffaele: «Ecco perché i miei personaggi fanno ridere»

1commento

Fidenza

La giunta: «L'aggregazione aiuterà il Solari»

al mercato

Sorpreso a rubare, ferisce con un cutter i titolari di un banco in Ghiaia Foto

9commenti

via mazzini

Un altro pezzo di storia che se ne va: chiude Zuccheri

11commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Ci sarebbe, magari, un "grazie" da dire

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La verità può nascondersi ma c'è

ITALIA/MONDO

alessandria

Ruba fidanzatino a figlia, condannata per violenza sessuale

1commento

CALIFORNIA

Incendio al concerto: si temono 40 vittime

WEEKEND

IL CINEFILO

I film della settimana, da Sully a Agnus Dei  Video

VERNISSAGE

90 anni di Arnaldo Pomodoro: la sua arte invade Milano

1commento

SPORT

formula uno

Mercedes, Rossi: "Io al posto di Rosberg? Bello, non potrei dire no"

SERIE A

La Juve domina: battuta l'Atalanta (3-1)

SOCIETA'

salerno

"Novemila euro alla Arcuri per accendere l'albero di Natale"

1commento

rifiuti abbandonati

Via Anedda e la montagna di scatole (cinesi) Foto

2commenti