-5°

Spettacoli

Allevi «com'è veramente»

Allevi «com'è veramente»
0

di Giulio Alessandro Bocchi
È un rito scaramantico o il gioco di un bambino? Anche al Regio, ieri sera, Giovanni Allevi è salito sul palco facendo l’aeroplanino. O forse potrebbe trattarsi di una citazione dell’Albatros di Baudelaire, tanto nobile mentre vola alto in cielo quanto goffo e oggetto dello scherno degli uomini sulla terra.
Il pianista e compositore marchigiano, infatti, quando si è rivolto al pubblico sembrava decisamente impacciato, di una timidezza quasi eccessiva, ma una volta seduto al pianoforte era tutta un’altra storia. Allevi sembra saperlo molto bene: gli spettatori amano queste sue «discrepanze» e lo hanno preso subito e senza riserve in simpatia. È stato un applauso molto caloroso quello che lo ha accolto e Allevi, scherzando, ha detto: «Sembra l’applauso finale!». Con la suggestiva cornice del palcoscenico del Regio completamente buio (anche buona parte del pianoforte è rimasto in ombra), Allevi, illuminato dall’alto con il classico «occhio di bue», ha ripercorso le tappe più importanti della sua vita attraverso le proprie note, partendo dalla sua prima composizione «Japan», scritta quando aveva 17 anni (ora ne ha 40). E se il sommo Bach fosse catapultato in una discoteca? Allevi ha dato una risposta musicale ne «il sogno di Bach» che ricombina in modo interessante l’arte della fuga alla musica dance: una reinterpretazione di un autore classico molto più radicale rispetto ad esperimenti analoghi come «A fifth of Beethoven» o «A night on a disco mountain» tratte da «La febbre del sabato sera».
Contrariamente a come si potrebbe immaginare, ciò che spaventa di più il pianista, vista la sua poderosa chioma ricciuta, non è il barbiere, bensì il pianoforte, come ha assicurato ieri sera al pubblico parmigiano: è il contatto con l’acqua che gli permette di trovare un meccanismo di difesa, come sembra raccontare ne «Il nuotatore».
Con «Qui danza» sono arrivati, poi, i primi «bravo», diventati ancora più forti dopo «L'orologio degli dei», preceduta da una citazione del filosofo Heidegger: non per niente Allevi è laureato in filosofia. «Vi bacio tutti», ha detto agli spettatori per ringraziarli dell’affetto dimostratogli con i sinceri applausi. E alle coppie ha dato anche l’opportunità per qualche effusione con «Il bacio», e scherzando ha detto «potete baciarvi; chi è in coppia è avvantaggiato, chi è da solo si guarda intorno». Dopo alcuni dei suoi più famosi successi come «Panic» e «Back to life» ha terminato il programma ufficiale con «Piano Karate». Con l’immediata comunicatività della sua musica e l’ingenua naturalezza del suo personaggio è riuscito a conquistare pienamente il pubblico. Gli applausi entusiastici lo hanno convinto a concedere qualche bis: «Come sei veramente», probabilmente la sua composizione più famosa, una canzone d’amore anche se inevitabilmente associata, quasi sempre, allo spot di un'auto, «Prendimi» e «Aria». 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

pgn feste

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

1commento

"Cold Chairs": un inno alla vita"!

musica

Bataclan, da Collecchio l'omaggio dei "The Lemon Flavour" Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

La morte di Filippo

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

TESTIMONIANZA

«Preso a calci e pugni per divertimento»

3commenti

LEGA PRO

Parma-Santarcangelo: i crociati provano a riprendere il volo Diretta

Weekend

Una domenica tra musica e fuoristrada: l'agenda

Protezione civile

I volontari parmigiani al lavoro nelle Marche

La storia

Rocco e Giulia, salumieri a Innsbruck

1commento

elezioni

Pizzarotti, è ufficiale: "Mi ricandido" Video . Dall'Olio si ritira: "Sostengo Scarpa"

21commenti

graffiti

Il sottopasso dello Stradone? Galleria di street art Foto

GRANDE FIUME

Il Po in secca? Attrazione per i turisti

PEDEMONTANA

Polizia municipale, multe in aumento

2commenti

bedonia

Violenze sul padre per anni, arrestato un 40enne Video

IL CASO

Vigili, la Fabbri si scusa con Bonsu e lo risarcisce

Lettera al giovane ghanese, che riceverà 20mila euro

Langhirano

Filippo, le lacrime e il colore dei ricordi sulla bara bianca

2commenti

commozione

Langhiranese: un minuto di silenzio per Filippo Video

commemorazione

Il liceo Bertolucci si prende per mano: "Ciao Filippo"

Polemica

«Sulla legionella ci hanno preso in giro»

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

incidente

Bus ungherese, il console: "I due figli del prof 'eroe' sono morti"

Rigopiano

Francesca che dall'ospedale aspetta il suo Stefano

WEEKEND

LA PEPPA CONSIGLIA

La ricetta - Pasticcio di patate formaggi e verdure

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

SPORT

sport

Il Coni premia i suoi campioni parmigiani: le foto

Sport Invernali

Il cielo è azzurro a Kitzbühel: Paris fa l'impresa

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto