12°

intervista

«Pampa», la libertà è collettiva

Il pianista jazz Pavesi, sul palco da mattina a sera: «Non mi sento un solista, ciò che conta è l'interplay»

«Pampa», la libertà è collettiva
0

 

Che tutto ruoti intorno alla parola magica «improvvisazione», ve lo dirà qualsiasi jazzista. Ma che l'essenza stessa di questa libertà espressiva vada cercata - e soprattutto trovata - nell'interplay che si crea con gli altri musicisti, quello ve lo diranno in pochi. E uno di quei pochi è Giampaolo Pavesi detto Pampa, pianista eclettico e iperattivo, che passa senza soluzione di continuità dalle jam session allo Zerbini ai «music breakfast» della domenica mattina al Gran Caffè dei Marchesi, dalle serate in duo con le più raffinate vocalist della scena locale alle rimpatriate psichedeliche con i Vidya o alle serate «latin» con il Trio Xibaba. Sempre piegato sulla tastiera, ma rigorosamente in compagnia. Perchè d'accordo, il «Pampa» lo conoscono tutti, ma non tutti sanno che non è nato per fare il solista, nè con il jazz nelle dita. Anzi, per dirla tutta, non è nemmeno nato a Parma. «In effetti sono nato a Piacenza - confessa lui quasi sottovoce - ma non so se è il caso di scriverlo. E' che in quel periodo mio padre lavorava là: io sono parmigiano da generazioni e ho radici anche a Montergroppo di Albareto (dove d'estate, con il cugino Francesco cantante lirico, organizza un piccolo festival, ndr)».

Ed è a Piacenza che il piccolo Pampa fa la conoscenza con il mondo austero (allora ben più di adesso) dei Conservatori.
«Non voglio mancare di rispetto a nessuno - dice - ma quell'ambiente non faceva per me. Solo esercizi su esercizi, e io mi annoiavo, anche se poi ho capito quanto fosse importante apprendere la tecnica. Ad ogni buon conto, il diploma non l'ho preso».

Più degli spartiti, potè l'amicizia con Otello Gorreri, il compianto polistrumentista con cui - una volta a Parma - formò la sua prima «cumpa» dalle parti di piazzale Maestri.
«Come tutti i ragazzi, anche noi volevamo mettere su una squadra di calcio e una band: io con le scarpette ero negato, ma avendo frequentato il 'Nicolini' ero quello che di musica ne sapeva di più».

Sono i primi anni '70, quelli dei King Crimson e dei Genesis, alfieri di quel «progressive» che indicava anche al mondo del rock la via dell'improvvisazione. Poi - durante gli anni del liceo classico al Romagnosi - arrivarono i Weather Report, e le previsioni meteo per il Pampa virarono sul bel tempo stabile, a partire dalla nascita dei Vidya, con Mingiardi, Manfredi, Gorreri e poi Abelli.
«Per me, organista della parrocchia di Santo Spirito dove grazie a don Bruno e a dei grandi ampli della Davoli si cominciavano a fare le prime 'messe beat', si aprì un mondo: Billy Cobham, la Mahavishnu Orchestra di John McLaughlin, Herbie Hancock. E da lì a ritroso, verso la musica modale dei Coltrane e dei Miles Davis, il passo è stato obbligato».

Per fortuna del Pampa in borgo Felino aveva aperto l'Istituto Nazionale di Studi Jazz, che annoverava tra i suoi docenti Franco D'Andrea, uno dei massimi pianisti italiani:
«E' stato il mio primo maestro, per non dire un padre putativo: da lui ho imparato che la grande libertà espressiva che ti è concessa dal jazz, deve sempre poggiare sullo studio, sulla conoscenza tecnica e quella armonica. E soprattutto che devi avere qualcosa da dire, perchè suonare significa comunicare».

Il secondo maestro arriva sottoforma di trafiletto a piè di pagina di «Music Jazz»: summer academy a numero chiuso con Herbie Hancock al Mozarteum di Salisburgo.
«Mi hanno ammesso ed è stata un'esperienza formidabile, anche perchè Hancock - come spesso accade con i grandi - non era per nulla un'entità inarrivabile: piuttosto che andare da solo nei migliori ristoranti nei quali era invitato, preferiva mangiare un wurstel con noi studenti. E di sera ci portava in locali esclusivi che per noi - senza di lui - sarebero stato off limits. Per non parlare di quando ci faceva l'imitazione di Miles Davis».

Inutile dire che quell'esperienza didattica ha dato buoni frutti:
«Ci permetteva di registrare le masterclass, così quando sono tornato, mi sono chiuso in casa per due mesi a tirarmi giù tutte le cose che faceva lui».

Chissà la soddisfazione, tanti anni dopo, quando è andato a salutare Hancock prima del suo concerto al Regio dello scorso anno (tra l'altro preceduto proprio da un'esibizione di Pavesi al Ridotto).
«Mi ha riconosciuto subito, e sì che di studenti ne ha avuti a migliaia nelle sue masterclass. 'You are one of my students' mi ha detto. E anche durante il concerto ha ricordato agli spettatori che c'era un suo allievo in platea».

Il professionismo, per Pampa, arriva nel mondo meno usuale: l'esperienza «collettiva» con il nascente Collettivo del Teatro Due:
«Ho lavorato per loro come pianista di scena, e questo non solo mi ha permesso di mantenermi con la musica, ma mi ha aperto un altro mondo ancora, quello del teatro: suonavo Ravel e Kurt Weill, ma anche le musiche composte da Alessandro Nidi per gli spettacoli del Collettivo, come L'istruttoria. E con loro sono andato a Londra, a Parigi, a Berlino Est, a Losanna».

Il Pampa negli anni è diventato a sua volta docente: ha creato il Laboratorio Totem di musica d'insieme, e attualmente insegna all'Accademia di via Tartini e alla Music Academy di Reggio. E torna alla mente la lezione di D'Andrea: perchè se il jazz è improvvisazione come lo si insegna?
«Nessuno si improvvisa improvvisatore. Alla base ci sono la tecnica, la conoscenza della tradizione e l'interplay con gli altri musicisti. Che poi è quanto avviene nella classica: l'unica differenza è che in ambito classico, dove esiste una partitura, la struttura non si deve mai rompere mentre nel jazz c'è più libertà. Ma non dimentichiamo che Mozart e Liszt, oltre che grandi compositori, erano a loro volta degli improvvisatori: e le gare di pianoforte non sono un'invenzione, le facevano davvero».

Il Pampa non ha certo problemi a trovare un locale in cui suonare, spesso con ospiti «a sopresa», ma se gli si chiede se è vero che a Parma i jazzisti sono un po' divisi in 'parrocchie' non può negare l'evidenza.
«Ma non parlerei di gelosie o di mancanza di voglia di confrontarsi. Credo sia più che altro un problema di spazi: adesso ce ne sono pochi, certamente di meno rispetto ad alcuni anni fa, e ognuno si tiene stretto quello che ha. Ma allo Zerbini le jam sono aperte a tutte e c'è sempre un sacco di gente».

Allora, per concludere, non è vero che il jazz è di nicchia?
«Non è vero che il jazz è un genere musicale definito: piuttosto è un enorme contenitore in cui c'è dentro di tutto, dal free all'etnico, con le sue mille sfumature. Molti lo identificano solo con le big band tipo Glenn Miller, oppure pensano che sia una cosa inascoltabile, buona per gli intellettuali. Niente di più sbagliato: saper arrivare al pubblico, questo è jazz».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

«Leone di Lernia, non mollare»

E' grave

«Leone di Lernia, non mollare»

Canale 5, Ceccherini abbandona l'Isola dei Famosi

Foto Ansa

isola dei famosi

Ceccherini litiga con Raz Degan e se ne va. Televoto: sms risarciti

1commento

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO

Il rugby irrompe in scena. E arriva il "bello" Sergio Muniz

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Il Carnevale della Pappa

LA PEPPA

Ricette in video: Nodini dell'amore per carnevale Video

di Paola Guatelli

Lealtrenotizie

Via Venezia, pensionata scippata

CRIMINALITA'

Via Venezia, pensionata scippata

Finto tecnico

Ancora un'anziana truffata

Ospedale Maggiore

La nuova vita di Denis inizia a Parma

Salsomaggiore

Gli ambulanti protestano: «Troppo sacrificati»

CARABINIERI

Sid, il cane antidroga a caccia di dosi nel greto della Parma

Vandalismi

Si sveglia e trova l'auto devastata

Traversetolo

Cazzola, i ladri tornano per la terza volta

Associazioni

Arci Golese, la casa comune di Baganzola

Estorsione

Chiede soldi all'ex amante per non pubblicare foto "compromettenti": 28enne parmigiana patteggia

Inchiesta

Multe, Parma fra le città che incassano di più: è terza in Italia Dati 

Quattroruote pubblica la top ten 2016 delle città dove gli automobilisti sono più "tartassati"

5commenti

Il fatto del giorno

L'ultima verità sulla legionella

2commenti

Allarme

Quei 40 bambini «scomparsi» dalle classi

6commenti

Parma

La Corte dei Conti contesta a Pizzarotti la nomina del Dg del Comune

Lo ha annunciato il sindaco su Facebook: "Esposto di un esponente dei Pd. Sono tranquillo"

4commenti

Giustizia

Tar in via di estinzione? I ricorsi calano del 20% all'anno Video

Intervista: Sergio Conti, presidente del Tar di Parma, fa il punto nel giorno dell'apertura dell'anno giudiziario

3commenti

Marche

Due parmigiane fra le macerie per salvare le opere d'arte: "Situazione inimmaginabile"

PARMA

Si fa prestare lo scooter e scippa tre anziane: arrestato giovane indiano

Una delle vittime, cadendo, è finita al Maggiore con il bacino fratturato e oltre un mese di prognosi

5commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le deprimenti liti dei politici

11commenti

EDITORIALE

L'avventura di un giorno senza telefonino

di Patrizia Ginepri

ITALIA/MONDO

SPAGNA

Discoteca offre 100 euro alle donne senza slip, è polemica

tv

Rai: anche per gli artisti arriva il tetto degli stipendi

SOCIETA'

CHICHIBIO

«Trattoria al Teatro», tutto il buono della tradizione

Fotografia

Scatti al bar per impersonare... la quotidianità

SPORT

Europa League

Harakiri Fiorentina: il Borussia vince 4-2 e passa il turno

Calcio

I play-off di Lega Pro: ecco come funzionano

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, il Suv del Biscione. Da 50.800 euro Video

SALONE

Ginevra, 126 anteprime La guida