21°

MUSICA

La cantautrice e la pianista: le convergenze parallele di Roberta Di Mario

Esce il 28 il doppio cd «Lo stato delle cose», un disco cantato e uno strumentale

Roberta Di Mario
Ricevi gratis le news
0

 

Nel percorso evolutivo di ogni artista non c'è nulla di più immaginario di una linea retta. Curve verso l'alto, quelle sì, ma anche verso il basso. E tante linee spezzate, tutte le volte che cala il vento dell'ispirazione e arriva la bonaccia, portando nuvole cariche di dubbi. Ogni tanto, però, quel gomitolo di linee attorcigliate si srotola, e come per incanto può anche succedere che due rette parallele arrivino a convergere. A Roberta Di Mario è successo: il 28 marzo esce il suo nuovo album «Lo stato delle cose», per l'etichetta Irma Records, ed è doppio: un cd cantato («Songs») e un secondo solo strumentale («Walk to the piano side») per mettere finalmente d'accordo le due anime dell'artista parmigiana, quella cantautorale e quella più squisitamente pianistica, che per anni si sono fronteggiate e combattute dentro di lei.
«C'è stato un periodo - confessa - in cui ho vissuto come un limite la mia vocazione per il pianoforte e i miei studi classici (è diplomata al Boito, ndr). Mi sembrava quasi che non fossero più necessari per assecondare la mia indole di cantautrice, quella che avrebbe voluto 'solo' raccontare le proprie emozioni scrivendo canzoni e cantandole. Ovviamente non è così, ma avevo bisogno di mettere il mio background al servizio del mio estro».
Come dire: troppo pianista per il pop ma ormai troppo lontana da un certo modo «classico» di intendere lo strumento. Il che spiega certe esitazioni che hanno contraddistinto la realizzazione del precedente album «Tra il tempo e la distanza» (2011), rifatto da capo a piedi con altri musicisti quando era già praticamente pronto, con una tracklist di brani cantati alternati da alcuni strumentali.
Stavolta non è andata così:
«Stavolta sono io, finalmente - assicura la Di Mario, che nel frattempo ha chiuso anche la breve parentesi di vita del nome d'arte Roberta D. riappropriandosi del proprio cognome - e anche se mi piace dire che le canzoni migliori sono quelle che devo ancora scrivere, in questo disco sono riuscita a far convivere le mie due identità».
Merito anche di un team che Roberta - come fa peraltro anche dalle note del booklet inserito nel cofanetto e impreziosito dalle foto di Roberta Gregorace - non smette di ringraziare.
«L'incontro determinante è stato quello con il maestro Pietro Cantarelli. I testi sono miei, la musica è mia, ma serviva qualcuno che sapesse lavorare su di me, sviluppando la mia chiave autorale, e dando profondità al progetto».
Produttore e arrangiatore tanto raffinato quanto poco avvezzo ai riflettori, Cantarelli è stato il vero deus ex machina del nuovo disco di Roberta, in particolare di «Songs», registrato nello studio del musicista parmigiano (sue chitarre, tastiere, orchestrazioni e una necessaria spruzzata di elettronica), con la partecipazione di Riccardo Galardini chitarra elettrica, Ugo Maria Manfredi basso, Guido Ponzini viola da gamba e Mario Arcari oboe, più quel Cosimo Piovasco che sta a Cantarelli come Jack Frost sta a Bob Dylan.
«Lo stato delle cose», oltre a dare il titolo all'album, è anche il pezzo d'apertura - corredato da un patinato videoclip realizzato da Alessandro Molinari di 00.am e da Elisa Barbieri - che scorre tra Donald Fagen e Lucio Battisti (l'importante è esagerare), dando l'impronta all'intera raccolta, in cui spiccano anche «Tasti bianchi tasti neri» e «Mercante di sogni», due dei tre brani che si ritrovano in versione strumentale anche nel secondo cd. Del quale, la Di Mario è categorica, c'era bisogno tanto quanto il primo (e non solo per dare una collocazione consona alla sua «Hands» scritta per il videocatalogo della mostra di Botero).
«E' proprio il disco di solo piano a definire il mio 'Stato delle cose': un album di sole canzoni non era sufficiente».
Per adesso, dopo la fase di lancio, c'è da pianificare il dopo-album. E qui entra il gioco l'altro incontro fortunato di Roberta, il manager Marco Stanzani di Red&Blue, in grado di introdurla e promuoverla nei «salotti buoni» della musica dal vivo. E aiutandola, magari, a schivare frettolosi paragoni con «fenomeni» quali Giovanni Allevi o Giulia Mazzoni.
«Il pianismo contemporaneo in effetti è tornato in voga - osserva la Di Mario - e attira anche un pubblico 'pop oriented', ma rispetto agli artisti citati penso di avere, per l'appunto, il valore aggiunto di essere anche cantautrice».
Pianismo contemporaneo, però, vuol dire anche Desplat, Nyman, Einaudi, ovvero musica da film e per la pubblicità.
«Quando compongo, in effetti, non di rado esce fuori una musica che rimanda al cinema e alle immagini».
Ma il pubblico di Roberta Di Mario qual è? In questi anni, dal vivo, hai suonato con il contagocce, specie a Parma e dintorni.
«Non lo conosco nemmeno io, anche se certamente non è fatto di giovanissimi. L'importante è che il pubblico inizi a conoscere me e la mia musica, che è pop ma anche swing e un po' latin jazz.
Una delle pianiste/cantautrici più «iconiche» della scena contemporanea è senza dubbio Tori Amos, famosa anche per le sue intense cover. Tu invece i pezzi di altri autori non li fai, perchè?
«Perchè ho molto rispetto per gli altri e non mi sento all'altezza di cantare i loro brani. Se facessi una cover di Paolo Conte, ad esempio, chissà come reagirebbe».
E qui, all'occorrenza, entra in gioco la pianista: «In effetti, un disco di cover solo strumentali potrebbe essere un'idea. Vorrà dire che il prossimo album sarà triplo».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

14-0 e calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

torino

14-0 e il calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa

FELINO

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa Foto

Il CineFilo per domenica 22 ottobre - La battaglia dei sessi - Nico 1988 - It - Blade runner 2049 -

IL CINEFILO

It, il nuovo Blade Runner, La battaglia dei sessi: i film della settimana

Notiziepiùlette

Ultime notizie

L'autunnale torta di riso e verze

LA PEPPA

La ricetta L'autunnale torta di riso e verze

Lealtrenotizie

incidente mortale

sorbolo

Pedone investito nella notte in via Mantova: muore un 60enne

La vittima è Asani Memedali, macedone, da anni residente in paese

POLIZIA

"Spaccata" alla concessionaria 'Philosophy': rubate tre moto

Bottino di circa 40mila euro

parma

D’Aversa: "Foggia campo difficile. Cambierò qualcosa" Video

CARABINIERI

Preso il pusher dei ragazzini delle medie: è già libero

12commenti

Parma

Evade dai domiciliari per lavorare nel negozio dei genitori: 50enne arrestato

L'uomo è stato arrestato dai carabinieri per evasione

Via D'Azeglio

Offre droga ai carabinieri in borghese e ne colpisce uno durante la fuga

Arrestato uno studente marocchino 23enne nei guai dopo un controllo dei carabinieri

CALCIO

Domani si gioca Foggia-Parma, oggi le visite per Ceravolo Video

E' già tempo di nuove sfide per i crociati

Chiesa cittadina

Fra' Pineda e don Pezzani, i due nuovi parroci

PARMA

"Solo italiani referenziati" per l'appartamento in affitto: l'annuncio che fa discutere

Polemica sui social network: "E' razzista"

36commenti

REPORTAGE

I sentieri del nostro Appennino: 400 km di infinito

IL CASO

«La scuola di San Paolo esclusa dagli Studenteschi»

NOVITA'

D'inverno al cinema: ora a Fidenza si può

TUTTAPARMA

«Al sóri caplón'ni», angeli in corsia

Lubiana

Il nuovo polo sociosanitario? Dopo 12 anni resta un miraggio

Se ne parla dal 2005, ma l'unica traccia è una recinzione malmessa. Storia di una struttura mai nata

AUTOSTRADA

Incidente in A1: coda tra Parma e Fidenza questa mattina

Progetto

La biblioteca a San Leonardo? Tutti la vogliono

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Renzi contro tutti. Pd lacerato verso il voto

di Stefano Pileri

CHICHIBIO

«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua

di Chichibio

ITALIA/MONDO

INCIDENTE

Tragedia nel Savonese: vuole sparare a un cinghiale ma uccide un fungaiolo

RICCIONE

La vittima dell'incidente è a terra, 29enne filma l'agonia in diretta Facebook

SPORT

Moto

Guido Meda svela un aneddoto su Simoncelli

FORMULA 1

Hamilton, le mani sul Mondiale. Vettel 2°. Colpo di scena, Raikkonen 3°

SOCIETA'

CULTURA

«A scuola nei musei»: il viaggio sta per ricominciare

GAZZAREPORTER

"Parcheggio inadeguato in via Jacchia"

MOTORI

IL FUTURO

Volvo, rivoluzione Polestar: si partirà da un coupé ibrido da 600 Cv

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro