MUSICA

La cantautrice e la pianista: le convergenze parallele di Roberta Di Mario

Esce il 28 il doppio cd «Lo stato delle cose», un disco cantato e uno strumentale

Roberta Di Mario
0

 

Nel percorso evolutivo di ogni artista non c'è nulla di più immaginario di una linea retta. Curve verso l'alto, quelle sì, ma anche verso il basso. E tante linee spezzate, tutte le volte che cala il vento dell'ispirazione e arriva la bonaccia, portando nuvole cariche di dubbi. Ogni tanto, però, quel gomitolo di linee attorcigliate si srotola, e come per incanto può anche succedere che due rette parallele arrivino a convergere. A Roberta Di Mario è successo: il 28 marzo esce il suo nuovo album «Lo stato delle cose», per l'etichetta Irma Records, ed è doppio: un cd cantato («Songs») e un secondo solo strumentale («Walk to the piano side») per mettere finalmente d'accordo le due anime dell'artista parmigiana, quella cantautorale e quella più squisitamente pianistica, che per anni si sono fronteggiate e combattute dentro di lei.
«C'è stato un periodo - confessa - in cui ho vissuto come un limite la mia vocazione per il pianoforte e i miei studi classici (è diplomata al Boito, ndr). Mi sembrava quasi che non fossero più necessari per assecondare la mia indole di cantautrice, quella che avrebbe voluto 'solo' raccontare le proprie emozioni scrivendo canzoni e cantandole. Ovviamente non è così, ma avevo bisogno di mettere il mio background al servizio del mio estro».
Come dire: troppo pianista per il pop ma ormai troppo lontana da un certo modo «classico» di intendere lo strumento. Il che spiega certe esitazioni che hanno contraddistinto la realizzazione del precedente album «Tra il tempo e la distanza» (2011), rifatto da capo a piedi con altri musicisti quando era già praticamente pronto, con una tracklist di brani cantati alternati da alcuni strumentali.
Stavolta non è andata così:
«Stavolta sono io, finalmente - assicura la Di Mario, che nel frattempo ha chiuso anche la breve parentesi di vita del nome d'arte Roberta D. riappropriandosi del proprio cognome - e anche se mi piace dire che le canzoni migliori sono quelle che devo ancora scrivere, in questo disco sono riuscita a far convivere le mie due identità».
Merito anche di un team che Roberta - come fa peraltro anche dalle note del booklet inserito nel cofanetto e impreziosito dalle foto di Roberta Gregorace - non smette di ringraziare.
«L'incontro determinante è stato quello con il maestro Pietro Cantarelli. I testi sono miei, la musica è mia, ma serviva qualcuno che sapesse lavorare su di me, sviluppando la mia chiave autorale, e dando profondità al progetto».
Produttore e arrangiatore tanto raffinato quanto poco avvezzo ai riflettori, Cantarelli è stato il vero deus ex machina del nuovo disco di Roberta, in particolare di «Songs», registrato nello studio del musicista parmigiano (sue chitarre, tastiere, orchestrazioni e una necessaria spruzzata di elettronica), con la partecipazione di Riccardo Galardini chitarra elettrica, Ugo Maria Manfredi basso, Guido Ponzini viola da gamba e Mario Arcari oboe, più quel Cosimo Piovasco che sta a Cantarelli come Jack Frost sta a Bob Dylan.
«Lo stato delle cose», oltre a dare il titolo all'album, è anche il pezzo d'apertura - corredato da un patinato videoclip realizzato da Alessandro Molinari di 00.am e da Elisa Barbieri - che scorre tra Donald Fagen e Lucio Battisti (l'importante è esagerare), dando l'impronta all'intera raccolta, in cui spiccano anche «Tasti bianchi tasti neri» e «Mercante di sogni», due dei tre brani che si ritrovano in versione strumentale anche nel secondo cd. Del quale, la Di Mario è categorica, c'era bisogno tanto quanto il primo (e non solo per dare una collocazione consona alla sua «Hands» scritta per il videocatalogo della mostra di Botero).
«E' proprio il disco di solo piano a definire il mio 'Stato delle cose': un album di sole canzoni non era sufficiente».
Per adesso, dopo la fase di lancio, c'è da pianificare il dopo-album. E qui entra il gioco l'altro incontro fortunato di Roberta, il manager Marco Stanzani di Red&Blue, in grado di introdurla e promuoverla nei «salotti buoni» della musica dal vivo. E aiutandola, magari, a schivare frettolosi paragoni con «fenomeni» quali Giovanni Allevi o Giulia Mazzoni.
«Il pianismo contemporaneo in effetti è tornato in voga - osserva la Di Mario - e attira anche un pubblico 'pop oriented', ma rispetto agli artisti citati penso di avere, per l'appunto, il valore aggiunto di essere anche cantautrice».
Pianismo contemporaneo, però, vuol dire anche Desplat, Nyman, Einaudi, ovvero musica da film e per la pubblicità.
«Quando compongo, in effetti, non di rado esce fuori una musica che rimanda al cinema e alle immagini».
Ma il pubblico di Roberta Di Mario qual è? In questi anni, dal vivo, hai suonato con il contagocce, specie a Parma e dintorni.
«Non lo conosco nemmeno io, anche se certamente non è fatto di giovanissimi. L'importante è che il pubblico inizi a conoscere me e la mia musica, che è pop ma anche swing e un po' latin jazz.
Una delle pianiste/cantautrici più «iconiche» della scena contemporanea è senza dubbio Tori Amos, famosa anche per le sue intense cover. Tu invece i pezzi di altri autori non li fai, perchè?
«Perchè ho molto rispetto per gli altri e non mi sento all'altezza di cantare i loro brani. Se facessi una cover di Paolo Conte, ad esempio, chissà come reagirebbe».
E qui, all'occorrenza, entra in gioco la pianista: «In effetti, un disco di cover solo strumentali potrebbe essere un'idea. Vorrà dire che il prossimo album sarà triplo».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Mirante è il nuovo amore di Ludovica Valli?

Ex tronista

Mirante è il nuovo amore di Ludovica Valli?

"Butterfly", questa volta è un trionfo

Una scena della "Madama Butterfly" andata in scena ieri alla Scala

La Scala

"Butterfly", questa volta è un trionfo

Il Taro Taro  story al Marisol

Pgn

Il Taro Taro story al Marisol Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

rogo

allarme

Sterpaglie in fiamme, rogo a Ponte Italia

Attorno alle 22

SQUADRA MOBILE

Presi due spacciatori con la pistola

4commenti

Ospedale

Reparti soppressi, allarme al Maggiore

Sono cinque le strutture coinvolte: semeiotica, ortopedia, centro cefalee e due chirurgie. E arriva la replica dell'Ospedale

4commenti

Polizia municipale

Controlli a San Leonardo: 22 multe ad automobilisti, 2 a ciclisti non in regola

Controlli anche sui veicoli: fermate 2 auto senza assicurazione e 5 senza revisione

8commenti

Anteprima Gazzetta

Truffe, ecco come difendersi Video

Un'inchiesta di due pagine sulle truffe più frequenti

Guardia di Finanza

Incassa poco ma solo per il fisco: sequestrati beni a un evasore "seriale" di Sorbolo

3commenti

Parma Calcio

Il ds Faggiano si presenta: "Voglio un rapporto vero con la squadra" Video

1commento

Calcio

LegaPro: pari del Pordenone, Venezia primo

Guarda i risultati delle partite e la classifica aggiornata

Calestano

La lite per i confini dell'orto finisce a badilate: condannata intera famiglia

1commento

Incidente

E' ancora gravissimo il rugbista ventenne investito 

SONDAGGIO

La commessa più votata? E' Giorgia

2commenti

Parma

Nuovo percorso ciclabile fra la stazione, via Trento, via San Leonardo e via Paradigna Mappe

Ecco dove passerà la pista ciclabile

8commenti

Parma

Attentato incendiario nella sede dei sindacati di base Video

Rilievi della Scientifica in via Mattei

Alta Velocità

Italo aumenta i collegamenti di Parma con la stazione Mediopadana

3commenti

collecchio-noceto

Truffa-furto del finto soccorso stradale: nuove segnalazioni

2commenti

TRASPORTI

Nuovi autobus sulla linea 7. Più grandi e con il wi-fi

I dodici mezzi sono autosnodati, lunghi 18 metri e sono costati circa 3.5 milioni

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Renzi: perché ha perso, perché può rivincere

di Michele Brambilla

13commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

2commenti

ITALIA/MONDO

Governo

Renzi si è dimesso

PIACENZA

Sequestrate ville e auto a due famiglie rom

SOCIETA'

GIORNALISMO

Gramellini passa dalla Stampa al Corriere

dialetto

"Io parlo parmigiano" lancia un Lunäri... da Ufo Video

SPORT

Colombia

Disastro Chapecoense: primi arresti

promozione

Il Fidenza chiama Massimo Barbuti in panchina

CURIOSITA'  

Gazzareporter

Lavori in corso sul marciapiedi di viale Mariotti

Tg Parma

A Fidenza la pista di pattinaggio su ghiaccio più grande della provincia Video