15°

MUSICA

Ivanna Speranza: la forza del destino nel nome e nella voce

«Via dall’Argentina a 20 anni per studiare canto in Italia: e questa città mi ha aiutato tantissimo»

Ivanna Speranza

Ivanna Speranza

0

 

Come Kylie Minogue per il pop, Ivanna Speranza ha il penetrante fascino di una Venere tascabile per la lirica. Vive stabilmente a Parma da sei mesi, da quando ha sposato il marito Giovanni che qui si è laureato e lavora (è funzionario all’Efsa). Ora con la casa di produzione parmigiana Sfem ha inciso il disco «Virtuosity Arias», distribuito in tutto il mondo attraverso gli stores digitali e in vendita a Parma nel negozio specializzato di Azzali in via Carducci: la prima prova compiuta dopo tanti anni spesi a imparare, a studiare (tra gli altri con Arrigo Pola, Mirella Freni, Marcelo Alvarez). Nello sguardo ha dipinta l’aria sognatrice di una bambina ma tiene i piedi saldi a terra, da donna che ha messo nel sacco esperienza e sudato fatica.
Ivanna è nata in Argentina 35 anni fa, nel sangue un arcobaleno di incroci (nonni tedesco e spagnola per parte di mamma Dora, italiano e argentina per parte di padre Ricardo). Maggiore di cinque figli, è cresciuta in una casa dove la musica si respirava, gioiosamente.
E’ stato un fatto normale, quindi, voler cantare...
«Da bambina cantavo a squarciagola, anche sugli autobus, dirigevo il piccolo coro della scuola,
suonavo la chitarra. All’inizio è stata passione per il pop. All’età di 15 anni l’insegnante di musica del liceo mi ha indirizzata al Conservatorio. Ho iniziato a studiare canto lirico, recuperando il tempo perduto. Nel frattempo mi ero iscritta anche alla Facoltà di Medicina. Poi ho interrotto gli studi universitari per venire qui».
Come è scaturita la decisione di trasferirsi in Italia?
«Avevo vent’anni. Un tenore, ex allievo della mia maestra di canto, di ritorno da un viaggio in Italia mi parlò in modo straordinario di Arrigo Pola, già maestro di Pavarotti a Modena. Andai con papà al Consolato italiano e cominciammo a cercare tutti i Pola di Modena finché non lo trovai. Venni da
sola qui. Pola mi ascoltò e, poiché ero giovane, volle parlare con mio padre per convincerlo a lasciarmi studiare in Italia ».
E lì è iniziata l’avventura
«Sì. Non è stato facile ma questa è stata la mia fortuna. Ho fatto lavori umili per pagarmi gli studi: la badante, la commessa, spesso in grande solitudine»
Un sacrificio che si sostiene solo con la forza di un grande talento.

«A volte chiamavo papà, dicevo che volevo tornare. Ma lui, che mi conosce, mi rispondeva: “va bene ma aspetta ancora un giorno”. Così, un giorno dopo l’altro, sono arrivata qui».
Quando è stato il momento in cui si è detta: «Ce l’ho fatta, sono una cantante»?

«In cuor mio l’ho sempre saputo. E arrivata in Italia la consapevolezza cresceva sempre di più. Ho iniziato a fare la pendolare con Parma, ero stata presa come corista alla Toscanini e al Regio. Ho sempre compiuto un passo alla volta, mi rendevo conto che la pronuncia non era ancora esatta, che ancora non sapevo mettere a frutto tutte le nozioni apprese. Ho voluto aspettare il momento giusto, anche per debuttare da solista».
Adesso raccoglie i frutti: questo è un momento fortunato
«Sono appena stata nominata ambasciatrice culturale in Corea, il mio volto verrà utilizzato in una campagna per promuovere la cultura presso i giovani. Ho vinto il premio Beniamino Gigli del 2013. E poi è uscito il disco».
Come è nato il contatto con la Sfem?
«Ci siamo scelti a vicenda. Mio marito prima lavorava con loro. Per questo mio primo disco ho scelto un programma belcantista che mi rappresenta, Bellini, Donizetti, Rossini. Come ultima traccia ho voluto “Mercé dilette amiche” dai Vespri Siciliani, per gettare uno sguardo verso un repertorio che penso potrò affrontare».
Come si trova a Parma?
«Parma è una bomboniera di arte e bellezza. Sento di dovere molto a questa città che mi ha  accolta e alle persone che mi hanno aiutata. Lucetta Bizzi, Antonella Manotti, Paola Sanguinetti sono state fonte di ispirazione per me, come donne e come cantanti».
La bellezza è stata per lei più un aiuto o un freno?
«Entrambe le cose. La bellezza è un’arma a doppio taglio. Non ho voluto usare scorciatoie, penso che se le cose devono arrivare arrivano».

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

«Leone di Lernia, non mollare»

E' grave

«Leone di Lernia, non mollare»

Canale 5, Ceccherini abbandona l'Isola dei Famosi

Foto Ansa

isola dei famosi

Ceccherini litiga con Raz Degan e se ne va. Televoto: sms risarciti

1commento

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO

Il rugby irrompe in scena. E arriva il "bello" Sergio Muniz

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Il Carnevale della Pappa

LA PEPPA

Ricette in video: Nodini dell'amore per carnevale Video

di Paola Guatelli

Lealtrenotizie

Chiede i soldi all'ex amante per non pubblicare foto "compromettenti": 28enne parmigiana patteggia

Estorsione

Chiede soldi all'ex amante per non pubblicare foto "compromettenti": 28enne parmigiana patteggia

Marche

Due parmigiane fra le macerie per salvare le opere d'arte: "Situazione inimmaginabile"

Giustizia

Tar in via di estinzione? I ricorsi calano del 20% all'anno Video

Intervista: Sergio Conti, presidente del Tar di Parma, fa il punto nel giorno dell'apertura dell'anno giudiziario

2commenti

Allarme

Quei 40 bambini «scomparsi» dalle classi

6commenti

Parma

La Corte dei Conti contesta a Pizzarotti la nomina del Dg del Comune

Lo ha annunciato il sindaco su Facebook: "Esposto di un esponente dei Pd. Sono tranquillo"

2commenti

PARMA

Si fa prestare lo scooter e scippa tre anziane: arrestato giovane indiano

Una delle vittime, cadendo, è finita al Maggiore con il bacino fratturato e oltre un mese di prognosi

5commenti

Bassa

Furti a Mezzano Superiore: nel mirino anche l'asilo e il circolo Anspi Video

Il caso

Rifiuti e videopoker nel parco

L'INCHIESTA

Maxi traffico di auto, chiesti 88 rinvii a giudizio

il caso

Legionella, nuovo incontro pubblico alla Don Milani

La trasmissione di TvParma "Lettere al direttore" seguirà l'evento

1commento

parma calcio

Parma, lotta di nervi col Venezia. Lucarelli: "Attenzione alla Feralpi" Video

TG PARMA

Corniglio: un tir resta bloccato fra le case Video

Sicurezza

A Pilastro spuntano i dossi

15commenti

tg parma

Pesticidi nel Po: dati preoccupanti, trovate anche sostanze proibite

Pubblicato un dossier Ispra

parmense

Commercialista dalla vita agiata ed evasore totale: incastrato dalla Finanza

10commenti

Sindacato

Cgil Parma, gli iscritti superano quota 76.000

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le deprimenti liti dei politici

11commenti

EDITORIALE

L'avventura di un giorno senza telefonino

di Patrizia Ginepri

ITALIA/MONDO

TARANTO

Assolto dall'accusa di omicidio: scarcerato dopo 20 anni

METEO

In arrivo pioggia e temporali nel fine settimana

SOCIETA'

ALIMENTAZIONE

Frutta e verdura: 10 porzioni al giorno per salvare 7,8 mln di vite l'anno

Fotografia

Scatti al bar per impersonare... la quotidianità

SPORT

Calcio

I play-off di Lega Pro: ecco come funzionano

Mondiali

Sci nordico: Pellegrino vince l'oro

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, il Suv del Biscione. Da 50.800 euro Video

motori

Ecco Stelvio, il primo suv Alfa Romeo Video