10°

24°

MUSICA

Ivanna Speranza: la forza del destino nel nome e nella voce

«Via dall’Argentina a 20 anni per studiare canto in Italia: e questa città mi ha aiutato tantissimo»

Ivanna Speranza

Ivanna Speranza

Ricevi gratis le news
0

 

Come Kylie Minogue per il pop, Ivanna Speranza ha il penetrante fascino di una Venere tascabile per la lirica. Vive stabilmente a Parma da sei mesi, da quando ha sposato il marito Giovanni che qui si è laureato e lavora (è funzionario all’Efsa). Ora con la casa di produzione parmigiana Sfem ha inciso il disco «Virtuosity Arias», distribuito in tutto il mondo attraverso gli stores digitali e in vendita a Parma nel negozio specializzato di Azzali in via Carducci: la prima prova compiuta dopo tanti anni spesi a imparare, a studiare (tra gli altri con Arrigo Pola, Mirella Freni, Marcelo Alvarez). Nello sguardo ha dipinta l’aria sognatrice di una bambina ma tiene i piedi saldi a terra, da donna che ha messo nel sacco esperienza e sudato fatica.
Ivanna è nata in Argentina 35 anni fa, nel sangue un arcobaleno di incroci (nonni tedesco e spagnola per parte di mamma Dora, italiano e argentina per parte di padre Ricardo). Maggiore di cinque figli, è cresciuta in una casa dove la musica si respirava, gioiosamente.
E’ stato un fatto normale, quindi, voler cantare...
«Da bambina cantavo a squarciagola, anche sugli autobus, dirigevo il piccolo coro della scuola,
suonavo la chitarra. All’inizio è stata passione per il pop. All’età di 15 anni l’insegnante di musica del liceo mi ha indirizzata al Conservatorio. Ho iniziato a studiare canto lirico, recuperando il tempo perduto. Nel frattempo mi ero iscritta anche alla Facoltà di Medicina. Poi ho interrotto gli studi universitari per venire qui».
Come è scaturita la decisione di trasferirsi in Italia?
«Avevo vent’anni. Un tenore, ex allievo della mia maestra di canto, di ritorno da un viaggio in Italia mi parlò in modo straordinario di Arrigo Pola, già maestro di Pavarotti a Modena. Andai con papà al Consolato italiano e cominciammo a cercare tutti i Pola di Modena finché non lo trovai. Venni da
sola qui. Pola mi ascoltò e, poiché ero giovane, volle parlare con mio padre per convincerlo a lasciarmi studiare in Italia ».
E lì è iniziata l’avventura
«Sì. Non è stato facile ma questa è stata la mia fortuna. Ho fatto lavori umili per pagarmi gli studi: la badante, la commessa, spesso in grande solitudine»
Un sacrificio che si sostiene solo con la forza di un grande talento.

«A volte chiamavo papà, dicevo che volevo tornare. Ma lui, che mi conosce, mi rispondeva: “va bene ma aspetta ancora un giorno”. Così, un giorno dopo l’altro, sono arrivata qui».
Quando è stato il momento in cui si è detta: «Ce l’ho fatta, sono una cantante»?

«In cuor mio l’ho sempre saputo. E arrivata in Italia la consapevolezza cresceva sempre di più. Ho iniziato a fare la pendolare con Parma, ero stata presa come corista alla Toscanini e al Regio. Ho sempre compiuto un passo alla volta, mi rendevo conto che la pronuncia non era ancora esatta, che ancora non sapevo mettere a frutto tutte le nozioni apprese. Ho voluto aspettare il momento giusto, anche per debuttare da solista».
Adesso raccoglie i frutti: questo è un momento fortunato
«Sono appena stata nominata ambasciatrice culturale in Corea, il mio volto verrà utilizzato in una campagna per promuovere la cultura presso i giovani. Ho vinto il premio Beniamino Gigli del 2013. E poi è uscito il disco».
Come è nato il contatto con la Sfem?
«Ci siamo scelti a vicenda. Mio marito prima lavorava con loro. Per questo mio primo disco ho scelto un programma belcantista che mi rappresenta, Bellini, Donizetti, Rossini. Come ultima traccia ho voluto “Mercé dilette amiche” dai Vespri Siciliani, per gettare uno sguardo verso un repertorio che penso potrò affrontare».
Come si trova a Parma?
«Parma è una bomboniera di arte e bellezza. Sento di dovere molto a questa città che mi ha  accolta e alle persone che mi hanno aiutata. Lucetta Bizzi, Antonella Manotti, Paola Sanguinetti sono state fonte di ispirazione per me, come donne e come cantanti».
La bellezza è stata per lei più un aiuto o un freno?
«Entrambe le cose. La bellezza è un’arma a doppio taglio. Non ho voluto usare scorciatoie, penso che se le cose devono arrivare arrivano».

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Grande Fratello doccia

televisione

Doccia "hot" della "piccola" Belen: ascolti alle stelle e polemiche

1commento

Claudio Baglioni

Claudio Baglioni

spettacoli

Sanremo, Baglioni sarà conduttore e direttore artistico

1commento

Tutto pronto per gli Stones a Lucca. Mozzarella compresa Le set list del tour

DOMANI

Tutto pronto per gli Stones a Lucca. Mozzarella compresa Le set list del tour

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La parola all'esperto

ECONOMIA

Torna "La parola all'esperto". Inviate i vostri quesiti

Lealtrenotizie

Cade in bici, è grave

nel pomeriggio

Cade in bici in via Garibaldi: ottantenne ricoverato in gravi condizioni Video

tg parma

Viadotto sul Po chiuso, il Governo vaglia la fattibilità del ponte di barche Video

5commenti

anteprima gazzetta

Massese, i mesi passano e nulla cambia: resta pericolosa

gazzareporter

Strada allagata in via Gramsci

Pilotta

Verdi Off, le emozioni di Brilliant Waltz Video - 2

venezia-Parma

Brutto momento, D'Aversa: "Dobbiamo uscirne con la voglia di lottare" Video

1commento

Dramma

Sfrattato, si toglie la vita

27commenti

fauna selvatica

Trasporto di animali feriti, affidato l'incarico

Il responsabile del servizio è il dr.Giovanni Maria Pisani

2commenti

tg parma

Blitz col coltello in farmacia, è caccia ai rapinatori Video

1commento

PROCESSO

Villa Alba, nuova perizia su una morte sospetta

ROCCABIANCA

Ponte sul Po, prima i disagi ora gli incidenti

Università

Mercoledì 27 si vota per il nuovo rettore: dove e come

in serata

Fiamme tra Parola e Sanguinaro: alta colonna di fumo, spente le fiamme

FRODE

Wally Bonvicini parla e si difende

2commenti

TORRECHIARA

Il mistero della settima porta

gazzareporter

Rifiuti "in bella mostra": la segnalazione dalla zona ospedale

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

GAZZAFUN

Dalla margherita alla "frutti di mare": vota le 10 pizze più buone

EDITORIALE

La Catalogna e il ritorno delle piccole patrie

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

Massa Carrara

Le spese pazze di don Euro: indagato anche il vescovo di Massa

Russia

Sulla statua di Kalashnikov c'è il mitra sbagliato

SPORT

motogp

Aragon, seconde libere: Rossi 20° Domina Pedrosa

STATI UNITI

E' morto il pugile Jake La Motta, "Toro Scatenato"

SOCIETA'

Brianza

Laura, la prima sposa single d'Italia: abito, festa e viaggio di nozze Foto

turismo

A Forte dei Marmi prorogata la chiusura degli stabilimenti: 5 novembre

MOTORI

LA NOVITA'

Al volante della nuova Volvo XC60. Ecco come va

auto&moda

Jaguar E-Pace, Debutto con Palm Angels Fotogallery