17°

32°

l'intervista

Lucetta Bizzi: «Io, diva della porta accanto»

Soprano di fama mondiale, vive a Trecasali: lì iniziò la carriera cantando sui tavolini del bar dei genitori

Lucetta Bizzi

Lucetta Bizzi

Ricevi gratis le news
0

Raccontarmi è difficile. Ho voluto fare la cantante, studiare ma è stata una scommessa. Nonostante la mia grande volontà, non credevo che tutto sarebbe andato così bene, così rapidamente. Col senno di poi, è stata una carriera bellissima ma faticosissima. Un'avventura intensa e sofferta». C'è una profonda differenza tra fare la diva e essere una diva. Ecco, Lucetta Bizzi è una diva. A volte suo malgrado, vien da dire ascoltandone il narrare sottovoce, con aristocratico, dolce riserbo. Acclamata interprete di Musetta (La Bohème) nei maggiori teatri del mondo, forte di un repertorio che va da Mozart a Massenet, da Verdi a Puccini, dal 2002 si è ritirata per scelta dalla carriera “militante”, divenendo una delle più quotate maestre di canto a livello internazionale (stabilmente insegna al Conservatorio Boito e all’Accademia di alto perfezionamento della Fondazione Festival Pucciniano, dove siede anche nel Cda). C'è un talento scritto nel Dna di questa signora bella e minuta, con gli occhi da cerbiatta, che ha cantato con Alfredo Kraus e Cesare Siepi, ha lavorato con registi che di nome fanno Franco Zeffirelli e Mauro Bolognini. Nel 1987 Luciano Damiani al Regio per «Orfeo e Euridice» di Glück la fece cantare appesa al lampadario.
Lucetta, lei è una signora, nel senso alto del termine. Sprigiona eleganza, esteriore e di pensiero, sensibilità, tenacia. Si riconosce in questo ritratto?
«Dell'eleganza mi imbarazza dire. Sono così, non ho mai cercato di costruire un personaggio. Mi fa piacere che mi venga riconosciuta ma non è voluta. La tenacia è indispensabile per lavorare. La sensibilità è determinante per cantare, è una qualità che accomuna tutti gli artisti. Io, in particolare, ne ho avuto tanta, forse troppa; ci ho anche sofferto»
L'altro aspetto che arriva subito agli occhi di chi guarda è la presenza costante di suo marito, Tony Cremonese, storico direttore di scena di importanti teatri e festival rinomati. La segue in maniera vera, con una luce speciale negli occhi...
«Che storia. Ci siamo conosciuti 30 anni fa, a Treviso, io avevo 27 anni, lui 18 in più. Avevo vinto il premio Toti Dal Monte, lui era direttore di palcoscenico. Non è stato affatto un colpo di fulmine. Tony era sposato, senza figli; io ero separata, con un bimbo piccolo. All'inizio furono grandi scontri sul lavoro. Poi è iniziata l'amicizia, le confidenze: abbiamo aperto i nostri cuori, mostrato le nostre ferite. Alla fine è arrivato l'amore, ma nulla era scontato. Tony è diventato un padre per Simone. Cinque mesi fa Simone e sua moglie Erica ci hanno regalato la gioia di essere nonni di Samuele. Sì, oggi posso dire che l'incontro con Tony è stato davvero una fortuna; mi ha dato forza, aiutato a vincere tante tensioni»
La scelta di non lasciare Trecasali è rivelatrice di un temperamento
«Sì, sono nata a San Polo ma la mia famiglia si è trasferita subito a Trecasali, dove gestiva un bar. Ho nitido il ricordo di me bambina, intenta a cantare sui tavolini. Lì sono ancorate le mie radici. Andavo in giro per il mondo e per ritrovare pace e tranquillità mi bastava tornare nella mia Bassa, aprire le finestre, godermi il verde e gli alberi. Nella mia casa suono (si esercita su due pianoforti, ndr) e canto, indisturbata»
Torniamo a quell'immagine della bambina che cantava sui tavoli del bar...
«Sono cresciuta nell'esercizio di mamma Milla e papà Abramo. Gianni, mio fratello, era più grande di nove anni. Io ero la piccolina, stavo lì e cantavo tutto, dai canti della chiesa ai canti degli alpini. Ma allora usava cantare, era un passatempo anche per la fatica del lavoro nei campi. Saper cantare era patrimonio popolare, innato. Fu una corista del Teatro Regio ad accorgersi della mia voce. Papà, che aveva studiato fisarmonica, mi portò da Wilma Colla, che da allora è sempre stata la mia unica maestra»
Poi è iniziato l'iter dei concorsi, via d'accesso a una carriera ultra ventennale dal debutto a Spoleto nel 1979 fino al 2002
«Curiosamente ho debuttato con “Lo frate 'Nnamorato” di Pergolesi che poi avrei rifatto negli anni '90 alla Scala diretta da Muti. Agli inizi degli anni 2000 Tony ha avuto un problema di salute. Mi è riaffiorato tutto il disagio degli anni trascorsi lontani dalla famiglia, dall'altro capo del mondo, senza cellulari e senza Internet. Ho portato a compimento i contratti che avevo firmato e ho detto basta. Ora faccio concerti per beneficenza o per diletto. Senza rimpianti».
Ha cantato tanto e spaziando nel repertorio. Non è usuale, specie in una donna anche per ragioni ormonali, una carriera tanto lunga.
«Penso di aver sempre scelto bene il repertorio: è stata la mia assicurazione sulla voce. I giovani adesso saltano da un repertorio all'altro, si trovano a dover fare delle scelte forzate, premature. Non è sempre colpa loro, talvolta devono accettare le richieste dei teatri, per poter lavorare. Poi ho sempre studiato con metodo ogni giorno, un'ora al mattino, un'ora e mezzo di spartito al pomeriggio. Ma è carattere, ripeto. Ho cantato tanto con Raina (Kabaivanska, ndr), lei era sempre serena. Se c'era un po' di vento, io avevo paura di uscire».
Lei ha lavorato con grandi direttori, Riccardo Muti l'abbiamo citato. Quali altri vuole ricordare?
«Muti è un grande maestro, una persona molto forte da cui ho imparato molto. Bruno Bartoletti è stato bacchetta pucciniana inarrivabile. E poi il nostro Angelo Campori: lavorare con lui era qualcosa di magico, sapeva tutto».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Telefono hackerato: on line la Vonn e Woods nudi

Il caso

Telefono hackerato: on line la Vonn e Woods nudi

Paura per Minghi: ricoverato per un'intossicazione. Tour sospeso

Lecce

Paura per Minghi: ricoverato per un'intossicazione. Tour sospeso

Hydro jet

estate

Fa il "figo" con l'hydrojet, ma finisce male

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Osteria dl’Andrea

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

Lealtrenotizie

Salva un uomo che sta annegando e lo rianima

LA STORIA

Salva un uomo che sta annegando e lo rianima

tardini

Il Parma si presenta: sotto la Nord cori e festa per la squadra e le nuove maglie

Faggiano: "Matri, abbiamo il sì del giocatore ma il Sassuolo se lo vuole tenere"

Terremoto

I parmigiani ad Ischia: «Notte di paura»

stadio tardini

Una "passione" lunga 40 anni: i Boys e i ricordi in mostra Gallery

Due colpi in poche ore

Nuova rapina ad un bancomat

serie B

Sondaggio: vi piace il tris di maglie del Parma?

Fontevivo

Arrivano i nomadi: sgombero lampo

Fontevivo

Tre rottweiler liberi: paura in paese

Tendenze

Il tradimento al tempo dei social

COLORNO

50 anni fa Mazzoli divenne il re della motonautica

TRIBUNALE

Blitz notturno nel bar di via Bixio, condannato il ladro

terrorismo

Rischio attentati, la Prefettura: barriere e new jersey a feste e mercati

1commento

meteo

Da giovedì ancora caldo torrido: arriva Polifemo Video

1commento

furti

Ladri nel cortile della ditta: se ne vanno con un furgone "firmato"

Anteprima gazzetta

Traversetolese eroe salva la vita ad un uomo che stava annegando

INCHIESTA

Stu Pasubio, indagine chiusa. Ecco le accuse della Procura

12commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

La nuova mafia che occupa Parma

di Francesco Bandini

ITALIA/MONDO

Monterosso

Ventenne muore cadendo da un muraglione alle Cinque Terre

istruzione

Fedeli: "Favorevole a portare la scuola dell'obbligo a 18 anni"

SPORT

Ciclismo

Vuelta, ancora un italiano: Trentin

motori

La Ferrari rinnova il contratto con Raikkonen

SOCIETA'

usa

Tumore ovaie: risarcimento, J&J pagherà altri 417 milioni per "talco killer"

il caso

Anziano accusato di pedofilia. E il paese si spacca

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti