11°

Corrado Medioli

La fisarmonica che suona in "pramzàn"

"Il mantice è la sua anima e il suo polmone". "Ma sbaglia chi la associa soltanto al liscio"

La fisarmonica che suona in "pramzàn"

Corrado Medioli

Ricevi gratis le news
0

In principio fu Migliavacca. Sì, proprio lui, il violinista errante, cieco come un bluesman della Louisiana, l'autore della celebre «Mazurca» che porta il suo nome, morto in povertà - così come aveva vissuto - nel 1901. Lo stesso anno di Verdi. Ma cos'altro possono avere in comune il più grande compositore italiano e un musicista di strada che concedeva bis per pochi spiccioli?
La riposta non soffia nel vento, bensì in una «Fratelli Crosio» di Stradella, luccicante e personalizzata come si conviene a ogni grande artista: la fisarmonica di Corrado Medioli, inesauribile ambasciatore della parmigianità nel mondo (per esser chiari: ha suonato a Wembley con l'Orchestra Sinfonica della Bbc).
«Cosa mi chiedono quando suono all'estero? Le arie di Verdi, naturalmente, ma anche la Mazurca di Migliavacca. Non avete idea di quanto sia conosciuta».
E forse è proprio a Migliavacca che s'ispiravano i fisarmonicisti di strada che giravano per le campagne e che fecero scattare la scintilla nel piccolo Corrado.
«Quel suono così evocativo mi rimase impresso - racconta - e iniziai a suonare a sei anni. Allora da piccoli si andava in colonia, ed è lì che conobbi un bambino che già maneggiava lo strumento: era Gianni Verderi, che poi vinse anche il campionato mondiale».
Ancora con i calzoni corti, Medioli ne imbracciava già una sui palchi del NordItalia
«A 14 anni suonavo con i Pinazzi, poi andai a Milano con l'Orchestra Spinelli. Quindi vennero i Players e successivamente la povera Giuni Russo, della cui band ho fatto parte per anni».
Strumento popolare per eccellenza, la fisarmonica non figurava certo tra i corsi del Conservatorio. Ma il suo direttore dell'epoca, il maestro Ferrari Trecate, ne era appassionato.
«Da lui imparai tantissimo, soprattutto dal punto di vista dell'interpretazione. Perché la fisarmonica non è solo tecnica, per quanto sia uno strumento assai complesso: ci sono ragazzi bravissimi, ma che sembrano dei robot, mancano totalmente di espressività».
E pensare che pochi strumenti riescono a coprire l'intera gamma dei sentimenti, dall'allegria più sfrenata alla malinconia più struggente, come la fisarmonica.
«Infatti - osserva Medioli - sbaglia di grosso di chi associa questo strumento solo al ballo liscio. C'è anche la creatività del jazz, come la nobiltà della classica. Non a caso anche a Verdi piaceva moltissimo il suo suono».
Il segreto della fisarmonica? Medioli non ha dubbi:
«Il mantice: è come il polmone del cantante, qualsiasi espansione, dalla più dolce alla più grave, la devi fare con il mantice. Che è anche la sua anima».
Più prosaicamente: quanto può costare una fisarmonica?
«Quella professionale può arrivare anche ai 14/15mila euro. Ce ne sono altre che costano la metà, poi quelle da studio anche molto meno. Le ditte più famose? Beh, tutti conoscono la tedesca Hohner, o quelle italiane come la Fratelli Crosio di Stradella, che ha realizzato la mia, e la Soprani di Castelfidardo. Anche se adesso, come per le automobili, il processo è un po' cambiato: una volta si faceva tutto in casa, adesso vengono assemblate le varie componenti».
Che differenza c'è tra la fisarmonica come la intendiamo noi e il bandoneon di Piazzolla?
«Sono quasi due strumenti diversi. Innanzitutto il bandoneon ha due tastiere. Poi all'interno ha lamelle molto più grosse».
Concertista, didatta, compositore (da «Gioiello» a «Mattino», che qualcuno vorrebbe riarrangiare per coro), anche vibrafonista, nonchè animatore di feste popolari e iniziative benefiche: qualunque sia l'evento, specie se «pramzàn», Medioli c'è. Purchè si suoni dal vivo.
«Sì perchè se mi chiedono di suonare in playback, allora è meglio che chiamino qualcun altro. Alle tv ho detto di no un sacco di volte proprio per questo motivo».
Ma è vero che una volta ha tolto la corrente a un'orchestra di liscio durante una sagra?
Medioli annuisce e sorride, con l'aria divertita di chi l'ha fatta grossa: «Di colpo si è “spenta” la musica e sembravano tutti pesci nell'acquario. Purtroppo sono le basi registrate la rovina della musica popolare».
Sale da concerto di mezza Europa, dov'è spesso accompagnato dal figlio pianista Stefano, addirittura mete impensabili come Yemen e Pakistan. Eppure poche «location» emozionano Medioli come le case di riposo.
«Suonare per i nostri anziani mi fa capire quanto sia importante la musica per chi è rimasto con poco altro al mondo. In quei luoghi c'è tanta tristezza e vedere quegli sguardi che s'illuminano e si risvegliano, è una sensazione che non si può spiegare».
Abbiamo volutamente lasciato in fondo il capitolo Gigi Stok: si sente il suo erede?
«Certamente non il suo allievo, visto che non ha mai insegnato. Ma è ovvio che lui per me è stato un maestro. Era il numero uno, quando ci siamo conosciuti ero ancora un ragazzo e nonostante la differenza di età siamo diventati amici. Così, quando decise di ritirarsi, chiese a me di prendere il suo posto, e fu così che divenni il fisarmonicista dei Cadetti di Gigi Stok. I suoi consigli sono stati impagabili: lui, che non si è mai mosso da Parma, conosceva il pubblico come nessun altro: “Fai le cose per bene - mi diceva - ma senza esagerare”. Che detta in dialetto suonava pressappoco così: “Tì contentja, mo lässogh la vója...”».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Dolores O'Riordan: per la polizia non è una morte sospetta

LONDRA

Dolores O'Riordan: per la polizia non è una morte sospetta Video

L'anteprima del nuovo film di Ligabue al Fulgor, il cinema amato da Fellini

RIMINI

L'anteprima del nuovo film di Ligabue al Fulgor, il cinema amato da Fellini

Dal Crazy Horse alla tivù, il passo di Deborah Lettieri

SPETTACOLI

Dal Crazy Horse alla tivù, il passo di Deborah Lettieri

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"I Grandi Vini di Toscana" di Ernesto Gentili

IL VINO

"I Grandi Vini di Toscana" di Ernesto Gentili

di Andrea Grignaffini

Lealtrenotizie

Filippo, un anno dopo

Anniversario

Filippo, un anno dopo

CONDANNA

Si avventa contro la fidanzata e le fa sbattere la testa contro la portiera dell'auto

Alle elementari

Due casi di scabbia al Maria Luigia

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

Salsomaggiore

Addio al prof Vighi, una vita per lo sport

Salsomaggiore

Teatro Nuovo, sciolto il contratto con i gestori

LUTTO

E' morto Renzi, popolare ex gestore del bar Capriccio

Ferrovia

I pendolari della Parma-Brescia: «Ogni giorno è un'odissea»

IL CASO

Numero telefonico «rubato», prima vittoria per una 85enne

PARMA

E' morta al Maggiore la 71enne ucraina travolta in via Langhirano Video

L'incidente è avvenuto il 2 gennaio

FATTO DEL GIORNO

Un anno dopo la morte di Filippo Ricotti, la Massese resta insicura: lettera della madre del 17enne

Ecco le anticipazioni del direttore della Gazzetta di Parma, Michele Brambilla

carabinieri

Razzia alla Salvo D'Acquisto: ladri costretti ad abbandonare l'auto rubata

1commento

tg parma

Contrabbando di petrolio dalla Calabria a Parma, 6 arresti Video

SCANDALO SANITA'

«Pasimafi», altri 8 medici indagati: sotto accusa anche Mutti e Caspani

2commenti

CALCIO

Ecco Marcello Gazzola con la maglia del Parma

Una storia iniziata da bambino... Ecco la foto "storica" di Gazzola piccolo giocatore del Parma

DEGRADO

Parma, quei 18 luoghi abbandonati in cerca di futuro: foto-storia

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Perché l'atomica torna a fare paura

di Paolo Ferrandi

2commenti

L'ESPERTO

Imu, quante complicazioni con i figli

1commento

ITALIA/MONDO

MILANO

Incidente in una ditta: morti tre operai, uno è gravissimo

BERGAMO

Cade in una tomba: 74enne muore sul colpo

SPORT

calcio

Manuel Nocciolini va in prestito al Pordenone

GAZZAFUN

Ceresini o Pedraneschi: chi il miglior presidente?

SOCIETA'

Economia

Più ortofrutta confezionata per non pagare i sacchetti bio Video

1commento

gran bretagna

18enne italiana mette la verginità all'asta per poter studiare a Cambridge: offerto un milione

2commenti

MOTORI

DETROIT

Mercedes, ecco la nuova Classe G

IL TEST

Nissan X-Trail, i segreti del Suv che piace a tutti