15°

Le colonne sonore di Parma

Paola Sanguinetti, una parmigiana nello star system

Canta con Andrea Bocelli in tutto il mondo. Ma ogni Capodanno ha un pensiero per la sua città

Paola Sanguinetti in concerto, lo scorso febbraio a Istanbul, con Andrea Bocelli
0

Se ha un difetto, è l'eccessiva modestia. Su questo concordano gli amici storici, tutti suppergiù dell'ambiente musical artistico, di Paola Sanguinetti, soprano di fama internazionale e di cuore parmigiano.

Paola, una parmigiana vera, nell'intimo
«Sì anche se per un caso del destino sono nata a Ferrara perché mio padre Rodolfo, in quegli anni lavorava là. Mia mamma Lidia aveva sempre la nostalgia di Parma così non mi sono sentita a casa finché non siamo tornati qui. Avevo 7 anni».

E' di quegli anni anche il primo incontro con la musica
«Sulla scia di mio fratello Giorgio, più grande (ora docente di Musicologia all'Università di Roma Tor Vergata, ndr), frequentai le scuole elementari sperimentali e le medie al Conservatorio Boito. Nostro insegnante era il maestro Musini, persona molto spiritosa, brillante. Il suo insegnamento ha lasciato in me una forte impronta, mi ha aperto gli orizzonti, mi ha fatto ragionare. In una parola, mi ha insegnato la differenza tra le cose belle e i luoghi comuni»

Quando ha pensato: «Voglio cantare»?
«Oh, molto tempo dopo. Al Conservatorio ho studiato violino, solo croce, niente delizia. Non l'ho amato, forse ero troppo piccola. E poi non lo avevo scelto io. Allora di musicisti c'era molto bisogno e, siccome tutti avrebbero voluto dedicarsi al pianoforte, in Conservatorio ci smistavano. Io finii nella classe di violino. Non fu amore».

Quando il passaggio al canto?
«Quando ho iniziato a fare la comparsa al Teatro Regio, verso i 20 anni. Nel dicembre del 1979 debuttai in Traviata, ero figurante nella festa a casa di Flora. Quella rappresentazione è passata alla storia perché l'opera dovette essere interrotta, alla fine del secondo atto, per la rivolta del pubblico contro il soprano Elena Mauti Nuziata e il direttore Fernando Previtali. Il Loggione, inferocito, gridava: “Maestro, vai a letto!” e parecchio altro. Noi, che facevamo i figuranti, non sapevamo che fare, stavamo lì impietriti mentre il sipario veniva chiuso, la cantante piangeva. Arrivò Angela Spocci e ci disse: “Voi ragazzi adesso andate a casa”»

Un approccio indimenticabile
«Sì, davvero. Una persona con buon senso se ne sarebbe andata, avrebbe cambiato mondo. In verità, in quel momento, non pensavo che sarei diventata solista. Però è stato allora che mi sono innamorata del teatro, dell'aura magica che si respira. Mi decisi: avevo le basi musicali e la voce, così partecipai alle audizioni per entrare nel Coro del Teatro Regio; nel mio gruppo c'era anche Andrea Rinaldi che canta tuttora nel coro».

A quel punto si è messa a studiare
«Esattamente, volevo perfezionarmi. I primi rudimenti ce li impartì Liliana Nissolino, collega più grande di noi, che cantava nel Coro. Poi mi sono riiscritta al Conservatorio, questa volta a Canto»

E ha trovato come insegnante Wilma Colla, un'istituzione nel mondo del canto, tra l'altro moglie dello scomparso Edgardo Egaddi, maestro del Coro del Regio.
«C'erano tre classi, io fortunatamente fui assegnata a Wilma Colla, insegnante eccellente e persona eccellente. Non lasciava scappare una nota, con lei ogni suono veniva sezionato, controllato, analizzato»

Come è diventata solista?
«Sono rimasta a lungo nel Coro, una decina d'anni. Forse anche troppo. Ma nel frattempo papà aveva impiantato un'azienda sua a Luzzara e io andavo lì, lavoro d'ufficio. La mia vita non era impostata per fare la cantante. Poco alla volta iniziai a fare qualche concerto, con dei risultati. Un giorno arrivò Corrado Abbati, mi scelse dal Coro. Mi propose l'operetta, il ruolo di Valencienne nella Vedova Allegra. Mi trovai catapultata in una realtà completamente diversa dall'opera. Però ho imparato tantissimo, a stare sul palcoscenico tutti giorni. E poi a muovermi, recitare. Non solo, ho incontrato un gruppo di persone che sarebbero diventate amiche per tutta la vita, con cui ancor oggi appena possibile si cerca di lavorare insieme, penso ad Artemio Cabassi, per fare un nome. Sempre lì ho incontrato l'uomo che sarebbe diventato, nel 2002, il mio attuale marito, Enrico Zucchelli».

Dall'operetta all'opera.
«Il mio debutto assoluto è La cambiale matrimonio di Rossini al Festival di Torrechiara, dirigeva Carlo Piazza. E' stata la mia prima opera completa. Poi ho cantato tanto e dappertutto. Quante Tosche, e poi Otello, Adriana Lecouvreur, Trovatore, Don Giovanni, Le nozze di Figaro, Tabarro. La Bohème al Teatro Regio, nel 2000, fu una soddisfazione perché significava cantare nel mio teatro»

Una riflessione che si fa spesso: perché chi è di questa città non viene chiamato a cantare qui con la frequenza che ci si aspetterebbe?
«Per me è un discorso particolare. Non sto in un'agenzia. Sono le agenzie che fanno i pacchetti, ti piazzano nei teatri. Mi gestisco io la carriera, gli appuntamenti e per me questo è un pregio perché non avrei retto una vita sempre alle dipendenze, tutta programmata»

Un'amica comune dice che Paola Sanguinetti avrebbe fatto una straordinaria carriera se non fosse nata in una famiglia benestante.
«C'è una leggenda metropolitana che mi spaccia per ricca ma non è affatto così, vivo del mio lavoro. Fatico e studio. Sfogo anche la mia vena creativa inventando spettacoli, come ad esempio «Mio caro Mago» dedicato a Giuseppina Strepponi interpretata da una straordinaria Paola Gassman con interventi musicali miei e dell'arpista Davide Burani, con il quale collaboro da anni. Però sgomitare, proporsi in continuazione non è una cosa che mi appartenga. Non ho nulla contro chi lo fa, sono persone degnissime. Ma io non ho l'ambizione sfrenata».

Ciò nonostante, ha fatto una bellissima carriera. Con una chicca per cui molte donne la invidiano: la pubblicità dei Ferrero Rocher con Richard Gere.
«E' stato un caso. Il set era al Regio. La produzione voleva una cantante vera. Hanno visionato due o tre cantanti di Parma e poi hanno scelto me».

E intanto Richard Gere mangiava il cioccolatino
«Mi spiace dare una delusione ma non l'ho neanche visto Richard Gere, lui ha registrato il suo pezzo in America».

Poi c'è la lunga collaborazione con Andrea Bocelli.
«Questa invece è una cosa importante, di cui vado orgogliosa. Entri nello star system, anche se io non ne faccio parte. Io vivo quella dimensione da passeggera, in transito ed è molto divertente. Poi è una soddisfazione, ti trovi di fronte un enorme catino gremito di 12/14mila persone e devi cantare. Una bella responsabilità. Conoscere Andrea mi ha dato delle opportunità fantastiche: ad esempio ho cantato nella sede dei Berliner Philharmoniker con i Berliner, una gioia»

Recentemente abbiamo visto foto di gioielli pazzeschi postate su Facebook.
«Mi capita spesso di fare eventi privati. Questo era a Parigi per un'importante maison di gioielli. Mi hanno messo un collier incredibile per cantare, scortata dalla guardia del corpo finché non ho finito».

Canta regolarmente a Parma a Capodanno, il concerto benefico al Paganini.
«Sì e pensiamo di farlo anche quest'anno, per la quinta edizione. Con il mio Lions Club Maria Luigia intendiamo portare avanti il progetto, se il Comune ci viene incontro. E' un appuntamento che faccio volentieri perché rispecchia il mio carattere, c'è molta umanità».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Halle Berry si libera del vestito degli Oscar: così il Versace finisce per terra e lei si butta in piscina

come in un film

Halle Berry si libera del vestito degli Oscar e si tuffa Video

Montalbano torna, supera i 10 milioni e fa il 40%

televisione

Montalbano, ritorno record: supera i 10 milioni

Addio al gigante di «Trono di Spade»

MORTO FINGLETON

Addio al gigante di «Trono di Spade»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Top500": la classifica

IMPRESE

Top500 Parma, ecco la classifica completa

Lealtrenotizie

Arrestate due cittadine rumene

cittadella

Scippavano anziani: rom arrestate da un poliziotto fuori servizio

INCHIESTA

Alberi, sigilli a una casa famiglia per anziani. Tre indagati

da mantova a parma

Furto a un distributore, un moldavo in manette

autostrada

Incidente tra due camion a Fiorenzuola: code verso Fidenza

Consiglio comunale

Rifiuti e sicurezza: oggi Consiglio comunale Diretta dalle 15

opportunita'

Venti nuovi annunci per chi cerca un lavoro

Welcome day

Studenti Erasmus, benvenuti a Parma Fotogallery

L'ALLARME

Droga, a Parma ogni anno 400 segnalati alla Prefettura

3commenti

La traversata

Quei velisti con Parma nella cambusa

Mercati esteri

Sicim, tris di commesse per 200 milioni di dollari

Amarcord

Prati Bocchi, 67 anni di amicizia

meteo

Tornano pioggia, vento e neve sulle alpi

Langhirano

E' morto Pierino Barbieri

1commento

Scomparso

«Benito, come un padre per tanti di noi»

FOCUS

Monticelli? Mancano spazi per i giovani

LEGA PRO

Parma, Frattali out: in porta arriva Davide Bassi. Il Pordenone travolge il Bassano

L'estremo difensore era svincolato dall'Atalanta, nel suo passato anche Empoli e Torino

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

13commenti

EDITORIALE

Quei politici allergici alla libertà di stampa

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

il CASO

Dj Fabo ha morso il pulsante per il suicidio assistito

2commenti

TREVISO

Il Comune licenzia dipendente assenteista

SOCIETA'

caffè

A Milano lo Starbucks più grande d'Europa

comune

2200 anni della fondazione di Parma: ecco il logo di Franco Maria Ricci

SPORT

inghilterra

Ranieri: il tributo (mascherato) dei tifosi del Leicester Gallery

Ciclismo

Grave caduta per la giovane promessa Marco Landi

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, la nostra pagella

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia