15°

29°

Spettacoli

Patti Smith: «Adoro Verdi»

Patti Smith: «Adoro Verdi»
0

di Francesco MonacoPierangelo Pettenati
Patti Smith, la «sacerdotessa» del rock nata col punk arriva (finalmente) nella città del Teatro Regio, tempio della musica lirica. Il suo concerto si terrà martedì alle 21.30, in Pilotta, per la rassegna «Sotto il cielo di Parma». Info: Arci Caos 0521-706214. 
Signora Smith, viene tutti gli anni in Italia e ama l’opera (Puccini in particolare): che effetto le farà esibirsi nella patria di Giuseppe Verdi?
Non conosco Parma, ma in effetti adoro tutta l’opera italiana, con un occhio di attenzione per Verdi e per le sue grandi interpreti, infatti trovo che la voce di soprano e contralto abbiano un grande fascino. E’ un onore per me e sarà una grande gioia. Spero anche di avere tempo per passeggiare un po' e conoscere meglio questa città.
Come mai un tour acustico, solo con Lenny Kaye e sua figlia Jesse?
E' da qualche anno che sento sempre di più l’esigenza di sperimentare il mio repertorio con formazioni nuove, mischiando affetti e collaboratori in combinazioni inedite, come in questo caso, in cui al fianco di un mio amico e collaboratore storico c'è mia figlia, un talento giovane nel quale credo molto. Li considero esperimenti sonori ed emotivi perché nel live cambiare l’energia emotiva del palco è importante.
Lei è anche apprezzata poetessa: un giorno la rivedremo a Parma al Festival della Poesia?
Perché no, ne sarei molto onorata.
Il suo compianto marito Fred era un musicista rock, sua figlia Jesse suona il piano con lei, suo figlio Jackson è chitarrista e ha appena sposato Meg White dei White Stripes: la musica per voi è un autentico «affare di famiglia»?
Direi una vocazione di famiglia e una grande passione irrinunciabile. Il leit motiv della mia vita attraverso le tante altre esperienze di creatività artistica che ho cercato di percorrere. Nessuna ha mai prevaricato del tutto la musica.
Qualche anno fa la sua etichetta ha celebrato i 30 anni di «Horses»: come ricorda quel periodo? Molte rockstar con il tempo sono cambiate rispetto ai loro «furori giovanili» e guardano al loro passato con occhi diversi. E’ il suo caso?
Sono passati 30 anni e ovviamente molte esperienze, belle e brutte, mi hanno cambiata, ma sono una donna in salute, ringraziando il cielo, e ho tanta energia, tanta curiosità e tanto entusiasmo per il futuro e la vita, quindi non mi sento meno energica e meno desiderosa di futuro di quanto lo fossi allora. Guardo indietro con piacere alle gioie, ai dolori e anche agli errori e ingenuità della mia generazione, ma amo anche infinitamente il presente e i giovani. Diciamo che amo il mio passato senza nostalgia.
Il suo ultimo album, «Twelve», è un disco di cover. C'entra una crisi di ispirazione o erano canzoni che intendeva fare sue?
 Non penso che si possa parlare di crisi di ispirazione ma di voler rileggere in modo personale canzoni che hanno avuto un peso nella propria vita artistica o semplicemente personale. E’ anche un modo per sperimentare la propria voce, la propria interpretazione di testi altrui.
Tra queste c'era anche una cover di «Smells like teen spirit» dei Nirvana. Pensa che Kurt Cobain sia stato l’ultimo vero ribelle del rock? E nel 2009 invece ha ancora senso parlare di ribellione a proposito della musica rock?
La ribellione è nell’aria, è nei giovani, è nella rete, è in luoghi nuovi e meno visibili rispetto ai modi della nostra generazione che usava la piazza. Ora la piazza non è più fisica, ma le nuove generazioni non sono appiattite, sono reattive, io non condivido questo senso di negatività verso l’attitudine al cambiamento delle nuove generazioni o della gente in generale. Nel fondo noi, negli Usa, dopo anni tetri e desolanti che sembravano non dover finire mai, una rivoluzione l’abbiamo appena fatta e ci siamo liberati di questi ultimi anni così pesanti, soffocanti.
Per qualche tempo, qui in Italia, il suo inno «People have the power» è stato utilizzato per lo spot di una grande azienda del settore energetico. Ne era al corrente? Non è un controsenso che una canzone con quel messaggio diventi un jingle?
No, non credo che sia un controsenso. Ovviamente prima di autorizzarne l’uso ho controllato che si trattasse di un’azienda pulita e senza macchie etiche. Poi, una volta stabilito che non regalavo nulla a dei malfattori, ho deciso di accettare perché comunque io non sono mai stata né sarò mai la rockstar miliardaria, che vive al di sopra di tutti. Io sono una persona fortunata che riesce a vivere della sua arte, ma con la mia arte ho dovuto pagare i conti, gli studi ai miei figli, garantire loro un futuro, da sola dopo la morte di mio marito e con fatica nei lunghi anni di ritiro dalle scene, in cui sembrava che nessuno più si ricordasse di me. L’unico vero privilegio che ho avuto nella vita è di trasformare la mia arte in un lavoro e di poter vivere di quella, nulla di più. Ne sono molto grata, tutti i giorni, ma devo anche ricordarmi che l’arte non mi mette al di sopra delle rette universitarie dei miei figli. Non credo poi che un jingle in sé sia cosa così cattiva, sarebbe anche ipocrita fingere di vivere senza dipendere dalle logiche di mercato. Il mercato esiste, si tratta solo di usarlo in modo etico e civile. Ignorarlo non servirebbe comunque a nulla.

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

E' morto Roger Moore: l'ex James Bond aveva 89 anni

cinema

E' morto Roger Moore: è il primo addio a un protagonista di "007"

Torna Twin Peaks e fa più paura di prima

televisione

Torna Twin Peaks e fa più paura di prima

diamante

Inghilterra

Compra anello in mercatino per 10 sterline, ne vale 350mila

Notiziepiùlette

Ultime notizie

I due gatti

CHICHIBIO

"I due Gatti": qui è nata la pizza gourmet... E non solo

di Chichibio

Lealtrenotizie

coda

Medesano

Incidente e incendio in zona Carnevala: code per un'ora verso Ramiola

SPECIALE ELEZIONI 2017

Candidati sindaci, 15 risposte su Parma in 2' I video

tg parma

Inchiesta sanità: in procura De Luca, manager del colosso Angelini Video

CALCIO

Parma-Piacenza: ecco le modifiche alla viabilità. Vietata la vendita di alcolici

lega pro

D'Aversa difende il suo Parma: "Dobbiamo soffrire tutti insieme" Video

San Leonardo

Ennesima rissa tra pusher

29commenti

corecom

"Campagna elettorale scorretta": esposto di Ghiretti contro Pizzarotti

3commenti

novità

Ricevi gratis le news più importanti in tempo reale con il BOT di Gazzetta

piazzale Maestri

Fioriera come ariete: e i ladri fanno il colpo al bar Riviera Foto

incendio

Via Farini, fiamme su un balcone: allarme rientrato Foto

Fidenza Salso

Addio a Monia Lusignani, l'angelo dei cani abbandonati

Oltretorrente

Si infila nel letto della ex ma trova la madre: arrestato 32enne Video

Nella fuga, l'uomo ha rubato un cellulare ma ha perso il suo: rintracciato e fermato dai carabinieri

2commenti

'NDRANGHETA

Il pentito contro Bernini: «Soldi in cambio di una sanatoria edilizia»

1commento

UNIVERSITA'

Ateneo verso il voto per il nuovo rettore: parla il decano

Torna Gazzetta Università. Focus su un pool di ingegneri che studia le variazioni climatiche

Aveva 79 anni

Schianto di Ostia, il ritratto di Maria Dellasavina

Busseto

È morto Minozzi, custode dei sapori della Bassa

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La forza di saper dire "scusate, ho sbagliato"

di Michele Brambilla

4commenti

LA BACHECA

Ecco 20 offerte per chi cerca lavoro

ITALIA/MONDO

Manchester

Kamikaze al concerto: 22 morti e 12 dispersi. L'Isis rivendica Foto

3commenti

salute

Morbillo, tre fratellini ricoverati ad Arezzo con loro mamma

2commenti

SOCIETA'

avvistamenti

"Flottiglia di Ufo nei cieli di San Marino": le foto

2commenti

Paleontologia

Un dente riscrive la storia dell'uomo

2commenti

SPORT

CICLISMO

Nibali trionfa nella tappa dello Stelvio

GENOVA

E' morto Stefano Farina, designatore degli arbitri di serie B

MOTORI

MOTORI

Nuova Volvo XC60, ancor più qualità e sicurezza

CAMBIO

L'automatico manda in pensione il manuale? I 5 miti da sfatare