20°

MOSTRA DEL CINEMA

Venezia71 fa sul serio e punta sulla qualità

Venti i film in concorso, tre di registi italiani: Martone, Costanzo e Munzi. Attesa per «Pasolini» di Abel Ferrara

Venezia71 fa sul serio e punta sulla qualità
0

C’è Leopardi, ma da ragazzo, Pasolini secondo Ferrara e Al Pacino romantico ex galeotto. E poi, ai supplementari, fuori dalla selezione ufficiale, anche un documentario su Leo Messi, il piccolo fenomeno uscito a testa bassa davanti alla Merkel qualche sera fa... Di film ne hanno visti 1.600, roba che a proiettarne uno al giorno ci metti più di 4 anni. Ma alla fine ne sono rimasti «solo» 55: una playlist di prime mondiali che vogliono rivendicare per il cinema un ruolo urgente e necessario.
Venezia svela le carte: la Mostra si presenta e più che sui nomi (che pure ci sono) e sulle star, punta lancia in resta sulla qualità, parola abusata ma che qui, nella laguna (più grigia che blu) del grande schermo, ha ancora senso usare.
Venti film in concorso, di cui tre italiani: quelli che già si aspettavano tutti. Ossia «Il giovane favoloso» di Martone, quotatissimo biopic sul geniale e solitario poeta di Recanati, «Hungry hearts» di Saverio Costanzo (che torna alla Mostra dopo l’accoglienza non facile de «La solitudine dei numeri primi») e «Anime nere» dell’outsider Francesco Munzi, regista di pochi film ma belli (da «Saimir», che presentò anche all’arena estiva dell’Astra a «Il resto della notte»).
E gli altri? Senza Malick, Fincher e Woody Allen (ma di quest’ultimo la critica Usa non parla un granché bene) che forse hanno preferito prendere altre strade, e priva delle nuove attesissime pellicole di Burton e Nolan, che non sembrano ancora pronte, Venezia 71, lasciato l’onore-onere del calcio di inizio al bravissimo Inarritu, oltre a un film portatore sano di polemiche come «Pasolini» di Abel Ferrara (con Dafoe e Scamarcio, ma anche Ninetto Davoli), mette sul piatto autori amati dai cinephiles come il turco di Germania Fatih Akin (che con «The cut», strappato a Cannes, chiude la trilogia iniziata con «La sposa turca» e proseguita con lo splendido «Ai confini del paradiso») o l’iraniano d’America Ramin Baharani - che porta in Laguna l’ultimo Spider-man, Andrew Garfield -, ma anche il francese Beauvois (è quello di «Uomini di Dio») e il veterano Konchalovsky. Dagli Usa, che sembrano guardare più favorevolmente alla più vicina (e meno costosa) Toronto, arriva però «Manglehorn» di David Gordon Green, che dirige Al Pacino e Holly Hunter e «Good kill», war movie familiare in cui Andrew Niccol racconta la guerra-videogioco dei droni, seguendo le orme di uno stressatissimo ex pilota interpretato da Ethan Hawke.
Se poi, tra le altre proposte, gli amanti del cinema orientale esulteranno per la presenza di Tsukamoto, scomodo eroe del cyberpunk, dopo la vittoria a sorpresa, l’anno scorso, di «Sacro Gra», non poteva mancare in gara un documentario: si tratta di «The look of silence», del texano Joshua Oppenheimer già candidato all’Oscar per «The act of killing».
Possibili sorprese? Tante, con «Loin des hommes» di David Oelhoffen ambientato durante la guerra di Algeria in pole position.
Una Mostra, quella di Venezia, che, almeno sulla carta, premia la «generazione di mezzo» (quella dei 40-50enni), inseguendo (sin dalla scelta dei leoni d’oro alla carriera e del presidente della giuria, il musicista Alexandre Desplat) una vocazione artigiana, lontana dall’effimero e da lustrini che poco si addicono a questi tempi di crisi e più vicina al cuore dell’appassionato (o cinemaniaco) piuttosto che a quello dell’esercente. Anche perché, è lo stesso direttore Barbera, a dirlo «i festival rimangono uno dei pochi luoghi in cui la logica del profitto non costituisce l’elemento dominante». Isole anche mentali dove si può provare a «percepire l’invisibile». E allora, la vera missione è uscire dal seminato, cercare percorsi alternativi, trovare nella diversità un arricchimento. Un obiettivo che Venezia 71 insegue anche con una nutrita serie di film fuori concorso, dove trovare ad esempio gli ultimi titoli di Joe Dante e James Franco, ma anche la corrosiva Sabina Guzzanti che indaga sul rapporto Stato/mafia. E poi calibri non piccoli come Levinson (ancora con Al Pacino, che rischia di diventare il vero mattatore della Mostra) e Cholodenko, passando per Salvatores che racconta l’Italia in un giorno e le scene tagliate dell’ultimo von Trier. Ad «Orizzonti» poi il permesso di stupire mentre a «Venezia classici» ecco che il cinema racconta se stesso, in 8 documentari di cui uno (ne parliamo nella pagina qui a fianco) made in Parma. Una Mostra che si fa forte anche delle sezioni che non le appartengono direttamente: come le «Giornate degli autori», veri competitor che schierano Kim Ki-duk e Cantet o la Settimana della critica dove sulla terra rossa del tennis arriva un film prodotto dai Dardenne. Il match comincia tra poco più (si parte il 27 agosto) di un mese: e Venezia non ha nessuna intenzione di tirarsi indietro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

gazzarock

musica

Premio Gazzarock, la sfida comincia: vota il tuo artista preferito

David, Bruni Tedeschi: molta gratitudine per questo film

DAVID

La pazza gioia, Bruni Tedeschi: molta gratitudine per questo film Video

Belen in vestaglia in Qatar

Moto Gp

Belen in vestaglia in Qatar Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Foto tratta dal sito ufficiale del ristorante

CHICHIBIO

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Lealtrenotizie

Maxi-sequestro di armi da guerra in provincia. In manette in cinque

carabinieri

Maxi-sequestro di armi da guerra nel Parmense: volevano rubare anche la salma di Enzo Ferrari

I nomi dei sette parmigiani della banda

Londra

Gemellini borgotaresi salvano la vita alla mamma

1commento

OGGI

Imu, Tari e Cosap sbarcano in Consiglio comunale Diretta

Personaggi

Francesco Canali: "Il mio messaggio di speranza ai malati di Sla"

Il “maratoneta in carrozzina”, ha scritto un articolo per la Gazzetta, per la “sua” Gazzetta

politica

Elezioni 2017, tre gruppi si contendono il simbolo M5s

piazzale dalla chiesa

Al bar con la droga pronta per lo spaccio: fermato il pusher richiedente asilo

4commenti

Crisi

Copador, si apre la strada del risanamento

saranno famosi

Langhirano: Ettore, 7 anni e la sua super batteria Video

corte dei conti

Interviste a pagamento, assolto Villani. Condannati 6 ex consiglieri regionali

1commento

Incidente

Ubriaco travolge tre ciclisti

2commenti

Femminicidio

La madre di Alessia: «Oggi compirebbe 40 anni»

sondaggio

Le cose buone e belle di Parma? Boom di voti online

Il personaggio

Bassi: «Il Parma a Gubbio finalmente ha fatto il Parma»

Lavoro

Gli agricoltori contro l'abolizione dei voucher

paura

Rogo in un garage a Salso, distrutte 4 auto: matrice dolosa? Video

Lutto

Addio a Carlo Carli, pioniere del marketing

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

5commenti

LA BACHECA

Venti offerte per chi cerca lavoro

ITALIA/MONDO

pavia

Omicidio di Garlasco, archiviata l'inchiesta bis su Sempio

roma

Massacrato dal branco: fermati due fratelli. Si nascondevano da parenti

SOCIETA'

La polemica

Due ragazze indossano i leggings: United nega l'imbarco

3commenti

CONSIGLI

Incontri ravvicinati con i cinghiali? Usate la strategia del torero

1commento

SPORT

SPORT

Duathlon Kids: festa al Campus con 500 bambini e ragazzi Foto

MOTOGP

Moto: mondiale si apre all'insegna di Viñales, suo gp Qatar

MOTORI

innovazione

La Fiat 500? Adesso si può noleggiare su Amazon

Motori

Il lusso? Oggi veste il made in Italy di Alcantara