12°

Spettacoli

Festival Verdi, Laurini minaccia: "Non darò il teatro"

Festival Verdi, Laurini minaccia: "Non darò il teatro"
0

di Paolo Panni

BUSSETO - «Vergogna!»: questa la posizione unanime assunta dal Consiglio comunale di Busseto per il «taglio» che la città di Verdi ha subito per l’edizione 2009 del Festival dedicato al sommo musicista. Pochi giorni fa il più grande tenore verdiano del secolo, Carlo Bergonzi, «col cuore in gola, con tutta la commozione che sento per il grandissimo maestro» come dichiarato da lui stesso, ha gridato «Vergogna». Un grido che ha avuto una vastissima eco e che ha trovato concorde tutto il Consiglio comunale di Busseto. Una posizione durissima, resa ancora più perentoria dal fatto che l’amministrazione, sindaco in testa, è pronta a chiudere le porte del teatro Verdi dove pur sono stati messi in programma concerti. Dai banchi dell’opposizione, Lamberto Michelazzi ha detto: «Non mi sento di criminalizzare né il sindaco né l’amministrazione; siamo consci delle difficoltà economiche che ci sono e mi rattrista vedere che si è deciso di toccare Busseto e non altri luoghi nonostante Verdi non abbia mai messo piede a Reggio Emilia, Modena e Parma ed a mio avviso non sarà affatto contento di sentire provenire da là la sua musica». Ha quindi proposto, come già accaduto in passato, di dare vita ad una realtà, magari una commissione locale che lavori congiuntamente perché «se ormai il treno - ha commentato - per quest’anno è perso, non bisogna perdere quello del 2013». In quell'anno ricorrerà il bicentenario della nascita del Cigno e Busseto vuole avere una parte di assoluta rilevanza. Sempre dall’opposizione Gianarturo Leoni non ha usato mezzi termini nel dichiarare «cosa lega Reggio con Verdi? Questo è un mistero da dipanare forse a Bologna. Quello che è successo mi sembra assolutamente inaccettabile». Leoni ha ricordato la considerazione che, a livello internazionale, tanti musicisti hanno per Busseto: «il luogo - ha ribadito - dove Verdi è nato». «In questa situazione - ha detto - l’amministrazione non la lasciamo sola e ci stiamo a gridare insieme allo scandalo, indipendentemente dalle posizioni politiche, portando avanti insieme le ragioni di Busseto, anche a fronte dell’indotto che un’opera crea e che quest’anno si viene a perdere».
Ed il «ponte» tra maggioranza ed opposizione, unite nel gridare alla «vergogna», è stato suggellato dal sindaco Laurini che ha tuonato all’indirizzo di Teatro Regio, Comune e Provincia di Parma e Regione, minacciando di non concedere l’uso del teatro Verdi per i concerti programmati per il Festival 2009. «Se dobbiamo dare la disponibilità del nostro teatro per cose effimere - ha attaccato - facciamo molto prima a non darlo e si fa una figura migliore, tanto più che ad oggi non sappiamo nemmeno chi sarebbero gli interpreti. Siamo consapevoli che questo è un anno difficile a livello economico, ma sta di fatto che non abbiamo avuto alcun aiuto né dal Teatro Regio, né dal Comune di Parma né tantomeno dalla Provincia e questo è un appunto che ho già fatto al presidente Bernazzoli e non appena avrà comunicato la composizione della giunta mi farò di nuovo sentire. Anche la Regione - ha proseguito - per Busseto non ha fatto nulla. E qui le appartenenze politiche non valgono nulla perché c'è in gioco la nostra città e il suo prestigio. Il maestro Bergonzi - ha dichiarato - si è molto lamentato col sottoscritto per questa esclusione di Busseto ed io stesso l’ho invitato a farsi sentire, anche sulla stampa, perché la sua posizione ha sicuramente un peso di gran lunga maggiore rispetto a quella del sottoscritto».
Laurini ha «salvato» solo la Fondazione Cariparma «che in questi anni - ha commentato - ha sempre fatto tanto per Busseto» ma verso gli altri enti coinvolti non ha usato mezzi termini. «Non so - ha aggiunto il sindaco - di chi siano le colpe maggiori ma sta di fatto che è mancato completamente il coinvolgimento di Busseto. Basti dire che sono stato informato il mercoledì pomeriggio della conferenza di presentazione prevista per la mattina successiva: questa è la considerazione che hanno di Busseto. Pur con le giustificazioni che mi hanno dato, a partire dai problemi economici, resta il fatto che non abbiamo avuto la minima considerazione. Gli eventi a Busseto - ha precisato - non mancheranno ma non rientreranno nel Festival. Io spero ancora che, grazie all’attacco del maestro Bergonzi e grazie ai fondi che si sono liberati da Reggio, possano cambiare le cose. Ma per quanto mi riguarda - ha concluso - per dei semplici concerti il teatro Verdi non deve essere concesso».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Musica alla Latteria dal Beccio

pgn

Musica alla Latteria dal Beccio Foto

Morto il fratello dell'inviato Valerio Staffelli

Striscia la notizia

Morto il fratello dell'inviato Valerio Staffelli

«Ok il prezzo è giusto», alla presentatrice cede il vestito in diretta tv

Australia

Cede il vestito in diretta: esce il seno

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Collezionismo e antiquariato di nuovo protagonisti a Parma

L'EVENTO

Mercanteinfiera protagonista
a Parma

Lealtrenotizie

Successo per la Verdi Marathon: 2.200 partecipanti, sole e... Verdi sul palco

Bassa

Successo per la Verdi Marathon: 2.200 partecipanti, sole e... Verdi sul palco Foto

Malattie

Tre ragazzi con la scabbia alle superiori

8commenti

agenda

Una domenica con i mille colori del Carnevale

CALCIO

A Salò un Parma affamato Diretta dalle 16,30

Manca Baraye, squalificato: al suo posto dovrebbe giocare Scaglia

Borgotaro

Discute con una coppia, torna armato di coltello: un ferito nel parapiglia

Marocchino bloccato dai carabinieri 

7commenti

SALSOMAGGIORE

Addio a Renzo Tosi, il re della focaccia di Natale

1commento

Borseggio

«Tenetevi i soldi, ma ridatemi la foto del nipotino»

1commento

CURIOSITA'

Cartello «anti-rudo» al Campus

SORBOLO

Se n'è andato Giuliano Rosati, poliedrico e infaticabile

IL CASO

Sorbolo, contro furti e degrado il controllo si fa correndo

Nasce il progetto «Arrestiamoli»: lo sperimentano il sindaco e due runner

Sos animali

Cinque cuccioli cercano casa

viabilità

Il calendario e la mappa degli autovelox della settimana

Parma

Carnevale, carri e maschere dal Battistero alla Cittadella Foto Video

Spettacoli

Agnese Scotti: «Il mio teatro è fisico»

lutto

Collecchio piange Massimiliano Ori, lo sportivo dall'animo gentile

Aveva 51 anni

1commento

EVENTO

I 70 anni della Famija Pramzana

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Auguri Giorgio Torelli, un parmigiano speciale

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

6commenti

ITALIA/MONDO

Esplosione

Catania, crolla palazzina: morta un'anziana, una bimba di 10 mesi in coma 

Sant’Ilario

Rubava il telefono ai giocatori di videopoker: denunciato 35enne

WEEKEND

FIERE

E' iniziato Mercanteinfiera: curiosità fra gli stand Foto

45 anni fa: il disco

Catch bull at four - Quando Cat Stevens cantava in latino

SPORT

Coppa del mondo

Sci: Peter Fill vince il SuperG. Argento per gli azzurri nel Team sprint

lega pro

La Reggiana vince e si fa sotto. Il Gubbio si allontana

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, il Suv del Biscione. Da 50.800 euro Video

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia