20°

Spettacoli

Il mito di Coco raccontato da Alfonso Signorini

Il mito di Coco raccontato da Alfonso Signorini
1

Mariacristina Maggi

"Potete chiedermi tutto quello che volete, da Chanel a Berlusconi e Noemi, ma se è possibile portatemi del prosecco al posto dell’acqua».  E’ iniziata come un gioco la chiacchierata con il giornalista e direttore di Chi e Tv Sorrisi e Canzoni, Alfonso Signorini, lunedì a Villa Eden per presentare la sua seconda biografia femminile (dopo quella di Maria Callas) dedicata a Gabrielle Bonheur Chanel, in arte Coco Chanel, «Chanel. Una vita da favola» (Mondadori).
«Sono molto soddisfatto perché il libro ha già venduto 65 mila copie ed è in testa alle classifiche», ha subito dichiarato Signorini, sottolineando quanto per capire un personaggio sia importante conoscerne l’infanzia.
«Quella di Coco - ha raccontato - è stata un’infanzia negata, segnata dalla prematura morte della madre, da un padre rinnegato e dai soprusi e dalle angherie delle suore di clausura alle quali è stata affidata insieme alla sorella in tenerissima età; un passato che ritorna sempre, anche nei suoi frequenti incubi. Un passato che - guarda caso, proprio come per la Callas - alimenta la sua sfrenata ambizione e il desiderio di riscatto: un desiderio di grazia e bellezza capace di sanare un’infanzia e un’adolescenza segnate dalla tristezza».

Sull'ambizione di Coco Chanel Signorini si è soffermato più volte: «Dopo tanto dolore è stata una donna che si è costruita una corazza, apparentemente rigida (aveva giurato a se stessa di non piangere mai, ndr), distante, ambiziosissima e manipolatrice; una donna che non lasciava spazio ai sentimentalismi; così come nella moda agli orpelli, al superfluo. Tutto in lei anelava all’essenzialità».  E poi ancora Coco amica di Stravinski, Picasso, Chagall, Cocteau, Edith Piaf; Coco appassionata mentre canta al Cafè Chantant la filastrocca da cui rubò il nome «Chi ha visto Coco al trocadero»; Coco che alla notizia della sua morte in un incidente stradale del suo grande amore Boy Capel corre sul luogo per toccare la lamiera che ancora fuma e sentire ciò che ha respirato per l’ultima volta; Coco collaborazionista del nazismo più che altro perchè le piaceva portarsi a letto gli ufficiali; Coco e l’immancabile Chanel n° 5, chiamato con il numero della boccetta contenente l’essenza prescelta: una vita degna del miglior foilleton, vissuto però sulla sua pelle.

 Una donna anticonformista e modernissima, molto concreta, sensuale (tra i suoi amanti anche i fratelli Kennedy), scaltra e coraggiosa, regina di stile ed eleganza. Insomma: Coco Chanel.
«Una favola di ieri che ha tanto da insegnare alla fugacità dei nostri tempi», dichiara infine Signorini.
E a chi gli domanda se oggi invece una vita da favola potrebbe definirsi quella di Noemi, risponde: «Secondo voi tra cento anni parleremo ancora di Noemi?».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Manu

    01 Agosto @ 23.26

    Speriamo che almeno di Chanel si sia informato un po' prima di scrivere le baggianate che ha scritto sulla Callas.... un gossipparo che viene preso seriamente. L'Italietta.....

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Ai David trionfa «La pazza gioia»

CINEMA

Ai David trionfa «La pazza gioia»

Belen in vestaglia in Qatar

Moto Gp

Belen in vestaglia in Qatar Foto

Medesano: al Bar sport come in Cina

pgn

Medesano: al Bar sport come in Cina Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Foto tratta dal sito ufficiale del ristorante

CHICHIBIO

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Lealtrenotizie

Gemellini borgotaresi salvano la vita alla mamma

Londra

Gemellini borgotaresi salvano la vita alla mamma

Femminicidio

La madre di Alessia: «Oggi compirebbe 40 anni»

Incidente

Ubriaco travolge tre ciclisti

Lavoro

Agricoltori contro l'abolizione dei voucher

Personaggi

Francesco Canali, messaggio di speranza ai malati di Sla

Intervista

Uto Ughi: «Un buon violino è come una Ferrari»

sondaggio

Le cose buone e belle di Parma? Boom di voti online

Lutto

Addio a Carlo Carli, pioniere del marketing

paura

Rogo in un garage a Salso, distrutte 4 auto: matrice dolosa? Video

carabinieri

Sushi senza "targa", sequestrati 55 chili di prodotti alimentari

Nas e Polizia municipale multano ristorante giapponese

5commenti

Parma

Ponte Romano: al via la riqualificazione. Previsto parcheggio da 40 posti sotto la Ghiaia

Lavori fino all'autunno: posata la prima pietra

13commenti

Fontanellato

L'ultimo saluto a Fernando Virgili, decano dei geometri

Carabinieri

Fidenza: donna trovata morta in piazza Gioberti

sicurezza

Via della Salute a Parma: sorvegliano i residenti

Comune

Parma, sconto sull'Imu per chi affitta a canone concordato

1commento

piazzale della pace

Fermato mentre scappa con una boutique (falsa) nello zaino: espulso dall'Italia

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

2commenti

LA BACHECA

Venti offerte per chi cerca lavoro

ITALIA/MONDO

NUORO

Sgominata banda: progettava il furto della salma di Enzo Ferrari

La polemica

Due ragazze indossano i leggings: United nega l'imbarco

SOCIETA'

western

Addio ad Alessandroni, il "fischio" più famoso del cinema Video

Economia

Stretta sui "compro oro". Ecco cosa cambia Video

SPORT

SPECIALE F1

Buona la prima: la Ferrari di Vettel è davanti a tutti

MOTOGP

Moto: mondiale si apre all'insegna di Viñales, suo gp Qatar

MOTORI

innovazione

La Fiat 500? Adesso si può noleggiare su Amazon

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017