Spettacoli

Il mito di Coco raccontato da Alfonso Signorini

Il mito di Coco raccontato da Alfonso Signorini
Ricevi gratis le news
1

Mariacristina Maggi

"Potete chiedermi tutto quello che volete, da Chanel a Berlusconi e Noemi, ma se è possibile portatemi del prosecco al posto dell’acqua».  E’ iniziata come un gioco la chiacchierata con il giornalista e direttore di Chi e Tv Sorrisi e Canzoni, Alfonso Signorini, lunedì a Villa Eden per presentare la sua seconda biografia femminile (dopo quella di Maria Callas) dedicata a Gabrielle Bonheur Chanel, in arte Coco Chanel, «Chanel. Una vita da favola» (Mondadori).
«Sono molto soddisfatto perché il libro ha già venduto 65 mila copie ed è in testa alle classifiche», ha subito dichiarato Signorini, sottolineando quanto per capire un personaggio sia importante conoscerne l’infanzia.
«Quella di Coco - ha raccontato - è stata un’infanzia negata, segnata dalla prematura morte della madre, da un padre rinnegato e dai soprusi e dalle angherie delle suore di clausura alle quali è stata affidata insieme alla sorella in tenerissima età; un passato che ritorna sempre, anche nei suoi frequenti incubi. Un passato che - guarda caso, proprio come per la Callas - alimenta la sua sfrenata ambizione e il desiderio di riscatto: un desiderio di grazia e bellezza capace di sanare un’infanzia e un’adolescenza segnate dalla tristezza».

Sull'ambizione di Coco Chanel Signorini si è soffermato più volte: «Dopo tanto dolore è stata una donna che si è costruita una corazza, apparentemente rigida (aveva giurato a se stessa di non piangere mai, ndr), distante, ambiziosissima e manipolatrice; una donna che non lasciava spazio ai sentimentalismi; così come nella moda agli orpelli, al superfluo. Tutto in lei anelava all’essenzialità».  E poi ancora Coco amica di Stravinski, Picasso, Chagall, Cocteau, Edith Piaf; Coco appassionata mentre canta al Cafè Chantant la filastrocca da cui rubò il nome «Chi ha visto Coco al trocadero»; Coco che alla notizia della sua morte in un incidente stradale del suo grande amore Boy Capel corre sul luogo per toccare la lamiera che ancora fuma e sentire ciò che ha respirato per l’ultima volta; Coco collaborazionista del nazismo più che altro perchè le piaceva portarsi a letto gli ufficiali; Coco e l’immancabile Chanel n° 5, chiamato con il numero della boccetta contenente l’essenza prescelta: una vita degna del miglior foilleton, vissuto però sulla sua pelle.

 Una donna anticonformista e modernissima, molto concreta, sensuale (tra i suoi amanti anche i fratelli Kennedy), scaltra e coraggiosa, regina di stile ed eleganza. Insomma: Coco Chanel.
«Una favola di ieri che ha tanto da insegnare alla fugacità dei nostri tempi», dichiara infine Signorini.
E a chi gli domanda se oggi invece una vita da favola potrebbe definirsi quella di Noemi, risponde: «Secondo voi tra cento anni parleremo ancora di Noemi?».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Manu

    01 Agosto @ 23.26

    Speriamo che almeno di Chanel si sia informato un po' prima di scrivere le baggianate che ha scritto sulla Callas.... un gossipparo che viene preso seriamente. L'Italietta.....

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

David Garrett

David Garrett

TEATRO REGIO

Cancellato il concerto di David Garrett

Renata Tebaldi conservata per l'eternità al Polo Nord

SCIENZA

Renata Tebaldi conservata per l'eternità al Polo Nord

Lo scandalo delle molestie sessuali si allarga a Broadway

Tom Schumacher è il produttore della versione musical di "Frozen"

Stati Uniti

Lo scandalo delle molestie sessuali si allarga a Broadway

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Elezioni del 4 marzo: come votare correttamente

VADEMECUM

Elezioni del 4 marzo: come votare correttamente

2commenti

Lealtrenotizie

Le ex Luigine continueranno ad esistere anche in futuro, la gestione passerà a Proges

tg parma

Le ex Luigine continueranno a esistere. La gestione passerà a Proges Video

meteo

Parma, allerta a livello giallo

1commento

Castell'arquato

Aggredisce moglie e figlio con chiave inglese: trasportati in fin di vita al Maggiore

squadra mobile

Preso il rapinatore (seriale?) con roncola della sala scommesse Il video del blitz

lettera aperta

Elezioni, le cinque richieste di Pizzarotti ai candidati

4commenti

viale bottego

Fiamme in studio dentistico: evacuato tutto il palazzo. Due intossicati Foto

Via Buffolara

«Prima mi ha investito e poi picchiato»

16commenti

TRAFFICO

Tamponamento risolto sulla tangenziale nord. Il traffico scorre

furti

Svaligiate le sedi delle associazioni per i disabili. E allora, "Caro ladro ti scrivo..."

1commento

tg parma

Parmigiano 60enne prestanome per una banda di ladri dell'Est Video

salute

Vincere il tumore: la testimonianza di tre parmigiani

Bonifica Parmense

Parte il progetto che metterà in sicurezza Bocca d'Enza

CURIOSITA'

Il colore del cartello è sbagliato: Langhirano diventa... provincia (o regione) Foto

Fidenza

Addio a Fabrizio «Fispo» Rivotti

amarcord

Le «innominabili case» (chiuse) che popolavano Parma: la mappa Foto

UNESCO

Città Creative per la Gastronomia: il progetto entra nel vivo

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Una scintilla per le idee. La vera vittoria di Parma 2020

di Marco Magnani

GAZZAFUN

Ex rimpianti e non: riconosci questi giocatori del Parma?

ITALIA/MONDO

SAN POLO D'ENZA

Operazione Copper Field: sgominata la banda del rame

Giustizia

Gli stupratori di Rimini "come iene sulla preda"

SPORT

tg parma

Gazzola: "Abbiamo piena fiducia nel mister" Video

6commenti

sport

La discesa d'Oro di una favolosa Sofia Goggia Foto

SOCIETA'

VELLUTO ROSSO

Gene Gnocchi, Pirandello e la danza Video

EDUCAZIONE

Femmine, maschi e gli stereotipi che ingabbiano

MOTORI

MOTO

I 115 anni di Harley-Davidson, si avvicina l'open day

PROVA SU STRADA

Il test: Mazda CX-5, feeling immediato