-2°

Spettacoli

Venezia, star e «made in Italy»

Venezia, star e «made in Italy»
0

Saranno, come l’anno scorso, quattro i film italiani a correre nella 66ª edizione della Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia (2-12 settembre). Ci sarà, come già annunciato, «Baarìa» di Giusppe Tornatore (film d’apertura) e poi «Il grande sogno» di Michele Placido, «Lo spazio bianco» di Francesca Comencini e «La doppia ora» di Giuseppe Capotondi.
Il poker  d’assi in concorso in questa edizione pesca  ancora una volta tra amarcord privati e storici («Baarìa» e «Il grande sogno»), nei sentimenti  materno-esistenziali («Lo spazio bianco») e, infine, nella deriva  horror-fantasy dell’unico film outsider, ovvero «La doppia ora», opera prima di Giuseppe Capotondi, filosofo, fotografo free-lance  e regista di video musicali. 

I quattro «azzurri»

Il kolossal «Baarìa» si annuncia come  una sorta di amarcord di Tornatore che propone fatti privati, e  non, con protagonista assoluta la sua Bagheria (Baarìa è il  nome fenicio della località). Un film sulla  sicilianità, che racconta tutto il Novecento attraverso l’amore  di Mannina e Giuseppe, dei loro padri e dei loro figli. Cast  stellare: da Monica Bellucci a Raoul Bova, da Enrico Lo Verso a  Michele Placido, da Vincenzo Salemme a Beppe Fiorello.   I  ricordi del «celerino» Michele Placido riaffiorano invece ne «Il grande sogno» che racconta quel Sessantotto in cui il regista era  ufficialmente dalla parte «sbagliata», tranne ovviamente che per  Pier Paolo Pasolini che difese in quegli anni i poliziotti in  una famosa lettera. Si parla, tra l’altro, di Placido  quando non era altro che un poliziotto proletario di stanza a  Roma, spesso costretto a picchiare controvoglia i  rivoluzionari-borghesi ufficialmente in lotta pro proletariato.    «Lo spazio bianco» di Francesca Comencini, tratto dall’omonimo  romanzo di esordio di Valeria Parrella, si annuncia come  una storia dai risvolti sentimental-esistenziali. Lo spazio del titolo non è altro che il «periodo di non-vita», ovvero i cinquanta giorni di attesa della mamma di una  bimba nata prematura. Cinquanta giorni in cui la piccola Irene  dovrà imparare a respirare, alimentarsi da sola, con in gioco la sua  stessa sopravvivenza. E tutto questo mentre la madre Maria è  stata appena lasciata dal padre della bambina, e sta cadendo in  una sottile depressione.  «La doppia ora», esordio di Giuseppe Capotondi, esce un po' fuori dal coro. Protagonista è Sonia, cameriera d’hotel che viene da  Lubiana con uno strano passato. La donna si ritrova ad avere una  storia con Guido, ex poliziotto che lavora come custode in una  villa fuori città. Sta per innamorarsi di lui quando Guido  muore. A questo punto la singolare elaborazione del lutto di  Sonia fa tornare prepotentemente il  passato, e lo stesso Guido sembra tornare dal mondo dei  morti. È solo lei a vederlo o è la sua mente che vacilla?

America oggi
Al Lido, in controtendenza con quanto successo a  Cannes, si segnala anche il ritorno degli americani, compreso il controverso Michael  Moore che presenterà in concorso il suo ultimo  documentario «Capitalism: a love story». Un debutto al Lido, il suo, che, insieme a quello del tedesco di origine turca Fatih Akin  («Soul kitchen»), inorgoglisce il  direttore artistico Marco Müller Da parte di Müller, la consapevolezza che il ritorno degli americani al Lido (ben 15 lungometraggi e due documentari)  nasce sia dalla buona sinergia con il Festival di Toronto sia  (ma non lo dice espressamente) per una sorta di felice «offerta» dopo il gap dello sciopero degli  sceneggiatori.  «Il cinema americano è vivo», tiene a dire  Müller, che spiega come sia andato a pescare prevalentemente  in quel cinema Usa prodotto «da nuove società e anche da  privati». Nessun «fil rouge» lega, invece, i film scelti nelle varie sezioni, «ma solo le mille sfaccettature del nostro  presente. Mai dal 2004 c'è stato un numero di Paesi partecipanti così alto, mai tante opere prime e seconde». Sulle proteste contro i tagli al Fus: «Non è una novità  che lo spazio dei festival sia servito sempre anche per fare  tutti insieme questo tipo di confronti».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La solignanese Giulia De Napoli vince 85mila euro all'«eredità»

RAI UNO

Giulia De Napoli di Solignano vince 85mila euro all'«Eredità»

1commento

All’asta su Catawiki la Seat 1430 di Julio Iglesias

AUTO

All’asta su internet la Seat 1430 di Julio Iglesias

1commento

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

pgn feste

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Pasticcio di patate formaggi e verdure

LA PEPPA 

La ricetta - Pasticcio di patate formaggi e verdure

Lealtrenotizie

Pizzarotti

intervista

Pizzarotti a Radio Parma: "Pronto progetto per piazza della Pace" Diretta

2commenti

DELITTO DI NATALE

Gli investigatori tornano nella casa dell'assassino

1commento

TERREMOTO

Le offerte dei lettori per il centro Italia: ecco cosa è stato consegnato

incidente

San Polo di Torrile, auto fuori strada: un ferito

Campagna elettorale

Pizzarotti candidato. E i Cinque stelle?

2commenti

Blackout

Zibello senza luce, scoppia il caso

NOCETO

Tecnico cade da una scala e batte la testa: è grave Video

CALCIO

D'Aversa ha scelto Frattali

la bacheca

56 opportunità per chi cerca lavoro

ACCIAIO

S.Polo Lamiere acquisisce la Tecnopali

Progetto

Cento studenti mandano una sonda nello spazio

IL 29 AL REGIO

Niccolò Fabi: «Il disco della solitudine»

ricandidatura

Pizzarotti: "Saremo civici veri" Video - Critiche dall'opposizione Video

Alleanze? "Tutti sono ben accetti ma il tema dei partiti non ci ha mai appassionato"

4commenti

San Leonardo

Picchiata e scaraventata giù da un'auto in via Doberdò

Prende corpo l'ipotesi di una lite per motivi personali

28commenti

parma

Ladro "seriale" dei supermercati colto sul fatto e denunciato

Rimini

I gelati migliori d'Italia: Parma e Salso al top nella guida del Gambero Rosso

Gli ispettori della guida hanno assegnato i "tre coni" a 36 gelaterie in tutto il Paese

6commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

Rigopiano

Ora il piccolo Edoardo sa della morte dei genitori

industria

Trump alza il primo muro: Usa fuori dal TPP

SOCIETA'

PADOVA

Orge in canonica, don Cavazzana ai fedeli: "Pregate per me"

3commenti

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

13commenti

SPORT

Formula 1

Ecclestone: "Mi hanno licenziato"

lega pro

Reggiana: Colucci esonerato. Arriva Menichini 

MOTORI

Prova su strada

Renault Scenic, adatta a tutto (e tutti)

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto