20°

31°

Spettacoli

Venezia, star e «made in Italy»

Venezia, star e «made in Italy»
0

Saranno, come l’anno scorso, quattro i film italiani a correre nella 66ª edizione della Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia (2-12 settembre). Ci sarà, come già annunciato, «Baarìa» di Giusppe Tornatore (film d’apertura) e poi «Il grande sogno» di Michele Placido, «Lo spazio bianco» di Francesca Comencini e «La doppia ora» di Giuseppe Capotondi.
Il poker  d’assi in concorso in questa edizione pesca  ancora una volta tra amarcord privati e storici («Baarìa» e «Il grande sogno»), nei sentimenti  materno-esistenziali («Lo spazio bianco») e, infine, nella deriva  horror-fantasy dell’unico film outsider, ovvero «La doppia ora», opera prima di Giuseppe Capotondi, filosofo, fotografo free-lance  e regista di video musicali. 

I quattro «azzurri»

Il kolossal «Baarìa» si annuncia come  una sorta di amarcord di Tornatore che propone fatti privati, e  non, con protagonista assoluta la sua Bagheria (Baarìa è il  nome fenicio della località). Un film sulla  sicilianità, che racconta tutto il Novecento attraverso l’amore  di Mannina e Giuseppe, dei loro padri e dei loro figli. Cast  stellare: da Monica Bellucci a Raoul Bova, da Enrico Lo Verso a  Michele Placido, da Vincenzo Salemme a Beppe Fiorello.   I  ricordi del «celerino» Michele Placido riaffiorano invece ne «Il grande sogno» che racconta quel Sessantotto in cui il regista era  ufficialmente dalla parte «sbagliata», tranne ovviamente che per  Pier Paolo Pasolini che difese in quegli anni i poliziotti in  una famosa lettera. Si parla, tra l’altro, di Placido  quando non era altro che un poliziotto proletario di stanza a  Roma, spesso costretto a picchiare controvoglia i  rivoluzionari-borghesi ufficialmente in lotta pro proletariato.    «Lo spazio bianco» di Francesca Comencini, tratto dall’omonimo  romanzo di esordio di Valeria Parrella, si annuncia come  una storia dai risvolti sentimental-esistenziali. Lo spazio del titolo non è altro che il «periodo di non-vita», ovvero i cinquanta giorni di attesa della mamma di una  bimba nata prematura. Cinquanta giorni in cui la piccola Irene  dovrà imparare a respirare, alimentarsi da sola, con in gioco la sua  stessa sopravvivenza. E tutto questo mentre la madre Maria è  stata appena lasciata dal padre della bambina, e sta cadendo in  una sottile depressione.  «La doppia ora», esordio di Giuseppe Capotondi, esce un po' fuori dal coro. Protagonista è Sonia, cameriera d’hotel che viene da  Lubiana con uno strano passato. La donna si ritrova ad avere una  storia con Guido, ex poliziotto che lavora come custode in una  villa fuori città. Sta per innamorarsi di lui quando Guido  muore. A questo punto la singolare elaborazione del lutto di  Sonia fa tornare prepotentemente il  passato, e lo stesso Guido sembra tornare dal mondo dei  morti. È solo lei a vederlo o è la sua mente che vacilla?

America oggi
Al Lido, in controtendenza con quanto successo a  Cannes, si segnala anche il ritorno degli americani, compreso il controverso Michael  Moore che presenterà in concorso il suo ultimo  documentario «Capitalism: a love story». Un debutto al Lido, il suo, che, insieme a quello del tedesco di origine turca Fatih Akin  («Soul kitchen»), inorgoglisce il  direttore artistico Marco Müller Da parte di Müller, la consapevolezza che il ritorno degli americani al Lido (ben 15 lungometraggi e due documentari)  nasce sia dalla buona sinergia con il Festival di Toronto sia  (ma non lo dice espressamente) per una sorta di felice «offerta» dopo il gap dello sciopero degli  sceneggiatori.  «Il cinema americano è vivo», tiene a dire  Müller, che spiega come sia andato a pescare prevalentemente  in quel cinema Usa prodotto «da nuove società e anche da  privati». Nessun «fil rouge» lega, invece, i film scelti nelle varie sezioni, «ma solo le mille sfaccettature del nostro  presente. Mai dal 2004 c'è stato un numero di Paesi partecipanti così alto, mai tante opere prime e seconde». Sulle proteste contro i tagli al Fus: «Non è una novità  che lo spazio dei festival sia servito sempre anche per fare  tutti insieme questo tipo di confronti».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Bidonata" alle nozze porta gli invitati al ristorante. Risarcimento in arrivo?

sassari

"Bidonata" alle nozze porta gli invitati al ristorante. Risarcimento in arrivo?

«Io, pastore di giorno e pole dancer di sera»

PERSONAGGI

«Io, pastore di giorno e pole dancer di sera» Foto

Grande Fratello UK

televisione

Rissa al Grande Fratello UK: interviene la security Video

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Cani da adottare

ANIMALI

Cani da adottare

Lealtrenotizie

Siccità: in pianura la falda ha autonomia solo per altri 70-90 giorni

EMERGENZA

Siccità: in pianura la falda ha autonomia solo per altri 70-90 giorni Video

furto

Folle notte al Barino, video 1: i ladri se ne vanno con la cassa, video 2  il secondo "visitatore" con 2 bottigliette d'acqua

7commenti

Crisi pd?

Bonaccini: "Peccato, Parma poteva essere un laboratorio nazionale"

1commento

autostrada

Pomeriggio di code e traffico intenso tra Fiorenzuola e Parma in A1

musica

Silvia Olari ci racconta "Fuori di Testa" Videointervista

Consigliera marocchina

Nabila: «Io, al servizio di Parma»

29commenti

Il personaggio

Spadi, il maturando che dirigerà il Consiglio

15commenti

l'attimo

Ballando sotto la pioggia La foto fa boom di clic

1commento

L'INTERVISTA

Pizzarotti: «Bocciata la politica che sa solo criticare»

12commenti

Lutto

Di Camillo, il sorriso sopra il camice

1commento

Via Venezia

Devastati gli orti sociali

4commenti

FIDENZA

Bagno notturno alla Guatelli: giovani multati

2commenti

IL CASO

Omicidio di Alessia, nessun accordo per l'estradizione: Jella processato in Tunisia

Poggio di Sant'Ilario

L'ivoriano temeva di essere lasciato dalla moglie

PARMA

Vento e forte pioggia: danni a Marore e Monticelli, rami in strada in città Foto

Le foto dei lettori (scarica l'app Gazzareporter per inviarci foto e video)

6commenti

PARMA

Scontro auto-bici in via Europa: grave una 16enne

17commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il Parma è l'esempio per la rinascita della città

di Michele Brambilla

3commenti

EDITORIALE

Pd, quanti errori dietro l'ennesima batosta

di Stefano Pileri

3commenti

ITALIA/MONDO

MANTOVA

Il "re dei ristoranti" finisce ai domiciliari per truffa

lutto

E' morto Paolo Limiti: conduttore e paroliere. Scrisse per Mina - Gallery - Video

SOCIETA'

INFORMATICA

Maxi attacco hacker in Russia e Ucraina

Gallery sport

Lo spettacolo del beach volley Gallery

SPORT

vela

Coppa America, trionfo New Zealand. Primo sfidante Luna Rossa. Azzurra? Forse torna

vela

America's Cup, trionfo New Zealand

MOTORI

OPEL

Grandland X, via agli ordini. Si parte da 26 mila euro

MINI SUV

Citroën: la C3 Aircross in tre mosse