21°

Spettacoli

All'università del blues con il «professor» Robben Ford

All'università del blues con il «professor» Robben Ford
0

di  Francesco Monaco

Avete presente quei ricercatori universitari che per rivolgersi più direttamente alla comunità scientifica si collegano in teleconferenza? Ecco, Robben Ford - classe 1951, pluridecorato «accademico» del blues/jazz - preferisce collegare la Telecaster, schiacciare il pedale e far sgorgare la «lezione» direttamente dalla sua sei corde. 
E l’altra sera, tra i circa ottocento spettatori dell’arena del Parco San Rocco di Sant'Ilario d’Enza (nell’ambito dello Slang Festival co-organizzato dall’agenzia parmigiana Kolosseo), non erano pochi gli «addetti al lavori» venuti ad abbeverarsi alla fonte di questo autentico luminare della chitarra, mito di nicchia almeno in Italia, dov'è molto più conosciuto tra chi suona che non tra chi ascolta: c'erano tra gli altri il suo collega milanese-parmigiano Luca Colombo (attualmente in tour con Max Pezzali) e - a sorpresa, ma non troppo - il sovrintendente del Teatro Regio Mauro Meli, che è pur sempre diplomato in chitarra (benchè classica) e non fa certo mistero di coltivare interessi artistici anche al di fuori dell’ambito operistico-sinfonico. 
Robben Ford, che su disco tende a lucidare la patina fusion del suo verbo musicale con fiati e tastiere, quand’è in tour si presenta invece come ai tempi dei Blue Line - nella più rigorosa formazione a triangolo, attualmente composta dal batterista Toss Panos (autenticamente greco, a differenza... dell’anfiteatro che fa da location al concerto) e dal bassista Travis Carlton (figlio di cotanto Larry), entrambi di chiara estrazione jazz. Del resto, l’attrazione fatale di Ford per il jazz è risaputa ed è anche alla base della sua «unicità»: conseguenza delle sue numerose frequentazioni ad altissimo livello che vanno dalla Joni Mitchell periodo Mingus al Miles Davis degli anni '80, non a caso due artisti diversissimi ma accomunati dalla massima libertà creativa. 
Robben Ford, inconfondibile criniera indiana e una magrezza da punk-rocker newyorchese degli anni '70, ha attaccato con due pezzi tratti dal recente album «Truth», entrambi dal titolo significativo: «Lateral climb» (la sua «scalata» all’Olimpo dei grandi è stata pur sempre laterale e non diretta) e «How deep in the blues (do you want to go)», quasi a chiedere alla platea quando in profondità volesse penetrare nell’atmosfera più autentica della musica del diavolo. 
La risposta, dopo lo strumentale «Indianola» e la nuovissima «Don't worry about me» (fa parte di «Soul on ten», in uscita in agosto, quasi interamente inciso dal vivo), la dà lui stesso: «E adesso un po' di blues», dice alla platea quasi a rassicurarla sulle sue intenzioni, esprimendosi in un discreto italiano, frutto delle sue frequenti tournée nel nostro Paese (il gesto di scacciare via i fotografi da sotto il palco, quello è invece internazionale). 
Arrivano allora «Nothing to nobody», con strepitoso assolo di basso di Carlton - quelli di Ford, manco a dirlo, non si contano - qualche classico tipo «Spoonful» di Willie Dixon (già cavallo di battaglia del triangolo d’oro dei Cream), «Please set a date» di Elmore James e una «There will never be another you» in cui trova il modo di infilare il riff di «Smoke on the water». Alternando la Telecaster a una Les Paul e a un’altra di liuteria giapponese, il californiano rivela tutta la sua ricchezza timbrica e l’attitudine jazzy del fraseggio senza mai tradire lo spirito di chi lo benedice da lassù (Stevie Ray Vaughan più di Jimi Hendrix) e di chi - per sua fortuna - è ancora tra noi (BB King, Buddy Guy). Insomma, un’impeccabile dimostrazione d’altissima classe dove la barriera tra il performer e la platea - quella per intenderci che inevitabilmente separa il «cattedratico» dai suoi adepti - viene assottigliata dal suo stile comunicativo e mai freddo, che poi è un altro dei suoi marchi di fabbrica. 
Unico appunto: concerto un po' breve, appena sopra l’ora e mezza, e un solo bis, anche se poi la lunga fila di cacciatori d’autografi verrà accontentata senza problemi. 
Pensierino finale: l’anno scorso Robben Ford ha suonato a Casalmaggiore, stavolta a Sant'Ilario: non che siano località irraggiungibili, ma sarebbe comunque un bel segnale se, in occasione di un suo prossimo tour italiano, a noi parmigiani venisse concessa la grazia di ascoltarlo nella nostra provincia, senza dover sempre «sconfinare» al di là di un fiume.  
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

Salsomaggiore

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

3commenti

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: 1985 - Il "nuovo" Ponte Italia

Highlander: San Patrick's

Pgn

Highlander: San Patrick's, le foto della festa

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

musica

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

Lealtrenotizie

Razziava gli armadietti di una piscina, 33enne arrestato

collecchio

Razziava gli armadietti di una piscina, arrestato un 33enne Video

musica

Inaugurato il Centro Toscanini: guarda chi c'era Fotogallery

soccorso alpino

Pietra di Bismantova, il ferito è un 43enne di Carpi Il video del salvataggio

Cede un chiodo durante la ferrata: cade nel dirupo

Tg Parma

Tariffa rifiuti in aumento? Federconsumatori: "Una beffa" Video

Dopo l'assoluzione

Raffaele Sollecito: «La mia vita riparte da Parma»

"Vivo a Barriera Bixio, lavoro e ho buoni amici"

12commenti

Porte aperte all'Ospedale vecchio: tutti in coda con il FAI Fotogallery

Giornate di primavera: domenica si visita l'Università

allarme

Piazzale Lubiana, trovata polpetta con chiodi: chiusa l'area cani

4commenti

polizia

Emergenza furti: razzia di vestiti nella notte allo Spip Video

PARMA CALCIO

Intitolato a Tito Mistrali il campo da calcio di via Taro

Esordì nel 1925. Era il bomber con la "retina"

1commento

AGENDA

Un weekend alla scoperta dei castelli

Sentenza

Multa ingiusta. E stavolta è Equitalia che deve pagare

2commenti

Formaggio

La grana del grana

Profughi

«Lasciati senza cibo per 7 giorni»

9commenti

Autosole

L'ambulanza tampona, il paziente a bordo trasferito sull'elicottero

Medicina

L'osteopatia nella cura della endometriosi

Da uno studio fatto a Parma nuove speranze per combattere una malattia che colpisce il 10% delle donne in età fertile

sport

Alberto Scotti presidente nazionale dei Veterani dello sport

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

EDITORIALE

Truffe, anziani e soldi sotto il materasso

di Carlo Brugnoli

1commento

ITALIA/MONDO

stanotte

Torna l'ora legale: ricordarsi di mandare avanti le lancette

Intervista

"Nessuno può fermarmi": un romanzo ricorda la tragedia dell'Arandora Star Video

WEEKEND

FOODBLOGGER

Video-ricetta: la tartare di tonno e stracciatella secondo Eleonora Rubaltelli

cinema

Weekend ricco al cinema: i due consigli del CineFilo Video

SPORT

Motogp

Qualifiche annullate, griglia basata sulle libere: Vinales in pole, Rossi lontano

Rugby

Il Munster passa al "Lanfranchi", Zebre battute

MOTORI

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017

restyling

Mercedes, ora la GLA è più alta e più connessa