-1°

Spettacoli

Abbey Road: i 40 anni di una foto-mito

Abbey Road: i 40 anni di una foto-mito
Ricevi gratis le news
4

Esattamente quarant'anni fa (8 agosto 1969) i Beatles attraversavano in fila indiana Abbey Road, la strada che passa davanti ai celebri studi di registrazione. Quella foto, nata quasi per caso e senza troppo pensare, è diventata immediatamente una delle immagini-icona del nostro tempo e ha generato, negli anni, una teoria senza fine di repliche, più o meno illustri.
Certo, a contribuire al mito fu senz'altro l’album in sè. Ovvero quell'Abbey Road, che finì per vendere 12 milioni di copie e diventare una pietra miliare della musica Rock. Ecco perchè oggi  migliaia di fan hanno deciso di recarsi al famoso passaggio pedonale per celebrare quel mitico giorno. 

Ian Macmillan, il fotografo che scattò la foto, scomparso nel 2006, ha più volte raccontato che c'impiegò solo 10 minuti, appollaiato su una scala piazzata in mezzo alla strada, a scattare una manciata di foto alla band che attraversava le strisce. Alla fine fu però John Kosh, all’epoca il 22enne direttore creativo di Abbey Road, a prendere la decisione finale di usare quella foto come copertina dell’album.
«In realtà avevamo un bel problema», ha ricordato all’Independent Kosh, «perchè era un lunedì e la EMI aveva bisogno della copertina per mercoledì». «Il mio maggior contributo – ha proseguito – è stato però quello d’insistere sul fatto che non avevamo bisogno di scrivere 'the Beatles' sulla copertina: erano la band più famosa del mondo. L'etichetta era disperata. 'Non venderemo una copia', dissero, 'se non diciamo al pubblico chi sonò. Ma alla fine l’ho spuntata».

I fans a Abbey Road 40 anni dopo (foto)

Quella copertina è anche diventata un incubo, per gli automobilisti che percorrono l’altrimenti tranquilla Abbey Road: da allora, infatti, legioni di turisti e devoti dei Beatles si scattano la medesima foto nella medesima posizione. Il traffico di Londra, in questi ultimi 40 anni, è però ben aumentato. - Guarda il video della BBC su You Tube

Chi erano i Beatles? Che cosa resta di loro 40 anni dopo Abbey Road? Dite la vostra nello spazio commenti

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Matusalem

    09 Agosto @ 11.15

    Non c'è titolo di articolo più azzeccato di questo, bravi! "una foto mito" perchè del resto di mito c'è ne poco. poi nel gossip la notizia sta da Dio!! pop melodico noioso e patetico!! mille volte meglio i pink floyd se proprio si vuole rimanere nel pop rock....

    Rispondi

  • franco

    08 Agosto @ 18.12

    CRO DIRETTORE SONO D' ACCORDO CON TE!!!! MEGLIO LA BUONA MUSICA DEI NOSTRI TEMPI KE QUELLE MINKIATE DI OGGI!!! MA FORSE PARLAVANO COSI' ANKE I NOSTRI GENITORI!!!!

    Rispondi

  • gazzettadiparma.it

    08 Agosto @ 16.30

    Franco, hai ragione: tutte le scuse sono buone. Ma, per rispondere alla seconda parte della tua domanda, credo ancora che siano i più grandi (anche se molte cose sono ovviamente datate). E quindi, credo che farli conoscere anche ai ragazzi di oggi (non solo loro: anche Genesis, Pink Floyd, ecc. ecc.) sia una buona cosa. Poi la nostalgia fa il resto... Ciao.

    Rispondi

  • franco

    08 Agosto @ 16.21

    TUTTE LE SCUSE SONO BUONE.....VERO DIRETTORE!!!!! QUANDO SI TRATTA DEI BEATLES..........! MA SCUSI DIRETTORE.........CHI ERANO I BEATLES????

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Nadia Toffa

Nadia Toffa

TELEVISIONE

Nadia Toffa racconta i momenti del malore. Stasera in onda alle "Iene"

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

14commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Torta di stelline

LA PEPPA

La ricetta natalizia - Torta di stelline

Lealtrenotizie

Un uomo cl 54, tratto in arresto per il reato di atti persecutori

salsomaggiore

Perseguita l'ex convivente e le incendia l'auto: arrestato 63enne

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

INCIDENTI

Frontale sulla provinciale per Medesano: due feriti, uno è grave

Aveva 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

Cordoglio in città e nella Valtaro per l'improvvisa scomparsa

1commento

salute

Oculistica, premiata la ricerca targata Parma

2commenti

Gara

La grande sfida degli anolini

2commenti

carabinieri

Altre 37 dosi fiutate dal cane antidroga nei cespugli di viale dei Mille

13commenti

dopo l'alluvione

Don Evandro: "A Lentigione la luce ha vinto sulle tenebre: grazie volontari!"

WEEKEND

La domenica ha il sapore dei mercatini. Natalizi, ovviamente L'agenda

Il dopo alluvione

Colorno, in via Roma sarà un Natale al freddo

IL CASO

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

I «casi» di via Abbeveratoia, via Zarotto e via Montebello

1commento

calcio

Contro il Cesena il Parma deve accontentarsi

Al Tardini il primo 0-0 dell'anno

LUTTO

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

Centro storico

Giardini di San Paolo tra chiusure e rifiuti

3commenti

tg parma

Furti in due abitazioni a Colorno Video

FIDENZA

Città in lacrime per Andrea Amadè

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

REGNO UNITO

Brexit? Adesso la maggioranza degli inglesi non la vuole più

1commento

libano

Diplomatica inglese violentata e uccisa

SPORT

FORMULA 1

Gunther Steiner: «Dallara Haas, piccoli progressi»

Cus Parma

Minibasket: la carica dei 100 al Palacampus Fotogallery

SOCIETA'

Economia

Tecnologia sotto l'albero a Natale, il gadget è "low-cost"

STATI UNITI

Ultimo volo del Boeing 747: tramonta l'era del jumbo

MOTORI

IL TEST

Mazda CX-3, l'eleganza del crossover

MOTO

Bici o moto? La prova di Bultaco Albero 4.5