Spettacoli

Il Rossini Festival si arrampica sulla «Scala di seta»

Il Rossini Festival si arrampica sulla «Scala di seta»
0

di Gian Paolo Minardi

Dopo la monumentale, problematica «Zelmira» che ha aperto questa 30ª edizione del Festival le lancette sono tornate indietro di dieci anni riportando l’ascoltatore, per il secondo appuntamento, al 1812, l’anno magico in cui il non ancora ventenne Rossini sfornò ben cinque opere, prima sorprendente esplosione di una genialità, quasi sconcertante per la ricchezza prorompente d’invenzioni. 
Tre di queste opere erano le farse commissionate dal veneziano teatro di San Moisé, cui sono appunto legati i primi successi del musicista, «L’inganno felice», «La scala di seta» e «L'occasione fa il ladro». Come per «Zelmira» anche per «La scala di seta» si trattava di un ritorno al «ROF», in un nuovo allestimento firmato da Damiano Michieletto per la regìa e da Paolo Fantin per scene e costumi; spettacolo concepito con una «verve» che ha incatenato il pubblico e che ha assicurato un fragoroso successo alla serata; lo stesso coinvolgimento, probabilmente, che animò il pubblico veneziano la sera del 9 maggio 1812, divertito dalla vicenda della giovane Giulia, costretta dall’opposizione del burbero tutore e dall’invadenza appiccicosa di un servitore a incontrare clandestinamente il marito che la raggiunge di notte grazie appunto ad una scala di seta; soltanto che allora era tutto in presa diretta, il gioco farsesco strettamente innervato con quello musicale, a sua volta regolato da un codice rispetto al quale il segno trasgressivo di Rossini faceva scoccare scintille, cosa che l’altra sera era assai difficile cogliere, rimanendo la lettura visiva del tutto autonoma da quella musicale, modestissima questa. 
E proprio la vivacità con cui Michieletto ha concepito la sua regia ha in certo qual modo agito quale surrogato alle carenze musicali, quasi che quella carica irresistibile che il pesarese libera da questa partitura, ricchissima di spunti - il giovane Rossini non faceva ancora economia del proprio talento - trovasse uno sfogo nell’azione, nella stessa concezione della scena, ribaltata, come in «Zelmira» ma qui con ben altra proprietà, dal gioco simmetrico del grande specchio che consentiva di seguire anche dall’alto il frenetico andirivieni nell’appartamento - ovviamente un appartamento dei nostri giorni - che un pure frenetico architetto è andato allestendo durante la sinfonia, che tra quelle giovanili è senza dubbio la pagina più estrosa e più avvincente. L’appartamento, appunto, creato secondo i moduli standard delle riviste di arredamento, é il centro delle mille sortite che il giovane regista veneziano va innescando, con l’adesione ben partecipata dei cantanti-attori che parevano quasi protagonisti di uno di quegli insensati «reality» televisivi, nella sequenza dei tanti gesti che scandiscono la giornata e dei tanti ingredienti che la sostanziano, l’aperitivo, il cambiarsi d’abito, la ginnastica, il detersivo, e via dicendo. 
Perché, in effetti, dietro il divertimento immediato la sensazione che andava prendendo corpo era proprio la banalità di tale insensatezza vitalistica, rimanendo il percorso musicale un fondale sordo; spesso imbarazzante per gli evidenti squilibri che la bacchetta rigida di Claudio Scimone non riusciva ad evitare entro le file di un’orchestra poco sollecitata quale pareva l’altra sera la Haydn di Bolzano e Trento come pure nel rapporto con il palcoscenico. Da ciò una rigidezza che imprigionava il passo ritmico, artificioso e privato di quella freschezza che traspira da questa premonitrice, felicissima partitura; quanto poi alle istanze vocali che essa pone va detto che la buona volontà degli interpreti, dalla Giulia di Olga Peretyatko alla Lucilla di Anna Malavasi mentre il versante maschile vedeva in scena Daniele Zanfardino, José Manuel Zapata, Carlo Lepore e Paolo Bordogna, non era sufficiente a sollevare il velo di un’invadente mediocrità e di una fastidiosa irrisolutezza.
 Francamente da un Festival che ha alle spalle una tradizione ben consolidata ci si aspetterebbe un’attenzione più decisa per evitare queste zone d’ombra e pure l’«escamotage» compensativo dell’espediente registico, pur dal tocco felice come questo di Michieletto. Ma in fondo il pubblico si è divertito distribuendo a tutti applausi a profusione... 
 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

invito a cena

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

ARICCIA

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

Bertolucci, Maria sapeva tutto tranne uso del burro

giallo "Ultimo tango"

Bertolucci: "Maria sapeva tutto tranne del burro"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

autovelox

CONTROLLI

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Truffa-furto del finto soccorso stradale: nuove segnalazioni

collecchio-noceto

Truffa-furto del finto soccorso stradale: nuove segnalazioni

il fatto del giorno

Referendum e dimissioni: "Non è la fine politica di Renzi"

parma calcio

Vagnati Ds: lo "accoglie" D'Aversa: "Felice di averlo al mio fianco"

traversetolo

Ucciso da forma di Parmigiano: condannato il produttore della "spazzolatrice"

Galà e premiazioni

Cus: parata di campioni e di sorrisi Fotogallery

BASSA

Lutto a Sorbolo per la morte di Ilaria, uccisa da una malattia a 30 anni

Analogie

Il Parma sulle orme del "miracolo" Fiorentina 2002?

Cambio d'allenatore, innesti di mercato: da metà classifica alla B. Era il 2002. E c'era Evacuo

Incidente

Scontro auto-camion in tangenziale a Collecchio: ferita un'anziana

giudice sportivo

Due giornate a Lucarelli, ci sarà per il derby

Tifosi, lancio di bottiglie: 2.500 euro di multa

1commento

paura

La bimba resta a terra, il treno parte con la mamma

La "bimba" è stata accudita da un'agente della Polfer

Referendum

Il No vince con il 59,11% in Italia, nel Parmense ottiene il 52,63%

13commenti

salso

L'ultimo, commovente, saluto al giovane Lorenzo

I funerali del 15enne prematuramente scomparso

Parma

Calci e pugni alla moglie per anni: condannato

4commenti

Strajè

"Costretta" a fare ricerca all'estero. Il sogno di Maria Chiara: tornare a Parma Video

Duri esami in inglese e tedesco e tecniche innovative in Svizzera: ecco l'esperienza di una 28enne di Roccabianca

1commento

feste

Prove di illuminazione dell'albero di Natale in piazza Gallery

tg parma

Pizzarotti: "Referendum, a Parma debole il movimento per il No" Video

9commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Ci sarebbe, magari, un "grazie" da dire

di Michele Brambilla

8commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

La verità può nascondersi ma c'è

ITALIA/MONDO

Governo

Mattarella chiede a Renzi di congelare le dimissioni: "Bilancio da approvare"

cagliari

Uccise i genitori adottivi, 28enne si impicca in carcere

SOCIETA'

televisione

Belen e Cuccarini, il sexy tango infiamma la tv

musica

La canzone di Natale di Radio Dj. Torna Elio e...c'è Valentino Video

SPORT

16a giornata

Parma - Bassano 1-1 Gli highlights

secondo allenamento

D'Aversa, subito alle prese con le assenze in difesa Video

MOTORI

GRUGLIASCO

Prodotta la Maserati numero centomila

NOVITA'

Q2, l'Audi che farà strage di cuori (femminili)