15°

29°

Lirica

"Ampollini, amico ironico e sincero"

Il grande baritono ricorda il presidente di Parma Lirica a un anno dalla scomparsa

"Ampollini, amico ironico e sincero"

Paolo Ampollini e Leo Nucci

Ricevi gratis le news
0

Ricorre oggi il primo anniversario della scomparsa di Paolo Ampollini, storico presidente di Parma Lirica, personaggio notissimo in città come grande appassionato d’opera e titolare di uno dei più antichi mobilifici. Leo Nucci, il grande baritono tante volte applaudito al Teatro Regio, cittadino onorario di Parma e fraterno amico di Paolo Ampollini, lo ricorda con queste affettuose parole.

E'passato un anno, ma quel giorno tremendo non l’ho dimenticato. Ero a Bilbao per lavoro quando mi chiamarono per darmi la notizia. Rivivo l’angoscia del momento, il dolore acuto. E ancora non riesco a darmi pace per non essere riuscito a essere presente al suo funerale. Avevo trovato un volo privato: sarei arrivato a Parma al mattino, per l’ultimo saluto a Paolo, e poi sarei subito ripartito per la Spagna perché dovevo cantare la sera stessa. Purtroppo, il cattivo tempo impedì il decollo. E mi è rimasto questo grande dolore dentro. A Paolo mi univa veramente un’amicizia fraterna, lo consideravo un fratello maggiore. Ci eravamo conosciuti nel 1976, a una serata dell’orchestra dell’Ater, quando ancora non si chiamava «Toscanini». Mi aveva parlato di Parma Lirica e mi aveva invitato per un concerto. Era nata subito una reciproca simpatia, che poi negli anni si è trasformata in un rapporto di grande stima e fraternità. Paolo amava le battute, gli piaceva stuzzicare, ma sempre con grande signorilità. E a me, sangue toscano ed emiliano insieme, piaceva stare al gioco e rispondere per le rime. Le nostre telefonate, che mi mancano tanto, cominciavano spesso con un suo canzonatorio «Buongiorno, caro maestro», cui rispondevo sullo stesso tono «Caro commendatore, lei come sta?». E via una sfilza di battute, da una parte e dall’altra, ma sempre con una complicità che non aveva bisogno di spiegazioni. A volte, era un affettuoso provocatore. Quando arrivavo a Parma Lirica per un concerto, gli piaceva ricevermi sotto un grande ritratto di un altro baritono. Una volta, dopo una serata al circolo, mi diede un premio al «mancato campione del ciclismo che ha preferito diventare un mediocre cantante». Mi mancano le sue battute e mi manca anche la sua dirittura morale. Nonostante la confidenza che c’era fra noi, non l’ho mai sentito parlare male di qualcuno o fare commenti negativi su qualche cantante. Sapevo che non tutti gli piacevano, ma in lui c’erano una forma di riguardo e un’educazione profonda che gli impedivano comunque di pronunciare parole sgradevoli. Se faceva qualche critica, la faceva con garbo. Un episodio: Ballo in maschera di apertura della stagione 1989 al Regio. Il giorno prima avevo dovuto sottopormi a un servizio fotografico per una rivista americana. Erano venuti apposta a Parma e a Lodi, a casa mia, per fotografarmi nei panni di ciclista. Era gennaio, c’era un gran freddo, e così la sera della prima avevo un gran raffreddore. Non volli che il teatro annunciasse l’indisposizione prima della recita, è una cosa che non mi è mai piaciuta. Ma il pubblico, naturalmente, se ne accorse. Nell’intervallo, Paolo venne a trovarmi in camerino: «Che cosa ti succede, sembra che tu abbia dell’ovatta nella bocca… Perché non hai fatto annunciare che non stai bene?». E io: «Perché tanto ve ne siete accorti lo stesso…». «Bravo, questo è un altro dei motivi per cui ti stimo e ti sono amico». Per inciso, quella sera ebbi uno dei più grandi applausi della mia carriera, quando allargai le braccia perché non ce la facevo più… E l’indomani, con Paolo, andammo a consegnare il cachet della serata a due associazioni benefiche indicate da lui, una per i bambini e una per gli anziani.
Se penso a Paolo, sono tanti gli episodi che mi vengono alla mente. Un concerto per i bambini dell’ospedale è un progetto di cui parlavamo prima che lui se ne andasse e spero che si possa realizzare, in futuro, nel suo nome. Da quando lui non c’è più, sono tornato a Parma una sola volta: per andare a trovarlo al cimitero. Non sono più tornato al Regio, un teatro che mi ha dato tanto, ma mi è ancora difficile pensare alla città senza Paolo. E so già che, se tornerò a cantare al Regio, sarà impossibile frenare l’emozione nel ricordo dell’indimenticabile amico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

L'estate pazza di social, vip, bufale e gaffe "razziste"

il caso

L'estate pazza di social, vip, bufale e gaffe "razziste"

La domenica al Colle San Giuseppe Foto

estate

La domenica al Colle San Giuseppe Foto

Belen fuma in aereo privato, scalo emergenza a Lamezia

gossip

Belen fuma in aereo privato, scalo emergenza a Lamezia

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Programmazione dal 21/08/2017 al 25/08/2017 delle postazioni di accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

VIABILITA'

Autovelox, speedcheck e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Barca prende fuoco e affonda nel Po, Marco Padovani muore annegato

tragedia

Barca prende fuoco e affonda nel Po, 65enne muore annegato Video

La vittima, Marco Padovani, era di Trecasali

gazzareporter

Via Langhirano, la razzia "chirurgica" degli specchietti retrovisori Foto

7commenti

calcio

Il Parma supera i 7mila abbonamenti e "corteggia" Matri

1commento

Novità

Il caffè? Lo pago con la carta

12commenti

bellezze

Miss Italia: il popolo del web fa volare Anna Maria alle prefinali di Jesolo

IL CASO

Vaccini obbligatori e verifiche, la protesta dei presidi

incidente

Paurosa caduta in moto: 5 km di coda in A1 al bivio con l'A15 Traffico tempo reale

Felino

Chiusa fra le polemiche la fiera d'agosto

cittadella

Cittadella da giocare: raddoppiano i tappeti elastici Foto

gazzareporter

Non c'è posto? Qualcuno parcheggia lo stesso

gazzareporter

Lavori di asfaltatura barriera Repubblica

tg parma

Sicurezza in ospedale: oltre 100 telecamere entro il 2018 Video

2commenti

CALCIO

D'Aversa si racconta

polizia municipale

Bocconi avvelenati: nuova allerta

1commento

BERCETO

L'epopea degli Scout dal primo campo estivo

IL PERSONAGGIO

Lo Sceriffo, il pilota di drifting che si prepara a Varano

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

terrorismo

Attentato di Barcellona, ucciso il killer in fuga

terrorismo

Sventato attentato con Barbie-bomba su un volo per Abu Dhabi

SPORT

ciclismo

Impresa di Nibali alla Vuelta. Ora Froome è in rosso

SERIE A

Partenza sprint per Inter e Milan, la Roma vince a Bergamo

SOCIETA'

TERRORISMO

Rischio terrorismo: inizia l'Italia delle barriere Gallery

cinema

E' morto Jerry Lewis, aveva 91 anni

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti